venerdì 21 dicembre 2012

92

Love Me Licia Horror Picture Show (La prima puntata non si scord… speciale fettine panate)

AAAAAAAARGGGHHHHHHHH!!!!
Pensavate di esservela scampata. Che questa meenchiata dei Maya ce la fossimo levata finalmente di torno, dopo un anno buono di rotture di zebedei, gufate a reti unificate, servizi della Praderio. E INVECE. A grandissima richiesta, appuntamento fuori serie con La prima puntata non si scord… eh?!?, incentrato sul primo, AGGHIACCIANTE episodio del serial che piace tanto ai troll e agli amanti della pasta coi capperi. Flashback: è il 1986 quando sulle reti del Male si accorgono del successo enorme rimediato con una serie animata giapponese (Ai shite Naito, Amami cavaliere) che in patria, per usare un eufemismo, non si è incoolato di pezza nessuno. Come dare allora un seguito a Kiss Me Licia senza un seguito di Kiss Me Licia? Come placare la voglia di Bee Hive e storie d'ammore di milioni di ragazzine urlanti con la felpa Best Company e attempate fan di Marrabbio (oh, tutto può essere)? Semplice. Giri un sequel in casa, giusto dietro al laghetto dei cigni, affidantoti ai ciglioni di Cristina D'Avena e ad altri attori in carne e ossa, facendoli doppiare dalle stesse voci del cartone. Con tanto di effetto finale "voci su fondo ovattato" da film zozzo o telenovela argentina doppiata alla peggio e peggio. E di nuovo: successo mostruoso e altre tre serie (Licia Dolce Licia, Teneramente Licia, Balliamo e cantiamo con Licia) tirate fuori a nastro tra il 1987 e il 1988, fino al triste epilogo della sfortunata Mo' basta c'hai rotto i coglioni Licia (1989). Questo ("Nostalgia per Mirko") è il primo episodio della prima serie (Love Me Licia), si diceva. Il disclaimer è ovviamente sempre lo stesso: se vi sentite male poi sono fatti vostri. Intesi? Intesi. […]

Il Mambo, il tipico locale giapponese finto realizzato a Cologno Monzese, con un bel cartello della sip nipponica vintaggio lì accanto
Marrabbio, voce dell'insopportabile Pietro Ubaldi, volto di Salvatore Landolina, vestito di Pulcinella, spirito di Elvis Presley e Peppino De Filippo, sta discutendo con l'avventore più affezionato del suo locale
Bruno Lauzi. Oggetto della discussione: il rock e l'evidente inadeguatezza come essere umano di Mirko. Ché a mettersi una parrucca della Roma e a far finta di cantare sono buoni tutti.
Ma il diverbio viene interrotto dall'arrivo di Andrea,
piccolo bambino dell'Ottocento tanto caro al De Amicis, che corre a salutare il suo gatto Giuliano
A Giuliano, il gatto (doppiato sempre da Ubaldi), che sta sonnecchiando accanto al telefono mostruoso finto in compensato verniciato male, intanto girano i coglioni
Per renderlo più simile alla sua controparte a cartoni, il piccolo Andrea indossa sempre una salopette al ginocchio terrificante, i calzettoni e una parrucca da clown. E gli ha detto culo che l'idea originale di segargli le gambe è parsa a un certo punto eccessiva alla produzione. La voce restava quella del povero Paolo Torrisi (Goku in Dragon Ball, ma soprattutto il draghetto Grisù che voleva fare il pompiere).
Dice: ma sono passati due minuti e ancora non si parla di roba da mangiare? Ah, ecco. Per il piccolo pistola Andrea e il gatto sono pronti sette chili di polpette di Bafaria. Agli unici altri due avventori del locale non sembra fregare che il livello di igiene del locale sia garantito dalla presenza di animali che mangiano al tavolo. "Cazzo volete, farmi morire di fame?", impreca la piccola canaglia, e lesto Marrabbio ci porta anche tre chili di patatine fritte nello strutto di bue.
 Al gatto Giuliano, intanto, continuano a girare i coglioni
Ma la protagonista? Eccola, Luciana detta Licia, col suo ciglione spiovente beppebergomo felice e il completino da generic cenerentola degli anni 80. Cristina D'Avena con la voce di Donatella Fanfani
Mentre Giuliano (a cui, non so se si è capito, ma girano i coglioni) cita Ornella Muti in una delle tante battute terrificanti sulle quali glissi per salvaguardare la vostra salute mentale, il piccolo Andrea chiede di suo fratello Mirko. Che per andarsene in tournée negli Stati Uniti l'ha mollato lì e ciao. "Ha chiamato oggi?", chiede speranzoso. Ma Licia deve purtroppo dirgli che non l'ha fatto. Che sarà stato impegnato. Magari con qualche groupie senza ciglioni. "Magari telefonerà questa sera", lo rincuora comunque la dolce e premurosa Licia, "MA NON CONTARCI TROPPO".
Distrutto dal dolore, il piccolo Andrea ordina immediatamente un elefante al pepe verde. Si scopre che le polpette sono in realtà bigné, dramma.
 A Giuliano, intanto, continuano a girare i coglioni.
Parte uno spiegone pazzesco sul fatto che Mirko ha dovuto attraversare l'Atlantico per andare in America, anche se loro dovrebbero essere tipo a Tokyo e non davvero-davvero a Cologno Monzese, e l'oceano da attraversare sarebbe quell'altro. Ma stai a guardare la ciglia. Licia fa presente che Mirko ha comunque scritto tanto in questi due mesi in cui ha abbandonato senza scrupoli il fratellino. E in tutte quelle lettere ce n'era addirittura qualcuna indirizzata a lei, oltre che ad altre vrinzule conosciute biblicamente nel backstage in giro per i palazzetti.
"L'ultima è arrivata poco fa!", annuncia Licia festante. "Dice: Cara Yoko, grazie per la bella serata assieme a tua cugina Marianna e scusa per il giaccone che ti ho…"
Mentre Licia strappa la lettera, la ingoia, e tempesta di calci uno sgabello gridando insulti scomposti, parte un collegamento sul piano astrale con il concerto dei Bee Hive, che cantano l'immortale successo Broken Heart.
Ed eccoli, in una foto pescata dalla sigla, i Bee Hive in carne e parrucca al gran completo: Mirko (Pasquale Finicelli, con la voce di Ivo De Palma/Pegasus per le frasi sui capperi e Vincenzo Draghi per le canzoni. Quello di Una spada per Lady Oscar e Incorreggibile Lupin), Satomi (Sebastian Harrison), Steve (Marco Bellavia), Matt il batterista (Manuel De Peppe) e Tony (Giovanni Colombo) 
La voce di Pegasus che interpreta una nenia pop meravigliosamente sfrangimaroni, mentre un uomo con la parrucca del Mago G finge un orgasmo sul palco, rendetevi conto.
A Giuliano, intanto, continuano a girare i coglioni, ma un po' si commuove
e al gruppo di mentecatti si unisce il ciglione Peo Pericoli, padre naturale di Licia.
Sul piano astrale, Licia rievoca le dolci passeggiate con Mirko in un cimitero
Quando per andarci giù di limone lui si doveva sedere o lei montare su una panchina
Marrabbio e Andrea continuano a parlare di Mirko. Andrea si dice sicuro che al fratello piaceranno un sacco i suoi lavoretti fatti ALL'ASILO. Ché nonostante abbia già tipo una decina d'anni, va ancora all'asilo. L'hanno bocciato cinque volte in costruzioni coi lego.
Squilla il telefono finto e tutti si precipitano alla cornetta, ma è solo uno di quei rompicazzi che chiamano a ora di cena per farti cambiare compagnia del gas e se gli dici no grazie non sono interessato ti buttano giù il telefono gli stronzi: falso allarme.
Poi però squilla di nuovo e questa volta è proprio Mirko dagli Stati Uniti. "Arrivo domani alle quattro! Tenete pronte le fettine panate!", annuncia
E Licia è tutta un brodo di cigliogiuggiole. Sullo sfondo, tipico calendario giapponese dell'alimentari Il Cooperatore di Rende.
Anche il piccolo Andrea dell'Ottocento è contento, nonostante le prime parole di suo fratello al telefono siano state: "E te chi cazzo sei, scusa?". Sono tutti felici per questo fatto che l'ultimo concerto dei Bee Hive è stato annullato per un inconveniente tecnico (li hanno presi a sputi) e devono rientrare prima.
 Tutti tranne Giuliano, a cui girano sempre i coglioni, ovvio.
 Licia chiama intanto Marika
Che a quanto leggi su wikipedia era la fidanzata di Satomi, ma a occhio faceva la testimonial del Last concentrato. Prego notare il praticissimo cordless dell'immediato dopoguerra da venti chili. Marika era interpretata da Emanuela Pacotto, già doppiatrice del personaggio nell'anime.
Ma le chiacchierate di Licia sono interrotte da Marrabbio, che le ricorda che se la Sip giapponese ci manda un'altra bolletta come la precedente, le spacca quel telefono rosa finto sulla schiena come Fantozzi quando scopre che Mariangela è incinta.
Quella sera, per far addormentare prima il piccolo cacameenchia del libro Cuore, Marrabbio gli racconta la fiaba di Cappuccetto Rosso
A Giuliano, che vorrebbe dormire, ormai i coglioni girano a tal punto che decolla. Altri tre minuti di cazzate sulla fiaba e promesse varie, non ce la fai più, fine. Ah, i Bee Hive nel frattempo sono tornati ad esibirsi dal vivo, si diceva. Cacchio volete di più, Maya (im)precisini della fungia?
Appunto.
 

PUNTATE PRECEDENTI: 

92 commenti:

  1. Come, tutto qui?
    Prima puntata o episodio pilota di una diecina di minuti?

    RispondiElimina
  2. Sì ma ragazzo mio capisco la dedizione al tuo pubblico ma non puoi auto infliggerti certe sofferenze.
    Piuttosto drogati come fanno tutti i gggiovani.

    RispondiElimina
  3. In questa..ehm.."serie", quello più espressivo era indubbiamente il gatto.

    Alcuni dialoghi,uno su tutti quello delle fettine panate con la litania:

    -Cosa faccio stasera?
    -Le fettine panate!
    -Si, mi piacciono le fettine panate

    mi ricordano le famose telenovelas del Trio Lopez-Solenghi-Marchesini:

    -Vuoi qualcosa da bere Pedro?
    -Prendi qualcosa da bere Pedro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ginny Hermione02 novembre, 2013

      Sarà perché io sono padana e perciò sono abituata a chiamarle cotolette, ma sentir parlare di "fettine panate" mi fa venire i brividi :-(

      Elimina
  4. l'orrore, la suspense, le polpette!
    seriamente, con vergogna, da piccolo me le guardavo, ma solo per fare stare buona la mia sorellina. giurì!

    RispondiElimina
  5. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  6. non capisco il perché del doppio commento sopra
    non per fare il PdF ma delle serie apocrife fatte dopo solo per cavalcare l'incredibile onda del successo? sempre guardate per tenere buone la sorellina

    http://it.wikipedia.org/wiki/Arriva_Cristina

    RispondiElimina
  7. grazie Doc, adesso il mondo può anche finire :-)
    Giusto per rimanere in tema, nel caso qualcuno non l'avesse visto:
    http://www.youtube.com/watch?v=6k4UPH0V_5Q

    RispondiElimina
  8. Agghiacciante, super low budget e faceva più pena del cartone però a mia Moglie piaceva.
    Ha una paletta/spatola per cucinare che chiama la paletta di Marrabbio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A tutte le ragazzine del tempo piaceva...credo anche più del cartone

      Elimina
  9. Comunque spezzo una lancia a favore di Cristina D'Avena è diventata una super cougar vedere per credere

    http://reporter.it/wp-content/uploads/2012/02/Cristina-DAvena-Gem-Boy.jpg

    RispondiElimina
  10. Viste TUTTE le puntate di TUTTE le serie, ma il problema è che mi piaceva pure... -_-
    Solo per Licia ci starebbe bene un resoconto di tutti gli episodi...

    RispondiElimina
  11. e della Pacotto e della sua svolta Pretty Woman non parla nessuno? :-P

    http://www.animeclick.it/news/34201-emanuela-pacotto-idol-per-un-giorno-intervista-e-video



    RispondiElimina
  12. Hai ridestato l'odio che già da piccolo provavo per questa serie... Grande Doc, mi dài un buon motivo per ricordarmi di quanto non sia tutto oro quello che proviene luccicando dalla nostra infanzia!

    RispondiElimina
  13. Apperò la Pacotto! Doppiatrice italiana dell'Algida Stronza non dimenticatelo! :D


    cmq per anni sono stato preso a fischi e piriti perchè nessuno ci credeva, ma lo spin off con Cristina D'Avena che interpretava Cristina D'Avena era davvero introdotto nell'ultimo episodio di Licia! Vedere per credere

    http://www.youtube.com/watch?v=VGbds6Loy6M


    @antristi più grandi: ma davvero negli 80 primi 90 era quello l'ideale di bella faiga? inorridisco a vedere i giacconi a quadri da tardo '800!

    RispondiElimina
  14. Il gatto Giuliano è il grumpy cat originale, altro che.

    RispondiElimina
  15. Mi ricordo ovviamente della serie, ma non mi ricordavo che raggiungesse livelli di pezzentaggine così elevati.

    Grazie infinite Doc, per l'ennesima volta, per lo spirito di sacrificio con cui ti autoinfliggi queste torture pur di portare a noi giovani della conoscenza.

    RispondiElimina
  16. Il piano astrale mi ha davvero ucciso!
    Vorrei segnalare che Salvatore Landolina è il fighissimo doppiatore di Due Facce nell'ancor più fighissima serie di Batman degli anni '90.

    Per il resto,brivido,terrore e raccapriccio oggi come allora.

    RispondiElimina
  17. Che schifo, e dire che lo guardavo anche con piacere. Senza dire stupidaggini, lo guardavo con mia sorella e ci piaceva proprio. Atroce ma vero...

    ps qualche giorno fa Cristina D'Avena è stata intervistata da "Pubblico" e tra le altre cose ha detto che le è dispiaciuto che la sua "carriera da attrice" non abbia avuto un seguito, dopo i successi di Licia e le altre serie. Due giorni dopo "Pubblico" annuncia che deve chiudere! :D

    http://pubblicogiornale.it/cultura-2/cristina-d-avena-anni-80-puffi/

    RispondiElimina
  18. Un solo commento possibile: AAAAAAAARGGGHHHHHHHH!!!!

    RispondiElimina
  19. Mi chiedo perchè guardo certe cose, mi faccio passare certi link del tubo a ste puntate ecc. Minchia, sono dell'89, potevo bellamente farmi i fattacci miei. C'ho però sto problema che a volte mi piace ritrovare cose vecchie, e spesso anche urende.

    1 stellina: Giuliano impestato nero come la morte (ma quelli speravano davvero che riuscissero a gestire un gatto, adorabilmente stronzo per questioni proprie di dna?)
    2 stellina: i problemi spazio-temporali tra calendari dell'alimentari sotto casa esportati in giappone e i problemi geografici tra stati e oceani presi dall'altro lato.
    Io comunque, guardando l'altro giorno il post de LeDieci, sono morto su questo
    http://www.youtube.com/watch?v=tzazXGO0Whw&feature=player_embedded
    La storia di un uomo distrutto. Chè anche i ciuffi rossi c'hanno un cuore.
    Da un momento all'altro mi aspettavo un fulmine di Pegasus a causa del doppiaggio, sarebbe stata una grande svolta nella trama.
    Comunque, Doc, un plauso al tuo coraggio. Addirittura RIVEDERE cose del genere. Ce ne vuole.

    RispondiElimina
  20. oh non so com'è ma a me Giuliano ricorda una che ci rimaneva malissimo, ma di un malissimo che levati (cit)

    RispondiElimina
  21. Anche gli avventori di Marrabbio avevano una controparte cartoon, ed entrambi erano amici degli animali.
    Bruno Lauzi con un barboncino morto in testa, e l'altro con un gabbiano a piena apertura alare, sopra gli occhi.

    http://www.youtube.com/watch?feature=player_detailpage&v=ZODzawgPYe0#t=897s

    Che a distanza di decenni dal te bambino, fanno una strana impressione questa riga di effusioni con Mirko, da parte di Licia "Lella"...

    RispondiElimina
  22. Ma perculare le serie live di Licia è come sparare sulla croce rossa dai...
    Poi ti voglio vedere cosa tiri fuori con la prima di Ashita no Jo.
    Di più non posso dire, perchè la vocina nel mio spirito (cit.) mi ha sempre detto che dovevo evitarla a prescindere, cosa che purtroppo non riuscii a fare del tutto con qualche secondo sparso di canzonette varie e momenti pastellosissimi, ma soprattutto panati, che mi sono praticamente usciti fuori dal televisore traditore.
    Ricordo di aver beccato anche quella MILFona di Emaniela Folliero, che pure in fatto di sopracciglia non scherzava all'epoca, ma visti gli altri personaggi, quello di sembrare parente di Bergomi doveva essere un obbligo contrattuale imposto dai produttori, evidentemente tutti interisti (sarà un caso? hi hi hi hi.
    La Pacotto mi è sempre stata semplicemente sulle bolas, perchè alcune personaggie di anime non doveva proprio metterci voce. Immagino che non sia proprio colpa sua, però i risultati finali mi hanno così inorridito che non potrei cambiare idea nemmeno con tutta la buona volontà di questo mondo.
    Un esempio su tutti, Utena.

    Ma ora basta nerd rage nippofila, e approposito di prime puntate, la scorsa notte ho visto la prima di Gaiking e mi ha fatto cahà a spruzzo. Poi lì accanto c'era pure la prima di Gordian e l'ho cliccata e mi è piaciuta come la prima volta, compresa la p0rn0bimba Rose, il che non è proprio tanto salutare.

    RispondiElimina
  23. Oddio non l'avevo mai visto.....ma è meraviglioso!

    "A Giuliano, che vorrebbe dormire, ormai i coglioni girano a tal punto che decolla."
    Sto ancora piangendo dalle risate..

    RispondiElimina
  24. Il Coinc:
    Ti offendi se ti mando a fancuore? :D

    Un bravo a Zanna perché ha colto l'inside scherzone. Ah, e a Giuliano girano ovviamente i coglioni.

    RispondiElimina
  25. @ Pony Nero: era uno dei marchi di fabbrica della serie, non succedeva MAI niente!

    Comunque, sarebbe da ripescare la puntata in cui i Bee Hive volavano a New York ma in realtà era... JESOLO!!!
    E una nota discoteca del lido, nelle menti contorte dei produttori, diventava addirittura il Madison Square Garden!!!
    E degli esterni girati a Brugherio ne vogliamo parlare?!?

    RispondiElimina
  26. I giapponesi hanno permesso di creare questa cosa o ne sono sempre rimasti all'oscuro?

    E poi, perchè Satomi non ha la parrucca viola?

    (Marrabbio è terrificante che più terrificante di così non si può) XD

    RispondiElimina
  27. "piccolo bambino dell'Ottocento tanto caro al De Amicis". Muoro.

    RispondiElimina
  28. meraviglia...meraviglia! faccio outing e dico che io tutt'ora da qualche parte ho tutta la discografia in cassetta originale dei BH (da bambino non sapevo distinguere tra il bene e il male). se non sbaglio questa prima puntata è ben diversa da quella dell'anime, nell'anime mirko è con andrea non è in tour e c'è il famoso scontro sotto la pioggia con licia-

    RispondiElimina
  29. Uddiusignur, Ubaldi... Quell'Ubaldi che recentemente s'è legato in maniera indissolubile alle produzioni "Blizzard", doppiando "laqualsiasi" in "Starcraft"/"Diablo" e compagnia cantante...

    ...Che tu sei li che brami di impartire ordini al tuo cazzutissimo esercito ed invece sembra che stai giocando con dei "cosplayers" del pupazzo "Five"! :D

    RispondiElimina
  30. ma le persone serie tipo il doppiatore di Pegasus quanto si sono fatti pagare per recitare sti copioni? o erano consci di farlo per la storia, ma dal lato sbagliato?

    RispondiElimina
  31. A me questa serie sembrava UNA COSA NORMALE. Giuro. La vedevo con mia sorella e non ci rendevamo conto della surrealtà poveristica che vedevamo inscenata ogni giorno. Rivista qualche anno fa, stento a crederlo. Però è così.

    Che tristezza pensare alla parabola discendente dei Bee Hive: un affermato gruppo glam rock giapponese (naturalizzato colognottomonzese dopo 4 serie) che precipita man mano in una spirale ciellina nei testi e nelle musiche per precipitare definitivamente con l'entrata di Licia nella classifica dei complessini dell'oratorio la cui più grande aspirazione nella vita è FARE UN TOUR CON CRISTINA D'AVENA.
    Queste son lacrime amare.

    RispondiElimina
  32. @Marte c'hai ragggionissima c'hai. Ma l'accoppiata Ubaldi-Pacotto ha infestato un casino di altri videogiochi, di solito rovinando mostruosamente il feeling che si aveva con il doppiaggio originale, sia esso giappo o usalbionico.
    Per dire l'ultima, io ho scaricato da zero 10 giga di roba da steam soltanto per tornare al doppiaggio originale di Fallout New Vegas, che purtroppo coi DVD d'installazione non potevi evitare di ritrovartelo in italiano, con la Paccottiglia che mi ha assalito i miei poveri timpani con i suoi stanchi squittii già con la prima PnG che trovavo dopo 5 minuti.

    Certo però, che a ben pensarci, sta telenovela nostrana di Licia ne ha portata di sfiga a chi ci ha partecipato. Sarà il karma?

    RispondiElimina
  33. Oh, a me Fire piaceva
    http://www.youtube.com/watch?v=Wa5BPGA3mtg

    RispondiElimina
  34. L'hanno già detto che la Pacotto non era la doppiatrice di Marika nella serie TV ?
    No?
    Allora lo dico io .

    RispondiElimina
  35. "con un bel cartello della sip nipponica vintaggio" e "L'hanno bocciato cinque volte in costruzioni coi lego": lolle


    "e se gli dici no grazie non sono interessato ti buttano giù il telefono": beato te, io non riesco a congedarli, per fortuna non ho il numero sull'elenco, quindi non chiamano di continuo. Una volta ero a casa di mio padre, e lui non c'era, e dicevo al tipo che non sapevo quanto spendeva di...(luce? gas?) e che tanto mio padre non era interessato a cambiare gestore, per qualsiasi utenza, ma il tipo era addestrato a rilanciare comunque qualcosa, voleva che rovistassi alla ricerca delle bollette...

    RispondiElimina
  36. La prima puntata, più alcune scene distribuite nelle successive, provengono dal pilot girato un mese prima circa dell'inizio delle riprese dell'intera serie.
    La D'Avena appare già in questa puntata con due tagli di capelli diversi, cioè due diverse parrucche. i teatri della Icet Studios, infattti, bruciarono causa incendio doloso appiccato -sembra- dalla mafia di Cologno Monzese. Tutto ciò che si potè salvare fu reintegrato con nuove scenografie (e nuove parrucche).
    Della serie fu realizzato un album di figurine Panini. Se si confrontano molte delle serie, come la finale natalizia, o altre con Vilfredo Maria in esterno (giardini della Merak) si noterà che i personaggi indossano abiti diversi, e sono acconciati in altri modi. Questo perchè l'idea dell'album venne più tradi e il fotografo di scena consegno scatti realizzati sul set, sia durante le riprese, sia durante le prove delle scene. Il finale natalizio fu invece ri organizzato nello studio proprio per le foto dell'album e del libro edito da AMZ.
    Altre ne sapre, DOc dove trovarmi tu sai

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ginny Hermione29 ottobre, 2013

      Ma anche nel cartone i capelli di Licia sono doppi: castani e sciolti nella narrazione, biondi e raccolti a coda di cavallo nella sigla ;-)

      Elimina
  37. *scene, non *serie... e sorry per la punteggiatura...le ditone sull'iphone sono le colpevoli :)

    RispondiElimina
  38. Ryan:
    Ero sicuro che l'argomento ti avrebbe tirato fuori un po' di sapidi aneddoti :)
    Immagino i titoli sui giornali: "La mafia di Cologno contro i ciglioni di Licia!".

    RispondiElimina
  39. > http://www.youtube.com/watch?v=6k4UPH0V_5Q < Ho muoruto dal ridere, sappiatelo...

    RispondiElimina
  40. "Marrabbio, voce dell'insopportabile Pietro Ubaldi, volto di Salvatore Landolina, vestito di Pulcinella, spirito di Elvis Presley e Peppino De Filippo"

    STO MORENDO AHHAHAHAHAHAH!!!!!!!

    RispondiElimina
  41. @ PAUL: non è del tutto vero che non succedeva mai niente. In una puntata scompare il gatto dagli zebedei rotanti e l'intero gruppo gira per il parchetto urbano gridando GIULIANOOOOO!!! GIULIANOOOO!!!

    Puntatona.

    RispondiElimina
  42. @Massimo Sola
    non ho idea se ascolti il programma di Radio 24 "Voi siete qui" ma in quel programma hanno raccontato la storia più assurda su i molestatori telefonici. Volevano vendere ad un convento l'Adsl e per convincere il monaco a fare il contratto gli hanno offerto un tablet. Alla risposta "l'ho già" insistevano nel digli che poteva usarlo la moglie o i figli.
    La realtà supera la fantasia.

    RispondiElimina
  43. A me irritava molto di più il cartone. Aveva il potere di starmi talmente sulle balle che per quasi un anno ebbi un rigetto per qualsiasi anime giapponese. Ed ero tipo in quinta elementare, eh... ancora un bambino... immaginate quanto schifo doveva farmi.

    Il telefilm invece era una tale evidente poverata che mi ispirava solo pena ed imbarazzo per la gente coinvolta.

    RispondiElimina
  44. Ma è vera sta cosa che il Moccioso ottocentesco era napoletano e lo hanno doppiato perché Il suo accento era troppo marcato ? XD

    RispondiElimina
  45. "[...] Mirko ha dovuto attraversare l'Atlantico per andare in America, anche se loro dovrebbero essere tipo a Tokyo e non davvero-davvero a Cologno Monzese, e l'oceano da attraversare sarebbe quell'altro." Meraviglia. Ovviamente lei, Licigliona, ci rimane malissimo.

    RispondiElimina
  46. Sgomento Paura Terrore... che si riferissero a questo i Maya quando parlavano della fine del mondo?
    Il gatto Giuliano protagonista indiscusso di questa puntata =)

    #agiulianointantogiranoicoglioni

    RispondiElimina
  47. @Frank Bicchiere:

    ovviamente no. Cioè magari può essere che il vero Andrea era Chiagnarri Napule Cavani uè uè, però TUTTI i personaggi erano doppiati con le voci del cartone animato, quindi anche lui si è beccato la voce di Goku!

    RispondiElimina
  48. Ora ho capito perché st'insulsa meeenkiata mi faceva schifo anche all'età di 8 anni.

    Certo, adesso recupererei TUTTE le puntate solo per il gusto di riderne a crepapelle... però gli ulteriorissimi spin-off Arriva Cristina, Cristina, Cri-Cri e, dulcis in FINDUS, Cristina l'Europa siamo noi (erano i tempi in cui Frizzi telefonava a casa e dovevi rispondergli Europa Europa, credo...) dove le mettiamo?
    Non si è mica fermato nell'89 lo stracciamento dei maròni (PdF mode: ON!)

    RispondiElimina
  49. devi iniziare a pensare a qualche spettacolo dal vivo dove commenti in diretta puntate di cartoli/telefilm dei bei tempi che furono.

    RispondiElimina
  50. Guardiamo il lato positivo della faccenda, ragazzi.
    Gli hanno messo il parruccone a Mirko, ma non se la sono sentita di aggiungere anche la fascetta leopardata e gli orecchini a rombo in titanio

    RispondiElimina
  51. Io ho il fumetto di Kiss me Licia... e fidatevi che è mille volte meglio di sta cagata (che guardavo, e ci credevo: ahh la ciofentù): nel manga c'è pure un punkettaro che prova a limonare duro con Yaeko, ma si becca un ceffone dappaura.. altro che i finti limonamenti che sembrano più dei colpi di corrente elettrica sugli attori!

    RispondiElimina
  52. Ma soprattutto non c'è Shiller, o Sheila, o boh...
    Sì, insomma, lui

    http://moe.animecharactersdatabase.com/uploads/chars/5457-592512315.png

    Che poi, al di là dei suoi comportamenti e look ambigui, era davvero l'unico con un pò di sale in zucca, non fosse per altro che si è bombato e poi sposato la produttrice del suo gruppo, ovviamente bona.

    E tale mancanza rende il live italiota ancora più fail.

    RispondiElimina
  53. @Babol: Santo cielo, che cosa mi hai ricordato!!! "Europa Europa"... Che una volta un mio amico mi ha involontariamente chiamato a casa SINCRONIZZATO con la telefonata di Frizzi, scatenando il panico in famiglia.

    Inutile aggiungere che gli risposi timidamente con uno stentoreo: "Europa, Europa... ?!", archiviando il primo "Epic Fail" del quale ho memoria... :D

    RispondiElimina

  54. Dice: 'A Giuliano girano i coglioni'. E vorrei vedere te, coinvolto in 'sta ciofeca immane con dei 'colleghi' penosi :D

    RispondiElimina
  55. ma vogliamo pure parlare anche di generazioni di pampìni che han chiamato l'animale domestico giuliano? qua ce ne erano almeno una dozzina e non era sempre un gatto, alle volte il cane, il criceto, il pesce rosso... per dire eh.
    conosco pure una che nel '87 andò ad un concerto dei bee-hive dal vivo ma non faccio nomi perché sono un signore.

    RispondiElimina
  56. Anche il dottore è un non-estimatore dell'intollerabile voce di Pietro Ubaldi? Solo l'idea di vedere una puntata in cui doppia un personaggio principale mi dà il voltastomaco.

    RispondiElimina
  57. no fermi tutti un minuto: NON era una parrucca quella di mirko, erano i suoi capelli tinti di biondo cui ogni giorno aggiungeva e toglieva il rosso del ciuffo!!!

    RispondiElimina
  58. Ubaldi è un signor doppiatore, l'ha ampiamente dimostrato negli anni ("Pirati dei Caraibi" su tutti). E' che lo mettono sempre nei cartoni animati a fare il cazzone con la vocetta e quindi si è creato una brutta fama.

    Tra l'altro (poichè sono un PdF) in Licia doppia DUE personaggi: marrabbio e giuliano!

    RispondiElimina
  59. Andrea87:
    Un PDF che non legge quello che c'è scritto nei post, e quindi di serie D. :)

    RispondiElimina
  60. @Doc Massimo
    Non ci sono più i PDF di una volta, approposito ma quella non la Degrené...

    RispondiElimina
  61. E' vero, Finnicelli ha svelato il clamoroso retroscena qualche anno fa allo Zoo di 105. I capelli erano proprio i suoi, se li era dovuti ossigenare e poi colorare di rosso con una lacca!
    Sebastian "Satomi" Harrison invece per due anni portò un'orribile parruca, solo alla terza stagione la produzione si accorse che aveva i capelli naturalmente ricci e lunghi e gliela fecero levare...

    RispondiElimina
  62. Ho avuto la fortuna d'assistere ad un concertone (buttafuori: "Manco fossero i Led Zeppelin del bordello che c'è!") con Cristina D'Avena e Draghi. Folla di ragazzine urlanti che manco i Duran Duran (compresa me). Finché canti le canzoni dei vecchi cartoni, tutto bene: la gente reagisce agli stimoli, salta, balla, come se non fossero passati 30anni. Se per sbaglio però, ti azzardi a duettare sulle note di tutte quelle "piacevolissime" canz...nenie della serie TV, ecco che la gente scompare. Da Catania e provincia al nulla!

    RispondiElimina
  63. @Marte

    Schiatto XD
    E' successo anche a me ma assolutamente per caso. Erano i miei zii che chiedevano se quella sera fossimo a casa. Non ti dico il silenzio di tomba dall'altra parte del telefono XDXD

    RispondiElimina
  64. doc, mi becco questo declassamento in Serie D e porto a casa... ma farò ricorso al TAR del Lazio!!!

    Ti farò richiesta di 444M di risarcimento danni (certificati dallo stesso ragioniere che ne conta 30 sul campo, ovvio!) per la decisione che è "AGGHIAGGIANDE, LO SANNO TUTTI CHI E' ANDREA-ODDANDASEDDE!"

    RispondiElimina
  65. anch'io guardavo 'sta roba con mia sorella ricordo che non so per quale motivo mi ero perso la puntata del matrimonio ed ho sempre pensato che fosse una figata, non la cerco su iutub per non disilludermi ulteriormente.

    le canzoncine erano probabilmente la cosa migliore http://www.youtube.com/watch?v=TpVPZwrYvMo

    in ogni caso visto che nell'ottantasette avevo cinque anni credo di poter essere giustificato (non come mia sorella che ne aveva nove)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ginny Hermione27 ottobre, 2013

      Della puntata del matrimonio ricordo che Licia, Marrabbio, nonno Sam e Lauro (questi ultimi sono i testimoni della sposa) partono su un'auto catanannica di proprietà del nonno, che a metà strada tra il Mambo e la chiesa va in panne. Poi, com'è come non è, ripartono in tempo per la cerimonia e la serie si chiude su Mirko che bacia la sposa. L'abito di Licia era perfettamente nippotruzzo, candido ma con la cintura di raso giallo e due maniche gonfie lunghe fino al gomito che sembravano lanterne di Carnevale :-)))

      Elimina
  66. Grosse, grosse risate :)

    RispondiElimina
  67. @Etrigan 79: i Bee Hive nacquero incendiari e finirono pompieri. Anch’io, come te, me ne sono resa conto solo quando ho visto le repliche.

    @Doc, riguardo alla fascetta leopardata di Mirko: in altri episodi di “Love me Licia”, però, indossa un completino domopakkato e luccicantissimo, con tanto di fascetta in tinta. È quello che si vede sulla copertina del 33 giri con le canzoni della serie.

    @michelangelo giacomelli: il mio pesce rosso si chiamava Mirko perché era rosso e biondo (si fa per dire) come lui.

    @Andrea87: sono incredibilmente d’accordo con te! Speriamo che il Doc non ci odi a vita più degli spammer russi…

    @Tutti i fan del gatto Giuliano del telefilm: ecco a voi un sapido aneddoto! Il felino scelto (che, per fare i PDF, avrebbe dovuto essere un tigrato, non un persiano) era così statico, ma così statico che per farlo muovere ci volevano le cannonate, altro che le polpette di Marrabbio!

    RispondiElimina
  68. A 4-5 anni odiavo profondamente il telefilm di Licia però amavo alla follia quelli di Cristina. Le mie cugine mi raccontarono che Licia era vera e Cristina il "personaggio" e piansi per 3 giorni. Sono traumi!
    Comunque, da quello che ho letto in giro Mediaset fu talmente subissata di lettere che chiedevano il seguito del cartone (che effettivamente è un finale un po' del cavolo con Mirko che va in tuor e promette a Licia di sposarla al ritorno) che prese la palla al balzo e realizzò quello che è di fatto il primo (e per fortuna unico) dorama italiano.

    RispondiElimina
  69. E' però indubbio che i BeeHive (almeno di questa versione) furono una delle più famose band glam\hair metal italiane. Poi hanno fatto entrare (a)Licia in formazione e si sono venduti.... venduti, siete stati peggio dei Metallica di load...ecco, l'ho detto...

    RispondiElimina
  70. SonoIscrittoMaNonRicordoLeCredenziali22 dicembre, 2012

    Serie PENOSA. Dove l'etimo deriva indubbiamente da "p e n i s".

    Ho vergogna per chi la interpretava, pietà per chi la guardava, furia cieca per chi l'ha prodotta senza piuttosto destinare i fondi ad una madrasa a Kabul, umiliazione per appartenere al genere che l'ha partorita e per la quale ragione ritengo quella dei Maya un'offerta vantaggiosa.

    RispondiElimina
  71. @SonoIscrittoMaNonRicordoLeCredenziali: ricordo molto bene un episodio di kiss me licia (o era cristina?) sulla beneficienza in cui andrea voleva mandare i panini in africa per posta, poi veniva spiegato che era meglio mandare i soldi, sicuro che l'idea della madrasa non ti sia stata inculcata proprio da piccolo/a guardando quest'orrore? ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ginny Hermione27 ottobre, 2013

      Partendo per l'Africa per posta, i panini rischiavano di arrivare raffermi, come quelli che Heidi a Francoforte metteva da parte per la nonna di Peter. Dopo un paio di mesi in riva al Meno infatti la piccola montanara si ritrova con un armadio pieno di pane stantio, finché un'altra nonna, quella di Clara, non le spiega che i panini bianchi e morbidi vanno mangiati al massimo entro 24 ore dall'uscita dal forno ;-)

      Elimina
  72. vabbe Ubaldi signor doppiatore le ho sentite tutte, roba che ancora rabbrividisco per Lost odissey e il suo gongora/four...

    RispondiElimina
  73. SonoIscrittoMaNonRicordoLeCredenziali22 dicembre, 2012

    @Malzo:
    Può anche darsi, ragion per cui meriterei 6 mesi di fucilazione alla schiena!
    Questa serie era di una afflizione di molto superiore all'avere un picchio attaccato alle gonadi.

    RispondiElimina
  74. SonoIscrittoMaNonRicordoLeCredenziali22 dicembre, 2012

    Piuttosto, a TUTTI gli insigni Antristi, consiglio di vedere il VERO SEGUITO di sta sconcezza (intendo Kiss me Licia in tutte le sue declinazioni ovviamente):

    :: BACIAMI LICIA ::

    by Atom Production (che di cose figherrime ne ha fatte un sacco)

    all'indirizzo:
    http://www.atomproduction.it/Baciami_Licia.html

    RispondiElimina
  75. SonoIscrittoMaNonRicordoLeCredenziali22 dicembre, 2012

    Per chi volesse guardare il capolavoro oscuro di "Baciami Licia" consiglio però YouTube al seguente indirizzo:

    http://www.youtube.com/watch?hl=it&v=qmFUmNLwSA0&gl=IT

    Ecco, ora, cari Antristi, potete godervi la fine del mondo con un bel sorriso stampato sulla faccia!

    RispondiElimina
  76. @Ultimus!:Momento, momento, momento, momento, momento, momento: a parte che questo non è il mio bicchiere di Batman (cit. di cit.), mi si stà insinuando che la D'Avena era "lella"?

    RispondiElimina
  77. Questa versione "literal" della sigla vi farà rivalutare il tutto con occhi nuovi ;)
    http://www.youtube.com/watch?v=dUipCCUtQOY

    RispondiElimina
  78. Eppure chissà perché ma mi piaceva tantissimo questo telefilm.... XD

    RispondiElimina
  79. @scott

    Ahhh, a qualcuno non è passato inosservato quello che ho scritto ;)

    Fatti un giro in internet con questo quesito, e vedrai ;)

    Ricordo un mio amico (uno dei massimi cultore del trash, di mia conoscenza) che andò a vedere uno dei suoi primissimi concerti al Palaghiaccio di Milano (ricordo il luogo, perchè mi colpì che io pochi mesi prima, c'avessi visto il penultimo concerto della storia dei Nirvana. Mi colpì l'abisso tra i due eventi! :DD)

    (L)Ella uscì da una macchina, con 2 amiche... Molto irritata dal nugolo di bambini, con tipo un "Sciò! Sciò!".

    Altri tempi probabilmente, rispetto allo sdoganamento che le ha regalato, l'avvento del nerdismo di massa.

    RispondiElimina
  80. Ultimus!:
    la scena di lei che scaccia i bambini fa talmente tanto Krusty il Clown da rendermela immediatamente simpatica. Si è accesa per caso anche un sigaro con una centomila o un numero 1 di Action Comics? :)

    RispondiElimina
  81. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  82. @Doc
    Più precisamente le parole furono qualcosa di più vicino ad un: "Via! Via!" e rispetto a Krusty poteva vantare un tratto più tipicamente femminile nel dirlo, una certa acidità :D

    RispondiElimina
  83. Mah, Ubaldi non lo tollero neppure quando doppia qualcosa di serio. Anche nei pirati dei Caraibi mi infastidisce. Sarà il tono rauco-nasale.

    RispondiElimina
  84. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  85. Ginny Hermione08 ottobre, 2013

    A me Licia fa l'effetto della madeleine di Proust almeno quanto me lo fanno i Puffi. A prescindere dalle qualità tecniche dello sceneggiato, è solo una questione di nostalgia Canalis. E dopo aver rivisto i limonamenti di Licia e Mirko, ho capito perché è stato inventato il tacco 12: proprio per permettere alle gentili donzelle con partner troppo alto di sollevarsi al livello del partner e pomiciare con meno fatica. A me però i tacchi 12 fanno venire male ai piedi solo a vederli e perciò mi considero fortunata ad avere un marito che mi supera di soli 5 centimetri.

    RispondiElimina
  86. Ginny Hermione30 ottobre, 2013

    Esattamente le serie live-action italiane sono state quattro: "Love me Licia" (autunno 1986), "Licia dolce Licia" (primavera 1987), "Teneramente Licia" (autunno 1987) e "Balliamo e cantiamo con Licia" (primavera 1988). Nel 2011 La5 le ha replicate nella fascia preserale. Nella terza e quarta serie cantava anche Licia; infatti i Beehive volevano una voce femminile e dopo aver provinato senza successo svariate cantanti scoprivano di avere la soluzione in casa. L'idea era di Mirko, che diceva a Licia di volersi "sposare con lei anche nell'arte". La quarta serie si conclude con l'annuncio della dolce attesa di Licia, preannunciato nelle ultime puntate da scene in cui la protagonista mostrava stanchezza e nausea, mentre tutti le dicevano che era diventata più bella (spettacolarissimo festival del luogo comune). Segnalo inoltre che Carlotta Brambilla e Deborah Magnaghi, le attrici che interpretavano i personaggi di Mary e Hildegard, sono tuttora sulla cresta dell'onda soprattutto come compagne di messaggio promozionale di Gerry Scotti ;-) (Deborah è veramente fenomenale nel ruolo della colf pigra ma ricca di lampi di genio)

    RispondiElimina
  87. Ginny Hermione02 novembre, 2013

    E dopo Licia Cristina D'Avena ha interpretato se stessa (cioè una studentessa di medicina con l'hobby del canto) in altre quattro serie live action: "Arriva Cristina", "Cristina", "Cri Cri" e "Cristina, l'Europa siamo noi", quest'ultima furbescamente intitolata e siglata così per celebrare il trattato di Maastricht ma ben povera di riferimenti all'UE.

    RispondiElimina

I COMMENTI ANONIMI VENGONO ELIMINATI IN AUTOMATICO DAI FILTRI ANTISPAM. QUELLI SUPERSTITI, IRRISI ED ELIMINATI UGUALE. NON. USATELI.

Related Posts with Thumbnails