domenica 3 luglio 2016

54

Italia - Germania, tutto il resto è Neuer

La legge dei grandi numeri dice che, per la nota disuguaglianza di Bienaymé-Čebyšëv,
Tradotto: no, niente, i tedeschi contro di noi devono prenderla sempre in saccoccia, così è scritto. It is known. Per vincere una coppa del mondo, tipo, gli è toccato pregare le ultime due volte che in finale ci andassero gli argentini. Battere Maradona e Messi? E che problema c'è. Battere Grosso e Balotelli? C'è problema. Che il pianeta si destinato all’entropia e l’Apocalisse vicina ce lo dice il fatto che i tedeschi hanno avuto la faccia tosta di batterci, dopo solo 67 calci di rigore. Noi, che abbiamo insegnato loro il senso dello sport e tutte quelle minchiate inutili di de Coubertin [...]
Il CT tedesco Low, per sfatare il tabù Italia, si è fatto i capelli alla Conte. Solo che non hanno usato un soriano, e si vede. In due insieme fanno un poster da parrucchiere per uomo del ’74.

Al 13° si scassa Khedira ed entra il mitico Cavalcaporci, eroe di tante cinquine tricolore prese. Non succede molto nel primo tempo, laddove per “non succede molto” intendi che la Germania fa poco e noi non facciamo una fava. Si gioca nella nostra metà campo, come mandrie di turisti tedeschi in vacanza a Tropea. Che minchia ci andranno poi a fare tutti a Tropea? L’amore per le cipolle.

Ma al 43°, grazie a una fuga di Giaccherinho, troppo piccolo perché i tedeschi lo vedano, si va vicini al gol con un tiro dell’idraulico Sturaro. Nell’intervallo, intanto, per protesta nei confronti delle solite campagne anti-italiane pezzenti lanciate dalla stampa popolare tedesca, lo sciopero della pizza e quelle altre puttanate, in Italia viene indetto uno sciopero dei suonatori di mandolino con i baffi neri.

Il secondo tempo si apre all’insegna di un merendero di cartellini gialli scemi rimediati dai nostri in modi creativamente goffi su una scala da zero a Mister Bean. I tedeschi premono, i ragazzi provano a reggere l’urto, ma al 64° Ozil va in gol, grazie a un rimpallo e al fatto di avere gli occhi di fuori dalle orbite, che aiuta sempre nella visione di gioco. Allo stadio parte il po-po-ppoppo-pò dei tedeschi, erano dieci anni che l’aspettavano, ripassando il testo. Un amico porta una birretta, per stemperare il momento di tensione, ma è fatalmente una dreher, e perciò viene picchiato in nome dello sport, dell’amicizia dei popoli eccetera.

Poco dopo, miracolone di Buffon su miracolino di Chiellini su Gomez da venti centimetri. Gomez, contrariato, esce. Al 72° botta di Pellè, figlio di Pollò, ma è fuori.

Al 76° però, Boateng - quello dei due senza compagna topa sempre su twitter - fa la miloeshirata in area. Rigore. Va sul dischetto Bonucci, perché è uno che sta sul pazzo a mezza Italia, non c’ha nulla da perdere. 1 a 1, e QUESTO è the original po-po-ppoppo-pò. Socar, come dicono in Azerbaijan. All’80° altra occasione per Pellè, sempre meglio di Maradonà, ma tiro deviato. “Ci siamo Beppe! Siamo vivi, Beppe!” gridano in tutta Italia, anche in assenza di uomini chiamati Giuseppe.

A cinque dalla fine entra il corvo Darmian per Florenzi, stremato da aver tentato di rifilare a un difensore tedesco più sombreri che a una sagra della pennica ad Acapulco. Il tiro di De Sciglio, poco dopo, fa venire quasi un colpo a Caressa, anche se a vederlo dentro sono solo lui e una tipa pheega in tribuna, prontamente inquadrata dalla regia.

Fine secondo tempo, si va ai supplementari, dopo che De Rossi carica i compagni con una serie di bestemmie clamorose e di morsi. Terzo tempo, Pellè subito ammonito, è il 74° azzurro squalificato per la prossima partita: per la possibile semifinale vengono richiamati d’urgenza Ciccio Graziani e Spillo Altobelli. "Stiamo bene, stiamo bene", continua intanto a ripetere senza sosta lo Zio Bergomi su Sky, ché probabilmente sta parlando al telefono con dei parenti anziani qui in Calabria.


Fine terzo tempo, quarto tempo. Per poco Draxler non la infila sotto l'incrocio con una rovesciata da due metri che nessuno tenta di impedirgli, per ammirare il gesto tecnico. Esce uno stanchissimo Eder, che ha invano inseguito palla per quasi due ore. Oh, in maglia nerazzurra l'ha fatto per cinque mesi, che vuoi che sia. Entra Insigne, che sembra tipo il figlio piccolo dei difensori tedeschi. Chiellini, poco dopo, si prende una raffica di Chitemmù tale, da milioni di italiani, per un passaggio orizzontale periglioso, che ora si è talmente irrobustito che camperà duecento anni. Al 113°, clamoroso tentativo di segnare di tacco da parte dell'arbitro su rinvio di Neuer, ma la mira non c'è. Esibizionista.
  
I tedeschi spingono, urlando blitzkrieg!, ma non serve a niente, si va ai rigori. ARO STA ZAZÀ?, urla Conte, cantando, quello risponde Sono qua! ed entra al posto di Chiellini per tirarne uno. Chiellini, in trans agonistico da settimane, devono tirarlo via dal campo i celerini, manganellandolo, mentre strappa a morsi un cartellone pubblicitario. "Venga quello che viene", dice Caressa al microfono scassato per la tensione, prima di invocare il salmo responsoriale "I guantoni di Gigi Nostro". Peccato che alla fine son venuti loro.

Tocca ai tedeschi scegliere la porta e Schweincoso, Peppopiggo, sceglie quella sotto i tifosi italiani perché, boh, gli piace esser preso a pernacchie.

Insigne irride Neuer, segna BicidaKroos, mentre Zaza, dopo una rincorsa alla Fantozzi di cui si ignorano senso e utilità se non esser preso per il culo in mondovisione, la spedisce fuori dallo stadio. Era entrato apposta, eh. Una cosa doveva fare. UNA. Ma la preghiera a Gigione sortisce i suoi effetti: Muller viene preso da squaraus da troppi yogurt e si fa ipnotizzare dal portiere azzurro. Fate l'amore con il sooca. Ozil la calcia sul palo, ma Pellè tira una pisciatina inguardabile per solidarietà nei confronti di Zaza. Bonucci non si ripete su Neuer, ma nella gara a chi fa peggio c'è sempre lo sborone PeppoPiggo, ché pure lui vuole regalare il pallone a un amico fuori lo stadio. Ci sono rigori sbagliati e rigori sbagliati, e se a tirare forte e troppo alto è stato capace pure Baggio, lo può fare chiunque. Ma quei rigori di Zaza e Pellè son cose che fanno proprio male al calcio e soprattutto a milioni di telespettatori. E alle loro facce, se gli metti sportivamente le mani addosso.

"C'abbiamo pure un'età, Beppe". A chi cacchio lo dice. Giaccherinho spara un missile centrale alto alle spalle di Neuer, poi si gira verso Zaza e Peppè, e quelli muti. I tedeschi segnano ancora, proprio non vogliono capire quando è il momento di smetterla, poi dice che non hanno bel gioco. E dopo la traversa-rete di De Sciglio, su cui hai temuto di dover cambiare i boxer, Darmian purtroppo tira un'altra mozzarella, quarto rigore sbagliato. Il crucco numero 3 la infila, si va a casa. Io sono happy, canta Carboni nello spot, sulle lacrime della D'Amico in studio. Cazzo c'avrai da essere felice.

Oh, tutta colpa di quell'Omega di merda nella nota disuguaglianza di Bienaymé-Čebyšëv. Chiellini era l'unico che la sapeva.  

54 commenti:

  1. Risposte
    1. Aveva una scarpa più alta e una più bassa, poverello.

      Elimina
    2. Ha provato ad imitare Pogba. solo che appunto quello è Pogba e lui è Zaza.

      Elimina
  2. ora ci tocca sperare nell'Islanda...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Contro i simpaticcissimi gianfransuà. Ma magari. UH!

      Elimina
    2. Sarebbe bello vederli mandare a casa Francia e Germania, che le battute su pecore e geyser non sono più divertenti...

      Elimina
  3. 120 minuti di sofferenza e 9 tentati infarti. Pellé prova a confondere Neuer ma quello gli fa specchio riflesso senza ritorno e il salentino si impappina. Inguardabile Zaza, messo in campo per fare UN SOLO tiro. E lo sbaglia in maniera ridicola, roba che tra 50 anni trasmetteranno ancora il filmato per come NON si tira un rigore.
    Che era tosta ci lo sapevamo, ma comunque in campo hanno lottato. Si può recriminare fino ad un certo punto, la squadra ha dato tutto finora e si é visto.
    Secondo me siamo usciti, sì, ma in finale. Non credo che con le squadre rimaste in gioco, questo europeo possa offrire ancora uno spettacolo di questo livello.

    RispondiElimina
  4. Se metti su il sosia di Trezeguet a un minuto dalla fine solo per tirare i rigori, quante probabilità ci sono che non imiti l'originale?

    RispondiElimina
  5. Ma Pellè che fa lo sborone con Neuer mimando il cucchiaio e il tiro centrale? E poi tira quel rigore là....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando ho visto quel gesto pur tifando Italia ho sperato lo sbagliasse.

      Elimina
  6. Non ho più l'età per i rigori. Però leggere il DOC è sempre terapeutico.

    RispondiElimina
  7. Infatti. Prima tira il rigore, POI fai lo splendido.
    È Darmian poteva starlo a sentire Chiellini che urlava 'Omega uguale palla centrale a mezza altezza '. Neuer ne ha presi tre di fila così r ancora non aveva capito che doveva smettere di raccogliere i centesimi per terra.

    RispondiElimina
  8. Zaza doveva finire il riscaldamento. Ecco il perché della rincorsa a skip.

    RispondiElimina
  9. Dispiace essere usciti in questo modo, ma che ci vuoi fare? Eh, vabbè...
    Ora punto tutto sulla finale Galles-Islanda! (^_^)

    RispondiElimina
  10. You had one job Zazà... comunque a 'sto punto potevano pure finire a sasso carta forbice lizard Spock.

    RispondiElimina
  11. La storia del SOCAR l'ho notata anche io,comunque il Fenomeno che ha minacciato Neuer di fargli il cucchiaio e l'ha sparata a lato??
    Che schifo...

    RispondiElimina
  12. Dicevo io che la rincorsa di Zaza mi ricordava qualcosa... https://youtu.be/g-IxeEHBFdU

    RispondiElimina
  13. Anche a me ha fatto strano che Bastian abbia scelto la porta sotto i tifosi italiani ma... Per la prima nella vita, vinciamo noi... Doc, il Cavalcaporci ce l'ho tatutato sul polpaccio, stanotte dormo con la fascia da Spielführer per sentirmi Kapitän... Spero che, pur nella nostra rivalità sportiva (FC Bayern-Deutschland gegen Inter-Italia), tu sia lo stesso mio Amico:-)

    RispondiElimina
  14. che partita, ho sfiorato l'infarto troppe volte. Adesso non ci resta che gridare "Ísland Evrópumeistarar" battendo le mani da vichinghi terroni

    RispondiElimina
  15. La rincorsa di Zaza denota mancanza di INTENSITÈ

    e il gesto del cucchiaio da parte di Pellè è proprio l'antitesi dell'UMILTÈ.

    POi ci si meraviglia se abbiamo perso.

    RispondiElimina
  16. i fransuà volevano noi.... con i krukk loro non vincono in gare ufficiali dal '58....

    RispondiElimina
  17. Ringraziamo i crucchi per il primo rigore concesso o qui finiva 1-0 e tanti saluti. Italia a malapena da sufficienza, tutti occupati a tamponare i Todeschi con lo scolapasta -di Gargantua.
    Oh, con questa storia del 'squadra di quore, tutta passione', mi ci hanno rotto gli zebe: ma bruciatelo sul rogo questo quore del puffo e la prossima volta scendete in campo trasudando KITEMMU'!

    RispondiElimina
  18. Andrò controcorrente, ma a me pare che sia stata una partita combattuta, poco spettacolare ma molto "di zoning". per quanto i tedeschi abbiano giocato un pó meglio, a quest'Italia tutti la davamo fuori per le qualificazioni, mentre siamo arrivati ad un rigore dalla squadra campione del mondo. Ci abbiamo creduto, non s'è realizzato, pazienza. Nell'altra metá del tabellone saremmo potuti arrivare in finale tranquillamente.
    È la dura legge del goal.

    RispondiElimina
  19. Io non me la sono presa più di tanto, perchè secondo me la Germania ha meritato...
    Si è visto chiaramente che tecnicamente è molto superiore a noi, infinite volte hanno tolto a centrocampo i palloni dai piedi dei nostri...
    Se non era per quel fallo sciagurato di Boateng, finiva tutto in 90 minuti, forse ce ne infilavano un altro...
    Cmq Pellè è imbarazzante: lento e tecnicamente scarsino,
    ma è la punta della nazionale, il che la dice lunga sulle qualità dei giocatori italiani
    non capisco perchè non era titolare insigne. forse si capiva meno con eder, forse essendo tappo pure lui non avevamo dietro un giocatore che potesse dargli palla a terra tipo Totti, ma cmq rifletta la scarsa qualità dei giocatori italiani
    Conte ha fatto miracoli col materiale che aveva, ma i miracoli due volte non si ripetono

    p.s. Da pippone a giocare a calcio, non ho mai capito una cosa: ma come fa un giocatore professionista a calciare fuori lo specchio della porta ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E ci credo che in centrocampo ci hanno sovrastato. Marchisio e Verratti fuori prima dell'Europeo, poi Candreva e De Rossi persi nelle scorse partite. Nonostante l'aver lasciato Dormolivo a casa e l'eroica diffida rimediata da Coppa del Nonno Motta contro la Spagna, il nostro reparto era ormai distrutto.
      Poi il gioco è stato lo stesso anche ieri: tranquilli dietro che ch'abbiamo la seconda difesa dell'Europeo e poi subito via con contropiedi veloci e letali. Il problema che davanti c'erano la prima difesa della competizione ed un attacco dalla manovra infinitamente più concreta di quella che potevano avere Belgio e Spagna.
      Poi, considera: l'avversario era manifestamente più forte, aveva una giornata in più di riposo e agli ottavi aveva avuto partita facile con la Slovacchia, non come noi che abbiamo dovuto buttare sangue con la Spagna. Se li abbiamo portati ai rigori è solo merito nostro.
      Dai, viste le premesse iniziali (una delle peggiori nazionali di sempre), abbiamo fatto bella figura in questo Europeo. Altre squadre che gli incauti (ed incompententi) bookmaker davano come favorite hanno fatto molto peggio: considera gli INVENTORI DEL CALCIO (umiliati dai vicini campagnoli e dalla nazionale di uno sputo di roccia ai margini della Terra, i CAMPIONI IN CARICA (sbattuti fuori da noi) e i PRIMI NEL RANKING (smerdati prima da noi nei gironi e poi ai quarti dagli stessi campagnoli di prima).

      Consoliamoci guardondo il rigore di Zaza, perchè una sana risata non fa mai male...

      Elimina
    2. Sul centrocampo in teoria hai ragione, ma manca la controprova, chi ti dice che avrebbero fatto realmente meglio se fossero stati in campo quei giocatori ?
      che sono giocatori buoni/discreti e nulla più...
      è quello che succede in campionati dove, come è successo all'inter, in campo 10 giocatori su 11 erano stranieri...
      io sono abbastanza anziano, di calcio ne go visto, a partire da spagna '82...
      Noi italiani non abbiamo nessun fuoriclasse vero a parte buffon mentre i difensori cmq sono assai buoni
      ma sopra nessuno o quasi...
      Non voglio sminuire i nostri meriti, Conte ha ottenuto il massimo dai giocatori che ci hanno messol'anima sia contro tedeschi che contro gli spagnoli, ma in generale la qualità non c'è, i centrocampisti e gli attaccanti titolari non troverebbero posto nemmeno tra le riserve nelle squadre di 20 anni fa...
      Senza voler sminuire l'italia, la spagna è arrivata alla fine del suo ciclo e la germania è stata paralizzata dalla paura, se non lo era ce ne faceva due e ci mandava a casa senza fronzoli...

      Elimina
  20. Era da vincerla rubando ai rigori (che già il pareggio), ma avendo gente che se la sente calda senza poterselo proprio permettere siamo riusciti a farci tirare fuori da una squadra che se la stava facendo sotto, come sempre.
    Che invece delle rincorse a minchia o dei gesti del cucchiaio (che caro Beppè....no non te lo puoi proprio manco permettere di pensare in partita, forse al prato con gli amici tuoi) un paio di gregari che tiravano dritto questa volta sarebbero stati molto molto meglio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma almeno glie l'avesse tirato, il cucchiaio dimmerda. Sbagliava ma da omo.

      Elimina
    2. Secondo me invece se vedi bene glielo ha tirato e quello è stato il risultato :D

      Elimina
  21. Il rigore di Pellè è quello tipico di chi gioca le prime volte a FIFA/PES e, temendo di confondersi col tasto per i cross, sceglie la X angolando il tiro "per fare la finezza". E infatti.

    RispondiElimina
  22. Giusta la vittoria della Germania, almeno loro hanno provato a giocare a calcio mentre noi chiusi dietro aspettando i rigori. E usciamo "a testa alta"..lol

    Io non capisco perchè Conte si è portato tutte quelle punte se poi già solo per fargli mettere Insigne ci vogliono le tenaglie e cmq aspetta gli ultimi 10 miniuti. tanto valeva si portasse qualche centrocampista in più visto che è lì dove facevamo più pena. Bè quando ti porti campioni come Thiago Motta..a che servono le riserve? Xd

    RispondiElimina
  23. Pellé che promette il cucchiaio al più forte portiere al mondo sarebbe stato un perfetto titolone da Lercio...e invece...

    RispondiElimina
  24. Pollice in su se anche tu conoscevi la diseguaglianza di Chebyshev prima di averla letta sull'Antro!!11!!!
    Ah, no, non è youtube, scusate.
    A memoria mia tutte le volte che fanno un cambio di giocatore per far entrare uno forte a tirare i rigori poi quest'ultimo giocatore lo sbaglia clamorosamente. Se poi ci metti anche quella rincorsina ridicola ti becchi anche le pernacchie.
    L'energia dell'Azerbaijan riassume bene il risultato finale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Comunque partita proprio non bella. Non c'era nenache Rai dire europei, almeno si potevano fare due risate.

      Elimina
    2. Hanno annullato la diretta per via degli attentati di Dacca, una scelta che capisco ma non condivido.

      E sì, il Trio, avendo anche Michael in studio, avrebbe dato una telecronaca molto più divertente dei due morti in piedi di Rai 1

      Elimina
    3. Io non la capisco neanche. Dopo l'attentato di Istanbul o quello di Orlando sono andati in onda normalmente. C'è chi pensa li abbiano bloccati perché rubavano share a Rai uno, io francamente non so che pensare.

      Elimina
    4. Hanno fatto probabilmente la differenza i morti italiani.

      Elimina
  25. Secondo me Zaza quel rigore l'ha sbagliato per colpa del filo per reggere la maglietta nei pantaloni oppure, forse, perchè prima di entrare s'era magnato tre banane e prima di tirare, per allentare la tensione, ne ha mollata una, ahimè ha pensato che fosse solo aria.

    RispondiElimina
  26. Secondo me Zaza aveva appena rivisto Flashdance dalla panchina ed era ancora tutto esaltato dai passetti a saltello di Jennifer Beals.

    Mannaggia a lui e a Michael Sembello!

    RispondiElimina
  27. Socar, come dicono in Azerbaijan!

    ahahahah goduria...

    RispondiElimina
  28. E ora tutti a tifare Islanda! E se vince mi ci trasferisco che tanto ha la densità abitativa del Sahara ad Agosto. Trovo lavoro sicuro...magari come aizzatore di geyser o scongelatore di iceberg.

    RispondiElimina
  29. Personalmente credo che di meglio non si poteva fare... Abbiamo tanto cuore, nonostante la squadra sia così-così. E poi abbiamo perso i più forti del torneo... Credo proprio che questa coppa sarà della Germania.

    RispondiElimina
  30. Certo che vedere Zaza fare quella ridicola rincorsa per poi calciarla alle stelle...sembrava di vedere Margheritoni della Marchigiana mentre faceva riscaldamento...
    Vabbe',sono contento comunque:ce la siamo giocata fino all'ultimo contro una squadra che,per tasso tecnico e talento,era superiore a noi.
    Applausi a Conte per l'ottimo lavoro.Peccato che ora se ne andrà in angleterra ed il suo operato verrà completamente vanificato.
    Prepariamoci a vedere un pessimo mondiale...

    RispondiElimina
  31. E quindi la semifinale degli Europei sarà GERMANIA-FRANCIA... che giramento di palle tra mangiacrauti e mangiaranocchie!

    Tiferò per il meteorite (cit.)

    RispondiElimina
  32. ciao ragazzi scusate il disturbo, se qualcuno ha il numero di Zaza ho trovato il pallone in giardino da me. Simone o te lo vieni a prendere o te lo buco.

    Bilancio

    Eder torna ad essere il guerriero di Pillars Of Ethernity.

    Thiago motta se lo giri scende la neve .

    Complimenti a Pellè soprattutto per la morosa.


    ringraziamo Boateng per aver deciso di esultare per la vittoria al 72° in area di rigore.


    Comunque a parte gli scherzi.
    nazionale generosa, priva di grandi talenti. Purtroppo la Germania ci ha tecnicamente sovrastati , e se siamo arrivati in fondo è solo grazie a due miracoli in estremis , tiri in porta da parte nostra quasi zero, tiri in porta da parte loro , tipo tiro al piccione. Passaggi sbagliati a nastro, pennellate manco che nei quadri di arte moderna.

    Rubarla ai rigori sarebbe stata il massimo, ma bobbè.

    Comunque i commenti post partita mi han fatto ricordare per l' ennesima volta perchè odio il tifo calcistico. Ora capisco insultare Zaza per il Veni Vidi Vici , ma Pellè ha fatto tutto sommato un buon europeo e se anche ha sbagliato un rigore come un pollo, pazienza.
    Francamente però non ho capito perchè Conte abbia aspettato i rigori per le sostituzioni, io avrei cambiato 3 giocatori subito , ci sono stati momenti in cui i tedeschi erano spompi. Certo c'era il rischio che qualcuno si accasciasse per crampi o infarto, ma partiamo dal presupposto che gli svantaggiati eravamo noi, probabilmente rischiare sarebbe stato comprensibile.
    vabè ma lui era in panchina, si sarà fatto i suoi Conti.

    RispondiElimina
  33. Scoprire che l'Italia ha perso dal blog del Doc: fatto!
    (Scusa l'OT, ma tu sei l'unico che puo' farmi leggere il RiassuntoneTM di una partita di calcio!)

    RispondiElimina
  34. Comunque la rincorsa di Zaza è uguale a quella di Fred Flintstone quando gioca a bowling. Solo che almeno lui i birilli li prendeva.
    Il peggiore però è stato Pellè, non tanto per il rigore sbagliato; un Europeo quantomeno degno, gettato alle ortiche per un gesto del cucchiaio al portiere più forte del mondo, da vero tronista tamarro.

    RispondiElimina
  35. Di questo europeo, causa lavoro, ho visto solo due partite e per giunta a pezzi. Una era questa e l'altra era contro l'Irlanda.

    Detto questo ai rigori ho invocato l'aiuto di un grande campione nerazzurro, Benito Lorenzi detto Veleno, perché ci mettesse un limone [chi tifa inter e non l'ha capita booohh!!!].

    RispondiElimina
  36. Boh leggo molti commenti ma forse ho visto un'altra partita.
    Per 120' minuti abbiamo giocato una partita quasi perfetta contro un avversario superiore in tutto e per tutto tecnicamente (che guarda caso però si è dovuto/voluto adattare all'Italia già nello schieramento ed impostazione della partita). Senza De Rossi ci è mancata un pelo di verticalità che, soprattutto dopo l'ingresso di Schweinsteiger sarebbe servita.
    Nel secondo tempo abbiamo subito di più, anche perchè Eder non è mai riuscito a sbloccarsi, e il solo Pellè (gigantesco, ha vinto tutti i duelli aerei con i tedeschi) non bastava. I Difensori tedeschi sono avanzati, schiacciandoci nella nostra metà campo e l'Italia che NON è una squadra di contropiede ma di costruzione, ha faticato.
    L'Italia ha comunque retto fino a quando ha giocato come una squadra cioè per 120'. Quando si arriva ai rigori, ognuno si deve confrontare con il proprio livello tecnico (inferiore) e le cose sono andate come sono andate, del resto calciatori con ben altri curriculum han sbagliato i rigori.
    Comunque almeno io preferisco ricordarmi dei 120' di questa partita e di tutte quelle precedenti (capolavori contro Belgio e Spagna). Abbiamo eseguito alla perfezione gli schemi provati e credo che nazionali ben più sponsorizzate a inizio tornero pregherebbero per avere avuto un percorso o un allenatore come il nostro (l'unica cosa che rimprovero a Conte è che nel suo integralismo è stato fin troppo conservativo nei cambi, forse un El-Sharawy nel supplementare avrebbe fatto qualcosa di diverso ma inutile pensarci).

    RispondiElimina
  37. Alla fine del primo tempo i cronisti parlavano di una germania in evidente difficoltà psicologica... a me risultava che negli ultimi minuti l'italia fosse riuscita fortunosamente a fare un paio di cose discrete, ma che avessero sofferto come cani per tutto il primo tempo. E per tutto il secondo tempo. E per tutti i supplementari. Hanno dato tutto, certo. Erano scarsi, altrettanto certo. Pellè ha fatto due gran goal in questo europeo, ma contro la germania è stato sempre lento, lento, lento. Quando vedi uno senza pallone che non sta dietro a uno col pallone, è lento. Ovviamente eravamo più stanchi, meno "bravi" con i piedi (stop sbagliati e lunghi come se piovesse = palle perse) e si è capito che mentre noi "aspettavamo i rigori" la germania ha arrembato la nostra area di rigore per cercare di chiudere il match. Vabbè io dico tanto di cappello a Conte che, nonostante gli insulti per aver cambiato i giocatori troppo tardi, ha davvero tirato fuori una SQUADRA da un materiale umano non proprio eccezionale. La Spagna forse era ormai una squadra scoppiata, ma la partita Italia Spagna per me é stata la vera sorpresa dell'europeo

    RispondiElimina
  38. La gialappa è stata boicottata perché RAI uno facesse il pieno. La telecronaca della RAI è tremenda da decenni! Era più forte la Germania ma molti giocatori italiani si sono impegnati Buffon su tutti. Zazza e Pelle inguardabili davvero. I rigori per un'attaccante sono solo questione di nervi e esperienza.

    RispondiElimina

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.

Related Posts with Thumbnails