mercoledì 16 novembre 2016

71

The Expanse, Westworld e il resto della stagione tre di Black Mirror

Black Mirror San Junipero Stagione 3 recensione
Come promesso una settimana fa, oggi nel Circolino dei Telefilm ci occupiamo di The Expanse, serie fantascientifica di SyFy che si è rivelata migliore di quanto non sembrasse all'inizio, dell'ultima puntata di Westworld e del perché San Junipero sia uno degli episodi di Black Mirror più belli di sempre. NIENTE SPOILER su nulla, tranquilloni [...]

THE EXPANSE STAGIONE 1 FINO A S01E07
La colonia marziana che si ribella alla Terra, vuole l'indipendenza, vuole fare la modella. E fin qui, avessi detto. Tra l'altro proprio nei giorni in cui tiravi avanti la campagna di Call of Duty Infinite Warfare, con un Jon Snow anarcoinsurrezionalista marziano del futuro. Solo che quella storia, quella del CoD superfantascienzo, alla fine ti è piaciuta a sorpresa un casino e The Expanse, finora (sei al settimo dei dieci episodi della prima stagione), anche. Nonostante tutti i suoi difetti, che pur non sono pochi.
Da prenderli a schiaffi a due a due
finché non diventano dispari.
Perché la sottotrama di Thomas il Punitopi Jane, un Biondo di Luzzi del domani col ciuffo da fricchettone e il look da poliziotto mezzo corrotto, mezzo stronzo, mezzo buono, totale 1,5 tizi scartati ai provini di Gotham, è una roba hardboiled televisiva al mille per mille. Nel senso peggiore dell'aggettivo. Però la storia della Terra e di Marte è in realtà un threesome di giochi cosmo-politici, visto che ci sono di mezzo anche la fascia degli asteroidi e i suoi abitanti, i "belter/cinturiani". Però le scene a bordo delle astronavi sono fighe e non ti scimmiavi così per le battaglie nel vuoto dai tempi di Battlestar Galactica. Il che ha perfettamente senso, visto che SyFy altro non è che la Sci-Fi Channel di BSG, dalla fine del decennio scorso con un nome più breve e fico. In un certo senso, ecco, The Expanse colma un vuoto, non sai se nello scenario della fantascienza televisivia tuttacorta, ma quanto meno nell'orizzonte della roba guardata da te, lasciato lì da BSG. Anche se non è BSG.
I marine di Marte, in tenuta alla Crysis. Cool.
Battlestar Galactica aveva questa cosa incredibile, grazie al suo setting e alla bravura dei suoi autori, di poter fare della fantascienza spaccaculi con un paio di set sempre uguali, della CGI e tante buone idee. Qui il campo è infinitamente più vasto, eppure non è mai tirato via. Per quanto mimme e anni 90 possano sembrare la figura di un Lopez o le scene di massa su Ceres/Cerere, le cui abitazioni sembrano un condominio di villeggiatura scrauso di Torremezzo di Falconara (CS), si va a spasso per il sistema solare, con design e trovate interessanti. Aggrappati a un gombloddo che in parte riprende la trilogia di romanzi di James S. A. Corey (pseudonimo usato da una coppia di autori, Daniel Abraham e Ty Franck) e in parte fa da sé, anticipando qui, spostando là. Tutta la sottotrama terrestre di Chrisjen Avasarala, la tizia stronza delle Nazioni Unite, nel primo libro non c'è, viene più avanti, ma è stata messa qui per rendere palesi da subito i tre campi su cui si gioca la partita. 

E insomma, per quanto alcune cose siano sceme, e nonostante ti stiano sulle balle tre quarti dei protagonisti, da Holden a Naomi Nagata, passando per il Christopher Lambert dei poveri Thomas Jane (il che rappresenta credi un record per una serie che trovi piacevole), ci sei dentro con tutte le scarpe. Torniamo a parlarne appena arrivi alla fine. Remember the Cant, ma soprattutto Ceres, c'è.
WESTWORLD S01E07
Come metterla giù, senza scivolare in spoilerlandia? Che questo settimo episodio conferma quanto di buono la serie ha macinato nelle ultime settimane, sapendo - come dicevi la volta scorsa - quando mollare il colpo con una sottotrama troppo frusta, allargando un attimo il quadro. Abbiamo scoperto in un solo colpo molte più cose su come funziona il parco, che in parte hanno risposto ai tuoi dubbi (superflui in fondo, ricordiamolo), in parte no. Ma chissene. Il punto è che un personaggio badass è ora definitivamente il più badass di tutta la banda, il villanzone è chi forse non ti aspetti (te te l'aspettavi eccome, ché tutto sembrava puntare lì) e Dolores in versione pistolera con il cavallo (dei pantaloni) alto è più sexy che in versione bella campagnola, anche se quella S sibilante ogni volta rischia di farti implodere le cuffie.
L'improbabile toy boy
E sì, poi c'è quell'altra sorpresa, quella che un amico ti ha spoilerato ieri con un commento (ovviamente brasato subito), cinque minuti prima che ti mettessi a guardare la puntata. Ed è ironico che questo blog, una roba che è nata e continua ad esistere innanzitutto per far divertire te, ti si ritorca contro rovinandoti una puntata. Ironico perché parliamo di macchine ribelli, ma anche "ironico" perché è più gentile da scrivere di "maporcabarbieladra". Magagna dell'episodio: la tizia stronza e disinibita con l'aria da tizia stronza e disinibita dell'HBO, immancabile in OGNI loro serie TV. Ogni.
BLACK MIRROR S03E04-S03E06
Chiudiamo con Black Mirror, serie per la quale hai finito i sinonimi di bellissima. Ogni timore sulla perdità di identità legata al passaggio a una cumpa yankee è stato spazzato via da questi primi sei episodi a marca Netflix. Dietro c'è sempre Charlie Brooker, le storie son sempre tutte sue e in molti casi si è conservato anche il setting inglese. Fondamentale, visto che questo tipo di storie, questi mini-film da Ai confini della realtà di oggidì, hanno quel tipo di bastardaggine, di cattiveria britannica che rende gli scenari distopici così avvincenti. Anche quando i plot twist sono telefonatissimi (negli episodi 5 e 6, Men against fire e Hated in the Nation li hai letti in filigrana praticamente dai primi minuti), non ti importa.
Va' Doug Stamper.
Perché la confezione è ottima, perché il mood è quello che ti aspetti dalla fantascienza (prossimissima o remota) che ti piace, perché alla base, quale che sia il canovaccio, c'è sempre una riflessione sul nostro rapporto con la tecnologia. La disumanizzazione progressiva dei conflitti grazie al progresso in campo bellico negli ultimi cento anni, ad esempio, o le conseguenze dello sputtanamento aggratise via Internet, tanto lo fanno tutti, tanto che vuoi che sia, mai così evidenti visti i fatti di cronaca delle ultime settimane. E poi c'è San Junipero, la quarta puntata di questa stagione 3 di Black Mirror, una vera perla, per parlare della quale, però, devi forzatamente scendere nel dettaglio. Clicchi perciò sul tastino sottostante SOLO chi ha già visto l'episodio.



E questo, per ora, è quanto. Voialtri debosciati cosa ne pensate? Quali altre serie state seguendo? Come vanno? Se serve, usate SEMPRE il tag [ROVINATORE] a inizio commento, lasciando un paio di righe vuote sotto, prima di iniziare a scrivere. Chi sgarra, oltre a prendersi una raffica di parole di maleducazione, ci mandiamo Thomas Jane a casa a fare il simpa col ciuffo. Occhio.    

71 commenti:

  1. The Expanse mi sta intrigando, mi piace la linea quasi retro' delle astronavi e l'intreccio non è male ..... ma ora voglio vedere come la sistemano ( sono a puntata 8 ) sperando che non finisca in 4seria di BG

    RispondiElimina
  2. The expanse l'avevo già vista e mi pare consigliata qui, per me peccato solo il fatto che volevano fare stagione due a tutti i costi e quindi rimane con roba da risolversi.
    Il protagonista con la barbetta lo avevo ribattezzato all'epoca il "johnsnò spaziale" :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il protagonista con la barbetta lo avevo ribattezzato all'epoca il "johnsnò spaziale" :D

      Ma quindi non sono il solo...

      Elimina
    2. Mi aspettavo da un momento all'altro che Naomi gli dicesse "tu non sai niente Jim Holden!"

      Elimina
  3. Black Mirror l'ho trovato davvero bello anche se un po' sottotono rispetto alle prime due serie(molto poco eh), inoltre la presenza di troppi attori americani ha fatto perdere uno dei fattori più belli della serie: l'accento britannico di ogni personaggio.
    San Junipero mi ha piacevolmente colpito perché in mezzo a tanta oscurità e pessimismo presenti negli altri episodi, si vede finalmente un po' di luce

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

      Elimina
    2. E daje.
      Copio&incollo:
      NIENTE spoiler senza apposito tag vuol dire NIENTE spoiler senza apposito tag. Non "il tema dell'episodio" buttato lì al secondo rigo come se niente fosse.
      Un po' di rispetto per gli altri, per cortesia.

      Elimina
  4. ci riprovo per la terza volta, non so se ho io problemi...
    apprezzo, come sempre, il tuo angolo di lettura Doc ma, forse perchè in discoteca nei miei urfidi anni '80 facevo tappezzeria o (soprattutto) perché rifuggo la nostalgia in tutto ("una volta il cibo/il calcio/il mondo era meglio") ho trovato SAN JUNIPERO melenso e lo considero il peggior episodio di una (mezza) stagione tutto sommato non esaltante..
    visto che sembro essere l'unico al mondo a pensarla così, forse sono io che sono un mostro...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è probabilmente il migliore delle tre stagioni

      Elimina
    2. le opinioni sono come i....ognuno ha il suo...
      :-)

      (solo io ho problemi a caricare i commenti con CHROME?)

      Elimina
    3. Io invece sono d'accordo con te. Magari non è in tutto e per tutto il peggiore (per me Playtest rimane imbattuto, in tal senso) ma l'ho trovato assolutamente fuori tema, manchevole di quell'elemento che fa da collante tra storie che altrimenti hanno ben poco in comune: lo sguardo pieno di diffidenza e inquietudine con cui si osserva il rapporto tra uomo e tecnologia. Per me quello è fondamentale, altrimenti son solo storie di fantascienza ammucchiate senza alcun criterio.
      Per il futuro spero in meno San Junipero e più "Zitto e balla".

      Elimina
  5. [ROVINATORE]


    meeeenchia Doc anche a me San Junipero ha fatto lo stesso effetto!
    per la prima mezza puntata sono lì che penso "certo che da black mirror una puntata con i viaggia del tempo trattati così male non me la aspettavo" e poi BAM! e quando hai capito e sembra tutto bello e felice arriva pure una delle più profonde e meno scontate riflessioni sulla moralità fatte nella serie. BAM, BAM ,din din din, KO per il mio cervello.

    [/ROVINATORE]

    RispondiElimina
  6. dai Doc, quando qualcuno ti spoilera un episodio di una serie tv pensa sempre a quelli come me a cui hanno spoilerato duro Il 6° Senso, vedrai che l'incacchiatura si dovrebbe ridurre...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ancora prendo a paroledimaleducazione un ex collega e grande amico che mi rifilò a tradimento lo spoilerone su The Village nell'OGGETTO di una mail aziendale. Il giorno in cui dovevo andarlo a vedere.
      Lo stronzo. :)

      Elimina
    2. c'è gente che pagò cartelloni pubblicitari a Los Angeles per scriverci il finale di Harry Potter. some people just want to watch the world burn.

      Elimina
    3. Entrando al cinema per vedere "I Soliti Sospetti", una tipa che esce dopo la visione dello spettacolo precedente esclama di fianco a me: "E quindi era lo zoppo!".
      La fine del 6° Senso me l'ha raccontata il Corriere della Sera in un trafiletto di tre righe, all'epoca.

      Elimina
  7. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

      Elimina
    2. No, gente, non ci siamo.
      NIENTE spoiler senza apposito tag vuol dire NIENTE spoiler senza apposito tag. Non "il tema dell'episodio" buttato lì al secondo rigo come se niente fosse. E che diamine, e soprattutto #eghe, cosa ci vuole?

      Elimina
    3. Cazz scusami. Non c'ho proprio pensato. Sono partito a parlartene e bonanotte. Sono un cazzone, scusa.

      Elimina
  8. Molto, molto bella la sorpresa in WestWorld, anche come è stata presentata.
    San Junipero: mi si è riproposto il piacevole brividino che avevo durante la visione, mentre leggevo il tuo spoiler. Fra le tante cose belle dell'episodio mi è molto piaciuto in particolare un dialogo fra le due protagoniste dove [ROVINATORE]






    ognuna dimostra nel discorerre l'età reale che ha: più pragmatica Kelly e più adolescenziale Yorke [/ROVINATORE]

    RispondiElimina
  9. Da estimatore di black mirror (grazie al DOC che me l'aveva fatta scoprire) mi da fastidio che San Junipero non mi abbia fatto ne caldo ne freddo. Nonostante, durante la visone, pensassi che c'erano diversi ingredienti che solitamente apprezzo, la ricetta non mi è piaciuta, mi sono annoiato. Boh, vai e cerca, non son cose..

    RispondiElimina
  10. Black Mirror quanto se la spigne! Un episodio meglio dell'altro!
    Consiglio sempre di vedere lo speciale di Natale di BM, di cui molte persone ignorano l'esistenza.
    Io mi sto spizzando Westworld che continua a crescer e poi


    SPOILER SPOILER (FORSE) È TEORIA


    Se la teoria delle due linee temporali fosse vera il mio cervello potrebbe esplodere


    FINE SPOILER


    The Young Pope continua a dare gioie, e la colonna sonora è una delizia. Potrei tranquillamente vedere 1000 episodi di Jude Law papa che fa un po l'infame

    The Office concluso dopo nove stagioni. Lacrimoni per il miglior mockumentary (insieme a parks&rec) di sempre. Un paio di puntate a sera e scivola via che è una meraviglia.

    Falling Water, serie USAnetwork (mr robot) , sembra di qualitá, promette bene. Sogni congiunti e robe intrippanti. Merita per me

    RispondiElimina
  11. Seguite la comunità di Westworld su Reddit, davvero, non ve ne pentirete.
    Puntata molto ben fatta, con il "colpo di scena" svelato magistralmente, l'ho messo virgolettato perché è stata la primissima teoria dopo 1 o 2 puntate, resta da vedere se chiariranno l'ALTRA questione legata al personaggio.

    Parlando di Expanse, davvero hanno anticipato la sottotrama di Avar...Avarj...Avacosa? Ma l'hanno solo introdotta o la sua intera sottotrama è stata spostata qui? Nel secondo caso avrebbe poco senso.
    Poi una curiosità: la differenza fisica fra i terrestri ed i cinturiani è stata mantenuta?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma lasciando perdere Reddit, io uno "scusa" per ieri sera ancora non l'ho letto, eh :)

      Elimina
    2. (e l'emoticon del sorrisino mi sono dovuto sforzare per mettercelo, per non fare proprio lo sgarbato).

      Elimina
    3. Mi confermi che non sono stato io visto che sono 2 giorni che ti meno il torrone che c'è un super colpo di scena senza dirti quale... manco un piccolo indizio.

      PS per Elia: i cinturioni hanno generalmente le ossa lunghe, non adatte a resistere alla gravità terrestre.

      Elimina
  12. Non riesco a rispondere agli altri commenti direttamente, quindi scrivo qui.
    Porca puttana! Ero io? Scusa Doc, ma pensavo non tornassi a guardare un post di qualche giorno fa riguardante Westworld subito dopo la proiezione dell'ultima puntata.
    Chiedo immensamente scusa, essere nuovo non è una giustificazione, userò il tag Rovinatore o SPOILER, promesso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tranne quelli triturati dai filtri, mi arrivano le notifiche di tutti i commenti. E meno male, così ho impedito che lo spoilerone lo leggessero altri. Dai, è andata.

      Elimina
  13. The Expanse è un moderno capolavoro telvisivo sci-fy.
    Per non parlare dei romanzi da cui è tratta: probabilmente la migliore space opera ad ampio respiro degli ultimi 30 anni.
    Quando seppi che avrebbero serializzato i libri ero un po' scettico sul come avrebbero trasposto sullo schermo il maniacale rispetto tecnologico che c'è nei romanzi. Beh, non sono stato deluso. Semplicemente perfetti!
    Tutta la tecnologia presente rispetta le leggi di inerzia a cui noi siamo soggetti (hanno fatto vedere pure la forza di Coriolis... quando qualcuno versa de bere avrete visto come il liquido scenda a parabola). Gli armamenti spaziali sono quelli già presenti senza nulla di trascendentale: zero laser e astrusità varie; ci si spara munizioni normali su cannoncini rotanti, missili a testata nucleare, proiettili di cannone a rotaia (sistema già sviluppato dagli USA ed attualmente in fase di test pratici)... i motori Epstein sono fondamentalmente propulsori a fusione già teorizzati ai nostri giorni e sarà solo questione di tempo ma riusciremo a farli...
    Come hai scritto tu, Doc, scene di guerra strepitose. L'attacco alla Donnager mi ha fatto sbarellare come Lapo Elkann con mezzo etto sul tavolo...
    Se vi piace la sci-fy, the expanse è la serienper voi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, i libri sono fantastici e la serie li sta rispettando abbastanza bene. Tranne Amos. Amos e' meno fighetto nei libri, ma piu' negrone da 200 kili che mena senza pieta'.

      Elimina
    2. Davvero hanno reso Amos un fighetto? Era praticamente l'unico che digerivo di tutta la compagnia di Holden.

      Elimina
  14. A me The Expanse è piaciuto davvero parecchio,molto realistico e il design delle astronavi è stupendo.
    WestWorld si sta forse svegliando un pochetto,per i motivi che sa chi ha visto la puntata ma comunque per i miei gusti sempre lento come la melassa,tant'è che ho smesso di vederlo la sera per non addormentarmi.
    A livello di trama,personaggi e gestione della IA che prende coscienza Humans sorpassa Westworld tre volte,anche senza mega scenografie,costumi e Anthony Hopkins.
    Black Mirror è fantastico,punto e stop nulla da dire,anche se forse questa stagione l'ho trovata un pò meno graffiante delle prime due,eccetto per Nosedive e Shut Up and Dance.

    RispondiElimina
  15. Sto vedendo Timeless, perchè consigliata da George Martin (sono quello di twitter). Leggendo un riassuntone mi sembrava una gran cagata, ma ho visto che di mezzo c'è Shawn Ryan e mi sono convinto (è l'ideatore/regista di The Shield, che per me è tra le migliori 5 serie mai uscite, quindi quasi un dio).
    Sono al quarto episodio su sei usciti (previsti 16) non è brutta ma neanche bella. Provo le stesse sensazioni delle prime puntate di Fringe. Diciamo che si lascia guardare. Se fosse stata una serie estiva avrebbe reso di più, d'inverno non so quanto possa durare. Cmq è veloce, c'è un minimo di triller e qualche mistero. Poi essendo basata sui viaggi nel tempo c'è anche una sorta di trip alla "ritorno al futuro" (citato in diverse occasioni).
    Per farla breve c'è un villanzone, che forse però è buono, che ha rubato la macchina del tempo per cambiare la storia. Ad impedirglielo un trio (all'erta e pieni di brio) composta da una professoressa di storia gnocca, uno smanettone esperto di macchine del tempo e un militare sfigato. Ogni episodio finora si svolge in una momento significativo della storia, omicidio di lincoln, caduta del dirigibile dirigibile hindenburg, Germania 1944, con il villanzone che cerca di fare un danno e il trio che cerca di acciuffarlo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho visto i primi 3 episodi e, come dici tu, si lascia guardare nonostante la premessa non proprio eccezionale.

      Il mistero centrale che hanno già accennato fa un po' sorridere nel suo essere clichè, ma per il momento regge.

      Unico peccato che per ora sono confinati, sai che novità, sempre e solo su eventi della storia americana. Sarebbe bello se spaziassero un po' alla Tunnel del Tempo.

      Cheers

      Elimina
  16. Doc ma dove trovi il tempo per vedere tutte queste serie TV e giocare ai videogiochi...io più cresco e meno tempo ho...rimpiango il passato per quei full-immersion pomeridiani...conta che mentre gioco sto al telefono ad ascoltare i monologhi della mia ragazza

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dormo poco. Se dormi poco puoi fare tutto. Non tutto tutti i giorni, ok, ma di tempo ne hai.

      Elimina
  17. Per un che ha letto Ready Player One, San Junipero e' "ok, ma vabbe ceddimeglio..."

    A me e' piaciuta molto di piu' l'ultima puntata, un gran bel film che mi ha fatto rivalutare la regazzina faceless stronza che picchiava Arya Stark quando non ci vedeva.

    RispondiElimina
  18. The Exspanse mi ha preso per molti dei motivi che ha preso il Doc. Peccato che il Doc non abbia ancora visto l'8° episodio che funge da spiegone, in parte necessario, di quello che è successo prima (Scopuli, Anubis, APE ecc...).
    Mi piace della serie come viene rappresentata la partita che si sta svolgendo, una partita giocata su più tavoli dove non tutti i giocatori della stessa squadra sanno bene a cosa stanno giocando.
    L'ultimo episodio ha una evoluzione non originalissima ma diciamo che ci sta pure quello. Il "puni" effettivamente un po' troppo hard boild ma ci spiegano la storia del cappello.
    Ricordate la Cant!

    WestWorld mi convince sempre di più soprattutto per il COLPO DI SCENA che ha cambia molto del quadro generale. Mi ha smontato XXXXXX ma ci sta nella trama e forse renderà ancora di più interessante l'evoluzione del personaggio.
    La trama relativa alla signora del lupanare continua ad essere l'unico grosso neo.


    S P O I L E R
    I due idioti continuano a darle corda alla tipa senza fare una mazza... cosa sono dei deficienza! Nessuno pensa minimamente a controllare... boh?!?!?!?!?!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ROVINATORE




      Jonathan Nolan ha spiegato in un'intervista che nell'episodio 8 molte delle domande riguardo i due tecnici avranno delle risposte, quindi immagino spiegheranno come mai Felix non abbia abbassato a 0 l'intelligenza di Maeve e perchè continui a tirarle la corda.



      FINE ROVINATORE

      Elimina
  19. scusate l'ignoranza, ma The expanse dove è trasmessa?

    RispondiElimina
  20. Westworld potrebbe diventare il nuovo Lost.

    Qualcuno ha visto The Knick? ho letto che è molto consigliato dalla critica...

    [ROVINATORE]




    Nella scatola Brad Pitt trova la testa mozzata della sua bella Gwinetta...

    RispondiElimina
  21. Ma a proposito di serie... l'hai poi vista/finita Kuromukuro su Netflix, Doc?

    Perchè io ho appena concluso e sono rimasto molto soddisfatto nel complesso. Ottimo mecha design, ottime battaglie, i personaggi non sono nemmeno troppo odiosi e un finale che, con qualche errorino, è piuttosto fuori dai canoni del genere.

    Cheers

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ancora no, ma i primi mi erano piaciuti. Proseguo ASAP. Il problema di piattaforme come Netflix è che vai per guardare una cosa e ne vedi altre tre...

      Elimina
  22. Purtroppo per ora sono riuscito a vedere due episodi di The Expanse, e vabbeh, mi ci vorranno mesi per finire la stagione :-(
    A me piace tutto, anche l'hard boiled (hai ragione ovviamente su questo), come scrittura ma quello che non mi piace è il cast. Secondo tanti attori sono un po' di seconda lega, comparati alle serie netflix marvel e simili. La disperazione del john snow spaziale, molto simile alla concentrazione del john snow spaziale a anche all'arrapamento del john snow spaziale. Per capirci.
    Per il resto una serie di cui c'era bisogno, e sono contento ci sia :)

    RispondiElimina
  23. Expanse l'ho visto da così tanto che non me lo ricordo più. Tranne per il ciuffo emo del detective e per il bel ricordo lasciato.
    Westworld continua ad essere fico anche senza Yul Brynner (il che ai miei occhi è un miracolo...mi aspetto scene simili al film appena partirà la strage di massa...tipo una nota uscita dalle acque...).
    Black Mirror è stato carino ma ho già dimenticato quasi tutto. Mi ricorderò San Junipero per la trama ma anche per l'averci voluto mettere a forza una storia lesbo dentro per essere "trendy"...bah...che tristezza degli autori.
    E sull'episodio delle api m'è crollata parecchio come serie. Ma la considero una defiance lieve.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma davvero, Jeeg? In ogni singolo commento? :D Se ci sono donne e/o donne omosessuali, ti dà fastidio. Va' che è misoginia narrativa, eh. Uno te lo dice...

      Elimina
  24. The expanse nn mi ha convinto al 100% ma il finale me l'ha fatta rivalutare. Son curioso di vedere cosa ne dirai tu doc appena la terminerai.

    RispondiElimina
  25. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  26. Ecco, San Junipero oltre all'ansia, è riuscito a mettermi adosso un gran magone, e finora Brooker ce l'aveva fatta solo con Be Right Back.
    Però al contrario di Be Right Back è stato un magone bello bello!

    RispondiElimina
  27. Ciao Doc,
    Ringraziando Netflix - sempre sia lodato - ti segnalo due serie:

    La prima è The Americans, interpretata magistralmente dal duo Felicity - J.D
    In realtà non sono del tutto sicuro possa sintonizzarsi sulle tue corde, però è davvero un gran prodotto basato su una o più storie vere.

    L'altra serie che ti consiglio e che sono abbastanza sicuro possa coinvolgerti è The 100.
    Al pronti via potrebbe sembrare la solita serie teen e invece no. Le tematiche affrontate sono coinvolgenti e mai scontate, numerosi colpi di scena, bad boys che in realtà no, good duys che in realtà -porcapupazza ma davvero ha fatto quello???-

    Insomma? cosa vuoi di più? la trama avanza ogni episodio, niente filler, parecchi spunti presi da tanta fantascienza classica, sangue e vendette.
    sesso poco, ma non essendo HBO è normale ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. The 100 ci ho provato, ma le prime due mi hanno steso. Temo non faccia per me :(

      Elimina
    2. Ma doc, perché fai così? Guardalo che poi... no, dopo peggiora pure.
      Opinione personale, ma le teen novel mi annoiano, solite dinamiche, protagonisti tutti con la stessa età, comportamenti assurdi (non hanno cibo e invece di cercarlo pensano ad amoreggiare etc). Mollato dopo5 o 6.

      Elimina
  28. 'Giorno doc.
    purtroppo la maledizione dello spoiler ha colpito:
    in italia (sky, "fiumi", e wiki varie) il titolo "l'antagonista" è abbinato alla puntata s01e06 di Westworld, e non alla s01e07, così come riportato nel tuo post.
    Infatti leggendo il commento, non capivo proprio cosa centrasse Dolores con la puntata (06), nè di quale colpo di scena parlassi. ^^'

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Thanks, era rimasto il titolo dalla bozza del vecchio post. Corretto!
      Sorry per lo spoiler involontario, ma il numero dell'episodio era giusto :(

      Elimina
  29. Di The Expanse non ho finito il primo episodio... Forse ci riproverò, ma gli eroi carini, un po stronzi, che guidano astronavi scassate, non fanno per me.
    West World è bellissimo, e già che ci sono lo sto utilizzando per ripassare l'inglese, mettendolo in lingua originale coi sottotitoli in italiano (altrimenti capisco un quinto di quello che sento). Quasi quasi Sir Anthony mi piace di più doppiato...
    Black Mirror pure è bellissimo, e l'episodio iconico credo sia quello meno SF di tutti, ossia il terzo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, il doppiatore di Hopkins è eccezionale, avrà non so quanti anni di esperienza sul groppone, ma in generale Westworld non è doppiata male, continuo a pensare che Sky avrebbe fatto meglio ad aspettare dei mesi per poi portarla doppiata su Sky Atlantic, come già fatto per la prima stagione di True Detective e le due di Fargo, il fatto che ci sia una sola settimana di tempo per doppiare e adattare una serie del genere si sente.

      Elimina
    2. Io il problema dei doppiaggi scadenti, purtroppo, l'ho notato soprattutto su Netflix. Strange Things non si poteva sentire in italiano.

      Elimina
    3. Netflix, rispetto a Sky, fa doppiaggi generalmente meno curati purtroppo, ma ci sono delle eccezioni, come Daredevil che resta godibilissima o Bojack Horseman che ho visto totalmente in italiano, devo dire che preferisco di gran lunga la caldissima e fantastica voce di Fabrizio Pucci a quella di Arnett.

      Elimina
    4. Su Daredevil ti devo dare ragione.

      Elimina
    5. E del doppiaggio di BH che ne pensi invece? Eccetto Todd tutti gli altri personaggi hanno la voce italiana quasi identica all'originale.

      Elimina
  30. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  31. [mezzo spoiler]

    Eccolo trasposto nella realtà il terzo episodio di black mirror:
    http://www.hdblog.it/2016/11/16/Ransomware-malware-file-illegali-riscatto-social/

    [/mezzo spoiler]

    RispondiElimina
  32. black mirror ep 6

    [SPOILER]


    ma non potevano corpirsi la faccia per non incappare nel riconoscimento facciale?

    [FINE SPOILER]


    l'ultima puntata mi è piaciuta tantissimo, come nache nosediva e shut up and dance

    RispondiElimina
    Risposte
    1. [SPOILERAZZ]
      ...
      ...
      ...

      Ho pensato anch'io la stessa cosa! Bunker? Bastava un cappuccio :) Ma è una roba volutamente da film anni 50 con le api assassine... in versione sci-fi. :)

      Elimina
  33. Ho iniziato ieri The Expanse (volevo ringraziare per la segnalazione) e mi sono bevuto all'incirca cinque episodi di fila. Molto ben realizzata, mi piacciono i diversi piani della storia, soprattutto i giochi politici fra Nazioni Unite e Marte sono particolarmente interessanti. Mi sa che la finirò presto.

    RispondiElimina
  34. io mi sono guardato The night of.
    Grande serie con un grandissimo Turturro; sembra un Law and Order fatto benissimo.
    BM mi sta acchiappando e mettendo tanta tanta angoscia per diversi episodi.

    RispondiElimina
  35. [ROVINATORE]

    Visto ieri sera San Junipero e concordo in tutto col Doc; certo, una volta ogni tanto c'è una sorta di lieto fine in un episodio di questo serial, ma lo svolgimento è ottimo ed il magone che ti lascia questa storia fa il pari con la cinicità magari più britannica degli altri.

    RispondiElimina
  36. [SPOILER - SAN JUNIPERO]

    Penso che il finale di SJ sia tragico come tutti gli altri episodi di BM. Non ha nulla di melenso. E non finisce bene.
    Non ve ne siete accorti, ma San Junipero è l'inferno.

    Kelly dice la verità quando si arrabbia con Yorkie: SJ non è il paradiso, è un luogo di egoismi (cioè il suo contrario). Solo che poi si fa tentare e cambia idea.

    Non è solo una puntata che parla di nostalgia, è una puntata che affronta il problema della vita eterna, dell'eterna giovinezza.
    Della morte.

    E' una puntata religiosa, sacra, spirituale (non a caso le famiglie di entrambe le protagoniste sono religiose... se non ricordo male direi che è la prima volta che la religione viene citata esplicitamente in BM, serie normalmente atea e cinica fino all'osso).

    SJ va oltre le solite puntate di BM, perchè applica la tecnologia al "sacro", mentre finora l'aveva applicata al "profano".

    Il vero abitante di SJ è Wes, l'ossessionato.
    La nostalgia è una droga, e qui vediamo la nostalgia sacralizzata. SanJunipero è un mondo senza relazioni, dove la vita non si produce, ma si consuma e basta.
    Il locale satan-sado-gothic non è un'eccezione a SanJunipero: è la sua reale essenza.

    Kelly e Yorkie scelgono di restare adolescenti per sempre, e chiunque ha superato l'adolescenza sa che non c'è nulla di peggio che essere adolescenti. Kelly e Yorkie scelgono l'innamoramento eterno, che non sarà mai amore: l'innamoramento sono solo due egoismi che si incontrano.

    Questo magnifico terzo episodio di BM racconta il topos della vendita dell'anima al diavolo in un modo che non era mai stato raccontato prima.
    Kelly e Yorkie si rinchiudono nel Paese dei Balocchi, si distruggono l'anima senza nemmeno rendersene conto.

    Ditemi adesso che è melenso.
    Bacioni e buon natale.

    [FINE SPOILER]

    RispondiElimina

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.

Related Posts with Thumbnails