martedì 29 ottobre 2013

53

Le 20 storie più WTF del Punitore

Ecco un altro di quei post sugli angoli più ragnatelati della storia Marvel, quelli in cui si annidano i nemici dell'igiene mentale, che tanto vi piacciono. I post, non gli angoli. Uno di quelli che poi i fan di Ciclocchio rancorosi sbroccano su Facebook e ti scrivono i messaggi di odio con tanti punti esclamativi e uno, prima di correre a piangere nella loro stanzetta. Stavolta si parla del Punitore. Perché uno immagina che questo personaggio profondo come una pozzanghera su un circuito su F1, questo malato di mente omicida, non possa far altro che starsene lì da quarant'anni a spargere raffiche di mitra che fanno BUDDA-BUDDA-BUDDA e ammazzano i criminali. O ci fanno venire una crisi mistica. Una delle due. E invece c'è che in tutti questi anni, per dare un minimo di varietà alle storie di Francuzzo Castiglione, gli autori Marvel hanno tirato fuori delle robe da campionato intercontinentale del WTF carpiato. Alcune, attenzione, peraltro anche divertenti da leggere, altre invece proprio ciao. Tipo quali? Tipo queste [...]
IL PUNITORE CONTRO DESTINO
Che è come dire Freddy Krueger contro CiccioPolenta, per dire. The Punisher #28 e #29 (dicembre 1989 - gennaio 1990): per via di Atti di Vendetta, saga durante la quale i supercattivi Marvel hanno questa grande pensata, si rifilano una manata sulla fronte, urlano Ho Troveto! e si scambiano i nemici, al Punitore tocca il più tosto di tutti. E così, dopo aver distrutto un po' di Doombot e un robottone gigante,
Frank finisce A CENA con Destino. E lo sfotte. Solo che non è il vero Destino: il vero Victor Von Doom lo aspetta infatti a New York per farsi consegnare un paio di arazzi di famiglia. No, sul serio. La consegna, una stretta di mano e tuttappò.
IL PUNITORE ROBOCOPPO
The Punisher #34 (giugno 1990): per affrontare i Reavers di Pierce, banda di cyborg mutanti che all'epoca spuntavano ovunque nel Marvel Universe, Castle si procura tramite un cugino di Microchip (no, davvero) un esoscheletro da combattimento. 
Che ovviamente finisce distrutto un paio di pagine più tardi.
L'esoscheletro torna in scena, con un teschio anche sul casco e un citofono al posto della bocca per renderlo ancora più tamarro, su Punisher War Journal #56 (luglio 1993). E se la copertina di The Punisher #34 cita direttamente Robocop, il robopoliziotto e il Puni si sono incontrati davvero un paio di volte. Beh, non proprio, ma quasi:
Robocop appare infatti su una copertina dell'edizione inglese di The Punisher (agosto '89), giusto perché l'albo ospitava anche le sue storie,
e tutti e due sono ritratti assieme a Terminator da Mike Zeck su questa copertina spectaculàr qui (un numero di Action Figure News and Toy Review del '92). Ma tornando alle nostre storie di Frank in armatura:
PUNISHER SOUL MAN
Giusto per rispedire al mittente quelle critiche così comuni nel mondo dei fumetti, quel fatto che, secondo i neri, gli eroi neri dei comics sono sempre dei bianchi con una faccia da nero, su The Punisher #60-62 (febbraio-aprile 1992) a Frank viene incollata una faccia da afroamericano. LETTERALMENTE. Dopo esser stato sfregiato a Riker's Island, Castle si fa rimettere a posto il volto da una dottoressa ex tossica vestita da strappona, che per eccesso di zelo lo fa diventare nero. Ma non solo la faccia, eh. Pure le mani e, uh, tutto il resto.
E così Castle se ne va nel ghetto assieme a Cage a picchiare i malviventi e dire Yo, Bro!, ascoltare hip hop e giocare a basket, finché alla fine della storia (che dura la bellezza di quattro numeri, considerando il crossover con la testata di Cage), non torna bianco. Dice che era solo make-up. Ma i lineamenti tutti diversi? GUARDALÀ! Tuttappò, scherzone.
LA CUMPA DEI PUNITORI
Nella saga Suicide Run, pubblicata a inizio '94 a incrocio su The Punisher (a partire dal numero #85), Punisher War Journal (#61-64) e Punisher War Zone (#23-25), saltano fuori i wannabe Punitore, tutta una serie di pezzenti di cui abbiamo parlato già qui un paio di annetti fa.
LA PUNITRICE
Il nome è da film zozzo forte, il look invece pure: la poliziotta Lynn Michaels durante la citata saga Suicide Run diventa Lady Punisher, la spalla perata di Frank negli anni bui del fumetto americano, cioè quelli delle sbrilluccicominchiate. Un perfetto caso da Rule 63 prima ancora che esistessero i meme dell'Internet. L'ultima volta che la si è vista in giro (Punisher War Journal vol. 2 #23, novembre 2008), Lynn era un'agente dello SHIELD. Solo che poi lascia ammazzare di proposito Mosaico/Jigsaw e l'arrestano. Esagerati.
IL PUNITORE CONTRO I POWER PACK
In un ciclo di storie pubblicato su Strange Tales vol. 2 #13-14 (aprile-maggio 1988), il Punitore si trova di fronte Cloak, Dagger e i POWER PACK, LA BANDA DI SUPER-EROI BAMBINI.
E perciò prima minaccia ovviamente di uccidere tutti con il suo fucile d'assalto, poi poggia l'arma e diventa gentile con i rEgazzini.
Tutti a prendere un gelato, dai, che vi spiego come si tiene il diario di guerra quando fate saltare una crackhouse col plastico. 
IL PUNITORE 2099
Siccome non bastavano le TRE testate dedicate a un tizio con un teschio sul petto che spara alla gente, nel 1993 arriva anche la versione fantascienza, Punisher 2099, che va in giro con un bastone a densità variabile. No, davvero. Jake Gallows è un poliziotto privato a cui ammazzano la famiglia e perciò diventa il Punitore del futuro. Poi, in compenso, peggiora.
Perché prima di essere ammazzato su 2099 A.D. Apocalypse #1 (dicembre 1995), Gallows diventa capo dello SHIELD e MINISTRO DELLA PUNIZIONE per conto del presidente Destino. MINISTRO DELLA PUNIZIONE: biglietto da visita impegnativo.
Ah, alla fine dell'ultimo numero della sua serie, parte per il cosmo a bordo di un'ASTRONAVE A FORMA DI PISTOLA CON UN ENORME TESCHIO DIPINTO SOPRA - un frullato con le dosi SBAGLIATE di Yamato e Arcadia - assieme a Vendetta.
LA PUNITRICE 2
Dice: e chi è Vendetta? La Punitrice del futuro, robot dall'aspetto umanoide, arriva nella New York del 2099 per rimpiazzare il Punitore, considerandolo troppo debole. Dopo essersi affrontati, i due si alleano e come detto se ne vanno assieme verso il domani a bordo dell'astropistoLOL.
IL PUNITORE CONTRO ARCHIE
Punisher meets Archie: il più incredibile cross-over di sempre. Sì, anche più di Batman contro Tarzan. In questo albo disegnato (per le parti del Puni) dal grande John Buscema, Castle arriva a Riverdale, si guarda un pezzo del concerto di Josie e le pussycats,
minaccia Archie con l'uzi,
prende a torte in faccia un tizio, spara ad altri tizi, e alla fine sono grandi abbracci e strette di mano e una vecchia che lo bacia. Don't ask.
EL FRANCHITO TORNAS A CASAZRA
Tranquilli, è solo la lingua strana, l'itaGliano finto, che gli americani sono convinti si parli quaggiù. The Sicilian Saga, Punisher War Journal 25-27 (dicembre 1990-febbraio 1991): Frank torna nella terra da cui è emigrato suo padre, la Sicilia, per sfuggire a CIA e FBI.
Appena arrivato, viene accolto da un "Bienvenido a Palermo, signori" del pilota. Poi si precipita a noleggiare una Porsche da "Alfa AFITTARE" (dove alfa = generica macchina italiana, ovvero tedesca) e a comprare delle armi da un trafficante imparentato con l'essere cosmico noto come l'Antico...
L'ASTRONAUTA PASTICCIONE
The Punisher G-Force, 1992: per indagare su dei traffici collegati al programma spaziale francese, Castle finisce in una di quelle macchine che simulano la forza centrifuga
(che lo fa diventare catananno dalla paura)
poi ruba una tuta da astronauta (indossandola ovviamente sopra al costume), sale sullo Shuttle e FINISCE NELLA STAZIONE SPAZIALE, dove picchia della gente a gravità zero prima di tornare a casa, tuttappò.
IL PUNITORE LOBO
Un altro viaggetto nello spazio Frankie se l'è fatto un paio di annetti fa nella mini Space Punisher. Quando ne hai sentito parlare la prima volta, ti è partito uno SBRUOTFL fortissimo, ma la miniserie scritta da Tieri e dipinta da Texeira era fuori continuity, e quindi poteva fare quello che voleva. E lo faceva anche bene, eh.
Immaginate Lobo, ma più incazzato di Lobo. O il Giudice Dredd, ma con lo sguardo di Clint Eastwood con cui Texeira ha sempre disegnato Castle. Divertente? Divertente.
IL PUNITORE CAPOMAFIA
Sul primo numero di Punisher, la serie senza il "The" del 1995, Frank Finisce sulla sedia elettrica. 
Solo che non muore. Perché il boss Mario Geraci ha corrotto un po' di gente per fargli rifilare solo una scossetta. E perché mai un boss della mafia vorrebbe il Punitore vivo?
Perché Geraci sta morendo e quindi vuole affidare al Punitore la sua famiglia. Seems legit. Dice: vabbè, ma Castle ha passato una vita ad ammazzare mafiosi. Non accetterà mica, no?
#einvece. E per l'occasione, Frank si fa crescere pure una coda di cavallo tamarra da mutante/tizio generico della Image, alè.
IL PUNITORE ANGELICO
The Punisher Marvel Knights #1 (novembre 1998): Castle si è suicidato, ma il suo angelo custode Gadriel lo riporta in vita, 
con un bel ghirigoro luminoso in fronte e due armi fantascienze.
Ovviamente, a Castle girano e cerca di accoppare l'angelo. È fatto così. Oh, almeno ci hanno risparmiato la scena con Frank che esce dalla tomb…
Vabbè.
CAP…UNISHER
Punisher War Journal vol 2 7-11 (luglio-novembre 2007): dopo la morte, occhiolino, di Capitan America, Castle viene a sapere di un pazzoide xenofobo che ammazza i migranti al confine col Messico, vestito con un costume che ricorda quello di Cap. Il tizio è Hate-Monger ed è alla guida di un esercito di nazi. Per affrontarlo come si deve e far rispettare la memoria di Cap, Castle si veste come lui.
Seems legit. Un altro Cap Punisher si è visto su Ultimate Avengers 2 #1 (di Mark Millar e Leinil Yu) nel 2010.
 Ma non l'hai letto, non sapresti dire. Andiamo avanti.
VENOM PUNISHER
Smessi i panni di Capunitore e finito in un'altra maxi saga senza volerlo (World War Hulk), Castle indossa su Punisher War Journal vol. 2 #12 un'armatura liquida simile al simbionte di Venom, creata dal suo nuovo amichetto smanettone Stuart Clarke.
LA PUNITRICE 3
Ogni volta che devi parlare del Mangaverse Marvel senti come un senso di… vomito? Vomito.
Tra le tante mimmate del più mimmo degli universi alternativi, creato nel 2002 dalla Casa delle Idee all'insegna del WTF più sfrenato, un'altra Punitrice. Con il trucco da teatro kabuki. In un albo disegnato con tratto sicuro da bambino incapace di terza elementare. Manga quanto può esserlo uno scarabocchio sul muro a Corigliano (CS). L'ORRORE.
FRANKENCASTLE
Una storia ancora più assurda di quella di Space Punisher. Però ambientata nella continuity ufficiale Marvel. FrankenCastle #17 (ossia Punisher #17 della nuova serie, agosto 2010): fatto a pezzettini da Daken, il figlio malamente di Wolverine, il Punitore viene rimesso assieme dalla Legione dei Mostri, 
e per un po' se ne va in giro come FrankenCastle.
Torna ovviamente normale dopo un pellegrinaggio sull'isola dei mostri. La cosa più incredibile? Questo ciclo di storie non è affatto male. Rick Remender è uno in gamba.
IL PUNITORE RIGATTIERE
Ma perché Daken ha ucciso Castle? Perché glielo aveva ordinato Norman Osborn durante la saga Dark Reign (Dark Reign: The List – Punisher #1, dicembre 2009). Il Punitore ha provato ad eliminarlo e Osborn non l'ha presa benissimo, sguinzagliandogli addosso tutti i suoi psicopatici di H.A.M.M.E.R., la versione malamente dello S.H.I.E.L.D. Bene, Castle ne approfitta per fare la spesa in un'armeria di H.A.M.M.E.R., uscendone conciato così.
IL PUNITORE CAMBIA COLORE (AL TESCHIO)
Arriviamo ai nuovi Thunderbolts (2012), che siccome sono guidati da Hulk Rosso, il colonnello Thunderbolt Nomen Omen Ross, devono per motivi sindacali averci tutti del rosso nel costume: Elektra ok, Deadpool ok, ma Venom - Flash Thompson e il Punitore si sono dovuti adeguare o altrimenti raus, pedalare. Ma anche se ti costringono a cambiar maglietta, far parte di una squadra del genere ha i suoi vantaggi.
 Non so se.


POST COLLEGATI

Tutti i videgiochi del Punitore
Le 10 più grandi figure di melma di Capitan America

53 commenti:

  1. Madonna che tamarreide,alcune saghe sono più assurde di quelle di Superman pre-crisi.

    Purtroppo la Marvel non ha capito che ci sono dei personaggi che non riescono a reggere su una testa regolare,è molto meglio far uscire di tanto in tanto delle miniserie quando un autore ha DAVVERO qualcosa da raccontare piuttosto che creare saghe assurde quando mancano le idee.

    RispondiElimina
  2. Per tutto il post mi sono detto "Ora arriva Purgatorio! Ora arriva Purgatorio!" quando mi sono visto di fronte il Punitore Angelico... eh, una perla del trash made in Marvel, mi sa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Purgatorio". Nome assegnato alla saga per le torture cui era sottoposto il lettore.

      Elimina
  3. Era così bello 'sto personaggio all'inizio, poi me l'ha fatto crossoverare ed è stata la fine...

    RispondiElimina
  4. saró scemo io ma il design del PunisherCap mi è sempre piaciuto!

    RispondiElimina
  5. Frankencastle è stata una grandissima saga!
    Il resto invece... Il punitore angelico mi ha pesantemente segnato, non riesco a scordarmelo e m'ha condizionato male: è stato il mio primo contatto col personaggio.

    RispondiElimina
  6. Se penso che è lo stesso personaggio reso immortale da Ennis ...

    RispondiElimina
  7. Davvero...il Puni,carachter realistico(????)e' stato catapultato in tante di quelle situazioni WTF...da regazzino arrapato dalla violenza mi innamorai della serie pubblicata dalla Star a mo' di Bonelli scritta da Baron(IL REVERENDO era una chicca come storia...),poi si torno' al colore,formato canonico...ed una delle prime storie lette dopo il cambio fu quella con Destino...nonostante la giovin eta' esclamai MA CHE CAZ!(...non sapevo l'inglese,niente WTF)..la mia sospensione dell'incredulita' fu aggisa...P.S.:confermo,Remender e' un grande...come rendere bella e godibile un'idea che sulla carta di faceva rizzare i peli sulle braccia..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me piacque molto La loggia degli assassini, GN uscita in uno speciale Star. Sempre ai tempi della Star, sul mensile del Punitore pubblicarono Foolkiller, una delle robe più violente mai pubblicate con un bollino (farlocco?) del Comics Code appiccicato sopra.

      Elimina
    2. Foolkiller non ho mai avuto modo di leggerla...xro',vero,LaLoggia era una signora GN...nei miei ricordi adolescenziali poi rimane immortale la cover dello speciale CIRCOLO DI SANGUE disegnata da M.Zeck...con quel terrificante (in senso buono)Mosaico alle spalle del Puni che sparacchia abbarbicato ad una senorita..

      Elimina
    3. me lo ricordio io Foolkiller.Mamma mia.

      E la cosa buffa e' che lo scoprii verso i 13 anni, leggendo i vari capitoli dai Punitore della collezione di mio padre.

      Te Doc come reputi tale serie?
      Io non l'ho piu' presa in mano,ma la trovai molto brutta,ma ero davver piccolo per quelle tematiche...

      Elimina
  8. Il Punitore angelico, all'epoca, mi aveva fatto urlare dalla vergogna. Mentre Frankencastle mi aveva fatto ridere e nemmeno mi era dispiaciuto, pensa.
    Alla prima cover che posti con il Punitore contro Doom (o almeno al suo corrispettivo albo italiano della Star) sono legati tanti di quei ricordi che levati di torno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fu anche per me il primo approccio col personaggio, pensa. Avevo iniziato a leggere gli albi Star da pochissimo per UR e Capitan America e i Vendicatori, e un po' alla volta stavo scoprendo le altre serie. Sembra una vita fa. E, beh, lo è ;)

      Elimina
    2. Invece il primo numero del Puni che lessi era quello contro Wolvie in Africva, disegnato dal grande Jim Lee.
      E Doc, pure io ho cominciato a leggere regolarmente Marvel con gli albi Star e Play ( che tempi, raga, che tempi).
      In mezzo a tutti questi Puni, però, manca il Punitore Western di un What If scritto da Chuck Dixon e disegnato dal mitico John Buscema, solo che era anche godibile da leggere , al contrario della maggior parte delle schifezze qui presentate.

      Elimina
  9. Se mi dite che quello di FrankenCastle è stato un bel ciclo ci credo, io quando ne ho sentito parlare ho fatto la faccia del disgusto delle grandi occasioni e non ho approfondito.
    Una versione del Puni che mi ha fatto molto ridere stata quella in cui era stalkerato da Painkiller Jane, in italia mi pare sia stata pubblicata su un numero di Wiz

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vai Brooklyn. Storia volutamente fuori di melone, scritta e illustrata molto bene. Il paperback yankee si trova a una ventina di carte.

      Elimina
  10. Quel Venom Punisher mi ricorda qualcosa, solo non ricordo cosa...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Su Venom 0 c'era (e se lo sfoglio adesso c'è ancora) un What if... e se fosse stato Frank Castle ha trovare il simbionte in chiesa?
      Li sterminava tutti i mafiosi della Marvel, picchiava qualche eroe e poi si mostrava in grado di controllare l'alieno.
      Tanti ricordi...

      Elimina
    2. Ah si, me lo ricordo: dove si crea dei mitra da polso con simbiote: che roba trash XD

      Elimina
    3. Ah si lo ricordo pure io, dove alla fine dominava il costume e citava pure Watchmen ( " ci vediamo nei fumetti")

      Elimina
  11. Compro Devil per la magnifica serie del Cornetto, ma devo quindi sorbirmi i Thunderbolts: violenza fine a sè stessa, trama zero e piattezza psicologica che manco una sogliola. In compenso la serie del Puni disegnata da Checchetto era fantastica.

    RispondiElimina
  12. Doc una delle apparizione più allucinanti del puni (di cui non ho trovato immagini) è quella in un albo dedicato a Deadpool dove il mercenario chiacchierone ha a che fare con Tombstone e allo stesso tempo il puni cerca di ucciderlo. Verso la fine dell'albo il puni salva Deadpool intervenendo conciato in una maniera allucinante: avendo rubato delle armi a dei super cattivi arriva volando su uno specie di surf, ha in testa una sorta di turbante da mago (non cappello TURBANTE) e uno strano aggeggio in mano.
    Se trovo l'albo vedo di mandare l'immagine.

    RispondiElimina
  13. Spetta, spetta dottore, Punisher 2099 non veniva scamazzato dal raggio del ragno volante gigante? Quando Herod ammazzava (o almeno cercava di farlo) tutti i supereroi del 2099? Da dove esce l'astronave?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Me lo ricordo pure io, probabilmente è quello che si vedeva nello speciale mentre nella serie regolare in realtà si salvava.

      Elimina
    2. Nell'ultimo numero della sua serie, il Puni del Futuro parte verso lo spazio profondo con l'astronave (da) pistola. Nel citato 2099 A.D. Apocalypse #1, uscito alcuni mesi dopo, viene aggiso.

      Elimina
    3. C'è la teoria che quello ucciso da Herod fosse Goldheart sotto mentite spoglie: un robot che era diventato amico del Puni 2099.

      Elimina
  14. Comunque a Millar doveva piacere molto l'idea del Capunitore dato che l'ha introdotta lui sia nel MU che in quello Ultimate

    RispondiElimina
  15. http://1.bp.blogspot.com/-MaKynAEdtjs/Ug9frAkkJ4I/AAAAAAAAHy4/Cy_SIjSGCjI/s1600/T-BoltsPuni.jpg

    Nonostante io non sia un deadpool-fag, la sua battuta (e il suo cappello) in questa tavola mi fanno inspiegabilmente ridere tanto

    RispondiElimina
  16. Sto ancora ridendo, Space Punisher è simpatico, ora però voglio leggermi FrankenCastle, le ordinate (numero 17) immagino siano americane, ma in Italia è uscito?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si'..Se non erro in una delle tante collane ombrello(tipo MarvelUniverse o MarvelMix)un paio di annetti fa...una manciata di volumetti...

      Elimina
  17. Gli Atti di Vendetta.... marò :D
    Che sulla carta per i primi 5 secondi sembra anche un buon piano, ma poi....
    A: Allora, io vado ad ammazzare il tuo nemico, perchè non mi conosce e quindi non è preparato contro di me!
    B: Ehm.... si ma nemmeno tu conosci lui :-/
    A: Oh..... :-|

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lolle. Kingpin: "Destì, vacci tu". Destino: "Ma veramente...". Kingpin: "Eddai Eddai Eddai".

      Elimina
  18. Suppongo che il Punitore che uccide i clonoidi di Lupin III, jigen e Goemon non sia WTF enough, giusto (La loggia degli assassini, proprio a inizio numero)?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giusto :)
      Quella era al massimo una citazione del (grande e compianto) Zaffino.

      Elimina
  19. a me il punisher 2099 tutto sommato piaceva. sara' per lo stile di Pat Mills che e' riconoscibilissimo.
    Visto che e' stato incrociato un po' con tutti i personaggi esistenti, vorrei vedere la saga di Francuzzolo il Punipapero.

    RispondiElimina
  20. ESTREMAMENTE deluso dall'assenza di pe(e)rla di Eminem/The Punisher...!
    Uno one-shot (per fortuna) di Maggio 2009, scritto (coi piedi) da Fred Van Lente e "disegnato" (col c*lo; il viso di Eminem è SEMPRE una foto) da Salvador Larroca...! Possibilmente uno dei fumetti più brutti ed irritanti che abbia mai letto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. perchè, c'è un volto disegnato da salvador larroca che non sia una foto?

      Elimina
  21. certo che ne fumavano di roba strana negli anni '90


    mi hai fatto ricordare che in quei anni c'era una sorta di punitore tarocco, il vestito era un ibrido zorro-cowboy e aveva una specie di pistola ad acqua che riduceva le persone ad un cumolo di cenere (letteralmente eh)

    ho letto pochi numeri, ma non ricordo il nome, qualcuno sa di chi parlo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Era l'indimenticabile FoolKiller di Steve Gerber, che malgrado il costume assurdo era uno dei personaggi più interessante di quel periodo.

      Elimina
    2. Egli. Se ne parla un po' più su, commento 8 e risposte (per chi vede i commenti numerati).

      Elimina
  22. Mancherebbe anche la scena in cui la piccola Mollie dei runaways lo mette KO.
    http://oldlarxy.files.wordpress.com/2011/06/molly-punishing-the-punisher.jpg
    http://i48.tinypic.com/2wnobvm.jpg

    RispondiElimina
  23. Io ho iniziato a seguire il Puni con la run di Garth Ennis e in seguito ho praticamente recuperato tutto quello che e' stato pubblicato in Italia sul personaggio (ho da poco trovato dal mio fumettaro di fiducia tutta la vecchia serie Star Comics ma mi sa che avro' tempo di leggerla fra il duemilacredici e il duemilaventordici). L'unica cosa da cui mi son sempre tenuto ben distante era la mini col Punitore "angelico" pero' un po' mi stuzzica, mi sa che se dovessero raccoglierla in volume non me la farei scappare.
    Confermo comunque che il momento potenzialmente piu' WTF cioe' la saga di Frankencastle e' stato gestito in maniera egregia da Remender e mi sento di consigliare a tutti la lunga run di Ennis oltre a quellq piu' breve e recente di Jason Aaron.

    RispondiElimina
  24. Il povero Castle non trova pace....l'ultima sua serie, scritta da Greg Rucka e disegnata da Marco Checchetto (e poi Carmine Di Giandomenico), mi è piaciuta davvero un sacco, aveva atmosfere pazzesche....peccato che Thunderbolts Marvel Now ha praticamente retconizzato il Punitore, che da barbone mezzo cecato rinchiuso dai Vendicatori in una cella ultrasegreta, si ritrova nel gruppo di Rulk e con l'aspetto anni '90.....bah

    RispondiElimina
  25. La tavola del Punitore con i Power Pack mi ha ricordato tantissimo quelle del Lupo con la Seconda Squadra Segreta :D

    RispondiElimina
  26. Il punitore angelo e orripilante.
    Non è tanto la storia (Ho letto il team up con Wolverine) ma... non so...hanno rovinato il personaggio di Frank.
    L'hanno reso una fusione tra Terminator e Sam Wheat di ghost.

    RispondiElimina
  27. Doc, la storia con Archie era così desolante? Da altre parti ne avevo letto bene.

    RispondiElimina
  28. Non per fare il PDF qui Doc, ma la vettura presa in uno dei nostri classici "Alfa Affittare" è in realtà una Alfa Duetto Spider disegnata un filo larga.

    Che poi la parcheggi di fronte ad un "Antico"...

    RispondiElimina
  29. Mmmmmh, il Punitore contro Doom ha del potenziale...... per finire nel mio blog-collezione dei momenti più WTF del dittatore di Latveria!

    Però, dai, il Punitore più incaSSato di Lobo? Eresia, Doc, eresia!

    RispondiElimina
  30. "Manga quanto può esserlo uno scarabocchio sul muro a Corigliano (CS)".
    Ricordiamo alla gentile platea in ascolto che a Corigliano esiste un negozio la cui insegna recita "Cicco, rampollo è...basta!" (giuri!).
    Quando il Pun(itore) emigrerà in terra calabra, altro che "Antico"...
    Bye
    Oscar

    RispondiElimina

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.

Related Posts with Thumbnails