lunedì 9 settembre 2013

86

Yamato 2199. Li guida ancora il capitano Avatar, anche se non si chiama più così

Visto che l'esperimento con Attack on Titan/Shingeki no Kyojin vi è piaciuto, parliamo oggi di un'altra serie anime che stai seguendo e che voialtri ve la dovreste proprio guardarvela. Uchuu Senkan Yamato 2199 è il remake della serie di Leiji Matsumoto del 1974, nota in Italia - dove arrivò nell'edizione americana, con i nomi hollyebenjizzati e alcuni tagli, apportati per fondere le prime due stagioni giapponesi - come Star Blazers. L'astronave Argo che corre qua, vola là per il cielo azzurro, ricorderete. Bene, quella nave da guerra spaziale ha ripreso il volo lo scorso aprile, in una nuova serie animata che punta ad aggiornare il mito della Yamato, dopo tutta una serie di film d'animazione e perfino live action (2010) che hanno fatto seguito all'anime originale. Un remake, dicevamo. Di livello? Ayeah [...]
Okita, un uomo in grado di prendere a cinquine forti in faccia William Adama
Per chi ricorda Star Blazers, con il capitano Avatar, la bionda Nova, Derek Wildstar e la uber-ultra-gigafichissima squadriglia delle Tigri Nere, o per chi ha visto i film, come Addio Yamato, sarà facilissimo entrare in sintonia con questa nuova serie: apprezzarne il modo in cui rispettosamente ricalca l'originale in molti punti, così come le scelte adottate per discostarsene (ci arriviamo subito). Per chi invece non ha mai visto nulla della saga e ancora non sa bene di che diavolo si stia parlando, sarà sufficiente dire che Yamato 2199 è quanto di più prossimo si sia mai visto a una serie animata di Battlestar Galactica
La prima apparizione della Yamato, nell'episodio 1
Una nave alle prese con una missione impossibile, sola contro un nemico apparentemente invincibile, diretta verso un luogo molto lontano e dotata di una, si diceva, incredibilmente fichissima squadriglia di caccia. E una storia fatta, allo stesso modo, di puntate dedicate esclusivamente alle battaglie di questa guerra sanguinosa, e altre incentrate invece sull'approfondimento psicologico dei protagonisti, lì a scavare nella vita dei membri dell'equipaggio.
Una storia che, grazie al cielo, ha un minimo di ritmo e si lascia seguire con piacere, pur finendo per ricalcare inevitabilmente tutta una serie di situazioni già viste in un fantastilione di puntate di Star Trek o in altri anime fantascienzi. Se i protagonisti principali restano infatti il capitano Okita, il giovincello Susumu Kodai 
(nel riquadro piccolo la versione di Star Blazers, aka Derek Wildstar)
e la bionda Yuki Mori (in Star Blazers Nova Forrester, in quanto imparentata con quei fornificatori seriali di Beautiful), e se ritornano tanti altri personaggi della saga 
come il Dr. Sakezo e il robot scassamaroni Analyzer, per il resto della ciurma si sono mischiate le carte, aggiungendo nuovi personaggi o modificando quelli esistenti. Così, mentre in Star Blazers Yuki Mori era praticamente l'unico membro femminile dell'equipaggio, qui si sono aggiunte molte altre donne. Il ruolo di infermiera del dottore ubriacone, nell'originale occupato dalla tuttofare Yuki, ora è affidato alla tizia moe peratissima d'ordinanza. C'è una radio di bordo gestita da un'altra ragazza, Yuria Misaki, chiamata invece a occupare lo slot del personaggetto kawaii,
e ci sono il tenente supertopa con look da bibliotecaria Kaoru Niimi e il pilota Akira Yamamoto.
No, quello a sinistra è il pilota bassista carismatico Kato. Akira è la tizia a destra
Esatto, nella serie originale Akira era un uomo e qui è una gnocca, con la maglia di riserva nera e gialla dell'AFC e anch'ella interessata come Yuki a Kodai, snodo principale di una figura geometrica impazzita a dodici, tredici lati che coinvolge mezzo equipaggio
Beh, se moltiplichi esponenzialmente il fattore pheega in un viaggio che dura anni luce, è il meno. Ne è seguito ovviamente tutto un tripudio di modellini peratissimi dedicati ad Akira, che potremmo dunque chiamare Renataaaaaaa, e alle altre. Stereotipi che, in ogni caso, nulla tolgono ai lati positivi dell'anime. E sono tanti, eh.
Perché ti piace il modo in cui vengono gestiti sia i protagonisti, sia i gamilonesi. Da un lato, ad esempio, episodi come il 7 mostrano quanto la guerra sia già costata ai vari membri dell'equipaggio della Yamato, dall'altro in varie puntate viene svelato il prezzo che anche i nemici (una famiglia ce l'hanno pure loro, da qualche parte) pagano e hanno pagato per assecondare le mire espansionistiche di Gamilas,
Tutto per colpa di Albertino
sorta di impero romano dello spazio guidato dallo scocciatissimo biondino con la jacuzzi Abelt Dessler. Uno che se ti invita nel suo salone dei ricevimenti devi sperare non gli venga voglia di suonare la sua pianolina del mulino bianco, o sono razzi con pochissimo zucchero.  
Altri pregi? È un anime visivamente bellissimo. Dopo aver ammirato la qualità di animazioni e dettagli nel primo episodio, temevi che, come spesso accade, tale cura sarebbe andata scemando in quelli successivi. E invece. Ogni tanto si nota qualcosa di meno riuscito, ma nel complesso hai trovato Yamato 2199 ottimo sotto questo punto di vista. Bisogna solo abituare l'occhio all'uso del 3D.
Tutte le navi, Analyzer, i cannoni della Yamato e molti altri elementi "esterni" sono realizzati infatti con una grafica poligonale incartata in una sorta di effetto cel-shading. La resa statica è notevole: quello a cui tocca fare il callo è la velocità di rotazione dei modelli, perché all'inizio fa molto astronave di Futurama. 
Ma una volta digerite le perplessità iniziali, la grafica poligonale consente di allestire dogfight e missioni di attacco al suolo di un certo livello aventi per protagonisti i Cosmo Zero di Kodai e Akira e gli altri caccia della nave.  Finito? No, c'è un'altra cosa. Il tema dell'opening è quello storico, arrivato anche da noi con il testo USA (era la sigla di chiusura di Star Blazers in Italia?):

La prima volta che quelle note partono a tradimento, durante l'episodio 1 di Yamato 2199, sei stato colto di sorpresa da uno tsunami di lacrime napulitante. Questa è la sigla di testa della nuova serie:

Yamato 2199 va in onda in giappolandia dallo scorso aprile e ha macinato finora una ventina abbondante di episodi: facciamo che chi ancora non la sta seguendo può provare ad aggiungerla alle sue visioni settimanali, così portiamo a due la quota di serie anime in corso Antro-approved. Ah, prima o poi parliamo anche del film con attori in carne, ossa e ciuffi del 2010. Promesso.

86 commenti:

  1. Ecco, ora inizio il Lunedi con una scimmia gigantesca. Ma anche con nuove visioni da mettere in lista. Buon lunedi Antro :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ed a proposito Doc : Cosa pensi del film sul Geandissimo Harlock in arrivo a gennaio ? Curioso di un tuo parere

      Elimina
    2. Ne abbiamo parlato già diverse volte. Ma chi l'ha visto a Venezia me ne diceva di bruttissime. Tanto da ammazzarmi quasi la scimmia :(

      Elimina
    3. Avevo letto ma volevo un commento piu' "tennico ". La news da venezia è la peggiore notizia della settimana

      Elimina
  2. Non vedo l'ora escano le doujinshi hentai in stile Prison Battleship :P

    RispondiElimina
  3. Buongiorno Doc, puoi mica dirmi dove l hai "trovata" ? ( Il sito intendo...) .Su Attack on Titan avevi ragione, impressionante. Erano anni che non vedevo un anime che mi prendeva così

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No. E che nessuno posti link di alcun tipo, per piacere. Perché non si può. Ma a cercare con google, la versione sub ita si trova in un attimo...

      Elimina
  4. ma il capitano Avatar non se li merita due occhi nemmeno nel remake? se ne vede sempre uno per volta... si fa economia di occhi in Giappone!? x_O

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È una regola ferrea del sindacato capitani di Matsumoto.

      Elimina
  5. Non ho mai guardato la prima serie perchè non c'erano robottoni. Anche se il reboot è il male. Se questa serie è un pizzico più matura credo proprio che valga la pena di un posto nel mio panlinsesto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. idem
      e nel recente passato di ripescaggio ho dato priorità ad altro

      Ora se mi dicono che questa è mejo quasi quasi...
      Mo guardo che se po fà

      Elimina
  6. Devo mettermi di buzzo buono a ricercare queste serie.

    RispondiElimina
  7. Il cannone ad onde moventi... lacrime partenopee ;(
    A quando una disanima su Starzinger ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non mi piaceva tantissimo (sigla a parte). Vediamo.

      Elimina
  8. Grazie per la segnalazione, vista la quantita' di serie in giro oggi per me l'unico modo per raccapezzarmi e' farmele indicare. Attack on Titan e Gurren Lagann (apparsa nella classifica dei robot smisurati) sono state belle scoperte, proviamo ora la nuova Yamato.

    RispondiElimina
  9. La "seguo" dal primo episodio e vince parecchio, ma moltoparecchio

    RispondiElimina
  10. Probabilmente sarà il prossimo anime che vedrò appena troverò il tempo, al momento sono preso da Kyojin, Symphogear 2 e Blood Lad (questo Doc lo devi vedere, parla di un vampiro/otaku/nerd...). Tecnicamente sembra davvero ben realizzato, mantiene il feeling originale nonostante il chara design femminile viri un pò troppo verso lo stile "pinup del 2000"... Il 3d se non troppo invadente è tollerabile... P.s.: ma sbaglio o in questo anime c'è una tizia che si chiama... Merda?!?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se ti è piaciuto Blood Lad ti propongo "Hataraku Maou-sama!" 13 puntatine piacevoli sulle vicende di Satana al lavoro in un fast food.

      Elimina
    2. PS: (nota per i frequentatori occasionali estremisti religiosi provenienti da google) non si tratta del Satana demonio biblico naturalmente.

      Elimina
    3. Già visto, spassosissimo!!! Rilancio con Arakawa Under The Bridge, altro anime assurdo e divertente...

      Elimina
    4. Vedo Arakawa (ma vado a documentarmi) e rilancio con Tower Of Druaga.. :)
      Però finora Maou-sama non lo batte nemmeno Excel saga con i suoi Puchu, nella mia personale classifica naturalmente.

      Elimina
    5. Druaga mi manca, è li tra i godziliardi di anime "da vedere"... un giorno mi sa che farò il conto delle ore, così, tanto per capire se una vita mi basta oppure no... Comunque Pedro di Excel Saga rimane un personaggio inarrivabile, le sue disavventure mi fanno sdraiare ogni volta che le rivedo... Altro anime da piegarsi è Abenobashi, con un citazionismo sfrenato e targato Gainax...

      Elimina
  11. Bellissimo!!!
    Mi spiace solo (come ovunque negli ultimi tempi) l'aggiunta di troppi personaggi portatori di pere.
    Yuki Mori (o Nova Forrester) almeno nn sembra più che a ogni puntata abbia tentato invano il suicidio.
    Kaoru Niimi però...occhialini da bukkake...altro che bibliotecaria :D:D

    RispondiElimina
  12. Stavolta altro che la lagrimuccia napuletana! Bellissima notizia Doc, tuffo al cuore, emozione e download in corso d'opera... Il live action voglio commentarlo dopo il tuo post :D

    Questo remake già sento mi piacerà proporzionalmente all'incremento di pheega nell'equipaggio ;)

    RispondiElimina
  13. Più che effetto futurama, le navi si muovono proprio nel modo meno realistico possibile, soprattutto quelle con una massa considerevole. Sembrano gli sgusci di Star Wars Episode 1.

    Desler è meno fuhrer e più Lannister. Inutile aggiungere che lo adoVo.

    Per il resto non è male, ci sono alcuni dialoghi che sono stati ripresi pari pari dalla serie originaria, e l'iniezione massiccia di gnocca è stata praticamente un dovere morale.
    Anzi, già che ci sono, lancio un mini-sondaggismo piratesco a tradimento. Il miglior c*lo nell'equipaggio femminile della Yamato.

    http://blog-imgs-51-origin.fc2.com/g/o/o/goodboy22ch/k2m13052720-1_2.jpg

    Scegliete o perite!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'effetto Futurama di cui parlavo è proprio quello: navi enormi leggerissime. Desler ftw.

      Elimina
    2. E ovviamente il link non funziona... ma non mi perdo certo d'animo :D

      http://livedoor.blogimg.jp/newsokuch/imgs/9/c/9c5f12f5.jpg

      Elimina
    3. Mi fa diventare un cosplayer dell'asino di Buridano :-) facciamo la più a dx

      Elimina
  14. Si, la sigla nel video in Italia era la sigla di chiusura (e checche' se ne dica il testo USA è IMHO fenomenale!)...in Jap questa nuova versione te la ritrovavi dappertutto ma a me il chardes non ispira un granche', questione di gusti of course! ;D

    RispondiElimina
  15. Grazie della segnalazione. Inizio immediatamente a seguirla.
    Non vedo l'ora che mettano mano al cannone a onde moventi.
    La sequenza di innesco mi fa venire da sempre la pelle d'oca.
    Probabilmente l'arma più potente vista in un anime.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'arma più potente vista in un anime mi sa se la giocano il cannone "distruggi universo e rebootalo" dell'ideon e l'energia della spirale con il gurren lagann che lancia le galassie tipo stelle ninja :D :D
      In confronto la Yamato son pezzenti :D

      Elimina
  16. ...meritevole davvero... grazie Doc, bella doc

    p.s.: attendo un auspicabile tuo prossimo intervento sull'imminente "Rush"...(sì, ci sono pure le Lancia)

    RispondiElimina
  17. Si, la nuova sigla retrò mi ha fatto venir la pelle d'oca alla gambe... ma dev'essere semplicemente il primo venticello settembrino, qua al Nord ;)... che soffia nel mio freddo cuore di sbarbo [cit.]

    RispondiElimina
  18. doc mi sa che mi hai convinto.. ci do volentierissimo uno sguardo..
    per invogliarmi ancora di più avrei però bisogno di sapere se la maggiore concentrazione di pheega produce poi un minimo di atmosfera ecchi.. in quel caso vado direttamente in giapponia a vederlo :D

    RispondiElimina
  19. Bene, faccio che aggiungere una serie alla mia già sterminata lista di visioni nipponiche ^^

    RispondiElimina
  20. Questa serie me la stanno consigliando piu' o meno tutti.E non e' che non abbia voglia di vederla,e' che i miei "slot" per l'animazione sono gia occupati dai soliti Titani,da Silver Spoon (serie recente caruccia assai,una specie di "Il ragazzo di campagna" al contrario) e dalle ultime puntate di Young Justice.

    Comunque la sigla d'apertura fa sempre venire i brividi e poi un giorno il capitano Avatar/Okita,Jean-Luc Picard e l'ammiraglio Adama si incontreranno e il carisma generato da tale evento fara' implodere l'intero universo.

    RispondiElimina
  21. Salve Doc!
    Ho scoperto l'Antro in una delle innumerevoli immersioni nell'internet alla ricerca di malinconie anni 80 (l'età dell'oro della razza umana, preceduta e seguita da decadente evoluzione). E ho quivi trovato grandi tesori e ricordi e omg e... lo sai. Quindi ringrazio e ricambio con un consiglio anime: Kino no Tabi. E' uno di quelli che preferisco che trattano i temi filosofico esistenziali psicologici farciti di crudezza e viulenza parossistica. Questo mio seme darà frutto? Ai posters l'ardua sentenza...

    RispondiElimina
  22. Grazie Doc,

    metto in lista ed attendo altre segnalazioni (per ora queste due serie sono semplicemente wow)

    RispondiElimina
  23. Dicevo :
    di anime oramai ne segue pochissimi e Yamato 2199 , fortunatamente, fa già parte di questi.

    La serie è trattata degnamente , seria e più moderna e meno minimalista anni 70 . Apre a più sfaccettature .
    Si fa notare per alcune citazioni fantascienze lungo il cammino che faranno felici il lato nerd della forza.
    La sigla è fantasticamente uguale a quella antica e l'aumento di tuberacee a bordo della yamato incentiva l'audience.

    Spero solo che il livello narrativo si mantenga elevato.

    Ora vado a cercare qualche immagine delle yamato girls sull'internetto .

    RispondiElimina
  24. Figata! Devo trovare il tempo per vederlo, già, come abitudine anche del Doc., dormo una media di tre/quattro ore a notte per portarmi avanti con serie, film e videogame, aggiungerò volentieri questa serie alle altre in corso.

    RispondiElimina
  25. I reboot saranno il Male, nonché una delle cose di cui si sente meno il bisogno al mondo subito dopo il TG4...
    ...ma i remake vanno benissimo allora! :D

    Yamato non mi ha mai interessato più di tanto ma, a quel che ho capito dalla tua rece, han preso la strada BSG come aveva già fatto il film di ciuffi e robò dalla voce fastidiosa.

    Il modello Starbuck tira ancora una cifra; adesso speriamo solo che le voci su Capitan Marvel siano vere.

    RispondiElimina
  26. E aggiungiamo che la serie ha portato di nuovo i modellisti giapponesi ha impazzire dietro a migliaia di fotincisioni e iperdettagli fantascienzi da paura!
    Sono mesi che escono tutti i kit possibili e immaginabili della serie! Pazzesco il giro di soldi che si è messo in moto per la Yamato.
    Chissà Harlock quanti kit creerà.

    RispondiElimina
  27. Non la conoscevo. Cenere sul capo e sentiti ringraziamenti.

    RispondiElimina
  28. Chissà se anche in questo remake, la versione USA avrà tutte le voci dei Gamilonesi doppiate con accenten di Teteschi nazisti e kattifi!!

    RispondiElimina
  29. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vuol dire che non eri ancora nato quando lo davano in tv nella versione "originale" in Italia...per cui porta rispetto alle cariatidi e meno saccenza anonimo ;)

      PS Doc scommettiamo che è sempre lo stesso ip :D?

      Elimina
    2. Oh, anonimo pistola, la prossima volta prova con "Mio Nano", così fai contento il tuo amico pregiudicato.

      Elimina
  30. Veramente un'ottima serie, una delle poche di questi mesi degna di essere seguita.

    Ha il pregio di avermi avvicinato alla Yamato, perché, pur essendo un classe 77 (metri), ho sempre snobbato da piccolo la sua visione, vuoi perché non c'erano robottoni, vuoi perché il tratto di Matsumoto non mi è mai piaciuto particolarmente, anzi.

    RispondiElimina
  31. Come già detto l'unico difetto è l'ingenuità della serie di partenza di Matsumoto (che era avanti per l'epoca ma vista oggi perde molto), oltretutto la versione arrivata da noi era quella americana censuratissima.

    Il fanservice è stato inserito ma è a livelli tollerabili, anche se niimi è esageratissima.

    Divertente la presa in giro inplicita al chara design di Matsumoto:

    SPOILER-
    quando sia i ribelli dell'equipaggio che il commando di gamilon scambiano Yuki Mori per un Iscandariana, visto che le bionde femmine Matsumoto le ha sempre fatte tutte uguali :D :D :D

    FINE SPOILER-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tanto per sapere, c'è qualche versione della Corazzata Yamato a prezzi umani in giro.

      Elimina
    2. Drakkan di yamato ne sono uscite 3 TUTTE con luci e suoni, una nella serie popynica, la prima, la BPX 01 bandai, che è quella che costa meno di tutte, ha uno sculpt e soluzioni un po piu datati ma maggiore qualità della successiva gx 57 (basta vedere i cannoncini orrendi della gx 57 e quelli della bpx 01....), ha poco metallo.

      Poi c'è la soul of chogokin gx 57, un po piu metallo, più cara, piedistallo col telecomandino per luci e suoni, qualità generale piu bassa

      infine deve uscire la GX 64 a breve (sono aperti i preordini 175 sspedita dal giappone) ispirata proprio alla yamato di questo remake, ha POCHISSIME differenze da quella precedente ed è una chiara mossa commerciale bandai che ha anche messo uno stand veramente min imale rispetto al passato. Non so darti un giudizio non essendo ancora uscita.

      Se l'interesse è spendere poco io andrei di BPX 01.

      Elimina
    3. ho visto quanto chiedono al momento per la BPX e niente decisamente troppo, appena uscita la gx 57 te la tiravano dietro ora ho visto prezzi sui 150, troppo per quello che è

      Elimina
  32. E' la mia serie animata cinema/OAV preferita, dato che quella dei CDZ l'hanno mandata in malora anni fa e continuano tuttora a sputarci sopra........meglio fermarsi qui.
    La trovo un'opera inappuntabile (SPACE MAGIC a parte, con la nave che schiva cannonate e va in testacoda manco fosse fatta di un sottile foglio di lamiera, e i raggi dei cannoni che sono sempre in coordinato con lo schema cromatico della nave che li spara, nel film Yamato Resurrection era molto ROTFL; ma qui si tratta di andare a trovare il pelo nell'uovo), l'animazione è di altissimo livello e ci mancherebbe essendo una serie che viene addirittura raccolta in "film" che altro non sono che gruppi di 4 episodi e dati al cinema, da noi queste cose neanche per il cà**o, fa già stranissimo che abbiano dato la pentalogia di Hokuto. I ritmi narrativi li trovo azzeccati, la storia in sé risulta entusiasmante per chi non vuole rinunciare alla propria dose settimanale di fantascienzo. Non ci sono scuse per non guardarsela; io personalmente spero in un degno adattamento italiano giusto per avere la scusa per accattarmi tutti i dividì, la lingua originale è da paura, ma anche noi abbiamo il nostro squadrone di doppiatori scalciaderetani.

    RispondiElimina
  33. AZZO ecco da dove veniva il cannone Yamato di Starcraft! Sapevo di conoscere la citazione ma non riuscivo a ricordarmi!

    Comunque mi spiace ma Bill Adama prende a cinquine tutti dalla A di Adama (figlio) alla Z di Zardoz. Poi vorrei vedere voi in un vicolo buio con E.J. Olmos, tsè. Io mi sto cagando in mano al solo pensiero

    Doc però ogni tanto potresti farci leggere i migliori commenti anonimi. Vedo commenti cancellati e risposte e mi viene sempre la curiosità

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E anche l'ammiraglio dell'incrociatore se ci fai caso è un po' una riproposizione del vecchio marinario-babbonatale su cui è costruito il personaggio del capitano Okita.

      Elimina
  34. Il remake della sigla è ORGASMICO :D

    RispondiElimina
  35. Altra roba per cui urge trovare tempo da dedicare... grazie Doc!

    RispondiElimina
  36. Ho il film subbato da quasi 2 anni e lo devo ancora vedere.....

    RispondiElimina
  37. La serie originale trasudava epicità da ogni fotogramma salvo il fatto che il giovane me ha sempre capito che il cannone fosse ad onde "emolienti". Temutissimo da quelle pelli di luna dei gamilonesi. Grazie della segnalazione Doc,ci si darà un occhio a questo remake.

    RispondiElimina
  38. Probabilmente il miglior remake di tutti i tempi. Da vedere assolutamente.

    RispondiElimina
  39. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  40. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  41. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  42. Grazie per la segnalazione: ero/sono molto incuriosito per questa serie. ;-)
    Film "Space Battleship Yamato" (visto l'anno passato): ottima produzione che non sfigura affatto di fronte agli equivalenti hollywoodiani, ma a cui manca un'anima viva e pulsante, e che s'inceppa nel finale. Però ne vale la pena di vederlo.
    Da vedere consiglio la trilogia filmica di "20th Century boys": davvero superiore al film di Yamato.
    Invece per quanto riguarda il film di Capitan Harlock, ecco il laconico commento di un amico presente a Venezia : Ben fatto davvero anche se avrei preferito un film in 2D aggiornando il tratto dell'anime originale.

    RispondiElimina
  43. la sigla!! LA SIGLA !!! mioddio la sigla!!!! piango.

    RispondiElimina
  44. Mah, io avrei preferito un chara meno bamboccesco e più adulto, adatto a questa serie remake che pur presenta delle belle scene e dà un senso di maggior realismo/catastrofismorispetto alla vecchia , tipo quando si vedo i gamilonesi bombardare la Terra.
    Il fan service e la gnocca le gradisco,è un evoluzione rispetto al machismo della serie originale però continuo a pensare che in una serie simile ci stiano bene come un dito nel naso.

    RispondiElimina
  45. Da rEgazzino ho sempre odiato questa saga quindi penso di passare...ma Doc grazie per Attack on Titan...é appassionante, applauso stile corazzata Potemkin per il tuo consiglio!

    RispondiElimina
  46. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  47. mi sono gia' visto i primi 22 episodi (gli unici che ci sono al momento) e devo dire che la serie e' riuscita benissimo.
    Riesce a riprendere i temi, personaggi, ed atmosfera della serie originale senza stravolgerli.
    Al tempo stesso porta la serie ad un livello diverso, sia come qualita' grafica sia come "serieta'": il feeling e' di una serie molto piu' seria, simile allo spirito di battlestar galactica.

    Devo dire che questo e' un esempio di come si fa' un buon remake.
    Prendi un film/serie buono, ed hai l'umilta' di migliorarlo senza stravolgerlo.

    Una serie consigliatissima

    RispondiElimina
  48. il trailer è figo e ho capito cosa intendi per effetto futurama.
    a 'sto punto proporrei il kleenex mode quando le lacrime napulitante sono oltre il livello laguna di venezia

    RispondiElimina
  49. Intanto hypizziamoci a nastro con il trailer dell'ultimo atto:

    https://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=r8N1pqwAgTE

    RispondiElimina
  50. boh io non trovo il secondo episodio.. esiste vero?

    RispondiElimina
  51. Posso? Posso?

    Eccovi la opening originale cantata live dal grande Isao Sasaki: http://www.youtube.com/watch?v=7gHORDBZuOA

    Allora, è epica o no? :D

    (anche eoridellospazionoisiamo non era male, eh)

    RispondiElimina
  52. Doc, visto che roba l'episodio 20? O_O

    RispondiElimina
  53. Interessante non ho mai seguito l'originale, non so perché ma non mi ha mai rapito come gli altri lavori di Leiji Matsumoto, Harlock e Galasy 999 all'epoca mi attrassero molto di più, ma questo remake mi stuzzica e non poco. Doc, grazie della dritta,speriamo solo che i paralleli con Battlestar Galactica non siano esagerati, la nuova serie proprio non mi e piaciuta ( si lo so lapidatemi in piazza con un cartello al collo con scritto idiota), mentre la serie classica mi piacque un bel po. Salutoni Doc

    RispondiElimina
  54. Finito... gran bella serie! Adesso aspetto il film.
    Intanto prosegue l'effetto occhio bruschettato e lacrime napulitane

    RispondiElimina
  55. Remake fantastico Doc, ero un fan della prima serie (meno dei film e men che meno dell'action movie) e devo dire che qui hanno davvero imparato la lezione Battlestar Galactica alla perfezione... mi fa ridere solo come i giappo indugino sul corpo femminile mercificandolo gratuitamente... buffi...

    RispondiElimina
  56. Il viaggio non *dura* anni luce, bensì *è lungo* anni luce. Nella sigla originale si erano voluti cautelare dall'errore della rotta di Kessel...o forse gli ha solo detto fortuna. ;>

    RispondiElimina
  57. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  58. sai mica se rifaranno anche l'impero della cometa, hanno fatto una cosa bellissima non come con harlock

    RispondiElimina
  59. Ammazza la bionda l'hanno pimpata a dovere

    RispondiElimina
  60. Bella serie, consigliatissima e finalmente in lingua italiana su Netflix. Ma debbo confessarvi che preferivo i nomi americani.. Susumu Kodai è un nome bimbominkioso come pochi, vuoi mettere con il mitologico Derek Wildstar™?

    RispondiElimina

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.

Related Posts with Thumbnails