lunedì 20 giugno 2016

57

Outcast, Preacher e il finale di Gomorra Stagione 2

Outcast 1x01 1x02
Oggi nel Circolino dei Telefilm si parla dei primi due episodi di Outcast (sui tre usciti finora), di come sta andando con Preacher dopo la puntata pilota (di cui si diceva qui) e di com'è stata la seconda stagione di Gomorra, ora che sei riuscito finalmente ad arrivare in fondo. Niente spoiler sulle prime due, mentre con Gomorra scenderai un po' più nello specifico, ma con spoiler alert e tutto, tranzilli [...]
OUTCAST S01E01 e S01E02
Nuova serie tratta da un altro fumetto scritto da Ciccio Kirkman e disegnato da Paul Azaceta. E ti fa una certa impressione pensare che tutto sia nato dalle tavole di quel ragazzotto mansueto con cui ti sei ritrovato gomito a gomito diverse volte allo stand Salda, durante l'ultima Lucca. Stai seguendo il fumetto nella versione in bianco e nero da edicola e ti piace molto. Con l'eccezione forse degli ultimi due numeri, dove la storia ha iniziato ad incartarsi un po' su se stessa, ti garba soprattutto il fatto che sia sufficientemente inquietante. Una storia di esorcismi che devasta le famiglie di una piccola comunità, con esiti parecchio disturbanti su una scala da zero a Pazuzu.
Ora, il primo episodio di Outcast, la serie TV prodotta da Cinemax e in onda da noi su Fox, ti ha colpito per due ragioni. La prima è che il protagonista, Kyle Barnes, è interpretato chiaramente dal cugino americano di Alessandro Cattelan, Patrick Fugit (oh, son passati già SEDICI anni dal Quasi famosi / Almost Famous di Cameron Crowe, chiribbio). . La seconda è che l'episodio pilota era una sorta di copia uno a uno dell'inizio del fumetto, con interi dialoghi riproposti così com'erano su carta. Il che comportava il solito vantaggio / svantaggio di accattivarsi i fan fondamentalisti del fumetto e di non presentare nulla che questi non conoscessero già. Cioè, tranne una rossa rompicoglioni nei panni della sorellastra di Kyle, Megan (Wrenn Schmidt).
Dal secondo episodio, però, la storia prende una piega un minimo diversa (il che è probabilmente un bene), ma allo stesso tempo cala troppo presto le sue carte. Uno dei segreti del fumetto è stato quello di costruire il quadro generale un pezzettino alla volta, farti capire solo dopo qualche numero cosa sia successo esattamente alla famiglia di Kyle, perché i rapporti con l'ex moglie o il cognato siano così tesi, eccetera. Qui invece, arrivati a metà della seconda puntata, si sa già tutto. Tornando al casting, buona la scelta di Philip Glenister per il reverendo Anderson, SUPERROTFLCOPTER quella di Brent Spiner per "l'uomo col cappello". Un personaggio che dovrebbe farti ghiacciare il sangue nelle vene solo a guardarlo... e ci mettete Data di Star Trek: The Next Generation? E su, e dai.
PREACHER S01E02 e S01E03
Quella cosa che avevi letto da qualche parte, il fatto che l'intera prima stagione del Preacher della AMC ruotasse tutta attorno alla parrocchia di Jesse Custer, fregandosene dalla struttura da road movie del fumetto, beh, sembra vera. Finora la serie è stata godibile, ma non sai quante altre puntate identiche sarai in grado di tollerare prima che si arrivi alla resa dei conti dell'echeduemaroni. Tanto più che la tizia che fa Tulip (Ruth Negga) non la reggi dai tempi in cui seguivi ancora Agents of P.I.P.P.E. Il Cassidy di Joseph Gilgun resta in compenso una delle cose più divertenti di tutta la baracca, ma vedi in crescita anche l'Odin Quinncannon interpretato da Rorschach (Jackie Earle Haley). 
Ah, l'apparizione di chi-sappiamo all'inizio del secondo episodio vale da sola il prezzo della corsa.
GOMORRA, IL FINALE DELLA SECONDA STAGIONE
[Spoilerazzi alert, occhio]
[ROVINATOREEEE]
[SPOILEEEEER]
...
...
...
Con una maratona di cinque puntate di fila, venerdì sera, sei finalmente arrivato alla fine della seconda stagione di Gomorra (delle prime due puntate hai scritto qui). Una seconda stagione che hai trovato nel complesso ottima, godibile in ogni puntata, anche se priva di sorprese. Tolta la morte di Conte, che non ti aspettavi (almeno non così presto), il tutto si è incanalato verso l'inevitabile scontro finale tra Genny e suo padre. Abbiamo assistito alla disumanizzazione definitiva di Ciro Di Marzio, che arriva a strangolare la moglie pur di tenere in piedi il suo circo, e che solo dopo l'ennesima vittima si rende conto di avere una coscienza troppo pesante e non ammazza più. Cioè, tranne quando deve sparare in testa alla persona più importante per chiudere i conti. Nello sforzo di Sollima, Saviano e gli altri autori di far di tutto per non trasformarlo in un antieroe, mancava solo gli chiedessero di dar fuoco a Babbo Natale, dopo averlo costretto a mangiare le sue renne. Vive.
Non sono personaggi a cui affezionarsi, ti ricordano a ogni istante, non sono i delinquenti tamarri per cui fare il tifo come in Romanzo Criminale. Sono assassini, tagliagole, capaci di sparare a una bambina (ma dopo aver baciato il crocifisso, eh, mi raccomando) e di vendersi e di rivendersi per una piazza di spaccio in più. Perfino quelli che sembrano i più solari, in un quadro di belve notturne, sono pur sempre animali dello stesso branco. Il Principe, per dire, sotto la sua apparente filantropia e pacatezza d'animo, è comunque un tizio che campa vendendo morte da iniettarsi o tirar su per il naso, con una pantera nera come animale domestico. L'Alleanza e le sue guerre interne dopo la "spintarella" di Pietro Savastano è il protagonista dai tanti volti di questa seconda stagione, che per intere puntate può fare a meno di Ciro, Genny o Savastano Sr. L'unico problema è che, dicevi, è tutto molto prevedibile, soprattutto perché si segue il caro, vecchio schema da telefilm crime per cui se un tizio ha troppo spazio in un episodio, nove volte su dieci non arriverà ai titoli di coda con i suoi piedi. 
Però è un quadro che resta affascinante, scritto e girato bene, in cui emergono personaggi nuovi e interessanti come Scianel (quella povera stella della nuora...). E alla fine, su tutto e tutti, vince Genny. Si è tenuto lontano dalla "macelleria" di Secondigliano, continuando a gestire da fuori sede il suo business da narcotrafficante, si è accasato, si è tolto dalle palle il suocero, ha fatto capire per conto terzi al padre di averne le scatole piene delle sue pose da guappo con la voce sforzona. Il finale, con il colpo di genio di sfruttare proprio Ciro, il tizio che ha provato ad accopparlo, per chiudere le beghe di famiglia, completa il cerchio. Finale prevedibile, ok, ma chi se ne frega, gran bel finale. I dubbi più che altro riguardano ora quello che verrà dopo. Ci sarà una terza serie e si parla già anche di una quarta, ma senza Sollima, leggevi (e già questo). E su chi e cosa costruirla, una terza serie, se non c'è rimasto praticamente quasi nessuno? Gente nuova? Nuovi nemici? Patrizia capoclan, dopo esser stata la reginetta di Baia Domizia? Boh. Premio interpretazione per questa stagione 2, intanto, a Mico, lo ndranghetista del secondo episodio. Quel "minchiaccchibbbotta!" quando prova il lanciarazzi è da Oscar, pochi razzi (appunto).

Bene, wild boys and girls, apriamo il Circolino. Quali serie state seguendo? Come vanno? Niente spoiler su nulla, ma se dovete, usate il tag [ROVINATORE] a inizio commento, lasciando un paio di righe vuote sotto prima di iniziare a scrivere. Chi non rispetta le regole arriva Mico e ci dice "Cuuculuruttuesenzacirase".

57 commenti:

  1. Nel leggere che una serie chiamata "Outcast" ha un protagonista che di nome fa "Kyle", mi vien da domandarmi se gli autori abbiano voluto omaggiare il personaggio di Kyle Katarn dell'universo espanso di Star Wars (protagonista del gioco "Jedi Knight 2: Jedi Outcast"), che fra l'altro da questo paio di screenshot mi sembra quasi assomigliargli un po'...
    Dove sono Roberto Gacobbo e Adam Kadmon quando servono?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che giocone, che ricordi... lacrime napulitante...

      Elimina
  2. "chiribbio" e' una citazione colta, vero?

    RispondiElimina
  3. Ho un interesse minimo per Outcast ma per le altre due serie, visti i problemi di tempo e linguistici, passo.

    Unica serie che seguo più o meno in pari è The Black List che è finita da qualche settimana. Onestamente gli episodi che dovrebbero fare da traino al probabile spin-off e il finale non mi hanno convinto. L'altra serie che seguo è Agent PIPPE che ho solo registrato gli episodi e quando mi garba me li guarderò.

    Su Netflix ho provato a guardare il primo episodio di Penny Dreadful ma come per altre serie devo aspettare che le donne di casa siano occupate a fare altro.
    Intanto aspetto i nuovi episodi di Marco Polo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. avviso per penny dreadful, ci mette davvero un bel po a carburare e quando lo fa....è finita :D

      Un po come Eva Green che sembra per un bel pò che non si spogli...ma poi :D :D :D

      Elimina
    2. Con la prima frase mi hai scoraggiato ma con la seconda mi hai convinto ad andare avanti.

      In pausa pranzo la bimba dormiva e ho visto la senconda puntata. Proseguendo alcuni personaggi sono interessanti mentre altri molto meno. A me la Londra vittoriana piace, speriamo che la baracca stia in piedi.

      Elimina
  4. Gomorra, lo trovavo sopravvalutato alla fine della prima stagione e ancora di più ora.
    Fosse una serie USA la staremmo demolendo.
    IMHO.

    RispondiElimina
  5. Doc, pensieri finali su "Mr.Robot"? Io l'ho divorata e non vedo l'ora che parta la seconda stagione, anche se sul finire della prima penso che sia un po' andata a perdersi la carica narrativa che aveva l'inizio della storia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bellubellu, ma doveva finire una puntata prima. L'ultima era solo un trailerone per la stagione 2, discreto letdown dopo la scimmia fatta montare nell'episodio precedente.

      Elimina
    2. però stagione 2...[spoiler] risolto il discorso alla fight club siamo sicuri ci sia ancora da dire qualcosa?

      Elimina
  6. Come rovinare una serie horror? Inserendo le sotto-trame della sorella cretina. Con il terzo ep. ho mollato Outcast.

    Su Preacher spero ancora ma niente ancora che regali le atmosfere del fumetto.

    Gomorra mi è piaciuto ma secondo me si è avviluppato troppo su se stessa co sta storia della guerra. Nella prima serie mi era piaciuta la scelta di qualche episodio tematico, tipo quella sugli africani, che sono mancati in questa seconda stagione.

    PS Sicuramente Don Pietro in love ascoltava Tony e pensava a lei...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Facendo i tuffi a cufaniello sul letto.

      Elimina
  7. io ho appena finito di vedere TWD. Doc ma cosa ne pensi della parte finale? l'hai vista? Quanto ti fa ridere Carol con i suoi dubbi?
    per adesso in una botta di masochismo sono passato all'accoppiata Flash/Arrow. Appena finisco queste due mi dedico a Breaking Bad stag. 4 e Ray Donovan stag 2.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho visto solo quello, letteralmente: nel senso che sono saltato all'ultimo episodio per vedere Negan in azione.
      Finalone superparaculo, curiosità in me di vedere come continua: un po' meno di zero.

      Elimina
  8. Mia madre mi ha obbligato avedere Gomorra perchè Ciro è troppo figo. Mi ha suggerito di rasarmi a zero, lampadarmi e mi chiama o'ngigniere. Prima quando guardava game of thrones continuava a suggerirmi di fare fuori Emanuele Fliberto di Savoia e mi regalava i guanti uno alla volta.
    Comunque ora che ho fatto l' orecchio alla vulgata paleolitica dei personaggi, ci ho preso gusto e devo dire che ho rovesciato completamente le mie opinioni, anzi senza questo gergo gutturale da nehandertal... la serie non sarebbe così figa. Anche se a dire il vero quando sento parlare i napoleani tra loro non mi pare parlino così.
    Veramente tanto di cappello agli attori e al regista , una serie meravogliosa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "gergo gutturale da Neanderthal???"
      ma davvero dici? E' un dialetto con una sua dignità ed è conosciuto in tutto il mondo, grazie alla canzone napoletana (i primi conservatori musicali nacquero a Napoli, capitale dell'Opera italiana con la scuola napoletana)

      Elimina
    2. https://it.wikipedia.org/wiki/Scuola_musicale_napoletana

      Elimina
  9. Io ho appena finito di vedere la terza stagione di Agents of S.H.I.E.L.D. - non sono un esperto Marvel da poter cogliere tutte le numerose citazioni, ma al di là di questo è una serie che si regge benissimo da sola e (cosa rara) migliora ogni stagione. La cosa che mi piace di più è che succedono moltissime cose e tutte si risolvono nel giro di 2/3 episodi in maniera molto coerente con la trama orizzontale ed anche con ottimi colpi di scena quasi mai telefonati. Anche questa stagione si chiude con un ribaltamento che fa da preludio per la prossima. Good.
    Di Outcast ho visto il primo e mi intriga abbastanza, recupererò a breve sull on-demand

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a me gli scudieri continuano a piacere molto. Mi è spiaciuto parecchio quando SPOILER ROVINATORE hanno fatto uscire Bobbi (soprattutto :-)) e Hunter, oltretutto per uno spin off che è stato annullato. Spero rientrino nella quarta, in cui le dinamiche dovrebbero cambiare abbastanza

      Elimina
  10. Delle tre recensite seguo solo Preacher. Outcast non era ancora sotto il mio radar e Gomorra è una di quelle serie che rientra in un filone a me non troppo congeniale.

    Tornando al pretonzolotrallalero tiro un sospiro di sollievo che come al solito pensavo di essere il classico vecchietto sdentato che alzando il pugno manifestava tutto il suo disappunto con i suoi:"Ai tempi miei! Quando c'era lui!..."
    Comunque, Tulip da punto interrogativo si sta avviando verso il disappunto manifesto. Ho cercato di darmi spiegazioni valide tipo che magari Ruttina è più in linea con il vibe della serie però non prendiamoci per il coolo lei non è LA Tulip del fumetto e non è questione di permanente. A volte mi sembra che fra lei e Jesse si siano invertiti un po' i ruoli, troppo dominante.

    Ho visto il primo episodio di Talking Preacher e a detta di Seth Rogen sarebbe stato troppo complicato produrre una serie on the road, ma anche on the planet come quella del fumetto. A tal proposito mi chiedo dove vada a parare la serie soprattutto raffrontandola al fumetto e all'evento che ha portato i nostri gioviali vagabondi a spasso per gli US.

    Questo Quincannon ti piace? Anche l'interfono mi sembrata una storpiatura.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il problema è proprio quello. Se togli il motivo per cui Jesse si mette in marcia nel fumetto... beh, togli uno degli elementi più forti (in tutti i sensi) della sua storia. Boh. Poi può uscirne pure una serie godibile, ma sarà un'altra roba.

      Elimina
  11. Gran seconda stagione Gomorra, ideale prosecuzione della seconda. Prende quanto di buono c'era nella prima stagione e lo accresce (vedi l'assalto degli ex soldatini di Genny nello stabile, una scena pazzesca che molti film italiani si sognano). Mi è piaciuta soprattutto la continuità anche nella scrittura e nella crescita dei personaggi già conosciuti, e nell'introduzione dei personaggi nuovi (tutti interessanti, tutti ben scritti).
    Ora che fare? io chiuderei questo capitolo Savastano e farei come the wire, una nuova stagione su aspetti "diversi" con altri personaggi e magari qualcuno in comune per fare da raccordo.

    RispondiElimina
  12. Io sono bloccato alla sesta puntata della prima stagione di Better Call Saul, causa esami dell'amico con cui la guardo. Comunque per ora gran bella serie, ha momenti tosti alla BrBa ma anche molte parti più divertenti e leggere, inoltre vedere i personaggi di BrBa in ruoli tanto diversi è bello (soprattutto Mike!).
    Doc, un chiarimento: il Circolino si occupa di serie in senso ampio (anche anime) o solo di telefilm in senso stretto (con attori veri)?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho visto l'ultimo episodio della seconda stagione ieri sera, bella serie ma a mio avviso non si avvicina minimamente a BB. La struttura portante della serie sono gli attori, davvero bravi nel caratterizzare i personaggi, ovviamente Bob Odenkirk in primis, ma la trama da un certo punto in poi diventa troppo introspettiva, troppo incentrata sui dilemmi esistenziali di Saul/Jimmy, sul suo essere una brava persona ma incapace di fare la cosa giusta, e in più di un'occasione parte lo sbadiglio. Serie godibile sicuramente, ma BB è un'altra cosa. Alcune scene e alcuni dialoghi sono geniali, ma è il "pacchetto" nel suo insieme che manca di qualcosa.

      Elimina
    2. Concordo, per quello la prima stagione era piaciuta di più...

      Elimina
    3. Ecco, avevo proprio paura di un futuro eccessivo focus sui "dilemmi esistenziali" di Saul... Riguardo i personaggi, mi ero dimenticato di dire che, guardandola in italiano, mi è dispiaciuto il cambio di doppiatore per Saul (ok, era inevitabile, ma forse potevano scegliere un sostituto più adatto).

      Elimina
    4. Se puoi vedilo in lingua originale sottotitolato. La parlantina di Saul ma soprattutto la voce di Mike quando è scoglionato, sono ineguagliabili... ;)

      Elimina
    5. Grazie del consiglio. Se la serie mi piacerà, facile che me la riguardi in lingua originale prima o poi (ché ho molte altre serie in lista d'attesa)

      Elimina
  13. Di Outcast sto leggendo il fumetto, e apprezzo molto il binomio perfetto fatto dallo stile di Azaceta e l'alone disturbante che permea la trama ideata da Kirkman. Un approccio al tema esorcismo/possessione in bilico tra classico e moderno, con i temi della provincia americana e del dramma familiare che ultimamente vanno per la maggiore. Ho visto anch'io i primi due episodi della serie, sui quali ho un giudizio contrastante: il primo è perfetto, proprio in quanto trasposizione 1:1 del comic. Il secondo episodio prende una strada diversa, e va bene, ma perde il ritmo e viene afflitto da un'eccessiva lentezza, intervallata solo dai flashback "salto sulla sedia", peraltro girati molto bene e con un filtro azzeccato. La comparsa dell'"uomo col cappello" è stata un pò mal gestita, nel senso che fa un'apparizione fugace in chiesa durante il sermone, e chi non ha letto il fumetto non coglie l'importanza di quella presenza durante quel discorso; andava evidenziata un pò di più... Sono curioso di vedere come si evolverà questa storia "alternativa". Da apprezzare il fatto che nel primo episodio abbiano mantenuto le percosse al bambino, una scena non facile da portare in tv. P.S.: bellissima la sigla.

    RispondiElimina
  14. ROVINATORE

    Doc, anche io nutro perplessità sulla terza stagione di Gomorra, ma la carneficina totale ha incredibilmente senso.
    Stiamo parlando di camorristi, di gente sempre in guerra, che non fa a tempo a calare il vertice che viene ammazzata.
    E l'unico che è sopravvissuto bene, è colui che è stato fuori da queste dinamiche, quello che alla fine di Secondigliano non se fotte un c***o (sarà vero?)
    Genny l'ho apprezzato tantissimo, dalla sua prima apparizione in Honduras, crudelissimo ma senza averne l'aspetto, ha mostrato una terza evoluzione del personaggio dopo le due della prima stagione.
    Apparentemente remissivo ma in realtà ben concentrato sui propri interessi, ha fregato chiunque lo volesse controllare in antitesi a quanto succedeva nella prima stagione.
    Cmq tra Malammore, Patrizia, Ciro, Genny e Scianel di storie per la terza stagione pure ne potrebbero uscire, ma le carneficine andrebbero ridotte.

    RispondiElimina
  15. Ciccio Martin? ;) Ciccio Kirkman! :D

    RispondiElimina
  16. A me la seconda stagione di Gomorra è piaciuta un po' meno della prima, ma rimane una bellissima serie.
    Di quelle ancora in corso, sto seguendo il Trono di Spade e Avengers Assemble. Per il resto, qualche recupero (in particolare, House of Cards).

    RispondiElimina
  17. Outcast dopo 3 episodi lo trovo lento in modo esasperante... Preache da appassionato del fumetto troppo statico e sta dando spazio a personaggi secondari tirandola troppo per le lunghe su cose pressochè inutili ai fini della trama generale (un sospiro di sollievo per l'incipit della seconda puntata), la seconda stagione di Gomorra mi ha deluso tantissimo: ormai quasi tutti gli attori parlano per frasi fatte e sembrano filosofi metropolitani; SPOILER!!! con la morte dei 2 personaggi meglio interpretati non so cosa rimane di quella ottima prima stagione (in definitiva molto meglio Romanzo criminale)...

    RispondiElimina
  18. Finito anche io Gomorra e

    [ROVINATORE]



    la morte di Don Pietro non mi lascia ben sperare per la prossima, nel senso che faccio anche io fatica a pensare a come faranno andare avanti la baracca senza IL personaggio. Cmq bella stagione, non come la prima, ma tutto sommato me la sono goduta.

    [FINE ROVINATORE]

    Sono alla quinta puntata di The Americans su Netflix. La consiglio, è un po' lenta, ma non noiosa, incentrata sulle vicissitudini di due spie sovietiche infiltrate negli USA di Regan. Ah e sono marito e moglie.

    RispondiElimina
  19. A proposito della scena riguardante l'assassinio della bambina in Gomorra, non ti dico cosa ha passato il buon Fabio De Caro (interprete di Malammore) sul suo profilo fb..... insulti a go go..... mah
    P.S storie di vita vissuta: la scena che apre l'ultima puntata della seconda stagione, quando i finti eletticisti accoppano dalla gru il figlio di Scianel, è stata girata giù da me.... sono partiti alle 17 per finire alle 3 di notte a mitragliare, mitragliare, mitragliare.... finché non è sceso un mio vicino (dai traacorsi poco casti) minacciando che avrebbe sparato veramente sulla troupe se non avessero smesso di rompere gli zebedei con il frastuono delle armi..... oh, tutto smontato in 10 min.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. OTTO ore per una scena di venti secondi? :O

      Elimina
  20. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
  21. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gli SPOILER, cacchiarola.
      Per piacere cancella il tuo commento e riscrivilo con il tag [SPOILER] in cima. Grazie.

      Elimina
    2. non posso eliminarlo io, non ho un account.

      Elimina
    3. Il commento di babil con [SPOILER]:


      Anch'io sono preoccupato per la terza stagione di Gomorra, secondo me si pentiranno di aver ucciso Conte che era un gran personaggio. Potevano parcheggiarlo da qualche parte come fatto con Chanel. In teoria ora Genny non dovrebbe avere rivali a meno che non vogliono promuovere Patrizia (seppur sia un buon personaggio) ad antagonista.

      Elimina
  22. Doc io ho iniziato a vedere the Man in the High Castle, ma l'hai poi finito? Le prime due puntate mi hanno scimmiato abbastanza (anche se le ucronie hanno gioco facile con me) ma già dalla seconda sembra che si vada rallentando un pò..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mollato a metà. Secondo me si perde per strada. Tanto.

      Elimina
  23. Preacher, che si aggira sul discreto, almeno per ora.

    RispondiElimina
  24. Per la critica sui finali a mo' di crime delle puntate di Gomorra, ti faccio un appunto, una mia impressione dettata anche da un qualche cosa che lessi un pochino di tempo fa. Il fatto che la puntata spesso giri interamente sul personaggio che farà una brutta fine nella stessa, penso non sia dovuta al fatto che così ti affezioni o altro, ma piuttosto per comprendere i perché si arrivi a quel punto in quegli ambienti. D'altronde era scontata la fine di un personaggio ad inizio episodio, ma lo era fin troppo esplicitamente. Questo secondo me solo per inquadrare perfettamente i motivi e le cause che portano a compiere tali efferati assassini in un mondo come quello camorristico. Noi non dobbiamo spaventarci per il colpo di scena, ma per quello che quelle persone fanno, e quindi in quale melma vanno a finire, senza più possibilità di uscita. Bellissima l'idea dell'amore, della famiglia, che tranne per il caso di Ciro e dei savastano, non compare in nessun altro personaggio: la moglie del nano esiste solo dal momento che decide di scappare. Cap'e bomba addirittura ha anche una figlia, ma si vede solo in un momento che è estraneo al contesto camorristico. Non dico che tutto è veritiero in Gomorra, ma il fine è quello di rappresentare le vite del mondo camorristico in un modo verosimile, e anche da questi piccoli dettagli si può capire che è una grande serie.
    Spero di essere stato chiaro 😁

    RispondiElimina
  25. Gomorra mi è piaciuto, anche se un po' mi aspettavo questa fine. Per quanto riguarda le cose nuove, ho re cuperato la serie tv di Hap e Leonard, che per me, fan di Lansdale, è molto godibile.

    RispondiElimina
  26. in pratica sto seguendo i tre super heores della CW e una tantum sto mettendomi in pari con TBBT...amen.
    Visto Mr Robot e Daredevil 2. Aspetto il resto Marvel di Netflix

    RispondiElimina
  27. [SPOILER]

    Scianèl l'ho odiata dalla prima all'ultima inquadratura.
    Troppo simile a troppe clienti che frequentano la mia farmacia (ma forse le clienti sono peggio).
    Il problema è che è uno dei pochi personaggi che non è morto, seppur mandato in carcere da Marinella (standing ovation), mi sa che corro il rischio di ritrovarmelo di nuovo davanti nella terza serie che, a quanto detto dallo stesso Sollima vedrà Patrizia contro Genny.

    RispondiElimina
  28. Outcast: ho visto il pilot e mi è piaciuto, le potenzialità per una storia interessante ci sono tutte, ma mi riservo di arrivare almeno a metà stagione per un giudizio più concreto.
    Gomorra: capolavoro, a mio avviso. Ottima prosecuzione della S1, leggermente prevedibile, sì, ma in ogni caso avvincente e girata in maniera superba. La scena di Malammore e la figlia di Ciro è stato un cazzotto in pieno volto, coraggiosa (penso che una cosa del genere non sia mai apparsa nella storia della TV italiana) che serve anche come deterrente per una mitizzazione dei personaggi. Non che ce ne fosse bisogno, ma sottolineare che questi sono bestie feroci senza un briciolo di anima rende il tutto molto più credibile.
    In questi giorni con la mia signora ci stiamo guardando Vikings, ottimo prodotto che però ha il difetto che aveva anche Spartacus, quando ti spogli davanti a lei, magari dopo aver visto un episodio, temi sempre che faccia il confronto con il Rollo o il Crisso di turno. A parte questo, serie molto bella, sia sotto il punto di vista della storia, che dei costumi, che dell'attinenza con la storia di quel periodo. Consigliatissima.

    RispondiElimina
  29. Il Doc cita anche Tony Tammaro.
    Questo blog scalcia culo over and over again.

    RispondiElimina
  30. Niente telefilm ancora per lo Zione, non si è trovato il tempo. E poi con itelefilm c'ho questa cosa che non riesco a stagli dietro, perdo le puntate, e poi la voglia di guardare quelle vecchie e poi di guardare la serie. Resiste solo il Trono di Spade perchè lentamente sono 2 stagioni indietro, lo seguo sulla RAI che non è estate e ciaone... T_T

    RispondiElimina
  31. Ammetto di essere rimasto un po' indietro con le serie tv. Devo ancora finire di vedere la quarta stagione della Signora in Giallo, mi raccomando niente spoiler...

    RispondiElimina
  32. due considerazioni su Gomorra. Ovviamente ATTENZIONE SPOILER!
    1) Non trovate anche voi che, per come è stato costruito il personaggio di Patrizia, e dopo che Ciro ha risparmiato lei ed il fratello, non sia coerente con la suddetta costruzione del personaggio la sua mancanza di reazioni di fronte all'uccisione della bambina?Cioè, l'unico problema con Don Pietro è la gelosia per il fantasma di Imma!
    2)Genny fa incastrare il suocero facendo arrestare lo sgherro idiota. Ma il suddetto sgherro non era andato in Venezuela dietro minaccia di morte se fosse rimasto? Che cacchio stava facendo in una baracca ad Ostia?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 1) Ancora troppo succube del potere di Don Pietro per dire qualcosa. Grazie a Dio ci sono ancora donne che non si permettono di comandarti per il solo fatto di fare sesso con te (P.s. Anche donna Imma non si permetteva di rispondere al marito).

      2- Si stava appunto preparando a partire.

      Elimina
  33. A me ha fatto spaccare il calabro quando ha detto 'l'aviti lassati curu culu ruttu e senza cirasi'

    RispondiElimina

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.

Related Posts with Thumbnails