lunedì 22 aprile 2013

71

20 cose che forse non sapevate su Predator

Il treno 20 cose che forse non sapevate su fa tappa questa volta su un altro filmone fantascienzo che ci piaceCI tanto. Quello in cui Arnold Schwarzenegger ha a che fare con una temibile minaccia cosmica. No, non Un poliziotto alle elementari, quell'ALTRA minaccia cosmica... [...]

20 - Quando i due produttori del film, Joel Silver e Lawrence Gordon, proposero il ruolo di Dutch (maggiore Alan "Dutch" Schaefer) a Schwarzenegger, avevano in mente un film molto diverso da quello poi arrivato in sala nel giugno del 1987 (in Italia poche settimane dopo, a fine luglio, perché nessuno gli dava due lire bucate). Lo stesso Schwarzie racconta infatti che l'idea, nata quasi per scherzo quando si vociferava di un film di Rocky in cui l'avversario sarebbe stato un alieno (l'avete sentita pure voi questa storia all'epoca, sì?), era quello di una lotta solitaria tra l'eroe e l'alieno. Fu l'attore a proporre l'aggiunta di un commando che l'affiancasse nella missione in Val Verde.
19 - Sapete già tutti che due dei protagonisti di questo film sono diventati governatori. Arnold Alois Schwarzenegger della California tra il 2003 e il 2011 e Jesse Ventura (Blain nel film) del Minnesota tra il 1999 e il 2003.
Ex wrestler con il nome d'arte di Jesse "The Body" Ventura - all'anagrafe faceva James George Janos ed era mezzo polacco e mezzo tedesco. Il nome Ventura l'aveva pescato a caso da una cartina - Jesse si trovava a suo agio nei panni di un soldato come Blain perché era stato in Vietnam per sei anni, fra il '69 e il '75.
Sarebbe apparso di nuovo accanto a Schwarzenegger pochi mesi dopo, in compagnia di un sontuoso parrucchino, ne L'implacabile/The Running Man.
Quella frase che pronuncia in Predator, "Non ho tempo di sanguinare", in originale era "I Ain't Got Time to Bleed", che è anche il titolo di uno dei tanti libri che l'ex governatore del Minnesota ha scritto per parlare dei casini avuti durante il suo mandato e/o delle cose che il governo terrebbe nascoste ai cittadini. Sì, quelle meenchiate che poi i teorici del grande gombloddo si ci vanno a chiudere in bagno. Quello che forse non sapete è che si è sfiorato il triplete di governatori, visto che anche Sonny Landham (Billy nel film. Di lui parliamo dopo) si è candidato per la poltrona di capoccia del Kentucky nel 2003. Non ce l'ha fatta, e non ce l'hanno fatta né lui né Jesse Ventura quando nel 2008 si sono candidati al Senato.
Dice: e gli altri membri del commando? Carl Weathers, il vecchio Apollo Creed, ha ironizzato un frappo di volte sul fatto che avrebbe dovuto candidarsi anche lui, per diventare "il governatore nero", mentre altri due si sono dati alla regia:
Bill Duke (Mac) ha diretto varie pellicole per il cinema e la tv, tra cui Sister Act 2 - Più svitata che mai con Whoopi Goldberg. L'avreste mai detto? Aspettate, non è finita. Shane Black (Hawkins) ha diretto Kiss Kiss Bang Bang e, di recente,
un certo film intitolato Iron Man 3. Esce questa settimana, magari ne avete sentito parlare.
18 - In realtà Shane Black, qui al suo debutto cinematografico proprio come Ventura, si trovava davanti alla macchina da presa praticamente per caso. Faceva all'epoca lo sceneggiatore e stava lavorando allo script di Arma Letale. Il produttore Joel Silver lo voleva a portata di coppini per apportare le correzioni del caso, e se lo trascinò sul set in Messico. Tra una pausa e l'altra, Black scrisse la sceneggiatura de L'ultimo boyscout.
Il suo personaggio, Hawkins, avrebbe dovuto indossare un berretto rosso da paracadutista, ma Black si rifiutò di usarlo, perché pensava che sarebbe stato ridicolo con quel coso in testa in mezzo alla giungla. Per punizione, gli appiopparono in faccia un paio di occhialioni da nerd che l'avrebbero schifato pure Caccola e Bill Gates.
17 - La "voce" del Predator è del canadese Peter Cullen, storico doppiatore, fra mille altre personaggi, di Optimus Prime/Commander nel cartone dei Transformers e in molti videogiochi della serie. Cullen non voleva accettare questo lavoro, perché si era quasi danneggiato le corde vocali per tirar fuori l'urlo di King Kong per il film del '76. Ma accettò dopo aver visto il cacciatore alieno senza maschera: quel bel faccino gli diede l'idea di ispirarsi ai granchi a ferro di cavallo, che sarebbero quei mostrilli che sembrano trilobiti del Paleozoico.
16 - Bill Duke, qui nella squadra di Dutch nei panni di Mac, era stato due anni prima uno dei nemici di Schwarzenegger in Commando: Cooke.
15 - L'aspetto del Predator è frutto di una serie di tentativi. Il mostro aveva inizialmente questo look infelice qui: una specie di incrocio tra Jar Jar Binks, Pippo e il teschio di un roditore.
Per girare le sequenze in cui l'alieno si muove tra gli alberi e se ne scorge solo quella specie di alone, il regista John McTiernan e la produzione tirarono fuori delle tute rosse come questa qui sopra, perché contrastavano molto con il verde del fogliame e avrebbero permesso di eliminare facilmente la tuta dal girato in post-produzione. Restava da far spenzolare però qualcuno tra gli alberi: si provò con una scimmia, ma quella continuava a sfilarsi la tuta. Si tirò in ballo uno stuntman, che grazie alla sua agilità avrebbe portato sullo schermo una specie di "Predator ninja", ma quando gli dissero che il suo nome non sarebbe finito nei titoli di coda, quello prese e se ne andò, dopo soli due giorni trascorsi sul set.
Il nome di quello stuntman era Jean-Claude Van Damme. Dice: e poi? Niente, arrivò Stan Winston, cambiò aspetto all'alieno e si presentò l'esigenza di trovare un tizio molto alto per interpretarlo. La scelta ricadde alla fine su Kevin Peter Hall. Lo sfortunato attore, scomparso nel '91 a soli 36 anni dopo aver contratto l'HIV per una trasfusione, era alto 2 metri e 20 e aveva appena interpretato un Bigfoot nel film
Bigfoot e i sue amici (Harry and the Hendersons. Premio Oscar quell'anno per il miglior trucco). Vi chiedete che aspetto avesse Hall?
Eccolo in un cameo verso la fine del film: è il pilota dell'elicottero che arriva a trarre in salvo Anna (Elpidia Carrillo).
14 - Sì, ok, ma come si chiama la razza dei Predatori? E da dove vengono? Come ogni buon appassionato di cose fantascienze sa, si chiamano Yautja e vengono da un posto convenzionalmente noto come Yautja Prime. In quella gioviale meenchiata del film Predators del 2010, abbiamo visto all'opera anche un'altra razza di Yautja, gli incazzosissimi Berserker o Super Predator. Molto, molto più stronzi di quelli tradizionali.
13 - La celebre scena in cui Dutch (Schwarzenegger) impala con il machete uno dei tizi che lui e il suo commando massacrano all'inizio? La battuta "Stick around!" (in italiano "Non muoverti, eh!"), fu improvvisata da Arnoldone sul set.
12 - Il supervisore degli effetti speciali del film era Joel Hynek. A lui si deve il noto effetto di camufflaggio ottico fantascienzo usato dal Predator. A suo padre, invece, J. Allen Hynek, un sacco di gente che aveva scritto o diretto robe sci-fi, a cominciare da Spielberg, doveva dei soldi. Professore di astronomia alla Northwestern University, Hynek fu consigliere scientifico nel progetto Blue Book (con cui l'aeronautica militare USA studiò tra il '47 e il '69 il fenomeno UFO) e ideò la scala degli incontri ravvicinati con gli alieni. Spielberg lo volle perciò per un cameo in Incontri ravvicinati del terzo tipo.
11 - I responsabili degli effetti sonori, invece, chiamavano sul set il cannoncino al plasma montato sulla spalla del Predator "l'arma pappagallo", perché quando si muoveva sembrava il Peter Sellers con il pappagallo finto sulla spalla che si spaccia per marinaio ne La vendetta della Pantera Rosa.
10 - L'arma usata da Blain (Ventura) nel film, e subito dopo la sua morte anche da Mac, è un M134 o Minigun, mitragliatrice a canne rotanti in genere usata a bordo degli elicotteri da guerra. Per realizzarne una versione prêt-à-porter, sono state necessarie numerose modifiche.
Tanto per iniziare, l'arma girava grazie a un motore esterno, e i cavi elettrici passavano dritti dentro i pantaloni di Ventura. Poi si ridusse il rateo di fuoco a un terzo del normale, sia per sparagnare un po' sul numero di salve esplose (quella roba costa), sia per rendere visibile su schermo la rotazione delle canne. Si era diffusa anni addietro sull'internetto la meenchiata metropolitana secondo cui Ventura avrebbe indossato un giubbotto antiproiettile durante le riprese, per proteggersi dai bossoli espulsi con forza dall'arma. Ma la minigun i bossoli li sputa verso il basso, e quindi al massimo gli ci volevano un paio di scarpe Cult del '92, se proprio.
9 - John McTiernan volle a tutti i costi R.G. Armstrong per la parte del generale Phillips, anche se aveva già settant'anni. Per rendere un po' meno anziano l'aspetto dell'arzillo Armstrong (l'attore è morto meno di un anno fa, a 95 anni), la faccia gli venne impiastricciata con giusto quei sette, otto chili di autoabbronzante.
8 - Il film avrebbe dovuto intitolarsi "Hunter". Nelle scene eliminate presenti sull'edizione speciale del DVD si legge ancora il vecchio titolo sui ciak. Si passò a Predator solo dopo l'inizio delle riprese, quando si decise di cambiare l'aspetto del mostro.
7 - Nei titoli di coda, quando appaiono i vari protagonisti, Shane Black sta leggendo un numero del fumetto di guerra della DC Comics, Sgt. Rock (il #408, del febbraio 1986). Era stato lo stesso Arnold Schwarzenegger a portarsi un po' di fumetti del sergente creato da Robert Kanigher e Joe Kubert sul set, perché tra i tanti progetti in cantiere, Schwarzie aveva anche una trasposizione cinematografica del personaggio. E voleva portarsi avanti col lavoro, per così dire. Quel progetto rimase nel limbo per molti anni, caldeggiato dal produttore Joel Silver. Negli anni Silver non ha mai abbandonato l'idea, ma dopo un'infinità di script accantonati (di David Peoples, John Milius, John Cox…) e registi che l'hanno piantato lì (Guy Ritchie), ha annunciato qualche anno fa di voler spostare l'ambientazione: dalla Seconda Guerra Mondiale al futuro, e vaffancuore.
Tornando a Predator, McTiernan descrive la scena in cui Dutch chiede a Billy (Sonny Landham) cosa "senta" là nella boscaglia, visto che è lui l'indiano della cumpa, come quello che ci si sarebbe dovuto aspettare in un film del Sgt. Rock.
6 - Dal mostrocanePippo al feroce Predatore con la faccia di granchio, dicevamo, si passò quando a risolvere in casino venne chiamato Stan Winston. E voilà, nuovo e iconicissimo mostro coi dreadlock e nuovo titolo per il film. La mandibola da granchio del Predator fu però un'idea di James Cameron, vecchio amico di Stan Winston.
E parlando di effetti speciali, vi siete mai chiesti che diavolo fosse il sangue bioluminescente del Predator? Gelatina. Gelatina mischiata al liquido delle trekking light che-illumina-i-pesciolini. 
(Sempre saputo che quelle barrette contenevano sangue d'alieno)
5 - Considerato oggi un caposaldo della fantascienza anni 80, Predator venne accolto alla sua uscita a fischi e pernacchie da buona parte dei critici puzzonasisti dell'epoca. Ora, pur tenendo presente che Metacritic è una roba inutile e perniciosa, giusto per darvi un'idea tenete presente che la media ponderata, in 11 recensioni del 1987, era di 36 su 100. Il New York Times, il Los Angeles Times, Variety e molti altri quotidiani e periodici, si legge su Wikipedia, si misero in fila per definire la pellicola "stupida e grezza". Non amavano abbastanza i bei vecchi film scemi degli anni 80, questi critici cinematografici degli anni 80.
4 - All'inizio del film si vede Schwarzenegger accendersi un sigaro nell'elicottero. A causa di casini con i regolamenti di sicurezza, non fu possibile accendere davvero il sigaro, e la fiammella fu aggiunta in post-produzione.
Un altro casino burocratico riguardò Sonny Landham. Quando venne ingaggiato per la parte di Billy, nel contratto dell'attore fu posta dalla compagnia assicurativa che copriva la produzione una clausola: che Landham venisse accompagnato tutto il giorno da una guardia del corpo. Ma, attenzione, non per la sua sicurezza,
quanto per quella degli altri, visto che Sonny si ficcava continuamente in risse da bar e scazzottate di ogni genere. 
Ex p0rnodivo degli anni 70, Sonny aveva avuto una particina ne I guerrieri della notte nel '79 (era un poliziotto) e in seguito sarebbe apparso in film come 48 ore, Sorvegliato speciale con Stallone e Action Jackson, in cui Carl Weathers lo gettava da una finestra. Ha una faccia da indiano perché, beh, è davvero mezzo cherokee e mezzo seminole.
3 - Sia Schwarzenegger che McTiernan persero circa 12 chili a testa durante le riprese del film, ma per ragioni diverse. Schwarzenegger dimagrì per sembrare un po' più agile nei panni di Dutch, mentre il regista perché non si fidava del cibo del loro albergo in Messico. Il resto della troupe e del cast si beccò la dissenteria perché in quell'hotel l'acqua non era esattamente purissima: McTiernan, probabilmente, accolse la notizia rivolgendo a tutti un sentito gesto dell'ombrello.
Carl Weathers raccontò in seguito in un'intervista che era nata una competizione tra i fisicati del set, e che alcuni di loro (lui incluso) si svegliavano alle 3 per ammazzarsi agli attrezzi senza farsi vedere dagli altri, per arrivare tutti tirati alle riprese della mattina seguente facendo finta di niente.
Schwarzenegger spiegò invece che le riprese erano state un vero inferno. Starsene mezzi nudi in una giungla gelida in quel periodo non era il massimo, e si dovettero usare lampade e stufe per riscaldarli. Mettici pure l'acqua stagnante e piena di sanguisughe, o il terreno scosceso che li portava a restare per tutto il giorno in pendenza, il che distruggeva gambe e schiena. Il cerino più corto era toccato però a Kevin Peter Hall, non solo perché la corazza era pesantissima, ma perché sotto quella maschera non vedeva una cippa e doveva andare a memoria. Hall raccontò che per tutti loro non era stato un film, ma "un corso di sopravvivenza".
2 - Peraltro, la scena del fango? In una puntata di Myth Busters hanno spiegato che era una cazzata: il fango può nasconderti solo per poco tempo a una vista termica, perché poi prende un po' di calore dal corpo sottostante.
"Ma porc...!"
1 - Torniamo un attimo indietro. Quella storia di Schwarzenegger che perde 12 chili per la parte? Delle gare di testicular fortitude tra i protagonisti fisicati? Quando Jesse Ventura si presentò dai costumisti del film, fu felicissimo di sentirsi dire che la circonferenza del suo braccio era superiore di circa 2 centrimetri a quella di Schwarzenegger. Andò così da Arnoldone e lo sfidò a misurarsi i bicipiti: il vincitore avrebbe dovuto pagare all'altro una bottiglia di champagne. Bene, vinse comunque Schwarzenegger: perché a istruire i costumisti su cosa raccontare a Ventura era stato lui.
"Alla salute, Ventu'!"


NELLA SERIE 20 COSE CHE FORSE NON SAPEVATE SU
20 cose che forse non sapevate su Gremlins 
20 cose che forse non sapevate su Blade Runner 
20 cose che forse non sapevate su Aliens - Scontro Finale 
20 cose che forse non sapevate su Ritorno al Futuro

71 commenti:

  1. Questa rubrica sta scalando velocemente la classifica delle mie preferite, complimenti Doc per le info veramente interessanti.

    RispondiElimina
  2. Le sapevo quasi tutte perché ho la versione dvd con i contenuti nascosti (la prima uscita in italia). Ad ogni modo grazie infinite per questi post Doc, se recuperi il dvd con gli extra nascosti c'è anche la scena dove il canemostro predator corre nella giungla ed inciampa rovinosamente tra gli alberi! ;)

    RispondiElimina
  3. PDF ON: al punto 10 manca un pezzo o mi sbaglio.

    Detto questo gran film e Shane Black ha scritto la sceneggiatura di uno dei film più bello di tutti i tempi: L'ultimo dei boyscout.

    RispondiElimina
  4. Forse sono solo stupido e la foto completa la frase... bhò?

    RispondiElimina
  5. Certo che Arnoldone è proprio una sagoma, fa battute brillanti fuori copione, diventa governatore dello Stato più ricco americanzo, dimagrisce una dozzina di kili ma ha sempre i bicipiti più grossi.
    Respect!

    Peccato non ci siano retroscena gustosi sulla Carrillo, che tra l'altro ora è una bella MILFona.

    Sui critici con la puzza sotto il naso, beh, diciamo che al giorno d'oggi sono diventati pure troppo tolleranti. Fermo restando che metacritic è comunque una cloaca che nessuno dovrebbe mai prendere sul serio.

    RispondiElimina
  6. L'attore sotto la maschera del Predator lo ricordo bene.
    Era uno degli attori di Misfits of science,telefilm che conoscono in 4 gatti qui in Italia,dove interpretava una copia del dottor Pym.

    RispondiElimina
  7. Strani a volte i casi della vita. Ho rivisto Predator proprio ieri sera prima di andare a dormire, e oggi la prima cosa che vedo su internet è un post su Predator :)
    Aggiungo a tutte queste perle, una notizia di qualche giorno fa, entro fine anno esce ....udite udite, il blu ray con la versione 3D del film!!!
    Mi raccomando non strappatevi i capelli per la contentezza :) :) :)

    RispondiElimina
  8. Ringraziamo il professor Doc che continua a deliziarci e insegnarci con le robe dei nerd. Questa rubrica è fantastica <3

    Lollone per l'ultimo punto, Schwarzenegger trollone non me lo riesco proprio a figurare!

    RispondiElimina
  9. Drakkan:
    No, mancava DAVVERO un pezzo, mangiato dalla foto :)

    Lo Zione Lardass:
    Se ho l'edizione con i contenuti speciali? Cioè, ma con chi credi di parlare :D

    Dablas:
    Che bello! Corro a NON prenotarlo!

    RispondiElimina
  10. Gran bel post Doc ;)

    @GirellaLover
    Misfits of science era una potenziale figata. Ricordo bene che il personaggio dell'attore (che non sapevo fosse lui Predator, wow) si rimpicciolì per slegarsi, solo che lo avevano rinchiuso seduto sul water... e di conseguenza ci cadde dentro. Poraccio... chissà se ad Henry Pym è mai capitato? XD

    RispondiElimina
  11. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  12. "Alla salute, Ventù!" è una frase che meriterebbe gloria imperitura!

    RispondiElimina
  13. @Doc
    grazie del conforto e soprattutto per non avermi dileggiato per le concordanze sbagliare... mentre scrivo cambio impostazione della frase più e più volte così le concordanze vanno a farsi f..tere. Dovrei rileggerli i commenti prima di inviarli.

    PS: non ricordo per quale motivo ma ero convinto che avresti messo in questa rubrica Danko, non ho sbagliato di tanto.

    RispondiElimina
  14. scott:
    "Alla salute, Ventu'!" è un po' il nuovo Vai brooklyn.

    RispondiElimina
  15. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  16. Ne hai parlato, Doc, ed ora ti tocca: vogliamo i Guerrieri della Notte in "20 cose che forse non sapevate di...". :D

    RispondiElimina
  17. ....azz per un momento speravo fosse di terminator l'articolo....ma anche predator però va benissimo....bravo doc aspetto con ansia il prossimoooooo

    RispondiElimina
  18. doc, manca giusto un punto dove spieghi che Val Verde all'epoca era tipo lo stato fittizio per eccellenza nei filmoni USA quando volevano citare il sud america ma non fare uno sgarbo a nessuno (compare anche in Commando).

    Per il resto, splendida rubrica come sempre!

    RispondiElimina
  19. Quella storia del sangue alieno conferma anche le mie teorie...

    Ma sull'affermazione "quelle meenchiate che poi i teorici del grande gombloddo si ci vanno a chiudere in bagno" onestamente ci sto ancora ridendo...

    Grande Doc!

    RispondiElimina
  20. Ormai definitivamente la mia rubrica preferita.
    Tra l'altro Apollo Creed mi fa venire in mente il Parma di ieri, che piglia a pugni tutto il tempo il pugile suonato ma poi perde col gancio casuale.

    RispondiElimina
  21. Bel lavoro doc! a quando uno su indiana jones?

    RispondiElimina
  22. Andrea87:
    Val Verde confina chiaramente con Costa Verde e Tierra Verde.

    http://docmanhattan.blogspot.it/2012/05/latveria-wakanda-e-gli-altri-guida.html

    RispondiElimina
  23. "prepariamoci ad ucciderer senza far male"

    "presenteremo il conto CLACK!"

    FICATA!!!!

    RispondiElimina
  24. Bellissima rubrica, una delle mie preferite. Ah proposito , chissà se la barzelletta che racconta il personaggio di Shane Black a capo indiano se l'è inventata lui o meno ( ehi ma che f--a grande hai... you know?) "Alla salute, Ventu'!

    RispondiElimina
  25. A parte il povero Hall, è bello leggere di un film in cui il cast non è stato decimato/dimenticato/diventato così ridicolo che è meglio dimenticarlo. Sarà perchè è diventato un cult col tempo?

    RispondiElimina
  26. Quando si parla di ValVerde non si parlava del comune in provincia di Pavia vicino a Casteggio, famose (si fa per dire) per la produzione vinicola.

    RispondiElimina
  27. Un'altro film a me molto caro, anche questo lo avrò visto tipo ventordicimila volte e mai mi stanco di rivederlo. Ormai è chiaro che questa rubrica spacca!! :)

    RispondiElimina
  28. Bluecyber74:
    A giudicare da quanto mi diverto a rivedere questi film per scrivere queste robe, direi che la rubrica ce la portiamo avanti per un bel pezzo.
    Brindando ovviamente alla salute di Ventu'.

    RispondiElimina
  29. Questa rubrica è spettacolare, giuro! E Schwarzy è proprio un volpone!

    RispondiElimina
  30. Un altro filmone che non sapevo dell'esistenza!
    Magnifico

    RispondiElimina
  31. Posso dichiarare ufficialmente che questa rubrica è diventata la mia preferita, attendo con impazienza la prossima puntata!

    RispondiElimina
  32. Doc, se ha tempo, vatti a rivedere "Pumping Iron", il film sull'ultima partecipazione a Mister Universo di Schwarzy negli anni '70.

    Praticamente sono 90 minuti di "Alla salute Ventù!", e non sto scherzando!

    Come? Dove trovi il film intero?

    Yeah!
    Otterrai
    Unici
    Trattamenti
    Ubicandoti
    Egregiamente!

    XD

    RispondiElimina
  33. Doc, ma questi articoli li scrivi dall'alto della tua onniscienza, vero?

    No perché scoprire che per scriverli ti documenti e magari guardi anche i film col commento dei registi/attori per scrivere i pezzi sarebbe una grossa delusione.

    RispondiElimina
  34. "vinse comunque Schwarzenegger: perché a istruire i costumisti su cosa raccontare a Ventura era stato lui." ... LOL Fantastico Schwarzy, sempre un passo davanti a tutti. :) Grande post, Doc!

    RispondiElimina
  35. Che grande troll il swartzy XD

    RispondiElimina
  36. @Arno_Bledd: PDF mode on: sbaglio o manca una B?
    PDF mode off.

    @Doc: grande doc, migliori sempre, questa volta non ne sapevo alcune (tra cui il cameo del "predator" nella scena finale)

    RispondiElimina
  37. su Kevin Peter Hall c'è da dire che la trasfusione fu fatta nel 90 e morì nel 91 che è un pò atipico, oggi con l'hiv si campa anche 20 anni, nel novanta si moriva ma non in un anno, dai 5 ai 10 campava chiunque, forse l'aveva contratto ben prima

    RispondiElimina
  38. Quanto amo Predator <3

    Doc ma Predators del 2010 non ti è piaciuto?
    A me sembra un buon film, mi è piaciuto e mi ha molto divertito...e se lo confrontiamo a "ripescaggi" simili tipo Alien 4 è proprio oro colato (a parer mio).

    RispondiElimina
  39. Suggerimenti personali per la rubrica:

    Labyrinth
    Il piccolo grande mago dei videogames
    Rambo
    E.T.
    Indiana Jones e il Tempio Maledetto
    Krull
    Flash Gordon

    RispondiElimina
  40. Crash_pgl:
    Ne penso quello che ho scritto: un film scemo, ma divertente. Il che, sì, lo rende migliore di tutti i film su Alieni e Predatori usciti negli ultimi dieci anni :)

    RispondiElimina
  41. Usti mi hai fatto rimembrare la voce dell'avversario Alieno per Rocky V... Incredibbole come certe balle girassero il mondo anche prima della diffusione dell'internet... :D

    RispondiElimina
  42. Ci immaginiamo la scena di Dutch infangato con il Predator che lo piglia a calci in culo e lui che urla "Effetto Joule di merdaaaa!!!"

    Comunque Swartzy è un burlone

    RispondiElimina
  43. @ Doc:
    Immagino sia quella con il selettore del men' a forma di triplice puntamento laser del Fucile/pappagallo che si illumina sulle aree nascoste ;)

    Che spettacolo!!!

    RispondiElimina
  44. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  45. ehmmm, il soggetto, ehmm...stavo chiaramente parlando dell'edizione in DVD

    RispondiElimina
  46. Giusto per rimanere in tema: http://io9.com/predator-motorcycle-helmets-because-you-aint-got-time-476921710

    :D

    Enrico

    RispondiElimina
  47. Secondo la mia personalissima opinione,non mi sembra un film cosi memorabile da meritarsi un posto in questa rubrica.Film da guardare una volta sola.

    RispondiElimina
  48. La prima versione del DVD ce l'ho anche io e se ben ricordo è Ventura o uno degli addetti agli effetti a spiegare che "Ole' Painless" non sia un M137 bensì una serie di canne tenute insieme e agganciate sì a un motore esterno, ma soprattutto all'impugnatura di un più tradizionale M60, in altre parole, interamente finto.

    RispondiElimina
  49. Grande post come sempre, doc!
    Moaaar!

    RispondiElimina
  50. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  51. @Bietolone:
    Predator è un fottuto cult, tanto quanto gli altri film della rubrica.
    Altro che guardare una volta sola, l'avrò visto un milione di volte.

    RispondiElimina
  52. Bietolone, forse ti confondi con quella cacata immensa di Predators

    RispondiElimina
  53. e pensare che proprio ieri mi stavo rigiocando il picchiaduro a scorrimento comunque grande post alla salute di Ventù

    RispondiElimina
  54. l'aneddoto del bicipite è pure stile Arnold!! un idolo per tutti i bodybuilder anni 80/90...
    visto che ci sei perchè non un "20 cose che non sapevate su CONAN IL BARBARO"?
    gradississimo e troppo dimanticato anche il citato "l'implacabile"

    RispondiElimina
  55. Alla salute Ventù! Sapeva già infiocchettare tutti prima di diventare governatore!

    Per il toto prossimo filmargomento: Legend, ok, ok c'è Tom Cruise, ma era ancora sconosciuto!

    RispondiElimina
  56. Doc., non puoi farci attendere troppo per "Labirinth"! Pensa a com'era carina la Connelly in quel film! E pensa a Bowie in calzamaglia! :)

    RispondiElimina
  57. Questa ormai e' diventata largamente la mia rubrica preferita!!!
    Gloria imperitura al Doc e salute a Ventura!

    RispondiElimina
  58. Paolo Pugliese23 aprile 2013 01:16

    Una miniera di annedoti dei quali conoscevo solo una parte. Tra le tante cose, ricordo che le riprese del film vennero interrotte facendo lievitare enormemente il budget, visto che il regista non era affatto convinto del look del primo alieno. Il compianto Stan Winston tolse alla produzione le castagne dal fuoco ideando in poche settinane il look che conosciamo tutti, facendosi venire l'idea dell'alieno rasta durante un volo in aereo, ispirandosi a un passeggero davanti a lui con i capelli a treccioni (almeno è quanto Wilson raccontò in un'intervista nel dvd)

    RispondiElimina
  59. L'ultima le batte tutte, ahahah!

    RispondiElimina
  60. LE curiosità di questo le conoscevo, ma le battute che ci infili mi fanno morire dal ridere. Numero uno! :D

    RispondiElimina
  61. @katsiematsi.com: c'hairaggione, porca miseria maiala!

    Riformulo:

    Yeah!
    Otterrai
    Unici
    Trattamenti
    Ubicandoti
    Ben
    Egregiamente!

    Meglio? XD

    RispondiElimina
  62. Arno_Bleed:
    Mi ero perso il primo commento, sorry. LOL per entrambi. :)

    RispondiElimina
  63. Come può il mio blogger preferito superare se stesso?

    "Sì, quelle meenchiate che poi i teorici del grande gombloddo si ci vanno a chiudere in bagno."

    Così.

    RispondiElimina
  64. Ma @Arnold era davvero un simpatico burlone ^_^

    RispondiElimina
  65. @Doc: vai sereno.

    Solo un miniPDFmode, giusto per farmi mandare a dar via quel tanto: è Arno_Bledd, non Bleed... :)))))))))

    RispondiElimina
  66. Come al solito nei post arrivo un po' tardi.
    Dopo questo post mi sono rivisto il film... e il Predator rimane comunque un gran personaggio iconico e bellissimo.
    Ieri sera mi sono rivisto pure "Predator 2" e devo dire che il film, con un cambio totale di ambientazione dalla giungla al centro di Los Angeles, riesce a rinnovarsi moltissimo e ad essere un bell'action movie a tema fantascienzo.
    Peccato che poi ci siano stati "Alien vs. Predator" (mi sono evitato il 2) e "Predators" (l'ho trovato banale e noioso).

    RispondiElimina
  67. Film spettacolare che non mostra certo gli anni! E' stato il primo a lanciare la moda dell'M124 minigun a 6 canne (anche se Blane nella versione italiana la chiama erroneamente M60) imbracciato alla "hollywood style" e diventato poi celebre nell'immaginario collettivo dei FPS. In realtà l'utilizzo imbracciato da parte della fanteria è tecnicamente impossibile a causa del rinculo e dall'enorme peso arma+munizioni e pure le versioni "quasi-trasportabili" su tripode sembrano essere state usate solo a scopo dimostrativo. E' un'arma usata unicamente su mezzi militari, almeno questo dice internet... Ma a noi piace ricordarla così!

    RispondiElimina
  68. Un film di fantascienza bellissimo! Non credo però che nella jungla in Messico,fosse freddo,casomai un caldo molto umido che faceva avvertire,nelle scene in notturna un pò più freddo addosso,ma il pomeriggio,ho letto su riviste cinematografiche del tempo,faceva caldissimo.

    RispondiElimina
  69. Un cult del fanta-action con una bella ambientazione giunglesca! Schwarzy al top e grande e mitico anche il resto del cast!
    McTiernan all' epoca fece un back to back pazzesco dirigento prima questo e poi "Die hard - trappola di cristallo"!

    RispondiElimina

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.

Related Posts with Thumbnails