lunedì 3 giugno 2013

123

I fumetti americani degli anni 90 e la grande corrente artistica del Sacchettismo

Si fa presto a guardare una copertina di Liefeld come questa e a fare dell'ironia sul bacino della tizia guercia con le autoreggenti di metallo, su quel girovita di dieci centimetri capace di provocare un coccolone a qualsiasi insegnante di figura del liceo artistico. Ma così facendo per oltre vent'anni si è sottovalutato un problema ben più grave che ha interessato praticamente tutto il fumetto americano dei primi anni 90. A furia di fissare il dito, si è dimenticata la Luna verso la quale era puntato, un male di cui Rob Liefeld è stato solo uno dei primi portatori sani, ma certamente non l'unico. Guardateli meglio, i due figuri in questa copertina qui sopra: cos'hanno in comune? Le sacchette. Decine e decine di sacchette [...]
Vero alfiere della Sacchetta, Rob Liefeld parte dal suo Cable sulle pagine di New Mutants prima e X-Force poi. Un guerriero proveniente dal futuro che scalcia cooli, tira giù i nomi e si porta dietro le merendine, la collezione di biglie, i soldatini del kinder e un pacco di cartine. Se Batman ha da sempre la sua cintura, si chiede Liefeld, perché i miei eroi moderni, arrabbiati, pieni di lineette inuti in faccia e pettinati coi minerva non possono avere diecicentomille sacchette a testa?
E dove proprio le sachette addosso sfigurassero, l'astuto Rob ha pronta una soluzione ingegnosa, la variante giarrettiera con sacchette, adottata nella pagina di X-Force qui sopra 
o in questa qui. O in tutte le altre. Con la sua forza di corrente artistica nuova e vivace, il fenomeno sacchette dilaga. In quanto suo primo esponente, l'avanguardistico Liefeld gioca al rialzo,
moltiplicando furiosamente la portata massima di sacchette dei suoi personaggi. Bastano una manciata di numeri, e su X-Force Cable diventa l'Uomo Merceria. Che ce li avete i bottoni in madreperla che ne ho perso uno? Tenga, se vuole li ho anche più piccoli.
Anche una volta andato via dalla Marvel, Liefeld non abbandona però il discorso, questo fine esercizio di critica alla società dei consumi. I suoi eroi attenti al riciclo, che si portano il pranzo da casa, spopolano anche alla Image e in seno alle cinquanta sottoetichette create dall'autore perché sì. Forse per un qualche collegamento occulto con l'Opus Dei di cui ignoriamo i dettagli, anche le giarrettiere sacchettate diventano la regola.
È l'alba dell'eroe Boy-Scout che canta Un bravo lupo io voglio diventare,
di una nuova stirpe di combattenti con gli occhi lontanissimi e le gambe sempre addormentate perché quelle cose sono troppo strette.
Eroi che conoscono la praticità di una sacchetta assicurata al sottocoscia, per prendere l'occorrente e rammendarsi il costumino al volo durante un salto, metti che. Ma Liefeld, si diceva all'inizio, era solo l'apripista.
Jim Lee, ad esempio, è un altro noto esponente della corrente del Sacchettismo. Partì in sordina, con primi esperimenti discreti sulle pagine di Uncanny X-Men, rifilando ALMENO una giarrettiera doppia a TUTTI gli X-Men, nel periodo in cui i mutanti della scuola di Xavier vestivano uguali come i rEgazzini delle medie. A Forge, peraltro, con quel costume che si interrompeva tra mutanda e ginocchio, serviva davvero. Veniva utile una cifra.
Ma poi anche Jim scopre il fascino oscuro del Sacchettismo nella sua forma espressiva più pura. L'insopportabile PdF Occhio Ciclocchio diventa Uomo Merceria tanto quanto il figlio spedito ad invecchiare nel futuro
ed è tra i primi a indossare la praticissima tracolla sacchettata, evoluzione anni 90 dell'uomo col borsello. Che meenchia ci tiene Ciclope lì dentro?, si chiede la gente. Il cellulare e gli spicci? Le sigarette? Un panino con la mortadella? Un'agendina con il riassunto in ordine cronologico di tutte le sue figure dimmerda?
 E Longshot? C'ha il tema all'esame di maturità?
Anche Jim Lee, una volta approdato alla Image, non abbandona il Sacchettismo. I suoi WildC.A.T.S. sono pieni di sacchette, a partire dal fintociclope Spartan
 da Zealot, da Grifter, da chi volete
 E che dire dei tizi di Stormwatch?
e dei loro nemici? Il Sacchettismo ha ormai rotto gli argini e travolto tutta la neonata casa editrice, ormai nota tra gli addetti ai lavori come Pocket Image.
Spawn numero 1: McPupazzo capisce che le catene inutili e le borchie inutili e il teschio sulla cippa e il mantello fatto con gli scampoli non bastano, e sacchettinizza lesto la coscia del suo originalissimo eroe barbone. Naturalmente, con la grande attenzione al dettaglio che gli è tipica, e che anche i suoi detrattori come te gli devono riconoscere,
a qualche pagina di distanza NELLO STESSO NUMERO la giarrettiera sacchettata finisce sull'altra coscia, ualà, ché quello s'è dimenticato
O, metti, Savage Dragon. Per un numero (poi ripudiato da Erik Larsen), a disegnarlo arriva Jim Lee con la sua cumpa, e il tizio in canottiera strazzata diventa l'Uomo Merceria III, un eroe così attrezzato 
che manco Capitan Cavey
Orfana di tutti i suoi disegnatori di punta, e subito dopo aver finito la bottiglia di spumante stappata perché se n'era andato anche Valentino, la Marvel passa al contrattacco. La serie personale di Cable parte con un trionfo di sacchette
e giarrettiere, usate in abbinamento alle tipiche armi Mavatteneafareungiro dell'era Liefeld
Anche Capitan America, il più vecchio e forse il più iconico degli eroi Marvel, si piega nel '94 alla moda dominante come abbiamo visto
Mentre qualche mese dopo, sul fronte italiano, la serie autoctona Europa insacchettizza il leader di Gemini, Front, fratocugino di Spartan. Ma siamo già nel '96, e il movimento inizia a mostrare i suoi limiti. Lettori ed eroi sono stanchi di sacchette e giarrettiere sacchettate, bisogna inventarsi qualcosa di nuovo. E a chi fare appello, se non al fondatore del Sacchettismo? Rob Liefeld ci pensa per mesi, e alla fine partorisce un'evoluzione di un discorso appena abbozzato anni prima. Dal Sacchettismo nasce una nuova corrente artistica,
lo Zainettismo. Alla pari di altri grandi artisti come Fragolari, Carciofani, Mutandari e Staccolanana, Liefeld riconosce i limiti del suo approccio e decide di portarlo al livello successivo. Perché accontentarsi delle sacchette, si interroga l'artista, quando puoi munire l'eroe anche di un praticissimo zainetto?
Ed eccoli, Cable e Deadpool, i due eroi oggi più noti tra quelli ideati graficamente dal Rob, gli eroi da cui era partito, ritratti in una copertina che è un po' il manifesto di tutto il suo movimento e dei filoni che ha generato. Eccoli, in un ritorno alle origini, in una chiusura perfetta del cerchio, muniti di sacchette, giarrettiera e zainetto della seven. Pronti ad affrontare qualsiasi nemico, a sventare qualsiasi minaccia, ma anche, se non si presenta nessuno e non piove, a una bella scampagnata ai laghi della Sila. Lo porti tu il pallone, De'? Ok.

123 commenti:

  1. Perchè nel vedere la seconda immagine del fumetto di Cable mi è venuta subito in mente la serie di Action Man? E soprattutto, perchè me la ricordo ancora? XD

    RispondiElimina
  2. POUCHES!!!!!!!!!!

    Comunque bho, niente. Io che mi faccio un mazzo tarallo ogni giorno col disegno non riesco a non inorridire/ridere sguaiatamente ogni-singola-volta che vedo quelle robe di Liefeld. Avrò visto le stesse tavole e le stesse cover milioni di volte, ma ogni volta è come la prima. Scopri sempre qualcosa di nuovo che ti faccia rabbrividire prepotentemente.
    Oh, Rob, U <3

    (certo che pure Lee era uno zarro non indifferente al tempo eh? Boh, gli anni '90 continuano a dimostrare di essere un decennio oscuro e pieno di pericoli per il fumetto americano.)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lee è sempre stato e sempre sarà un grandissimo disegnatore. IMO. Da Punisher war journal in poi. Se avesse evitato di scrivere sarebbe stato meglio.

      Elimina
  3. Fantastico, tutto torna adesso...
    Grazie Doc per averci aperto gli occhi, è sempre un piacere leggere questi post ad inizio settimana :-)

    RispondiElimina
  4. LOL

    ehy doc aspettiamo sempre un bel post su quella poottanata di Europa XD

    E che ne dici di un post sui supereroi Hanna&Barbera?A me personalmentepiacevano moltissimo :)

    Ah,non so se lo sai ma la lucky red ha acquistato i diritti per il film di Capitan Harlock :)))

    RispondiElimina
  5. Sacchettismo, Zainettismo, verrà tutto a confluire nel Valigismo? Noi di Giacobbo pensiamo di sì!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Valigismo che, aggravandosi, potrebbe portare a casi di Carrellotendismo conclamato... ;)

      Elimina
  6. Bellissimo approfondimento cultural-sociologico Doc! Giusto per dimostrare che non di sole Cose di Ridere vive l'antrista.

    che nostalgia però vedere Europa. andavo allle medie e mi sembrava un esperimento straordinario (chissà a leggerla adesso cosa sarebbe...mah)

    io da lettore Marvel di meta 90s sono partito direttamente dai sacchetti (li aveva anche il Ragno Rosso alle caviglie e molti Vendicatori, era il periodo in cui andavano in giro con la giacchetta beige uguale per tutti...tristezza) e quindi li vedevo come una cosa normale. È stato bello però scoprire i supereroi post-sacchettismo.

    Quando è finito il Movimento,almeno in casa Marvel? con Heroes Return? Boh, chi se lo ricorda...

    RispondiElimina
  7. Ah, il Sacchettismo! Figlio del Grande Mood Survivalista che ha portato diversa gentaglia negli States ad infrattarsi armata fino hai denti in campeggi dichiarati Stati Indipendenti, a sua volta figlia dei Rambo degli'80...Ai tempi, X Force,per questo motivo l'avevo ribatezzata Tasc- Force.

    Comunquecomplimenti per la selezione di cover: non ne ho persa una ,ai tempi.E' stato un colpo indietro di 20 anni napulitante.

    RispondiElimina
  8. Poi in Italia ci si scandalizzava per la gente che andava in giro con il marsupio da parcheggiatore. E Berlino sta sempre dieci anni avanti, ecco qua.

    RispondiElimina
  9. Ma come mai sei così fissato con le proporzioni anatomiche reali nel fumetto? Venendo dal manga non c'ho mai dato grande peso, preferendo invece certi approcci di stile, armonia generale della figura o esasperazione della psicologia del personaggio resa visibile esternamente ('na fisiognomica al contrario). Buttandoci dentro pure i VG, vedi il chara dei Vanillaware, così criticato dall'ameriCANI ma che giudico stupendo anche se ha poco a che fare con le proporzioni anatomiche umane.
    Che poi uno stile faccia cagare perchè le figure oltre ad essere sproporzionate sono pure brutte è un altro discorso...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per Liefield è unicamente questione di DISEGNI FATTI MALE. Sgraziati, storti, fuori prospettiva, un'accozzaglia di robe.. Da piangere :*(

      Elimina
  10. Non è una questione di proporzioni in sè, ma di proporzioni ridicole. Nel fumetto di super-eroi si esagera da sempre nella rappresentazione del fisico umano, ma c'è chi l'ha fatto con grande stile (come lo stesso Lee o Silvestri, per rimanere in tema) e chi da cani, come Liefeld. Quando ho iniziato a leggere i primi fumetti Marvel, milioni di anni fa, erano disegnati da gente come John Buscema Sr. e Gene Colan. I Batman che saltava fuori dalle buste sorpresa erano di Neal Adams. È come veder giocare a calcio per anni una squadra composta per 8/11 da cloni di Maradona e poi veder scendere in campo Jonathan.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ok, ci sta, quindi la intenderò come "proporzioni non solo sballate ma che non migliorano il disegno, anzi lo rendono fegi"

      Elimina
    2. "John Buscema Sr" è una fusione amalgam tra John Romita Sr. e l'incommensurabile John Buscema, ma ci siamo capiti :)

      Elimina
  11. dopo aver letto tutti i tuoi post, ho finalmente guadagnato il diritto di postare regolarmente asd


    nonostante sia nato negli anni '80 mi sono approcciato al mondo dei fumetti molto tardi e ho saltato tutta l'epoca Liefeld e del sacchettismo....e ringrazio il cielo ogni santo giorno per questo

    ma anche l'universo dc non rimase immune a questa moda, o sbaglio?


    cmq la domanda sorge spontanea, si è mai visto (anche una sola volta) qualcuno tirar fuori qualcosa da una di quelle taschine o zainetti?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Casi di Sacchettismo in DC non ne ricordo, ma di eroi zarrizzati in stile Image haivoja: prova a dare un'occhiata allo spin-off della Justice League chiamato (non a caso) Extreme Justice :)

      Elimina
    2. Me lo stavo giusto chiedendo anche io, se non erro l'unico di cui ho memoria è il dottor Pym (quando nei vendicatori non andava a giro in costume ma con la tuta da meccanico), ma presumo che mostrassero la cosa solo per il fatto che potesse dare il destro a scenette in cui tirava fuori dalle taschine robe tipo velivoli o armi abnormi che prima aveva ridotto e messo da parte.

      Elimina
    3. Scchettismo in DC:
      Batman/Azrael: http://mimg.ugo.com/201010/63701/cuts/azrael-batman_480x480.jpg

      Manhunter anni 90 (occhio alla cintura che a volte aveva i sacchetti e a volte era anche munito di giarrettiera)http://upload.wikimedia.org/wikipedia/en/7/7b/Manhunter_chaselawler.jpg

      Anche i personaggi della linea Milestorm erano insacchettati

      Elimina
    4. e anche questo tizio di nome Fate, che col dr Fate non ci azzeccavas una fava: http://comicmegastore.com/images/dc-misc/DC%20Comics-Fate-1.jpg

      Elimina
  12. Rivedere cose di Liefield ora mi fa sempre una paura folle...
    Mi sanguinano gli occhi dopo così tanti disegni brutti... ;)
    Di questa carrellata mi rimane più di tutto "WARCHILD" con quell'uomo spetasciato sulla copertina: pare che l'immagine sia stata stretchata in orizzontale e allargata. :-/

    RispondiElimina
  13. Fa riflettere il fatto che a parte le sproporzioni anatomiche del buon Rob, all' epoca X-Force vendeva un botto.

    RispondiElimina
  14. Mi e' sempre piaciuto pensare che quelle sacchette fossero un po come il gonnellino di Eta Beta,ovvero che era li dove gli "eroi" Liefeldiani ponevano quei fuciloni oversize che si portavano appresso dopo aver combattuto.

    Lo zainone indossato da Cable nell'ultima immagine,poi,e' imbattibile: sembra un materasso con un'enorme luce viola che e' li senza alcun motivo plausibile...poi vabbe',c'e' il solito tripudio di occhi non disegnati e di sorrisoni a 78 denti. Perche' se uno deve ignorare le regole dell'anatomia,deve ignorarle tutte.

    RispondiElimina
  15. @ MEI

    nei manga spesso l'anatomia umana è un concetto astratto, ma come dici tu spesso è una cosa voluta per enfatizzare una scena o cmq è parte dello stile del disegno (cosa sarebbe jojo se fosse stato disegnato "bene")

    ma liefeld è su tutto un'altro livello, è un bambino con la media del 5 in disegno che si crede Giotto, è come quelle donne di 40-50 anni che si rifanno da testa a piedi, con seni a 50 atmosfere, labbra a canotto da 12 posti e 4 kg di trucco e si credono delle fighe da urlo quando invece farebbero venire gli incubi al joker

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma infatti le apparenti spropozioni nei manga sono artifizi grafici per dare l'idea del movimento, per animare il personaggio, ed è una cosa che non è prerogativa del solo fumetto giapponese, basta vedere i fumetti del grande Jack Kirby dove lui giocava con le propozioni dei personaggi per renderli mobili e vivi, ancora mi ricordo un annual di Cap America del King dove se aprivi la splash page avevi l'impressione che Cap sattasse fuori dalla tavola.

      Elimina
    2. Per caso hai un link? E' questa? http://i1125.photobucket.com/albums/l594/Siskoid/Splashes/splash-captainamerica-ann4.jpg

      Elimina
    3. Molto bella, ma mi riferivo ad un annual pubblicato nella storica starmagazine di un annual di cap all'epoca incredibilmente inedito in un periodo dove Kirby era completamente senza freni.

      Elimina
    4. Ricordo anche io... era Starmagazine 3 (http://atomik67.altervista.org/COMICS-EDITORI/STAR/STARMAGAZINE-DOCUMENTI/Star_Magazine_Crono1.htm )... in quel caso Kirby era sì senza freni dal punto di vista grafico, ma nello stesso tempo Cap scritto da lui era diventato una specie di "pupazzo che va in giro a menare i cospirazionisti antiamericani" perdendo gran parte delle sfumature che aveva accumulato negli anni.

      Elimina
    5. Infatti malgrado la sua seconda venuta ci ha regalato capolavori da pop art, la sua gestione delle testate a lui affidate non durarono molto visto che a livello narrativo erano molto involute.
      Però se Panini mi facesse una collection di quel materiale mi ci fionderei a palla

      Elimina
  16. Io sono entrato nel mondo dei supereroi proprio con la Image, Marvel 2099, Comics' Greatest World della Dark Horse (mammamia) e tutta la fuffa 90. Poi è arrivato Preacher e addio. Un buon modo per NON iniziare a leggere comics...

    Io ho una copia autografata Jim Lee del 13 variant di Savage Dragon, lo devo incenerire come espiazione dei peccati?

    RispondiElimina
  17. PDF on:
    tecnicamente quei sacchetti hanno un nome specifico in italiano, si chiamano giberne o gibernaggio:

    https://www.google.it/search?q=giberna&client=firefox-a&hs=K25&rls=org.mozilla:en-US:official&source=lnms&tbm=isch&sa=X&ei=X0asUdiEDcXEsgaCnYDwBQ&ved=0CAoQ_AUoAQ&biw=1440&bih=796

    https://www.google.it/search?q=gibernaggio&client=firefox-a&hs=SOl&rls=org.mozilla:en-US:official&source=lnms&tbm=isch&sa=X&ei=uEasUZnQNsWWPcjCgNgM&ved=0CAoQ_AUoAQ&biw=1440&bih=796

    Dovrebbero servire a portare prevalentemente munizioni, quindi nel caso di Cable e altri dotati di armi da fuoco hanno un senso ma per gente come Ciclope non servono ad un well loved.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciclope nelle sacchette ci teneva la faccia. E il culo. Mischiati.

      Elimina
    2. Dopo una serie di figure di "tolla" è inevitagile avere un cambio di faccia/culo.


      Glossario:
      TOLLA: significa generalmente latta ma in questo specifico caso sostituisce il termine feci.

      Elimina
    3. Esattamente cio' che intendevo con il Mood Survivalistico ;)
      Nel caso del Monocolo trattasi di 'bandoliera'...e in effetti lui lo e' parecchio! :D

      Elimina
  18. Ahahahah!! Una nuova corrente artistica è sempre ben accetta. Mi son sempre chiesto cosa ci mettessero dentro tutte quelle tasche e giberne...

    RispondiElimina
  19. La cosa brutta brutta è che per Cap il sacchetto-time non è mai finito, a differenza degli altri eroi: con la scusona che lui è stato/è un soldato (maddeché), sia la versione a fumetti che quella cinematografica sono tuttora arricchite di quelle simpatiche saccoccie piene di... boh?

    RispondiElimina
  20. Lo Zainettismo!! Voglio dire, metti che a Cable lo invitano all'improvviso ad un pic-nic con seratina intorno al fuoco e campeggio incluso?!? "Eeeh, ma nun c'hai la tenda in quelle sacchette miserelle!" ci dice Wolverine sempre attento alle comodità domestiche. E quello ci tira fuori una tenda canadese (per farci la battuta a Logan) dallo zainetto, che è una meraviglia! Son soddisfazioni eh? Grazie per l'approfondimento merceristico-culturale!

    RispondiElimina
  21. AHAHAHAHAHAHAHAHAH!!!!

    Comunque, è semplice fare facile ironia... Ma bisogna un po' mettersi la mano sulla coscienza, perchè, volente o nolente, nessuno di noi è immune al sacchettismo!!

    http://cdn1.fishpond.co.nz/0013/356/106/8706262/4.jpeg

    RispondiElimina
  22. Aiutatemi! Sento il bisogno di comprarmi una tracolla piena di sacchette!!

    RispondiElimina
  23. Il classicissimo Paul Ryan tentò anche di portare il sacchettismo ad una dimensione più alta, più moderata, fondendo l'innovazione con una certa austerità anglosassone. Purtroppo nn fu capito, e il suo gilettismo morì dopo i primi vagiti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nei Fantastici 4, intendevo dire.

      Elimina
    2. Pure nei Vendicatori di Bob Harras e Steve Epting :)

      Elimina
  24. Ma in tutto questo a Roma come è andata sabato scorso?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eravamo così tanti che sembrava un matrimonio. Grande, grande baraonda di nerdismo di un certo livello. Le foto stanno qui:

      https://www.facebook.com/media/set/?set=a.585122081521490.1073741826.541761269190905&type=3

      Elimina
    2. E tutti quelli che non stanno sul faccialibro, tipo me, e che quindi non le possono vedere.... soocare?

      Elimina
    3. Puoi vederle anche senza essere iscritta a FB :)

      Elimina
    4. Dannata febbre, rosico come un matto...

      Elimina
    5. Doc, non si apre, mi dice che devo prima terminare l'iscrizione
      (che iniziai più di un anno fa, ma interruppi tutto nel momento in cui il "cervellone" disse "dovresti conoscere...", tirando fuori una sfilza di gente che avevo felicemente sepolto nel mio passato).
      Si vede che non gli è andata giù che io abbia lasciato le cose a metà!
      :-(

      Elimina
  25. Si', i sacchetti erano proprio un male da denunciare.
    Ho notato che in alcuni casi si sono espansi fino a coprire zone insolite del corpo, come Scarlet Spider che le portava sulle caviglie - forse perche' stava sempre accucciato gli facevano comodo?

    RispondiElimina
  26. AHHAHAHAHAHAHA!!
    ma vorrei capire una cosa... mi aspettavo nei primi commenti una valanga "ma cus l'è quest' sacchett'?" "aho ma de che cazzo stai a parlà" "xe capisse miga ghe voi dir!" invece TUTTI sanno cosa vuol dire la parola "SACCHETTA".
    potere dell'antrismo.
    magari ormai avete acquisito anche l'uso di CHIURITO, di SPRACCHIO e di GNOMMARO

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ???
      sacchetta è un vezzeggiativo di sacca.
      PDF: comunque la grafia corretta è "se capisse miga..." invece "xe" vuol dire "è"

      Elimina
    2. sordario sottolinea come "sacchetta", in dialetto cosentino, sia sinonimo di "tasca". Da cui espressioni utilizzatissime come "nitianisordindrasacchetta?" (sei munito di contante?). Per Gnommaro, invece, l'antro non è ancora pronto.

      Elimina
  27. Sono antrista da pochi mesi, che c'ho il nerdometro ancora in rodaggio. Però quest'odio per Toddone mio non lo comprendo mica. Ho vissuto tutta l'epopea americana anni 90, liefeld non l'ho mai sopportato, anche se quella x-force mi piaceva parecchio. Il costume di Forge lo trovavo fichissimo.

    RispondiElimina
  28. Grazie per la lezione à la Philippe Daverio, Doc ;)

    RispondiElimina
  29. Sarà, ma io sono assolutamente pro-sacchette.
    e pro-zaini. e pure pro-marsupi e tracolline.

    Perchè non si sa mai, potresti avere bisogno di qualcosa, in futuro.

    Comunque la cover dell'annual Shattershot è sempre e comunque l'espressione massima degli x-men anni '90. un ciclope così figo non l'abbiamo mai più avuto

    RispondiElimina
  30. Ahahahahhaahhaha
    Nell'ultimo disegno il tizio con il mitra si e no può infilarci 1 dito nelle sacchette da giarrettiera viste le dimensioni.

    RispondiElimina
  31. "Perché anche gli eroi hanno bisogno di praticità"
    Che poi è vero, Cable nell'ultima immagine sembra avere nello zaino un sacco a pelo, a led ma c'è l'ha.

    RispondiElimina
  32. Grande Doc, mi hai fatto scompsiciare! :D

    Viva il sacchettismo e lo zainettismo!

    RispondiElimina
  33. doc anche l'azzurrone all'epoca si insacchettò, per sconfiggere Doomsday

    http://i.imgur.com/5GpICG8.jpg


    comunque il padre di tutti gli insacchettati resta Eta Beta con la sua gonna futuristica!

    RispondiElimina
  34. In ogni caso Tonino Mutandari una spanna sopra agli altri.

    RispondiElimina
  35. Riguardando le varie copertine, quella di Savage Dragon disegnata da Jim Lee a me piace molto. I sacchetti (giberne) gli stanno bene facendolo sembrare un agente della swat o di un commando paramilitare.

    RispondiElimina
  36. Ma questi supertizi riuscivano anche a muoversi con tutto quell'equipaggiamento addosso? Avranno avuto dietro tutti i gadget per ogni emergenza possibile e immaginabile ma mi sembra un po' ingombrante il tutto XD

    RispondiElimina
  37. ...o cribbio Doc, riguardandomi i vecchi fumetti Marvel mi hai aperto un mondo...

    RispondiElimina
  38. Bel post Doc, ma bisogna dire che il sacchettismo non lo ha inventato Liefed ma Bill sienkiewicz o come diavolo si scrive.

    Non ci credete ?
    Andate a rileggervi Elektra Assassin e ci troverete il sacchettismo e i mega pistoloni -fucili scalcia culi.
    Che poi Liefed lanciò anche un altra moda supereroistica meno evidente del sacchettismo: quella del giubbottino ( magari senza maniche) indossato sopra il costume.
    Anche quello però inventata anni prima da Morrison su Animal Man.
    Così alla fine si scopre che alcune delle poche cose per cui Liefed è famoso manco le ha inventate lui.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, ma le armi di Elektra Assassin, pur nell'esagerazione esagerata di mille accrocchi e mirini telescopici, sono armi. Hanno una canna, tanto per iniziare:

      http://1.bp.blogspot.com/-IsZozBnEhOc/TdTBdy5vCJI/AAAAAAAAT_g/nmC1MyuwRjI/s1600/elektra-assassin.jpg

      Il problema delle armi di Liefeld, è che erano parallelepipedi spararaggi fantascienzi enormi con bocche di fuoco rettangolari da venti centimetri di diametro.

      Elimina
    2. A me son sempre sembrati dei pistoloni fatti con il cartone: tipo le auto con le linguette da ritagliare e incollare http://cartocars.com/wp-content/uploads/2013/01/85-85-white-90-bmw-paper-models-the-classic-73.jpg

      Elimina
    3. va detto che la moda dei giubbotti era carina:uguale per Avengers, Fantastici 4 ed x-men, a parte la toppa con A, 4 o X.

      Elimina
    4. Eh, c'era la promo all'Oviesse.

      Elimina
  39. guardando alla prima immagine...
    https://www.google.it/search?q=deunan+briareos&tbm=isch&tbo=u&source=univ&sa=X&ei=Y3GsUcSQG-3o4QSDlYHYBA&ved=0CC8QsAQ&biw=1745&bih=873#facrc=_&imgrc=9HGN9zr7ABFCbM%3A%3Bv99YVZaElSDlLM%3Bhttp%253A%252F%252Fimg.photobucket.com%252Falbums%252Fv253%252Fniiikii%252Fnikiblog%252Fgathering%252F2008%252F20080325appleseed-ex%252F5.jpg%3Bhttp%253A%252F%252Fihengbok.blogspot.com%252F2008%252F03%252Fappleseed-ex-machina-when-i-told-people.html%3B360%3B496
    ahhh bei tmepi quando si importava illegalmente dal giappone idee...e senza internet tutti si chiedevano, wow ma da dove gli sarà venuta in mente...SACCHETTINISMO!

    RispondiElimina
  40. Se non erro STACCOLARANA ebbe una breve collaborazione con JIM LEE ma si divise pressocchè subito per divergenze sul colore della SACCHETTA ( Puntinato Versus Lineette della Fungia )
    In ogni caso Complimenti DOC

    RispondiElimina
  41. http://thedorkreview.blogspot.it/2011/05/omg-check-out-jams.html

    Liefield, guarda e piangi.

    RispondiElimina
  42. complimenti, doc.
    mi chiedo come ti vengono in mente alcuni post.
    e comunque, elektra asassin era una gran bella storia e si poteva permettere quelle armi mentre quei carri armati che si trovano nei fumetti di liefeld( nella maggior parte) non anno senso ai fini della trama.

    RispondiElimina
  43. Tutte le Madonne che si sono beccati 'sti disegnatori del male quando agende, diari etc. alla mano mi mettevo a ricopiarne le immagini... non hai idea!
    Avevo dimenticato quanto fosse difficile ed inutile interrompere l'anatomia con quelle robe appese alla pancia e alle cosce XDXD
    Grazie per il bel post nostalgico/di ridere!

    RispondiElimina
  44. Secondo me tra le due vignette di Spawn ce n'è una dimenticata in cui si sfilava la giarrettiera per distrarre il nemico, poi se la rimetteva al volo perchè non aveva funzionato e ci stava per rimanere!

    RispondiElimina
  45. Sto ridendo come un coglione, miglior post di sempre per sempre. XD

    RispondiElimina
  46. "Fragolari, Carciofani, Mutandari e Staccolanana"
    LOL! Sapevo fin dall'inizio della lettura del Sacchettismo dove saresti andato a parare! :-D

    Per chi non conosca TeleProboscide:
    https://www.youtube.com/watch?v=ZXkS-W8bbRg

    RispondiElimina
  47. A quando il "borsellismo"?

    RispondiElimina
  48. Io sarei per una teoria unificata, che includa entrambe le questioni: a mio parere i borselmarsupsacchette servivano a coprire gli orrori anatomici e di disegno, riempiendo la tavola allo scopo di distrarre* il lettore. Non a caso, erano posizionate su vitini da vespa anoressica, busti a cofano d'auto e quadricipiti-sequoie.

    *(con personaggi femminili praticamente senza mutande come nella prima copertina, poi era un gioco da ragazzi xD)

    ps: Ma quante testate pezzenti sfornava la Image? Io ne conoscevo e compravo tre-quattro al massimo...
    pps: in riferimento alla pagina postata da Matteo F. (http://thedorkreview.blogspot.it/2011/05/omg-check-out-jams.html): chi è la Wonder Woman giovane nei Teen Titans :O ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Wonder girl la sidekick di Wonder Woman, praticamente l'equivalente femminile di Robin, che mi pare che sia scomparsa letteralmente dall'esistenza dopo Flashpoint, ma posso sbagliare

      Elimina
    2. C'è ancora ma ha le origini leggermente diverse (è sempre figlia di Helena Sandsmark ma come padre ha un figlio di Zeus).

      Elimina
    3. Io mi riferivo a Donna Troy

      Elimina
  49. Doc, non c'entra niente col post, ma c'è stasera il post sul nono episodio di GoT?

    RispondiElimina
  50. post stupendo.
    Liefeld era un controsenso, sacchetti ovunque e poi si "scordava" di disegnare i vestiti! I suoi supereroi body paint non si potevano vedere XD

    RispondiElimina
  51. Doc, non te lo ripeto più: "Comic book men".
    Corri!!!

    RispondiElimina
  52. Giusto l'altro giorno parlavo con un tizio sulle migliaia di borsette viste sui personaggi di Liefeld. E su quel che avrebbero dovuto contenere, ovviamente: un interrogativo che ha attanagliato una generazione.

    RispondiElimina
  53. Da grandi poteri derivano grandi sacchette.

    RispondiElimina
  54. Dico una roba che è mi renderà impopolare come Peter Parker ad una gara di alpinisti imbranati, ma a me Rob Liefeld mi piaceva un sacco.
    Si, anche heroes Reborn #1 mi era piaciuto un sacco!

    Grande Doc

    RispondiElimina
  55. Dopo aver letto le prime righe, ho pensato "sembrano le cartucciere che avevo addosso, disseminate un po' ovunque, per il compito di matematica della maturità, dopo lo scrivo"!
    Dopodiché ho letto "E Longshot? C'ha il tema all'esame di maturità?"...
    Ecco appunto, come sempre il Doc è più veloce di me!

    RispondiElimina
  56. Ma parliamo anche del Nascondismo....e di come certe "pratiche" cinture possono contenere in un piccolo spazio pistole lancia rampini, capsule fumogene e una pratica batcorda....erano gli anni 70, Batman il TF insegna che in una saccoccia per quanto piccola ci puoi mettere di tutto, e vaff la coerenza!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche lo spray repellente anti-squalo....

      Elimina
  57. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  58. Solo i fumetti americani... se vedi i giapponesi: sacche su ogni personaggio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Li spesso risolvono con il Nascondismo, vedi Doraemon, Nino il mio amico ninja e l'ultimo esponente quello più contemporaneo, Usopp!

      Elimina
    2. Ahahah vero vero! Io pensavo anche ai vari ninja di Naruto e i loro giubbotti

      Elimina
  59. Io comunque non denigrerei neanche i tubi diametro 120 che tutti i personaggi anni 90 avevano sotto le ascelle, alemno ogni Wildcats, Youngblood e Cyberforce che si rispettava ne aveva almeno un paio sotto braccio. Se l'utilità delle taschine era ovvia, quello dei tubi sotto le ascelle è ancora da capire... Doc illuminami!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, in realtà la vera innovazione grafica (sto scherzando) apportata da Liefeld al comicdom fu proprio quella: tubi ascellari da tutte le parti.
      Il resto, anche in forma minore, s'era già visto (incluse le pouches).

      Elimina
    2. Nasce così anche il "tubismo"

      Elimina
    3. "Tubismo" che si riflette anche nelle armi a cilindro perfetto :)

      Elimina
  60. "E Longshot? C'ha il tema all'esame di maturità?"... Rotolo...

    RispondiElimina
  61. Il buon vecchio Wade ha una sua teoria - che chiaramente è quella giusta http://tinypic.com/r/imqk9u/5 (tratto da Deadpool, vol. 2, #2)

    RispondiElimina
  62. In difesa di Deadpool, dico che quelle tasche gli servono per raccattare tutti i pezzi che gli tagliano XD

    RispondiElimina
  63. Le sacchette uno scopo lo avevano:
    Servivano per portare la scorta di pile per il gameboy!! ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sembra un'ottima teoria.

      Elimina
    2. Nah, quelli di Liefeld avevano il Lynx, che però non sapevano tenere in mano, dato che lo appoggiavano sopra come le loro mega pistolone e quindi cadeva....

      (Cmq i post su Liefeld e i Bellissimi anni 90 sono i migliori! -_^ )

      Elimina
  64. In un tripudio di sacchette, il fumetto esplode ed i suoi brandelli in cielo compongono la scritta: "Zio cantante!"... :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La scritta era "Zio Mutante" ;)

      ...che sta a significare lo scorno dei Marauders mentre i Power Pack limonano felici esaminando giornali tipo "Executioner" che ritornano alla luce dopo un'Era di Apocalisse di arbitratio oscuramento...

      Elimina
  65. Io quella fase grazie a dio l'ho conosciuta un po' a posteriori XD ma ricordo si aver pensato le prime volte che vedevo quel tripudio di stoffa: che ci terranno lì dentro, la collezione completa di capsule della capsule Corp.? °_°

    RispondiElimina
  66. Mi sembra un'ottima teoria... abahauhauahauuha

    RispondiElimina
  67. Un link per gli "estimatori" di Liefeld!
    http://fyeahliefeld.tumblr.com/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. AHAHAH
      dal quel sito c'è L'IMMAGINE del contenuto di una cintura di sacchettini:
      http://25.media.tumblr.com/cbd4276a70ad1e339b25cd45e418bbb0/tumblr_mirjaimB1y1rnq3dfo1_500.jpg

      Liefeld GENIO.

      Elimina
    2. eh vabbè:
      http://25.media.tumblr.com/947938f4f10922ae7bab9c82234cb65d/tumblr_mjsb8smXiS1s29owao1_500.jpg

      nella realtà:
      http://25.media.tumblr.com/483a1d505c376793dba8d6ef497855f1/tumblr_mjsb8smXiS1s29owao2_1280.jpg

      :D link bellissimo, tks Lorenzo.

      Elimina
    3. Ehi da quel sito c'è un video sul fatto che Liefeld è contento di essere ricordato per i sacchettini, GIURO:
      http://youtu.be/PGxSE70D23o
      -_-'

      Elimina
  68. Nella mia incarnazione techno-raver, in quegli anni li, ero un sostenitore del sacchettismo. Risorsa indispensabile per suddividere gli "integratori alimentari" dal denaro, le sigarette, il cellulare e quant'altro (almeno perdevi solo una roba per volta) durante i party, all'epoca mi sembrava perfettamente plausibile che nella vita frenetica e ciacciona del supereroe gente che se ne andava in giro con vestiti che gli potevi contare le pieghe del prepuzio (cit. Stephen King da nommiricordodove) decidesse d'un tratto di dotarsi di borsello. In vero vitello.

    A quando un post sui super eroi e criminali Marvel italiani? (non solo i clonImage di Europa, intendo gli italiani-italiani residenti in Italia) Penso ci sarebbe da farsi due risate su soggetti come Omerta (il paladino del popolo italiano che "non importa, tanto, avevo judo) e Suspiria (che non so perché, ma vedrei bene in coppia con il giostraio Argento di Gemini)

    RispondiElimina
  69. Non me n'ero mai resa conto.......huahuahaha

    RispondiElimina
  70. Visto che sta arrivando anche in Italia il lungometraggio su Titeuf? Ecco la pagina facebook: https://www.facebook.com/TiteufIlFilm

    RispondiElimina
  71. Scusa Doc, ma a me sembra che la caratteristica principale di Liefeld non sia il sacchettismo, ma i pistoloni, mi sembra che la maggior parte dei personaggi da lui creati faccia uso (e abuso) di armi da fuoco, e le armi da fuoco hanno la brutta abitudine di finire le munizioni,(e infatti se ci fai caso soldati e membri delle forze speciali hanno uniformi piene di tasche e borselli) quindi se non stanno belli sacchettati da dove se li tirano fuori i caricatori Cable e Deadpool? Certo, che ci facciano con un tattico addosso gente come Ciclope e Spartan è un mistero, ma la maggior parte dei tizi in queste immagini era più armata dell' esercito degli Stati Uniti! scusa il commento da PdF, ma quanno ce vò, ce vo'! :)

    RispondiElimina
  72. >> Staccolanana

    PDF MODE ON

    ...solo io mi ricordo "Stacconanána"? :)

    PDF MODE OFF

    RispondiElimina
  73. Urge articolo su "Europa: I Primi Supereroi Italiani"

    RispondiElimina

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.

Related Posts with Thumbnails