venerdì 1 luglio 2016

70

10 eroi come Superman... pubblicati dalla Marvel

Superman della Marvel
Nel post di oggi, il primo di una serie con cui ti piacerebbe indagare le contaminazioni tra Marvel e DC, parliamo dei Superman... della Marvel Comics. Eroi molto simili, per origini, poteri o aspetto (o tutte e tre le cose) all'alter ego di Clark Kent, ma nati dall'altro lato della barricata. Ora, in quanto primo vero super-eroe e icona dell'eroe in costume in quanto tale, Superman ha generato ovviamente decine e decine di cloni nel mondo dei fumetti di supertipi che si menano, ma finché non hai iniziato a contarli, non credevi ce ne fossero così tanti in casa Marvel. #einvece  [...]
HYPERION
Già con Hyperion potresti completare buona parte dei dieci slot, perché di Hyperion a spasso per il Marvel Universe ce ne sono stati almeno sette, tutti provenienti da realtà parallele diverse. Hyperion viene creato da Roy Thomas e Sal Buscema nel '69, come membro di una squadra di supervillain, lo Squadrone Sinistro, che era in pratica una versione malvagia della Justice League della DC. Con il suo Batman (Nighthawk/Nottolone), il suo Lanterna Verde (Dottor Spectrum), il suo Flash (Whizzer/Trottola) e il suo Superman, Hyperion.
In seguito arrivano una versione estesa e schierata dalla parte del bene di questo team, lo Squadrone Supremo, proveniente da Terra-712, Supreme Power e altre versioni ancora, fino a quella attuale, l'Hyperion di Terra-13034, ex membro dei Vendicatori di Hickman e ora parte di un nuovo Squadrone Supremo formato da eroi provenienti tutti da dimensioni diverse (se ne parlava qui).
OMEGA LO SCONOSCIUTO
O Omega the Unknown, bizzarro personaggio con la mantellina, i pantaloni da carabiniere e gli stivaloni a mezza coscia alla prettyuomino. Protagonista di una serie personale durata solo 10 numeri, tra il '76 e il '77, Omega the Unknown è uno dei personaggi alla Superman creati da Steve Gerber. In realtà la serie era incentrata su un rEgazzino di 12 anni alle prese con i problemi di tutti i giorni (come bullismo e razzismo) e solo in un secondo momento veniva mostrato un vaghissimo collegamento con l'eroe. Eroe che è l'ultimo sopravvissuto di un mondo che non c'è più e, nonostante la sua superforza, schiatta a fine serie, quando la polizia gli spara per sbaglio. Omega sarà riproposto trent'anni dopo in una nuova miniserie, di Jonathan Lethem e Farel Dalrymple.
SENTRY
Nato in una mini del 2000 di Paul Jenkins e Jae Lee, Sentry venne presentato con un grande scherzone ordito con la complicità dei geni del market(t)ing della rivista Wizard: un eroe di Stan Lee creato agli albori del Marvel Universe e dimenticato dal Sorridente. Il tema dell'eroe dimenticato diventa quindi centrale nella miniserie, che racconta di questo tizio schizofrenico e agorafobico, Robert Reynolds, che è stato un eroe potentissimo, anche se nessuno sembra ricordarlo. L'uomo con la forza "di un milione di soli che esplodono", dopo aver spaccato in due - letteralmente - il dio della guerra tamarraggressivo Ares, è stato ucciso da un fulmine di Thor e "sepolto" nel sole. Seems legit.
CAPITAN MARVEL (MAR-VELL)
Il primo Capitan Marvel della Marvel nasce (alla Marvel) per uno scopo Marvel ben preciso: ciulare marvellianamente il nome di Capitan Marvel e piazzarci sopra un bel trademark, dopo che la Fawcett aveva cessato da diversi anni la pubblicazione del suo Captain Marvel per la causa di plagio avanzata e vinta dalla DC (che si sarebbe accaparrata, oltre a una vagonata di soldi di risarcimento, anche il personaggio Fawcett... ma avrebbe dovuto ribattezzarlo ufficialmente Shazam sulle cover, visto che il nome non era più libero). Ora, l'accostamento tra il Capitan Marvel del '67 e Superman non è così immediato, te ne rendi conto, ma pensiamoci un attimo: un eroe dal costume rosso e blu, con un logo giallo sul petto, che viene da un altro mondo, ma si affeziona talmente tanto a quello d'adozione da considerarlo casa sua. Un eroe che si chiama Mar-Vell, che sarà pure la giustificazione paracula del perché l'eroe sarà chiamato Capitan Marvel, ma suona anche come Kal-El, il nome kryptoniano di Superman.
GLADIATORE (KALLARK)
Non il vecchio nemico di Devil con le seghe circolari, apparso anche nella serie Netflix come suo meccanico/preparatore di motorini truccati, ma l'alieno dalla pelle viola membro della Guardia Imperiale Shi'Ar, creato su Uncanny X-Men #107 (1977) da Chris Claremont e Dave Cockrum. L'aspetto, con quella inconfondibile cresta da moicano altissima, ricorda l'OMAC di Jack Kirby (1974), ma Gladiatore è chiaramente Superman, con tanto di logo giallo, superforza, volo, supervelocità e vista calorifera. Che si risparmia pure sulla bolletta del gas, viene comoda una cifra.
Che Gladiatore fosse Superman lo sapeva benissimo John Byrne, che dopo averlo piazzato su questa storica copertina di Fantastic Four #249 (1982. Prego notare la scritta sul riquadro giallo in basso a destra),
si auto-omaggia cinque anni dopo con la cover di Superman Vol. 2 #8, identica fino all'ultima piega del mantello. In seguito la stessa composizione verrà riciclata da Byrne e altri autori, perché di funzionare funzionava dannatamente bene, va detto.
WUNDARR L'ACQUARIO
Steve Gerber si drogava, parte 2. Wundarr the Aquarian è l'ultimo - yawn - sopravvissuto di Dakkam, un mondo destinato a fare una brutta fine. O meglio, è quello che pensa suo padre, uno scienziato, che infila il figlio in un razzo e lo spedisce verso un altro pianeta. Le previsioni di papà sono però sbagliate e a Dakkam non succede nulla. così lo scienziato e sua moglie vengono condannati a morte per evitare che continuino ad allarmare la gente. Parappà, figurimmè. Ma comunque. Wundarr finisce in Florida e lì non ci sono i signori Kent per allevarlo: cresce quindi da solo, all'interno del razzo, e quando finalmente esce incontra l'Uomo-Cosa (Man Thing) e lo scambia per sua madre. Aspe', non è finita. La sua superforza e i suoi poteri vengono accresciuti dal Progetto Pegasus, banda di perigliosi burronisti, e quando ne vien fuori, Wundarr, che ora si fa chiamare Acquario, perché ha scoperto che gli piace il pesce come Pozzetto, decide di girare il mondo per portare la pace ovunque. E diventa il leader di una setta. Superman hippie. When the moon is in the seventh house, and Jupiter aligns with Mars, then peace will guide the planets and love will steer the stars, this is the dawning of the age of Aquarian,
the age of Aquarian, eccetera.

BLUE MARVEL
Nato sulle pagine della miniserie Adam: Legend of the Blue Marvel del 2008, dell'attore e scrittore Kevin Grevioux, Blue Marvel è un altro eroe dimenticato, un tizio con vari poteri alla Superman (volo, invulnerabilità, superforza, supervelocità, superquesto, superquello), un reattore di anti-materia umano che combatteva la villanzoneria e la bugiardìa già nel 1962. Solo che poi s'è scoperto che sotto l'elmetto c'era un eroe di colore, la gente era razzista e JFK gli ha dovuto dire Grazie mille, BlueMà, ma sei troppo poco bianco per fare l'eroe, arrivederci. Blue Marvel torna in azione molti anni dopo e di recente è entrato a far parte di uno dei tanti team di Vendicatori, i nuovi Ultimates.
VIRTUE
A vederlo così, vestito da Batman (o più che altro da Midnighter), Virtue non sembra un eroe alla Superman. E invece nasce come omaggio super-plateale al signor Kent: un tizio alto come un armadio, con gli occhiali, venuto dal pianeta madre degli Skrull prima della sua distruzione (a opera di Galactus) e cresciuto da una coppia di agricoltori di Vattelapescaville. Ethan Edwards appare per la prima volta nel 2005, su Marvel Knights: Spider-Man #13. È un collega di Peter Parker al Daily Bugle
e dapprima indossa questo vestitino molto tradizionale e inguardabile qui, prima di entrare nei Revengers (foto precedente), team anti-Vendicatori fondato da Wonder Man. È una storia lunga. La caratteristica principale di Virtue? Il fatto di esser super-religioso, praticamente una parodia super-cristiana di Superman.
MIRACLEMAN
Sì, Miracleman nasce come clone britannico del Capitan Marvel DC, dopo che la Fawcett ne interrompe come detto la serie: la casa editrice che ripubblicava in bianco e nero quelle storie nel Regno Unito aveva bisogno di un rimpiazzo e venne creato così Marvelman. Anni dopo, il personaggio cambierà nome in Miracleman, per evitare casini con la Marvel. Per la proprietà transitiva, se il Capitan Marvel Fawcett era un clone di Superman - se non siete d'accordo, prendetevela con il sistema giudiziario americano - il clone del clone era anch'esso un parente alla lontana di Superman.
D'altronde, ai tempi delle sue prime apparizioni, Marvelman si presentava così, un Superman biondo con tanto di logo rosso e giallo al centro del torace. Dice: ok, ma Miracleman mica fa parte del Marvel Universe. Embé? Il titolo del post parlava di eroi "pubblicati dalla Marvel". Il nove e il bove, fa rima e c'è.
SUPERIOR
Stesso discorso per Superior (di Mark Millar e Lenil Francis Yu, 2010-2012), parte della linea Icon della Marvel, dedicata alle serie creator owned come Kick-Ass o Powers. Un rEgazzino di nome Simon ottiene da una scimmia aliena la possibilità di realizzare un suo desiderio e si trasforma così in Superior, l'eroe del cuore. Problema: la scimmia è in realtà un demone e le ha venduto senza saperlo la propria anima. Oh, capita.
SOLARMAN
E così sono undici anziché 10, e bobbè, ma ti eri scordato Solarman. Un progetto lanciato dalla Marvel nell'89 con grandi speranze per cavarne una IP vincente, tanto che ne venne realizzato anche il pilot per una serie animata. Solarman, come il nome (LEGGERMENTE assonante con Superman) lascia intuire, ricava i suoi poteri dalla luce del sole. Che vi ricorda? Peccato che il fumetto, scritto da Stan Lee e disegnato da Jim Mooney (con cover di Mike Zeck), sia durato solo DUE numeri. Più che Solarman, Sòlaman.

Se vi viene in mente qualche altro Supertipo della Marvel, citatelo pure nei commenti. Prossima tappa, i Batman della Casa delle Idee.

70 commenti:

  1. Marvelel Man ha avuto però uno sviluppo assai diverso grazie a Moore e Gaiman ( lettura stra consigliata ) . Buon SuperWeekEnd a tutto l'Antro

    RispondiElimina
  2. Wundar l'Acquario...in Marvel in quegli anni girava roba buona...forse troppo...mi sa che Jim Shooter ha dovuto fare il redattore bastardo e tiranno per forza altrimenti robe come queste ne sarebbero uscite molte di più...

    Doc ma tecnicamente Prime della Malibù vale in quanto successivamente acquistata dalla Marvel?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, ci sta. Anche quello è un eroe più vicino concettualmente al Capitan Marvel DC, ma ci sta.
      Che gran peccato che la Marvel abbia comprato l'Ultraverse solo per tagliargli le gambe.

      Elimina
    2. Concordo,le idee eran buone,purtroppo la Marvel non ha mai saputo valorizzare le idee della concorrenza acquisita come ha fatto la DC con la Fawcett,la Charlton e recentemente la Wildstorm (anche se non mi è piaciuto per nulla l'incorporazione della WS nel nuovo universo DC52)

      Anche secondo me Prime è più un clone di Captain Marvel/Shazam però immaginavo rientrasse nel discorso clone del clone come Miracleman.

      Elimina
    3. Ma per un po di tempo alla Malibu ci stavano anche i vecchi eroi della Centaur comics, quindi vale anche Amazing Man...

      Elimina
  3. Peraltro alcuni di questi eroi sono pezzenterrimi ma altri sono super classici: per dire, Capitan Marvel a me piaceva un casino, con quell'aria malinconica (e il costume che lascia dietro le stelline del mulino bianco quando vola potrebbe essere uno dei miei voti nell'apposito sondaggismo sui miei costumi marvel preferiti). E di sentry che ne pensi DOC? mi ricordo che all'epoca il guardalà alla base del personaggio mi aveva impressionato non poco, sembrava una cosa molto nuova questa ret-con esplicitata ed anzi narrativamente giustificata. E anche qui malinconia a palettate.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Miniserie e idea di base meravigliose. Mi piacque un casino.

      Elimina
    2. La prima mini era carina per quanto derivativa di una certa "British invasion" in ritardo di 15 anni.
      Il personaggio in sè però nelle sue iterazioni con il resto del marvel universe (da new avengers in poi) l'ho trovato semplicemente insopportabile.
      Potentissimo ma costantemente tenuto a freno perchè: prima è pazzo, poi non è mai stato pazzo, poi sì è pazzo, poi lo curano, poi è di nuovo pazzo perchè è sempre stato pazzo, poi in realtà è l'incarnazione del dio della morte, poi è morto, però da pazzo...
      Per non parlare di tutte le operazioni di retrocontnuity invasive solo per dargli un pò di spessore (tipo è sempre stato il BFF di Hulk), con la ciliegina sulla torta finale del suo rapporto con Rogue.
      "Ehy, avete presente tutte quelle storie anni'80 dove Rogue si struggeva perchè non poteva toccare nessuno? Non vi preoccupate in realtà un paio di volte alla settimana arrivava Sentry che grazie ai suoi misteriosi e magici poteri la poteva toccare e gli dava due botte ogni tanto."

      Penso che anche Kirkman lo avesse in antipatia visto che lo rese il paziente zero dell'epidemia zombie (in marvel zombies).

      Elimina
  4. Doc ma davvero Nottolone e Trottola erano la traduzione italiana di due nomi da supereroi? Forse pensavano di tradurre qualche pubblicità fuorviante...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E Nightcrawler all'epoca era Lombrico, ricordiamolo.

      Elimina
    2. Splendido. Tali azzardi non venivano fatti neanche quando ci si vestiva di nero

      Elimina
    3. vogliamo parlare del migliore di tutti: GHIOTTONE per Wolverine?



      che poi tecnicamente "ghiottone" è la traduzione italiana del "wolverine", quindi è giusta in sè

      Elimina
    4. Nighthawk - come ricordavo tempo fa in un altro post del Doc - è stato tradotto Caprimulgo dalla Editoriale Corno nella storia in cui affrontava Daredevil che la Corno non ebbe il coraggio di tradurre Scavezzacollo. Peccato. Scavezzacollo contro Caprimulgo. Non sembra il migliore dei mondi possibili ?
      Quel Ghiottone di Logan dopo aver fatto una scorpacciata di Lombrichi parte x una scampagnata con quello Scavezzacollo di Caprimulgo.
      Disegni di Skottie Young. Potrebbe essere la risposta Marvel al Batman '66.
      Nottolone è stato comunque anche Falco Notturno.

      Elimina
    5. Scavezzacollo e Caprimulgo sembrano Supergiovane e Catoblepa :D
      Comunque spesso Leo Ortolani fa questo tipo di ironia: quando Rat-man ha a che fare con i supereroi "seri", spesso sono ispirati ad eroi Marvel o DC e hanno il loro nome tradotto in italiano, che li rende ridicoli in tempo zero.

      Elimina
    6. Supergiovane e Cariblepa sarebbero andati anche bene per un fumetto della Editoriale Corno. Ricordo a chi è un nativo digitale che i lettori della mia generazione sono stati i primi italiani a leggere di come Loki ha trasformato un ergastolano nomato Crusher Creel nel terribile...Uomo Assorbente.
      Supes almeno può contare su di un meno imbarazzante Parassita.

      Elimina
    7. Vogliamo ricordare Occhio di Bue? ROTFL

      Elimina
    8. Impossibile dimenticarlo. Naturalmente anche Centro Perfetto avrebbe le sue brave contro indicazioni. Immagino sia la ragione per cui dal momento in cui Star Comics ha cominciato a proporre lo Scavezzacollo di Miller e Janson, il personaggio è stato chiamato Bullseye.
      Hitman invece è per tutti i suoi fans " solo " Tommy Monaghan.

      Elimina
    9. Quando si è fighi basta il proprio nome :D

      Elimina
  5. Ah, quindi Virtue esiste ancora? L'avevo proprio rimossa quella storia su Marvel Knights.

    RispondiElimina
  6. Altri della Casa delle Idee non me ne vengono in mente. Ma, OT in quanto non è Marvel, un bel clone dell'Uomo d'Acciaio ("chi? Menofstìl" cit.) per me è stato sempre Samaritan di Astro City.
    Serie che mi è sempre piaciuta.
    L'hai letta Doc?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Potrei anche tipo offendermi :)
      Alcune delle storie di Astro City sono tra le più belle che abbia mai letto. Uscendo da casa Marvel di Superman cloni ce ne sono un frappilione, da Supreme a Mr. Majestic... e a Icon 1 :D Ma di quello magari ci occupiamo in un altro post, dopo i Batman Marvel.

      Elimina
    2. :D lo immaginavo, infatti era un po' una domanda retorica.
      Alcune storie di Astro City, come Vita Nella Grande Città, me le leggo periodicamente (come in questo periodo, per quello l'ho buttata lì).
      Anche in quel mondo, pseudo cloni a go-go, come Silver Agent, Il Confessore, e la Prima Famiglia. Ma tutto materiale di ottimo livello.
      Spero che un giorno dedicherai alla serie uno dei tuoi fantastici post, se lo merita : )

      Elimina
    3. Definire cloni quelli di Astro City è fuorviante (per chi non conosce il fumetto).
      L'idea è la relaborazione in una delle possibili varianti "moderne" si classici stilemi supereroistici e i personaggi volutamente sono la versione "Astro City" di famosi canoni delle 2 major.
      Metterei più tra i cloni invece diversi di questi Marvel, ad iniziare da Gladiatore e tutta la guardia Shiar, perchè sarà anche nata come "omaggio" alla Legione DC ma un omaggio deve essere "singolo" se si trasforma in elemento ripetuto diventa un'altra cosa.

      Elimina
  7. Su alcuni nomi l'accostamento a Supes mi pare molto forzato, ma tant'è, ma bobbè! La parentela tra Superman e Gladiatore era invece dichiarata fin dalle origini, visto che la Guardia Imperiale era un omaggio alla Legione dei Super-Eroi, e Kallark vi ricopriva il ruolo di Superboy (all'epoca pre-Crisis ispiratore e membro della Legione). Doc, non è un eroe, ma Nefaria nella versione potenziata, quello delle famose risse contro i Vendicatori, ce lo vogliamo mettere?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fra l'altro il nome Gladiator non è proprio peregrino... Gladiator è il romanzo del 1930 che si dice abbia ispirato in parte Siegel e Shuster.

      Elimina
  8. Oh, cacchio, ho dimenticato Solarman. Ora lo aggiungo.

    RispondiElimina
  9. Il Prime della Malibu - consgiglio i primi dodici/tredici numeri ed un annual perchè disegnati da Norm Breyfogle ( tanta salute, Norm spero davvero che ti stia riprendendo ) - è l'idea del Capitan Marvel della Fawcett in combo con il film Big con Tom Hanks.
    Il Grande Formaggione Rosso non è un clone di Supes. A prescindere da quanto possa asserire un tribunale. Il Sentry della Marvel è un omaggio telefonatissimo al Marvelman/Miracleman di Alan Moore. Con il freno tirato perchè Paul Jenkins non supera mai le velocità consigliate. Lettura comunque interessante. Non so cosa assumesse Gerber - ed il mio corpo è un tempio come diceva il John Cazale di Un Pomeriggio di un Giorno da Cani - ma nei seventies era davvero una brezza di novità e spiccava se paragonato ai corretti, spesso interessanti, ma sempre nel solco di Lee , Roy Thomas e Gerry Comway, tanto x fare un paio di nomi.
    Anche l'effimero Capitan Ultra - vola ed è parecchio forte, ma sviene in presenza di fumo e fuoco - è una garbata parodia di Supes ( FF dei seventies: i Terribili Quattro ( in quel momento in tre ) prendono possesso del Baxter Bldg e fanno le audizioni x un quarto elemento : tra i candidati anche Texas Twister e Tigra, ma solo x liberare i Fab Four ndr ).
    Se non ricordo male, anche una delle 4 identità di Spidey assunta in un ciclo di fine anni novanta era un omaggio a Supes . Le 4 identità ( ricordo un Prodigy ed un Ricochet ) sono poi diventate 4 supereroi x una ongoing effimera. Il Marvel Boy/Vance Astro ed il Nova del MC2 hanno qualcosa di Kal-El.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. MA perchè lo associano al formaggio? Sarà magari uno dei loro bizzarri modi di dire, ma non l'ho mi capito

      Elimina
  10. L'orrido Prime della maledetta Ultraforce conta buono. Doc?
    Ok che erano Malibu Comics, ma Marvel se li accaparrò, in seguito.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, vale. Vedi risposta al secondo commento.

      Elimina
    2. Sì, sorry. Mentre leggevo e commentavo mi ero perso i millemila altri commenti!

      Elimina
  11. Ma Thor non nasceva come il Superman della Marvel?
    Se non va bene, c'è il capo degli Eterni: Ikaris.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io ho pensato subito a Thor ma mi chiedevo se potesse andare bene come gemello illegittimo, ci metterei pure Hulk allacciandomi al fatto che anche Supes inizialmente facesse salti di chilometri e a forza stiamo là, magari Hulk vincerebbe per qualche papagna in più giusto se si arrabbiasse che il Kriptoniano gli offende la mamma.

      Elimina
    2. Buona osservazione.

      In fondo, gli Asgardiani alla fine sono alieni visti come dei. Anche Superman, specialmente nelle ultime incarnazioni cinematografiche, è visto come un dio.

      Anche i colori ufficiali ci sono.

      Sui poteri potremmo dire nì, in quanto alcuni dei poteri più super di Thor sono legati al suo martello. Però secondo me ci sta.

      Elimina
    3. Beh, Ikaris ci sta e anche molto! ;)

      Elimina
  12. Sentry, sentry... poveraccio fine indegna. Ma da quel che ho capito gli autori Marvel lo diavano, troppo complicato da gestire, troppo potente... Sono stati ben felici di farlo schiattare in Assedio ho ideaXD Peccato che si sia portato dietro anche Ares.

    Ora che ci penso Doc, ma una bella serie di post sulle divinità Marvel, anche? Tutti conoscono Thor, Odino e tutte le divinità asgardiane per il film, ma sarebbe bello far conoscere anche le loro controparti cartacee, gli dei greci, i tipi cosmici...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. diciamo che dopo l'ennesima ret-con sulla sua natura anche i lettori condividevano l'odio.

      Elimina
  13. Faranno mai un film su Sentry? Io lo aspetto da anni... però alla regia (viste le tematiche) ci vorrebbe Aronofsky o Lynch magari e sarebbe vietatissimo ai minori...

    RispondiElimina
  14. A mio parere l'unico vero Superman della Marvel doveva, nei piani, essere Sentry.

    Praticamente all'inizio era decisamente un Superman con super-problemi, icona e campione del Bene quanto l'omologo DC ma con un lato oscuro per mettergli un super-problema in stile Marvel. Tanto più che tutta la storia dell'eroe dimenticato pareva essere un modo per dargli un "lignaggio" pari a quello di Superman.

    Poi dopo un ottimo inizio ha sbandato fatalmente durante Dark Reign e Assedio, tanto da doverlo uccidere e rimuoverlo dall'universo Marvel.

    RispondiElimina
  15. Che poi Remender lo ripescò per Uncanny Avengers come Cavaliere della Morte e attualmente è in giro per il cosmo.

    Spero venga ripreso, mi è sempre piaciuto (soprattutto nelle sue mini e nei Dark Avengers)

    RispondiElimina
  16. E sono quasi tutti più interessanti di Superman!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pur essendo un Marvelzombie dicoti no.

      Elimina
  17. Solo a livello di poteri Capitan ### di Nextwave potrebbe rientrare nella lista?
    E mi pare di aver letto di un tizio che otteneva i poteri da un alieno dopo essersi sottoposto a una seduta di ipnosi per smettere di fumare...

    RispondiElimina
  18. Grazie Doc. Figurati che stavo per chiedertelo un post simile.

    RispondiElimina
  19. Sith Lord 1381 luglio 2016 13:13

    Esco un secondo e mi si scusi,a queste coordinate ho detto già altre volte che sono un fumettista e conosco solo i supereroi stranoti.
    Grazie al Doc sto imparando che i vari autori ne hanno inventati davvero a camionate e mi rendo conto che molti sono degli scappati di casa.. :-)

    RispondiElimina
  20. Sith Lord 1381 luglio 2016 13:36

    Come ho gai detto altre volte a queste coordinate non sono un fumettista e di supereroi conosco solo quelli stranoti,ma grazie al Doc ho imparato che i veri autori ne hanno creati a camionate,a molti sono dei veri scappati di casa...

    RispondiElimina
  21. Pronti alla bomba? Il mantello di Superman appare senza ombra di dubbio in un fumetto Marvel. Parlo della storia dal titolo LA GUERRA DEL DESTINO, 11 numero delle miniserie AVENGERS FOREVER, da noi su THOR 14 del maggio 2000.
    Nella vignetta in oggetto il figlio di Marvel (ma guarda un po' com'è piccolo il mondo) si trasforma nella sua controparte umana Rick Honda che indossa per l'appunto il mantello di Superman come fosse una toga. Vedere per credere.

    RispondiElimina
  22. Bella Doc. Se fai lo stesso articolo x batman, autorizzato a prendere materiale dalla mia pagina http://zonafumetto.blogspot.it/2016/02/batman-clones.html?m=1, queste contaminazioni intrippano molto anche me

    RispondiElimina
  23. Anche per i supergruppi se ti va di dare un occhiata: http://zonafumetto.blogspot.it/2016/02/supergruppi-clonati-scippati.html?m=1

    RispondiElimina
  24. Penso che l'Amazing Man della fu Centaur Comics, poi ripreso dalla Malibu, poi credo passato proprio alla Marvel, sia molto simile a Superman anche un po come concetto (l'ho già scritto ma lo ribadisco):

    https://en.wikipedia.org/wiki/Amazing-Man_(Centaur_Publications)

    Si, si, vale.

    Nota: Omega lo sconosciuto compare sulla miniserie "Crisi Finale" della DC comics e fa parte dell'"Armata dei Supermen di tutto il Multiverso", si intravede in una vignetta collettiva di tutti i supecosi. Perchè la DC abbia deciso di inserire proprio Omega rispetto ad altri soggetti più indicati (vedi Hyperion) non è dato saperlo, però compare..^_^

    RispondiElimina
  25. Io pensavo che si fossero limitati a Captain Marvel ed Hyperion...

    RispondiElimina
  26. Così per fare due chiacchiere, Mar-vell all'esordio tentava almeno di confondere le acque vestendo un costume stile Avellino in trasferta con pianeta anello sul petto. Un po' pezzente a mio avviso. In effetti col cambio di costruire ci fu anche un cambio di registro nelle storie.

    RispondiElimina
  27. Così per fare due chiacchiere, Mar-vell all'esordio tentava almeno di confondere le acque vestendo un costume stile Avellino in trasferta con pianeta anello sul petto. Un po' pezzente a mio avviso. In effetti col cambio di costruire ci fu anche un cambio di registro nelle storie.

    RispondiElimina
  28. Bel listone per iniziare bene il mese.
    A proposito di Capitan Marvel vedrei altrettanto bene il parallelismo con l'omonimo DC se si considera l'eroe adulto che diventa il rEgazzino Rick Jones (e sulla carriera da sidekick di RJ ne potrebbe venire fuori un'altro di listone ma non divaghiamo) .

    RispondiElimina
  29. ci sarebbe anche KalAOL il protagonista di Marville, fumetto che inizia come una parodia della serie tv Smalville e che diventa un delirio creazionista in cui Wolverine è il primo essere umano, probabilmente la peggior serie Marvel di sempre.
    volevo aggiungere che il Gladiatore è basato sul Superman della legione dei supereroi, squadra ispiratrice della guardia imperiale shi'ar.

    RispondiElimina
  30. Grazie mille per un listone Giordano da Cultura. Alcuni non li conoscevo, tipo Solarman.
    Avendo letto Supreme Power di Stracchino (cosa ne pensi Doc?) conoscevo Hyperion, ma mai a pensare che c'è ne fosse un fottio.
    Della mini di Sentry mi ricordo la battuta di Void: è proprio vero che le Magic sono il Male.

    RispondiElimina
  31. Grazie mille per un listone Giordano da Cultura. Alcuni non li conoscevo, tipo Solarman.
    Avendo letto Supreme Power di Stracchino (cosa ne pensi Doc?) conoscevo Hyperion, ma mai a pensare che c'è ne fosse un fottio.
    Della mini di Sentry mi ricordo la battuta di Void: è proprio vero che le Magic sono il Male.

    RispondiElimina
  32. Doc mi sei caduto: fra tutti i cloni di superman giranti nell'universo Marvel hai dimenticato il più mimmo di tutti.
    Stò parlando del mitico Capitan Ultra, il super uomo che ha paura del fuoco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Così descritto sembra più la copia di Martian manhunter

      Elimina
    2. Non so. ho sempre pensato che fosse la presa per il culo a superman della Marvel

      Elimina
    3. Non so. ho sempre pensato che fosse la presa per il culo a superman della Marvel

      Elimina
  33. Effettivamente il Superman Marvel "più Superman" di tutti è Hyperion. Però quello più interessante come narrativa è Sentry, con tutto il discorso della schizofrenia e della sua nemesi, The Void.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo (più che altro sono i due che conosco di più). Sentry era interessante ma un po' mimmo nella genesi (era il più forte degli eroi ma tutti se ne sono dimenticati grazie a una sua decisione), e talmente potente da essere difficile da gestire (anche se questo potrebbe valere anche per Hulk e diversi personaggi cosmici).

      Elimina
  34. Non è della Marvel, ma anche Goku è la versione giapponese di Suppaman...

    RispondiElimina
  35. Solarman ricorda anche l'uomo nucleare del film Superman IV, uscito nel 1987.

    Doc, ma dei film di superman con Christopher Reeve ne hai mai parlato in modo approfondito?

    Anche i film dell'Uomo Ragno di fine anni 70, tratti dalla serie televisiva, meriterebbero risate

    RispondiElimina
  36. valgono pure i cattivi? io ricordo il Crociato che prendeva i poteri dalla luce del sole e poi si menava con i FF

    RispondiElimina
  37. Aggiungerei Fight-Man di Evan Dorkin, apparso su Fight-Man n. 1 del 1993 e poi su Agent X nel 2003.

    http://marvel.wikia.com/wiki/Frank_Bigelow_%28Earth-616%29

    RispondiElimina
  38. Mi associo alla segnalazione di Prodigy.

    E poi (anzi, prima) faccio i dovuti complimenti (ho esaurito il modo di dirlo, sei sempre eccezionale)

    RispondiElimina
  39. A livello di poteri (volo, superforza, invulnerabilità) ci sarebbero anche da citare Drax il Distruttore nella sua versione anni '70 (oggi in pianta stabile nei Guardiani della Galassia benché depotenziato) e lo Starbrand del NewUniverse (serie che ricordo con piacere; peccato sia poi arrivato John Byrne a mandare in vacca tutto quanto).

    RispondiElimina

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.

Related Posts with Thumbnails