martedì 16 dicembre 2014

87

Getter Robot, episodio 1 (La prima puntata non si scord… eh?!?)

Nuovo appuntamento con La prima puntata non si scord... eh?!?. Dopo Zambot 3, è ancora la volta di un robottone giapponese, il primo di quelli componibili come una cucina Ikea, Getter Robot (ゲッターロボ Gettā Robo). Cartone di Go Nagai del 1974, Getter Robot arrivò in Italia nel 1980 con il titolo di Space Robot e presentava come villanzoni dei dinosauri dalle facce ridicole. Ma mai quanto il solito scienziato a capo di una struttura scientifica piena di perditempo, certo [...]

È una giornata di sole come le altre, e alcuni ragazzi stanno giocando sul campo di pallone in alabastro della scuola.
Lui, il giuvinotto in maglia viola, è Giancarlo Antognoni Ryoma Nagare.
Ad assistere alla partita ci sono il solito bambino scassaminchia con gravi problemi di daltonismo, Genki, sua sorella Michiru, una ragazza con il cerchietto dell'Antro,
e l'austero professore con tuta e lupetto da esistenzialista.
Ryoma ci dà dentro, prendendo a calci il pallone e la fisica,
mentre i suoi compagni si prendono a capate per mai sanate vecchie ruggini di spogliatoio.
Ma a un certo punto, mentre galoppa sul campo di alabastro proiettato verso l'infinito, Ryoma si accorge di un ragazzo misterioso che suona benissimo l'armonica a bordo campo. Dalla gelosia, Ryoma manifesta l'inequivocabile sudata bukkake delle figure dimmerda.
È lui, Hayato Jin, grande bassista carismatico della serie. Molto schivo, anche per un bassista carismatico, su una scala da zero a Sono Joe il Condor e vi schifo tutti.
Con lo sguardo della cazzimma da pirletto rancoroso, Ryoma calcia con violenza un pallone verso Hayato.
Il professore/allenatore lo riprende muovendogli un appunto dal punto di vista prettamente tecnico. Oi' minghiù, la porta sta di là, se un ci vidi mindati nu paru d'occhiali, gli grida infatti nel giapponese stretto di Osaka.
Il pallone della vigliaccheria vola al rallentatore verso le spalle di Hayato, che continua a suonare l'armonica/mangiarsi le unghie.
Il dramma sembra dietro l'angolo, ma Hayato volteggia leggiadro nell'aere e rispedisce al volo il pallone al mittente:
il tiro è così pUtente da sfondare portiere,
rete, muro dell'istituto, mare, Asia, monti Urali e finire dalle parti di Lecce. Shingo Tamai scoppia a piangere e si chiude nel bagno della scuola dalla vergogna.
A vistu chi figurimmerda hai rimediato, minghiù?, commenta, sempre restando sul tecnico, l'allenatore. Nonostante sia fortissimo, Hayato non è voluto entrare nella squadra di calcio,
né tantomeno nella banda di omoni sudati di quella di judo, capeggiata da Musashi Tomoe, il cicciobombo simpa sbirulone della futura formazione di eroi.
Hayato e il suo ciuffo da mezzo chilo non hanno tempo per queste cose. Per dimostrare la sua superiorità, il ragazzo chiama i membri della squadra di judo Pippe, inutili incapaci, gente abbonata a Il Giornale.
Quelli vanno per menarlo, e fanno ovviamente la fine del pallone. Anche l'Uomo Tigre, da Tokyo, si sente improvvisamente molto triste.
Ma Musashi ci tiene a difendere l'onore dei suoi, così afferra Hayato e lo scaglia via. Hayato perde la croce d'oro che aveva al collo…
…e poi vola lontano, verso il trampolino laggiù, cinquanta metri più avanti, sicuro e felice come una testimonial degli assorbenti.
Michiru, la tizia col cerchietto, gli riporta la croce, ma quello manco la ringrazia, è un uomo di poche parole, e quelle poche parole sono in genere "Soocate" e "pezzenti". Il professore di educazione fisica/allenatore/personal trainer dice a Mikiru che deve tornare a casa, a far pratica con l'agganciamento del Getter. Che non è un robot da cucina, ma un robot e basta.
Musashi, segretamente innamorato di Michiru, scoppia a piangere come il grande imperatore dei servi della gleba imbracchiati.
Intanto, però, nel circolino di quelli scartati ai provini dei Masters, si stanno organizzando gli attacchi dei Mecha Saurus, nell'edizione italiana chiamati Megazaus per far rima con sbirignaus. Trattasi di feroci dinosauri-robot, al servizio del Regno dei Dinosauri. Il collaudo di queste bestie guerriere è stato affidato a un uomo di fiducia,
Gasparino faccia di cippa.
L'imperatore, con il suo copricapo a forma di fico appassito, è soddisfatto,
ché gli piace in particolar modo quel coso fucsia, lì, con le orecchie a trifoglio. L'invasione può avere inizio.
Dopo un breve spiegone su come i dinosauri, anziché estinguersi, si siano ritirati in villeggiatura sotto terra, fondando il Regno dei Dinosauri e raggiungendo un livello di tecnologia così elevato che loro la moviola in campo ce l'hanno da tre secoli,
i mostri vengono così sparati all'esterno. Ma lungo tre condotti separati, ordinatamente, senza creare code, ingorghi, inutili tamponamenti incularelli. Oh, so' tecnologicamente avanzati, mica tipo la Salerno-Reggio Calabria. Le invasioni intelligenti.
Il primo Megazaus distrugge una diga, facendo inondare la vallata sottostante. Il secondo Megazaus accappotta una petroliera e solleva il pelo, il terzo lo taglia alla radice con il suo carico di bombe.
Ma Gasparino riceve un segnale d'allarme sulla sua strumentazione scavata nella pietra comprata all'outlet dei Flintstone. C'è qualche posto in Giappone dove c'è troppo raggio Getta, e questo potrebbe essere un problema: i Megazaus sono allergici al raggio getta, poi ci viene l'eritema.
Intanto, Ryoma sta tornando al laboratorio del professor Saotome, il nonno di Ranma, a bordo del suo sidecar. Il posto accanto è occupato dalle figuredimmerda. Lungo il tragitto, però, vede sfrecciare in cielo Michiru a bordo di una navetta. Michiru!!!, le urla.
Sooca, pistola!, gli risponde lei.
Oltre a quella di Michiru, ci sono tre navette bianche in volo, e al laboratorio ognuna viene seguita su un monitor gigante dedicato da un tecnico apposito. Poi uno dice che in Giappone non c'è la disoccupazione.
Ryoma chiede al dottor Saotome (nell'edizione italiana Saotomé, per far rima con Consommè), uomo baffuto con una tenda a pois al posto della cravatta, zoccoletti giapponesi e pinocchietti bianchi da frequentatore del Billionaire, come funziona quel complesso. Ma va' caca, c'abbiamo da fare, gli risponde quello, sempre molto affabile.
Ma i macchinari del complesso ricevono un messaggio d'allarme! Cosa dice?, chiede il professore al suo tecnico con gli occhiali.
E io che ne so, qui ci sono solo sti cacchio di buchi!, risponde quello, assunto per uno scambio di favori. Dopo aver trovato non senza qualche difficoltà uno che non fosse lì dentro per raccomandazione e che quindi sapesse leggere quel messaggio, salta fuori che dei dinosauri mostruosi stanno seminando casini in giro per il Paese. Sì, vabbè - dice il professore - anche stica, ché loro c'hanno da testare l'agganciamento del Getter, non c'hanno mica tempo.
E infatti, sotto l'occhio vigile di Michiru, le tre navicelle si agganciano e formano il Getter Robot.
Va tutto bene, Professò?, chiedono dal robot. Manco per un c#zzo, risponde il professore, indispettito. Con un robot praticamente monocromatico col cacchio che vendiamo i pupazzetti.
Quelli intanto provano le configurazioni Getta 2 e Getta 3, ottenute agganciando in un ordine differente le tre navette, ma nessuno se li caga di pezza, forse perché accanto a un ALTRO figlio del professore, Tetsuto, gli altri due piloti si chiamano Cosolì e Placeholder.
Intanto il piccolo rompiballe Genki, figlio del professore e fratellino di Michiru, arriva di corsa e chiede al padre se non sia il caso di lanciare il VERO Getter Robot per fermare quei dinosauri che stanno distruggendo tutto, ma il professore si rabbuia in viso e gli risponde che il Getter è fatto per cose più serie, tipo vendere i pupazzetti, mica per combattere i mostri.
Senonché i tre ausiliari a bordo delle navette prototipo vengono aggrediti dal temibile Megazaus Saki, mostro con lo sbrilluccichio malvagio nell'occhio alla Di Marzio,
che li riduce in coriandoli. Nooooo!, urla il professore dal laboratorio. Non dovevate morire così!!! Il mio povero Tetsuto!!! E sì, anche voi ci mancherete tantissimo, tizi senza nome!!!
La navetta di Tetsuto precipita in fiamme per alcuni interminabili minuti,
e nessuno tira via suo fratello dallo schermo, per impedirgli quell'orrore. Ma professore, non sarebbe il caso di…?, azzarda uno dei raccomandati. Naaa, fa carattere, minimizza il luminare.
Anche Michiru, con la tutina zozza con i capezzoli disegnati e il cerchietto da battaglia rossonero, è sconvolta dall'accaduto e si sente venir meno:
lesto Ryoma ne approfitta per toccarci la mina. Ma quel mostro era un mega dinosauro?, si chiedono i nostri.
ESATTO!, risponde il capo dei nemici, ché essendo un mostro educato si è COLLEGATO IN DIRETTA per fare le presentazioni.
Interrompete subito il programma Getta! Sono l'imperatore del regno dei dinosauri e vi rumpimu 'u culu!, urla il villanzone ovviamente viola (anche lui originario di Osaka). Scusa, ma perché dovremmo farlo, se il vostro scopo è COMUNQUE quello di invaderci e distruggerci tutti?, ribatte il professore, poco convinto. Al che quello gli dice: ASBELAFI!
  Eh?
PUPPA! Uno a zero per noi rettili!
Visto che le trattative in collegamento audiovisivo non vanno a buon fine, l'imperatore ordina al mostro Saki di distruggere il laboratorio. Professore, si sta avvicinando!, urla uno dei tecnici. Quanto è distante?, chiede il professore. Non lo so, le gambe le controlla su un altro monitor l'altro nipote dell'onorevole Antonellazzi, al piano di sotto!
Michiru decolla per affrontare il mostro, e suo padre la lascia fare, ché le bocche da sfamare a casa sono comunque ancora troppe, hai visto mai. Padre, che dici, vogliamo usarlo ora QUESTO MINCHIA DI VERO GETTA ROBOT, EGHE?!?, ripete il piccolo Genki, un attimo spazientito del veder schiattare congiunti in diretta TV.
A malincuore, il professore accetta di tirarlo fuori, ma servono tre piloti. Così Ryoma corre a chiamare Musashi, e per convincerlo sfonda la porta della palestra con la sua motoretta. All'anima di chi t'è biecchio!, risponde Musashi, accettando entusiasta l'idea di guidare contro un mostro guerriero una macchina da battaglia su cui non ha mai messo piede. Il terzo è ovviamente Hayato,
che altrettanto ovviamente suona la sua armonica e non se lo caga.
Ma colpo di scelta! Al centro della sua croce d'oro, Hayato ha una foto di sua madre, che lo guarda severo e ci dice Vai, vai a giocare con i tuoi amichetti, socializza! Civilizzati! E quello va,
facendo i salti mortali con la moto così, per sfizio, haters gonna hate.
I tre indossano così le loro uniformi da battaglia. Casco modello capelli a paggetto ridicolo per Ryoma, casco integrale normale con paramento per Hayato,
una bella fava per Musashi, ché della sua taglia non c'avevano niente. Il ragazzo deve così accontentarsi di quello che ha trovato a casa: casco di sicurezza da muratore, occhialino da motociclista, katana, poncho argentino di una sua zia ricca, scarpe da tennis con sopra galoches, gabbietta con canarino da richiamo e gatto randagio da riporto, subito fuggito durante le operazioni di partenza.
Il tempo di spingere a FORZA Musashi nel suo velivolo, perché ha avuto un piccolo ripensamento, e le tre navette ufficiali possono decollare: a Ryoma la rossa, Aquila, ad Hayato la bianca, Giaguaro, a Musashi la gialla, Minollo Orso. Musashi pilota come un ubriaco, finché non vede il mostro nemico:
lì cade in preda al PANICO, perché lui non sopporta i rettili. Le sorti del pianeta nelle mani di un precisino incapace, un potenziale serial killer e un imbracchiato ofidiofobo, 'namo bene, pensa il professor Saotomè, sbattendo la testa contro il bidè.
Ma in qualche modo, schiacciando un tasto per sbaglio, Musashi avvia l'agganciamento e scende finalmente in campo il Getter Robot titolare.
E sì, è lo stesso rodovetro di prima, ricolorato.
Il Getter corre verso il nemico con grazia da cameriere giapponese anziano 
e lo colpisce con il Raggio Getta
  (ciccia)
e con la scure cosmica (liscio a coppe).
Ma grazie a un nuovo lancio della scure e a una discreta botta di culo, il Getter riesce a decapitare il mostro, che esplode.
Ce l'abbiamo fatta!, urla Ryoma.
Ma vafagnisca!, risponde telepaticamente Hayato
Mi serve un altro paio di mutande!, gli fa eco Musashi. E insomma, tutto è bene quel che finisce bene,
tranne per il fatto che i tre mostri dell'inizio sono ancora lì e ora vogliono rompergli il culo, e tutto bene una mazza. 

GLI ALTRI PRIMI EPISODI:
Transformers
Holly & Benji
L'Uomo Tigre
Capitan Harlock
Georgie
I Masters
Candy Candy
Astrorobot
Lupin III
Jeeg
Daitarn III
Il Grande Mazinga
Goldrake
Iron Man
Zambot 3
Tartarughe Ninja
L'Uomo-Ragno e i suoi fantastici amici
Babil Junior
Donna Ragno

87 commenti:

  1. Doc, non hai scritto che l'allenatore è il cugino nippolandico di Mourinho (ha lo stesso sguardo assassino) :D

    RispondiElimina
  2. Io non vorrei dirlo ma....

    Hayato è il bassista carismatico per eccellenza!
    Joe il condor può fargli solo da tavolino poggiapiedi :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bei tempi quando i piloti salivano a bordo di robot mai visti a fare il loro dovere con coraggio e senza batter ciglio invece di frignare e farsela sotto...

      (ogni riferimento a Shinji Hikari è pienamente voluto)

      Elimina
    2. OT
      E' finito il manga di Evangelion, tanto per dire. sono passati solo 17 anni dall'uscita del primo numero.

      Elimina
    3. Concordo Concordo Condordo HAYATO BASSISTA CARISMATICO ad oltranza !

      Elimina
    4. arrivato oggi l'ultimo numero di Eva...se va a finire come per l'altra cosa credo che la lunga attesa non sarà ripagata :D

      Elimina
    5. Letto in pausa pranzo.... vendo collezione completa di evangelion, astenersi perditempo

      Elimina
    6. Visto quanto ti è piaciuto, come acquirenti dovresti cercare PROPRIO dei perditempo :D

      Elimina
    7. Quanto al bassismo carismatico di Hayato, ok, ma nessuno tocchi Cain... Joe il Condor, che si è sacrificato per l'umanità, ricordiamolo. "L'ha fatto per noi!" (cit)

      Elimina
    8. No no, ma lo vendo perchèè troppo bello che hai capito :D :D

      Fuori dai denti direi ammazza che schifezza! Se se ne parlerà lieto di metterci il carico dio mio, pure sadamoto mi ha tradito, tornasse ai suoi hentai!

      Elimina
    9. quoto anch'io un post e discussione sul finale del manga di Evangelion.
      Alla fine penso che Sadamoto abbia fatto il meglio che poteva con il materiale che aveva, e che un finale così fosse inevitabile.
      Anche se



      SPOILER

      forse sarebbe stato meglio che finissero tutti sciolti nel mare di LCL

      Elimina

    10. CONTINUA SPOILER

      tutto ciò, ovviamente, al netto del post-finale con Yui e Maki, effettivamente indifendibile

      Elimina
    11. @amuro

      eh a me quello ha dato il colpo di grazia, il finale lo ho trovato una cosa che già avevo assimilato e capito e grossomodo mi stava anche bene....ma quella roba per infilare in mezzo maki....anche no

      Elimina
  3. Doc e Antristi qualcuno di voi ha mai visto Aldnoah Zero?
    Se non l'avete fatto...FATELO! è in assoluto un capolavoro per trama,personaggi e mecha design,piacerà sia agli appassionati di Super Robot che di Gundam.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Solo 12 episodi trasmessi finora: si può fare. Grazie per il consiglio!

      Elimina
    2. Io ho fatto la maratona domenica,fidati doc,a me gli anime moderni non fanno impazzire,ma questo è un capolavorò!

      Elimina
    3. Bello! Mi piacque molto! Credevo di essere l' unico nella globo terrestre ad averlo visto! A me é piaciuto davvero tanto, a Gennaio esce la seconda stagione\parte che aspetto con trepidazione

      Elimina
    4. anch'io non vedo l'ora!!!

      Elimina
    5. Carinizzimo Aldonoah, peccato il design dei personaggi, ma la stora è veramente molto bella





      [Attension pls.....SPOILAAAAAA]

      Mi piace molto la cosa che il protagonista, nonostante possessore di sfigatissimi real robot, riesca con l'intelligenza ed una buona dose di Stacce™ a combattere contro i super robot nemici dai poteri impensabili!!!

      Elimina
    6. Lui è un genio,riesce ad essere contemporaneamente protagonista e bassista carismatico,in più mi piace perchè è freddo e calcolatore,l'opposto di Shinji.
      I suoi combattimenti sembrano quelli dello Sherlock Holmes di Robert Downey JR.

      Elimina
  4. La storia del Getter farlocco davvero non me la ricordavo, nè sta cosa che i piloti ufficiali fossero stati massacrati come dei pirla nei primi minuti, lanciando gente a caso nei "veri" moduli!
    L'Antro t'impara proprio un sacco di cose!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E contrariamente a quanto pensava il professor Saotomè, hanno fatto i pupazzini pure del Getter prototipo... :)

      Elimina
    2. TRIVIA: esiste la leggenda che vuole gli agganciamento impossibili dei getter voluti da nagai per non far vendere pupazzini ;)

      Elimina
    3. No in realtà lo spiega Ishikawa nel manga,aveva disegnato delle vignette umoristiche sul suo realizzare Getter Robot e spiegava che aveva problemi a disegnare robot e navette perchè non trovava il modo di rendere in maniera realistica la composizione dei robot e la fuoriuscita di braccia e gambe.
      Allora andò da Nagai a chiedere consiglio e lui gli rispose:"Kettefrega!Fai uscire le braccia di qua,le gambe di là e hai risolto,fancoolo il realismo!".
      (true story)

      Elimina
    4. Non è una leggenda, è tutto vero! Getter Robot (che è pensato da Go Nagai, autore e designer originale, che solo in seguito passo tutto a Ken I.) inizialmente dovevano essere tre androidi umanoidi (tipo i Cyborg 009) che si agganciavano(?!?!?!?) e formavano un robot (tipo Jeeg) che cambiava a seconda della configurazione. Ma allo sponsor e alla televisione che mettevano i soldi per realizzare la serie la cosa non piaceva, Mazinga aveva venduto un boato e loro volevano un robot, tra l'altro in giappone per fare le serie animate mettono i soldi anche le ditte di merchendising, che poi ovviamente mettono la bocca sul prodotto finale. Come è successo poi anche con Jeeg e con Goldrake (che ha i piedi a semisfera su esplicita richiesta della ditta di giocattoli), anche il Getter fu soggetto a pressioni: i moduli combinabili dovevano essere astronavicelle e a seconda di come si assettavano davano origine a tre diversi robot. La leggenda però vuole che Nagai, all'epoca un autore più indipendente ed emancipato, tirò un brutto scherzo alla ditta: le getter machines si agganciavano si, ma in maniera del tutto gommosa e irreale, questo creò grosse difficoltà a tutte le case di modellismo che nel 75 tentarono di replicare la combinabilità del Getter ;)

      Elimina
    5. Primo robot componibile della storia, ma anche prima trasformazione "a fantasia". E infatti il pupazzame non è trasformabile/convertibile, a quanto mi risulta #grazieaCiccio

      Elimina
    6. Guarda secondo me il dispetto alle ditte di giocattoli è poco realistico, nel senso che più volte Nagai ha dimostrato che dove ci stava da mangiare lui avrebbe firmato senza problemi col sangue.
      Sono più dell'idea che nasca, realisticamente parlando, dall'incapacità di disegnare un aggancio di due parti meccaniche sia lui che di ishikawa, che era meglio con le matite e chine in mano ma non più di tanto :)

      Elimina
    7. Come no?
      Guarda qua http://www.sisco78dvd.com/store/images/fthfh.jpg

      Elimina
    8. Bella porcheria. Sembra fatto con i Lego. :)

      Elimina
    9. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    10. Queste schifezzuole sono la versione portachiavi (per dimensioni) del perfect change uscito millenni fa (andava ancora maniaks in tv guarda :D)
      Ah avviso, per stomaci forti!
      perfect change

      Una roba che costa un rene e PER ME, a parte l'ammirazione per chi si è drogato progettandolo, non vale un'acca (ma nemmeno un Gorgo :D)

      Elimina
    11. Il perfect change del Getta 1 ci può anche stare, quello del Getta 2 ne possiamo parlare, ma quello del Getta 3 è orrendo!
      Urgh!

      Elimina
  5. quindi il minollo e' giallo? ma quante cose si scoprono con queste rubriche!

    Getter Robot e il pallone di calcio per me sono un ricordo indelebile, quello della puntata in cui i tre provano i rigori e alla fine viene scelto quel raccomandato di Ryoma, il piu' scarso di tutti!

    RispondiElimina
  6. A me Nagai mette sempre strizza.
    E fa fare ad alcuni (se non tutti) i suoi personaggi una fine allucinante.
    Nel caso di Getter pensare a come inizia e a come si concluderà mette una tristezza incredibile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. (PDF ON) a dir la verità il manga non è di Nagai ma di Ken Ishikawa,Nagai collaborò solamente.

      Elimina
  7. Per grande distacco il miglior manga robotico nagaiano, con imponente contributo di Ishikawa. L'anime che ne viene fuori smussa fin troppo i concetti originali (Ryoma iperbadass, Hayato terrorista, Saotome cinico bastardo, etc.) e si sviluppa in maniera fin troppo loffia sia nella prima serie sia nella seconda, Getter robot G, da noi Jet Robot. Nonostante ciò, è bello vedere come, a distanzi di decenni, a bordo di quei robot ci fossero sempre uomini degni di definirsi tali e non bimbi piagnucolanti ed in perenne autoanalisi.
    Ci si identificava comunque, anche a 5-6 anni di età, un po' la stessa cosa che oggi succede ai bimbi/e del 2014 con Iron Man o Capitan America, che tutto sono tranne che adolescenti/preadolescenti complessati.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti il carattere originale dei protagonisti viene ripreso fedelmente in Getter Robot The Last Day (per me un capolavoro) Dove Ryoma, così come nel manga, è tutto fuorché un PDF. . .e non gioca nemmeno a calcio, ma è bensì un violentissimo karateka

      Elimina
  8. Sembra impossibile ma non l'ho mai visto ma è anche quello che voglio recupera, solo avessi tempo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Meritevolissimi entrambima da " Adulto" ti raccommando " L'Ultimo Giorn0 del Mondo "

      Elimina
  9. Non per essere, ma il design Tecno-Tribale ed i Tomawack del Getter sono veramente magnifici e la caraterizzazione dei personaggi migliora fino a quel capolavoro di Shin Getter - The LAst Days, dove Hayato è veramente ed assolutamente il bassista carismatico supremo !

    RispondiElimina
  10. Io stranamente mi ricordavo i personaggi ma non il robot, possibile che fosse così poco memorabile? XD

    RispondiElimina
  11. Vedi che hai scritto minna con una N sola.

    RispondiElimina
  12. Riccardo-Pd / @Agorick (twitter)16 dicembre 2014 12:08

    L'ascia era molto ma molto butterata ecco.. ("Era un orrendo butterato di 26 anni, col il culo molto basso ed un alito agghiacciante, tipo fogne di Calcutta"- cit.)

    RispondiElimina
  13. Ho sempre adorato Getter Robot, sarà per la faccia a tartaruga, sarà per la gommosa trasformazione o perchè i nemici erano dinosauri (come tutte le cose degli anni 80... erano tutte dinosauti XD) o perchè i protagonisti erano comunque 3 e il robot aveva il mantello (aveva il mantello) ma nel mio cuore sarà sempre al primo posto (a parimerito del Grande Mazinga, da sempre il mio robot preferito). Mi ricordo che c'era una puntata con un mostro bruttissimo che non si capiva come era fatto, ma se scendeva sulla lava del vulcano esplodeva e succedeva un casino.

    RispondiElimina
  14. Dopo Jeeg e Daitarn il mio terzo robot preferito,mentre Michiru è la girl preferita dei roboici seguita a ruota da Miwa ^^

    Considerando anche il bambino scassa pelotas abbiamo il classico quintetto onnipresente in tutti robotici venuti dopo.
    Nelle puntate successive compare anche l'emulo di Boss con tanto di robot con wc incluso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Elementi tipici del quintetto: l'eroe, il pdf, la ragazza, il ciccione e il bambino. Fa eccezione Jeeg, in cui il pdf manca. Piuttosto, Doc, dedicherai un post sulle prime puntate a Gaiking? (la serie classica ovviamente, non il Daiku Maryu).

      Elimina
  15. Diciamo che per chi conosce il manga questi personaggi sono ridicoli ed edulcorati :D
    presentazione manga:
    SOlo pochissimi possono guidare il getter perchè l'energia che lo anima, non meglio spiegata (e mai lo sarà) richiede che chi pilota sia ipercazzuto (e possibilmente pazzo)

    ryoma, camione di karate il cui padre è stato disonorato in un non meglio identificato modo, con faccia da pazzo psicopatico e kimono sdrucito entra in un torneo e spacca le ossa (letteralmente) a tutti i responsabili, allievi e maestri compresi, della problematica, tipo cane idrofobo inarrestabile, mi pare ne ammazzi parecchi ma non ricordo.

    professor Saotome: DA FUOCO al figlio, posseduto da un dinosauro nel "rettilo" (LOL), con un lanciafiamme perchè irrecuperabile. Quasi mena mikiru che piangeva e sprona tutti a prendere a calci in culo i dinosauri, per un periodo brevissimo, causa limiti d'età, sarà il terzo pilota del getter nella navetta bear

    hayato comanda un gruppo parascolastico di terroristi che prende una scuola in ostaggio, strappa la faccia con le unghie a un suo sottoposto che gli aveva chiesto di ripensare a qualcosa, forse il menù della mensa, viene convinto da ryomo solo che dopo tutti vengono massacrati dai dinosauri (a cui mena a mani nude) a pilotare il getter 2

    Musashi è il più allegro della cumpa, si ritrova in un villaggio montano sotto attacco dinosauro, stava li nel bosco ad allenarsi nel judo spezzando il collo agli orsi a mani nude (tutto vero), sale per caso sul egtter bear per questo è vestito da pezzente.

    E qui vanno a scuola, giocano a pallone, suonano l'armonica, si mettono i geta e una cravatta e sono degli allegri scemotti...LEGGERMENTE edulcorato come contenuti guarda :D

    vabbe ma il massimo come tutti sanno è stato fatto con devilman che da quelo che è come fumetto è diventato una specie di ultraman blu :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo in toto, il manga è veramente un altro mondo, mooolto più affascinante e interessante. Stranamente in "the last days" i personaggi sembrano usciti dal manga e non dagli anime precedenti, rendendolo decisamente più katzuto.
      Devilman cartone non si poteva guardare, senza scherzi, dopo aver letto l'anime non sono riuscito a finire una singola puntata, troooppo scarso. Dovevano cambiargli nome.

      Elimina
    2. Ma il manga non è uscito dopo come per Mazinga?
      Nel caso c'è poco da edulcorare,è un restyle.

      A me non cambia molto,l'ho letto ma non credo sarebbe stato un successo animato.
      Un prodotto adatto al media cartaceo non alla tv

      Elimina
    3. No,sia i manga di Mazinger che di Getter Robot sono usciti prima delle serie animate.

      Elimina
  16. Intanto chiedo scusa per i troppi errori di battitura qui e lì, scritto troppo di fretta.
    per il discorso manga tratto da- :NO sono sempre state sceneggiature e idee già esistenti da cui vennero tratte serie TV con target più bambinesco e manga con toni più adulti. Tanto che sono praticamente sempre usciti nello stesso anno (come in questo caso) manga e serie TV.

    le serie TV nagaiane sono sempre adattamenti edulcorati delle idee folli di nagai (e probabilmente questo ne ha fatto la fortuna perchè spesso è eccessivo)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mah più che tematiche adulte mi sembrano trame per adolescenti in piena tempesta ormonale.
      Più o meno succede lo stesso coi comics negli ultimi anni,la trama adulta si concretizza in sbudellamenti,morti e sesso.
      In pratica gli ingredienti di un stasera qualsiasi,tipo venerdì 13,che hanno come pubblico di riferimento l'under18.
      L'adulto di solito da un taglio ai cartoni con l'adolescenza e riprende dopo i 30,magari guardandoli con i figli.
      Per cui apprezza i classici Disney o i vecchi robotici Toei,mentre quei manga li trova delle mezze boiate.
      Anch'io preferisco il cartone al manga,sarà che sono più vicino ai 40 che ai 30...magari li apprezzerò quando avrò la crisi di mezz'età ^^

      Elimina
    2. Ops il correttore mi ha fatto l'errore:
      Slasher non stasera -__-"

      Elimina
    3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    4. Adulto in questo caso non vuol dire che siano temi di concetto ma proprio che contengavviolenza sangue e sesso tali da risultare invendibile a dei bambini...i film dove leggi "per adulti" non mi pare trattino di filosofia o richiedano una maturità celebrale come cerchi di spiegare sopra...
      Mi pareva palese ma cosi spero sia chiaro.

      Elimina
  17. Mai visto.
    @ Doc: Hai mai pensato di fare la prima puntata di Kyashan (parlo dell'originale) o di General Daimos?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Daimos non l'ho mai visto, per Kyashan avevo in mente un'altra cosa, ma è finita nella lista dei "post per quando c'ho tempo". Vediamo :)

      Elimina
    2. Daimos si dovrebbe ritrovare in italiano. Alcuni anni fa è uscita la versione in dvd ma forse si trova anche su streaming.
      Per Kyashan, sono curiosa, ma poi, sia per entrambe le cose, vedi tu.
      Intanto mi sono divertita anche questa volta anche se non ho mai visto la serie.

      Elimina
    3. L'ultima volta che ho incrociato Daimos è stata su Junior TV tipo 15 anni fa; non mi dispiaceva, anche se i cattivi con le ali ricordano molto quelli di Vultus 5.

      Elimina
    4. Io l'ho conosciuto proprio così.

      Elimina
  18. Il confronto col manga è impressionante! Chiaramente qui tutto è censurato ed "alleggerito" ma quello che colpisce è che completamente diverso. Non è che hanno raccontato la stessa storia adattandola ai bambini l'hanno proprio iscritta da capo. Peccato però.

    PS Il minollo è giallo! Ci sono voluti mesi ma finalmente ho fatto un passo avanti nella minellitudine!

    RispondiElimina
  19. Quanto mi piaceva questo qui con le tre configurazioni diverse? Tanto.

    Mai visto tutto. Ricordo che tipo per un mesetto buono era in programmazione poi boh. O forse ero io che l'ho perso per altri motivi.

    RispondiElimina
  20. Io ho visto qualcosa della seconda serie (Getter Robot G) il primo mai; ho letto il manga e concordo, il tono era decisamente diverso.
    Ricordo all'epoca il manga di Mazinga Z e Grande Mazinga della fu Granata Press, quello di Ota, che aveva anch'esso dei toni belli pesi..

    RispondiElimina
  21. Trivia: nell'ultima puntata, prima di schiattare giapponesamente, Musashi indossa anche una elegante visiera verde con la scritta "Casino Municipale di Saint Vincent"...

    RispondiElimina
  22. Non sapevo dell'esistenza di Getter robot... mi devo fare una cultura!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perché non guardavi Super 3 ! La bibbia dei robottoni per i ragazzi del lazio annata 90!

      Elimina
    2. Nella fase delle "frequentazioni romane" (96-2000, ca) ci ho recuperato un sacco di roba su Super 3 :)

      Elimina
    3. cosa diamine combinavi a Roma in quegli anni, Doc?

      Elimina
  23. [PDF mode] Ci sono voluti decenni, ma alla fine il modellino con tutte le trasformazioni come cartone comanda (o quasi) l'hanno fatto: http://www.hlj.com/product/she030/Act . Costa tantissimo, la somiglianza è discutibile ed è pure fatto di plastichetta autofrangente... ma fa paura.

    Oppure c'è Aquarion ( http://i213.photobucket.com/albums/cc151/superanimerobot/aquariongd-99.jpg ), nato proprio come variante "realistica" del Getter, che le tre trasformazioni le fa davvero.

    [/PDF mode]

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedi risposta a GirellaLover, più sopra. Per Aquarion, sono stato credo il primo italiano a vederlo, prima ancora che andasse in onda in Nipponia, per quella vecchia storia che ho raccontato duecento volte. Conosco, ma grazie lo stesso per il suggerimento :D

      Elimina
    2. Ho provato a vedere la prima puntata di Aquarion ma poi ho mollato quando ho visto che i piloti avevano un orgasmo ogni volta che si agganciavano XD

      Elimina
  24. ma c'è un link alla versione non romanzata (che comunque ho apprezzato)?

    RispondiElimina
  25. Assolutamente falsa la storia di Nagai che creò un Getter contrasformazioni di fantasia per far dispetto alla ditta di giocattoli: semplicemente, lui e Ishikawa sanno a malapena disegnare e come si può pensare che riuscissero a progettare 3 astronavi che si configurassero in 3 robot diversi, senza un minimo di cognizione ingegneristica ?
    Cavolo, Ishikawa stesso ammise di aver riso quando gli dissero che per Getter robot GO , la Bandai aveva progettato un Getter toys capace di trasformarsi nei 3 robot .
    "E' impossibile" disse, e io pensai" impossibile per te".


    RispondiElimina
  26. Alla citazione di Fantozzi mi son piegato

    RispondiElimina
  27. Commento del tutto distruttivo e fuori luogo.
    VOGLIAMO POLLON
    (perche' come dice il doc, haters gonna hate)

    Il villanzone viola col fico secco che ci fa lo scherzone livornese del Puppa e' il mio nuovo mito personale, che si sappia!

    RispondiElimina
  28. Una domanda, Doc: ma i nomi dei protagonisti sono della versione originale? Perché Hayato e Musashi me li ricordo, ma Ryoma lo ricordo semplicemente come Ryo (oltre che doppiato dall'ubiquo Romano Malaspina, all'epoca appaltatore unico dei piloti di robottoni)

    RispondiElimina
  29. Il mio robottone preferito della prima ondata tsunamica di anime nippi.
    E per sempre lo sarà .
    Serie divenuta ancora più bella dopo aver letto manga e ulteriori serie più aderenti ,dove i piloti sono tutti psicopatici e i combattimenti ultraviolenti tipo incontro nella gabbia di ferro e le corde di filo spinato nel catch di Tony Fusaro .
    L'edulcorazione televisiva alla pari di quella della saga di Devilman.
    Per la prima volta preferisco l'adattamento italico di Megazaus a Mega Saurus. Rende bene secondo me.

    E visto che si parla di pupazzini ,scendo in campo ,e senza promettere un milione di posti di lavoro vinco con gli uber modellini della fewture che sono quanto di più bello mai creato .

    http://www.thai-toku.com/photo3/EX-GETTER3_37.jpg

    RispondiElimina
  30. Da piccolo mi piaceva, anche se non ho mai visto come finissero prima e seconda serie.
    Avevo iniziato a vederlo passati i 30 anni d'età e mi ha fatto piuttosto schifo... Alla 10^ puntata hanno disegnato Saotome con due piedi sinistri (vedi), lì ho capito di aver visto abbastanza, e che i tempi erano maturi per dedicare il tempo a vedere altro...

    RispondiElimina
  31. Grazie per l'ennesima perla Doc, mi sono sganasciato ancora una volta a quasi tutti i fotogrammi.
    Hayato perfetta incarnazione del bassista carismatico imho.
    (posso suggerire Devilman per il futuro? Se non ricordo male, gli spunti non mancano...)

    RispondiElimina
  32. bell'articolo, mi sono sganasciato dalle risate :D, però vabbè dai, con tutto il bene che si può volere agli anime "old school" 'sta cosa che appena i nemici attaccano Ryo se ne esce tipo con "c'è da pilotare un robot gigante per salvare la Terra, aspè che chiamo un tipo conosciuto a scuola che sembra figo e un ciccione simpatico che gli spacchiamo il c**o" era una minkiata fotonica anche nel 1974... io me lo sono rivisto tutto un paio di anni fa ed era oggettivamente osceno (nonostante il Getter 1 fosse fighissimo). Mazinga Z, per dire, era tutto un altro livello nonostante fosse antecedente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, Mazinga Z esordisce con Shiro che precipita di parecchi metri (dalla superficie del terreno al pavimento del bunker dov'era custodito Mazinger... in piedi) e rimane illeso! Non c'è davvero paragone... :-/

      Elimina
  33. Doc, perdona il semi off-topic, ma c'è speranza di vedere qualche altra puntata di "com'è andata a finire"?

    RispondiElimina
  34. al solito grazie per le sghignazzate doc!
    però misa che l'imperatore in vintage skype conferenza (sta cosa che uno si collega e automaticamente può parlare sentire è bellissima: bastava stesse zitto e avrebbe saputo tutti i cazzi della base) alla domanda di Saotomé abbia risposto: " all your base are belong to us!"

    RispondiElimina
  35. Alla moviola in campo hanno dovuto chiamarmi il 118!

    RispondiElimina
  36. Per favore fai altre prime puntate, che sono una bomba!
    Io ormai queste le ho lette tante di quelle volte che le parole hanno cominciato a perdere senso e sto pian piano scivolando nella disleslisiassia

    RispondiElimina

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.

Related Posts with Thumbnails