lunedì 10 ottobre 2016

35

Spider-Man 2099: le copertine più belle di sempre (MarvelGallery - 1)

Spider-Man 2099 best covers copertine
Ok, l'Uomo-Ragno 2099 è uno dei personaggi più fighi della storia del fumetto (USA e non) e il suo primo costume è qualcosa ancora oggi di insuperato. L'altro giorno, mentre mettevi a posto la collezione dei suoi vecchi albi, ti è venuta in mente questa idea di fare una carrellata delle tue cover preferite del buon Miguel O'Hara. Quelle della prima, storica serie, disegnate da Rick Leonardi, e quelle dei vol. 2 e 3, firmate da quel mostro di Francesco MATT Mattina (ciao, MATT!), che per una qualche ragione sul quindicinale dell'Uomo-Ragno non vengono pubblicate da nessuna parte, neanche in piccolo, e sono cose che non sono cose. Ora, le cover di Leonardi e MATT sono così flippotrippissime che la carrellata rischiava di inquartarsi all'istante e diventare carrellatona: ti sei limitato a quelle che ti piacciono di più, e già così sono venticinque, razzo! Beh, bando alle ciao e partiamo: allacciate le cinture, ché fino all'anno 2099 è lunga [...]

Spider-Man 2099 vol. 1 #1 (novembre 1992)
Partiamo ovviamente dal primo numero della prima serie. Ah, il numero 1 USA, con cover mettalizzata, preso a Lucca nel '92, #troppiricordi. Miguel in posa plastica e il mantello di ragnatele al vento, per un'immagine iconica usata poi su decine di volumi di ristampe.
Spider-Man 2099 vol. 1 #2 (dicembre 1992)
Un'altra copertina storica, mostruosamente pheega. Ricorderete questo Miguel con gli artigli a vista appollaiato accanto al nome di questo blog in una delle recenti testate dell'Antro. Va detto che oltre al costume badassico, a rendere perfetto l'Uomo-Ragno del futuro era anche il connubio tra le matite di Leonardi e le chine di Al Williamson, disegnatore e inchiostratore scomparso qualche anno fa, che ti piace ricordare anche per i suoi lavori su Daredevil (con Lee Weeks e con Romita Jr), Wolverine e tante altre serie Marvel. I suoi inchiostri trasformavano il tratto di Leonardi in qualcosa di unico.
Spider-Man 2099 vol. 1 #5 (marzo 1993)
Cioè, guardate che roba. Adoravi il modo in cui Leonardi disegnava il personaggio, con i muscoli che guizzavano sotto il costume blu e quelle gambe stilizzate. C'era chi all'epoca gambe e piedi non li disegnava perché non sapeva farlo (Rob, stiamo parlando di te) e chi lo faceva così bene. Vedi la vita, alle volte.
Spider-Man 2099 vol. 1 #6 (aprile 1993)
Non sapresti dire perché la cover del numero 6 ti piaccia, sarà l'effetto da Pietà di Michelangelo ribaltata, ma di sicuro è di grande impatto.
Spider-Man 2099 vol. 1 #12 (ottobre 1993)
Per il numero 12, invece, è semplice. Oltre al fatto che Thanatos è un personaggio dal look bizzarro quanto riuscito, la copertina con i balloon che anticipano il tema del numero è deliziosamente vintage.
Spider-Man 2099 vol. 1 #13 (novembre 1993)
La cover del numero successivo è invece un auto-omaggio di Leonardi a un suo lavoro precedente,
il numero 17 di Spider-Man vol. 1 #17 (novembre 1991), se non vai sbagliandolo pubblicata da noi sul glorioso (beh, almeno all'inizio) Star Magazine.
Spider-Man 2099 vol. 1 #17 (maggio 1994)
Ma non vogliamo premiare anche questa copertina qui, con l'avatar da realtà virtuale di Miguel? Quando tutti utilizzavano per la RV dei personaggi in wireframe - oh, in molti fumetti continuano a farlo ancora oggi - Peter David e Rick Leonardi si inventano il pattinatore badassico, degno compare di Spatent Rider.
Spider-Man 2099 vol. 1 #21 (luglio 1994)
Altra posa riuscitissima, nonostante quel teschio con le tibie incrociate in posizione molto equivoca.
Spider-Man 2099 vol. 1 #22 (agosto 1994)
Scivoliamo così fino al luglio del '94 e a una delle ultime cover di Leonardi, che di lì a una manciata di mesi avrebbe lasciato la serie nelle incapaci mani di Joe St. Pierre e altri tizi assolutamente non all'altezza. Cover memorabile, questa del numero 22, sia per il primo piano concesso a Lyla, l'assistente virtuale di Miguel con look alla Marilyn, sia perché prende in giro - come farà il contenuto dell'albo - questa cosa scema delle identità segrete degli eroi in costume che nessuno (neanche i parenti stretti) riconosce nei fumetti se hanno una maschera sulla faccia.
Spider-Man 2099 meets Spider-Man (novembre 1995)
Poco prima che la serie chiuda i battenti con il numero 46 (agosto 1996), David e Leonardi si concedono una rimpatriata su un albo speciale in cui Miguel incontra Peter Parker, ma solo dopo che i due si sono scambiati di posto. L'Uomo-Ragno del presente finisce così nel 2099, Miguel nel letto di Mary Jane. Eh, son problemi.
Spider-Man 2099 vol. 2 #1 (settembre 2014)
Ventidue anni dopo la prima, nel 2014 arriva la seconda serie di Spider-Man 2099, sempre scritta da Peter David. Rick Leonardi realizza questa cover variant del primo numero (quella regular è di Simone Bianchi). E sì, purtroppo c'è già Sliney alle matite /sospirone. Il numero 5 della serie (vedi sotto) sarà disegnato proprio da Leonardi. Gran bel numero, anche se la magia di vent'anni prima e le chine di Williamson non ci sono più.
Spider-Man 2099 vol. 2 #3 (novembre 2014)
Con il numero 3 della seconda serie comincia, col botto, il fortunato sodalizio tra Spider-Man 2099 e le cover del MATT. Delle illustrazioni meravigliose, che mettono in luce tutta la badasseria del costume. 
Spider-Man 2099 vol. 2 #5 (dicembre 2014)
Questa, la cover del summenzionato numero 5, con varie pose dello Spidey del futuro riflesse da uno specchio rotto, è semplicemente incredibile. Hai usato a lungo la versione textless (da anni la Marvel diffonde online anche una versione senza testi, appunto, delle cover dei suoi albi) come sfondo del DocTelefono.
Spider-Man 2099 vol. 2 #6 (gennaio 2015)
Miguel e amici dello Spider-Verse, parte 1. Le cover virate sul rosso a Francesco vengono sempre benone.
Spider-Man 2099 vol. 2 #8 (marzo 2015)
Miguel e amici dello Spider-Verse, la grande ammucchiata. Un altro masterpezzo.
Spider-Man 2099 vol. 2 #9 (aprile 2015)
Una volta tanto, Miguel non sembra imponente sulla copertina di un suo albo. Se il Maestro ti usa come un pupazzino, d'altronde, è normale.
Spider-Man 2099 vol. 2 #11 (giugno 2015)
Una delle tue preferite in assoluto, con Spidey a testa in giù sotto la pioggia, davanti al grattacielo Alchemax.
Spider-Man 2099 vol. 3 #1 (dicembre 2015)
La terza serie di Spider-Man 2099, quella in corso, pubblicata da noi sul quindicinale della Panini, si porta dietro un nuovo costume, che al vecchio non allaccia i calzettoni. Eppure non è un brutto costume in sé e lo trovi anche molto gradevole: è solo che il vecchio è talmente figo da rendere improponibile ogni paragone. Sia quel che sia, le cover di MATT continuano a spaccare.
Spider-Man 2099 vol. 3 #3 (gennaio 2016)
Prendi questa, con la vrigogna sullo sfondo del Baxter Building ora sede aziendale delle industrie di Peter SteveGiobbo Parker.
Spider-Man 2099 vol. 3 #5 (marzo 2016)
O questa. Non è facile rendere l'idea che un tizio sotto una mascera stia soffrendo, ma qui è resa benissimo.
Spider-Man 2099 vol. 3 #7 (aprile 2016)
Ditto qui per l'effetto fiamma di Glorianna (una tizia fuori come la Stazione Spaziale Internazionale)...
Spider-Man 2099 vol. 3 #8 (maggio 2016)
...o qui per la mole di Marko l'uomo Montagna, già spaccato con una mano da Mazinga e poi convertitosi all'islam (questa è un po' criptica). Ma Miguel non ha decisamente la faccia di uno a cui puoi rompere los cojones, eh. E infatti.
Spider-Man 2099 vol. 3 #10 (luglio 2016)
Che dicevi delle cover sul rosso? Copertina che scalciaculi e tira giù i nomi all'infinito. Ma no, non pubblichiamole sulla testata italiana, che vuoi che sia.
Spider-Man 2099 vol. 3 #14 (ottobre 2016)
Chiudiamo con due tra le copertine più recenti, con Miguel di nuovo nel suo tempo e quindi alle prese con eroi e villanzoni del 2099. Come il Punitore 2099 (Jake Gallows)... 
...e Ghost Rider 2099, Zero Cochrane. Era la dannatissima ora di riportarlo sulla scena, eghe.

Bene, gente, che ne pensate? Quale cover vi piace di più? Guardate questo primo post come una sorta di esperimento, che ti piacerebbe ripetere magari con il costume Nero di Peter e, più in generale, con vari personaggi. Istituzionalizziamo MarvelGallery come nuova rubrica, che ne dite?

35 commenti:

  1. La prima serie 2099... Queste cover scalxiacooli ... La Alchemax e tutto il resto .... Momento bruschetta che levati.. le prime insuperabili secondo me .

    RispondiElimina
  2. Mi piace tantissimo Leonardi altrove - negli anni ottanta /novanta volava di fiore in fiore e pungeva DD, X-Men ( dava respiro quando la testata era quindicinale a Silvestri ) , Warlock etc per tacere della mini di Colosso su MCP e voto per la numero cinque e quella con lo avatar in rete. Non sono così critico con St. Pierre e Robinson quanto contro Wildman, Mckone e Lim che hanno portato la testata fino alla sua conclusione. De gustibus.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che belle anche le sue storie degli X-Men (anche quelle "andavano in onda" su Star Magazine? Sbaglio?)

      Elimina
    2. Su Star Mag trovi una sua storia con DD in borghese ( testi della Nocenti ). Non sono a casa e sono troppo pigro x pescare in rete, ma ricordo storie mutanti di Rick sul mensile Star Comics: una con le chine di Portacio in cui Ororo senza superpoteri sconfigge Scott Summers e diventa il leader ( immagino la ricorderai considerato che non ti piace troppo il personaggio di Ciclope ), due delle quattro storie con gli x-men x la prima volta a Genosha e qualcosa poi ( chine di Leialoha ) con Colosso e la sua sorellina e Baba Yaga. Su X-Marvel della Play trovi anche alcune delle storie dei New Mutants tra le ultime sceneggiate da Claremont. Ora che ci penso, Leonardi ha disegnato anche un numero di Excalibur.
      Per quanto riguarda DD - oltre al distico con Logan ed il Guerrigliero - segnalo alcune pagine della run anni novanta su testi di Joe Kelly. Leonardi si alternava ad un implume Cary Nord e a Epting e persino, se non ricordo male, ai layout di Larry Hama tornato al tavolo da disegno dopo 20 anni. Scusa al solito la totale assenza di sintesi.

      Elimina
  3. sarò il solito vecchio rompicoyotes ma che belli i fumetti disegnati a mano...saranno fighi i colori e le colorazioni al pc ma han perso l'anima.
    La battuta criptica ...se Maometto non va alla montagna ecc ecc.

    Ah le cover della prima serie le ricordo benissimo tutte ; per dire figa anche quella con vulture 2099 per citare una delle assenti

    RispondiElimina
  4. A mo di sondaggismo ne scelgo una, la volume 2 #11...

    RispondiElimina
  5. Mi piace molto l'idea della gallery e quella che scelgo tra quelle proposte è:

    "Spider-Man 2099 vol. 2 #11 (giugno 2015)"

    Inquietante e futuristica il giusto.

    Anche se ovviamente quelle di Leonardi erano tutte bellissime. Era lentissimo a disegnare, ma la prima parte della serie dell'uomo ragno 2099 è un capolavoro anche grazie ai suoi disegni.

    Domande sul tipo di post, quindi su MarvelGallery.

    1) Quando scrivi: "Quale cover vi piace di più?" è perché, un po' come nei sondaggi, si vota in effetti la cover che ci è piaciuta di più?

    Nel caso, forse numerarle potrebbe aiutare.

    2) Come nei post in cui si citavano i personaggi marvel che assomigliano a quelli DC, uno può proporre delle cover? Non che ne abbia nello specifico, ma per sapere come funziona.

    OT: ma Miguel è tornato nel 2099 o nella serie sguazza ancora nel minestrone che è l'attuale marvel universe?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 1) Come nei sondaggismi, è solo per il piacere di parlarne, non c'è un vincitore :)

      2) Sure.

      OT) Yep. Vedi descrizione ultime due cover ;)

      Elimina
    2. Ok, grazie per le risposte!

      Avevo letto la descrizione delle ultime cover, ma non avevo capito se era una miniserie e basta o se fosse il segno che Miguel era definitivamente tornato nel suo tempo. Meno male, trovavo senza senso che fosse nel presente!

      Tra l'altro, nella cover dove appare anche Ghost 2099 (che era molto figo) ci sono anche quelli che immagino siano Capitan america 2099 (una tizia con lo scudo) Moon knight (mi sembra una tipa anche lei) e Devil. Quest'ultimo, con un costume più "diabolico" del primo del 2099, apparso anche in italia in una sola storia (almeno così ricordo io) che era tutto nero e con dei bastoni d'energia. Peccato, mi piaceva quella versione così minimal e la frase che diceva: "a volte la giustizia è cieca", molto ad effetto per un personaggio alla daredevil.

      Adesso che Miguel è tornato a casa, mi viene voglia di riprendere le sue storie, ma non ce la faccio a leggere quelle di Peter Jobs... Magari aspetto che esca in volume! :)

      Elimina
  6. Leonardi numero uno!
    Bellissimissimi i disegni, il vero gusto degli anni novanta. L'Uomo Ragno 2099 resta uno dei fumetti che più mi sono goduto in quel periodo. Ricordo che il volume 0 (con le storie del Punisher, Doom e Revenge) edito da Star Comics mi fu regalato da mia madre quando stavo in ospedale (causa gastrite cronica durata almeno 2 settimane). Lo lessi tipo tre volte di seguito!
    Il costume di Miguel era veramente eccezionale, badassico, futuristico e supereroico al tempo stesso, figata! Credo che molti disegni degli episodi di Nathan Never e dei fumetti fantascienzi/cyberpunk italiani dell'epoca furono ispirati da quelli dell'Uomo Ragno 2099. Gran periodo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, Ravage fu un personaggio usato in modo assai strano, che partì in un modo per finire in un altro, divenne una specie di mutante se ricordo bene.

      Preso in mano adesso, l'intero universo 2099 potrebbe dare parecchie soddisfazioni.

      All'epoca forse i tempi non erano ancora maturi.

      Elimina
    2. Ravage fu anche, purtroppo, una prova imbarazzante del vecchio Stan, che non collimava con il resto del 2099. Da qui la trasformazione dell'eroe rigattiere/netturbino in mostro cornuto. Una delle cose più brutte di tutta la linea editoriale :D

      Elimina
    3. Che fine aveva fatto poi alla fine Revenge?

      La versione netturbina non mi sapeva male, era molto "figlio dei suoi tempi" come idea e design, la trama era perfetta per un qualsiasi film action di terza mano, tipo con Van Damme.

      Certamente il chara peggiore della prima linea 2099 e brutta prova per lo zio Stan (in quegli anni più a suo agio con la sigla dei "Difensori della Terra" e "Stripparella"), ma le storie molto lineari si lasciavano leggere e a mio avviso erano meglio di roba tipo "Hulk il mostrillo 2099" o i "Fantastici Quattro 2099" ;)
      La trasformvazione di Revnge in bestia, bobbè, poi ha peggiorato nettamente la serie scadendo molto in basso, forse l'idea aveva già dato tutto quello che poteve dare prima e non aveva più nulla da dire :|

      Elimina
    4. Ravage mi sembra che finisse negli x-men, in qualche modo, era un mutante pure lui.

      Da ricordare che prima di passare da spazzino a bestia, Ravage ha avuto un periodo intermedio in cui sparava raggi dalle mani. Un casino quando doveva andare in bagno!

      Elimina
  7. Domandona: dove posso recuperare, magari in volume , la seconda e la terza serie del ragnone 2099??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La terza serie è in corso di pubblicazione ora sul quindicinale The Amazing Spider-Man. La seconda è stata proposta sempre lì in passato. Per quanto ne sono, non ci sono volumi italiani che le raccolgono, ma potrei sbagliarmi. Di sicuro ho visto in giro i paperback USA della 2a.

      Elimina
  8. il n°21 per me è lo stato del'arte, poi sulle nuove cover vabbè si vince facile

    RispondiElimina
  9. Il meglio (per quanto riguarda le copertine) resta la serie 2, col costume tradizionale e le copertine del MATT: stre-pi-to-se!!

    RispondiElimina
  10. I comics amerrigani non sono il mio pane..ho letto un po' qua e la'. Ma..RAGAZZI, CHE ROBA!!
    Inutile dirlo, un'opera d'arte e' un opera d'artr, punto.
    La mia preferita? Quella del n.3, maggio 2016, con Miguel e Marko (d'altronde, se Maometto non va alla montagna...la montagna va da Maometto ed insieme vanno al mare).

    RispondiElimina
  11. grazie per la vecchiaia che m'hai ricordato con al williamson su DD e Star Magazine. ;)

    RispondiElimina
  12. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  13. nov 2014 e marzo 2015 sono quelle che mi sono piaciute di più,e sono favorevole alla nuova rubrica,purchè sia gratis ovviamente,:-)

    RispondiElimina
  14. Mammamia! Quanti ricordi e quante copertine figherrime!! Ecco Doc ti sto giusto per fregare l'idea e mettermi una copertina del Matt come sfondo del cellulare :)
    Comunque non mettere copertine di questo calibro neanche a fine albo è un delitto!!

    RispondiElimina
  15. Molte copertine me le ricordavo, bellissime, non ricordavo quella del pattinatore (ma la voto). Anche io sono favorevole a questa nuova rubrica!

    RispondiElimina
  16. Le cover del Matt illegali, niente da dire. Bisognerebbe fargli spazio al Louvre.
    Trovo molto bella anche la cover di "Spider-Man 2099 vol. 2 #1 (settembre 2014)", ma sono l'unico a pensare che quel piede destro cilindrico/zampa d'elefante rovini tragicamente il tutto?

    RispondiElimina
  17. il 2099... quanti ricordi... e quanta bella roba in queste cover ! Dovendo sceglierne una vado su quella del numero 8 volII, la "grande ammucchiata" .

    RispondiElimina
  18. La copertina del Marzo 2015 è quella che preferisco in assoluto. E' molto seria, ma ha anche un tratto comico... Almeno il volto di Spider-Man Noir mi ispira comicità :D

    RispondiElimina
  19. Mi piace molto la #21 del 1994

    RispondiElimina
  20. Spider-Man 2099 vol. 2 #5 e le successive spaccano. E il MATT ci sa proprio fare, signore cover.

    Detto questo una domanda che non c'entra niente ma che mi è saltata in mente perché sulla cover del numero 8 tra i personaggi dello Spider-Verse c'è il Noir: te l'hai letto Spiderman Noir? Com'è che l'è? Avevo una mezza idea di recuperare il volume de Le Grandi Saghe della Gazza, ma in fumetteria da me da 10 euro che era l'hanno messo a 20 (cciloro). La domanda è, vale la pena? Tnx.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'ho trovato ai tempi caruccio. Probabilmente la cosa migliore che ho letto della linea Noir, visto che molte altre declinazioni in quella salsa degli eroi Marvel non mi hanno detto granché. Ma oh, è solo il mio giudizio.

      Elimina
  21. O che ricordi, le storie di Ghost Rider 2099, soprattutto le prime, erano spettacolari, tantissimo Cyberpunk...

    RispondiElimina
  22. Scopro adesso qui sul blog che ti impara le cose che Al Williamson non c'è più. Onore a un grandissimo. Ricordo in particolare i suoi disegni nelle strisce quotidiane di Star Wars e negli adattamenti a fumetti de "Il Ritorno dello Jedi" e "L'impero colpisce ancora" come qualcosa di inarrivabile. L'ultimo, in particolare, ce l'ho ancora e l'ho letto e sfogliato a oltranza. Uno dei fumetti che mi sono più cari.

    RispondiElimina
  23. Belle quelle classiche oh, ma quelle "moderne" sarebbe da farci delle gigantografie ed appenderle a tutti i muri di casa, nessuno escluso!!!

    RispondiElimina
  24. Vol. 1 #21 iconica, vintage, bella bella in modo assurdo come buona parte delle cover di spider 2099 della prima serie.
    Vol. 2 #5 perché é MATT!, troppo bravo e, grazie DOC per l'info sui textless, da oggi sfondo del cellulare.

    RispondiElimina

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.

Related Posts with Thumbnails