giovedì 17 gennaio 2013

79

Django Unchained, la recenZione senza spoilerazzi

Django Unchained recensione
Django Unchained è un film dimmerda. Non andate a vederlCi avevate creduto, eh? No, dai, seriamente: quando sei uscito dalla sala poco fa c'avevi questo sorriso in faccia, un sorriso che ha squarciato le nuvole e fatto spuntare un sole caldo e splendente. A metà gennaio. Alle nove e venti di sera. Seguono sensazioni a caldo, prive di spoilerazzi come da titolo, tranquilli […]

Django Schultz Django Unchained Tarantino
E dunque. Cosa succede se prendi gli ingredienti classici del cinema di Quentin Jerome Tarantino da Knoxville - l'umorismo, i personaggi verbosi dannatamente cool, i personaggi semimuti dannatamente cool uguale, la vendetta, gli scoppi di violenza improvvisi, le litrate di sangue - e li lasci a mollo nel genere-contenitore per antonomasia, il western? Succede che ne viene fuori un Lo chiamavano Trinità iperviolento. E sì, è un (grosso) complimento.
Il Dottor Schultz (un gigionescamente stratosferico Christoph Waltz) e Django (Jamie Foxx): i nuovi Trinità e Bambino
Esattamente come Kill Bill non era un film di kung-fu, Django Unchained non è uno spaghetti western: se gli togli le mille strizzate d'occhio visivo-sonore, non ha nulla in comune con i film di Corbucci (regista del primo Django), Leone o Duccio Tessari. Ma se gli levi il canovaccio classicissimo di base, il tema della vendetta e della giustizia da puntata dell'A-Team, ha poco in comune anche con i western americani dei due decenni precedenti. Django Unchained è un buddy-movie, una pellicola che del genere-contenitore di cui sopra riprende e sfrutta giusto ambientazioni e situazioni, pucciando poi il tutto nella calcolata follia grandguignolesca, scherzoNA e citazionista tarantiniana. Django Unchained sono quasi tre ore di situazioni prevedibili e di imprevedibili sorprese, comparsate che ti aspetti (nonvisidiceniente) e guest-star a tradimento (nonvisidicenientetrannelukeduke), esplosivi anacronismi lasciati lì apposta, millemila citazioni (andando a memoria: Balla coi Lupi, I sette samurai, Arancia Meccanica, Il Mercenario, Mandingo e chissà che diavolo altro) e altrettante autocitazioni.
Caciarone e uber-ammiccante, con due protagonisti enormi: insomma, un film in puro stile Tarantino che, senza scomodare i suoi primi lavori, ti è piaciuto molto. Questo almeno fino a un paio di minuti prima della fine, quando dal molto si è passati direttamente alla sfera dell'Opporcapoottana: voialtri giovani della generazione cresciuta a pulp e fiction eravate lì nelle poltroncine a ghignare compiaciuti per il finale, tranquilli, quando vi parte a tradimento IL BRANO. Non c'è bisogno che vi si dica di cosa si tratta: ve ne accorgerete da soli, perché starete sorridendo così forte da far spuntare il sole di cui si diceva all'inizio anche DENTRO al cinema, e trattenendo a stento la voglia di rifilare un coppino fortissimo a chi vi è seduto davanti. Così, per l'euforia.
Ah, giusto per la cronaca, il tizio che ti era seduto davanti lo conoscevi, perciò il coppino gliel'hai rifilato davvero.

79 commenti:

  1. Ochei, hai fugato dubbi pesanti che mi tenevano a casa

    RispondiElimina
  2. ahahahahah il cuppino di hokuto

    RispondiElimina
  3. Voglio teletrasportarmi in un cinema ADESSO... io adoro Trinità e Bambino!

    RispondiElimina
  4. Doc, io mi disiscrivo: tu recensiONI libri, e io li compro, tu recensiONI film, e io vado a vederli, tu recensiONI videogiochi, e io li compro. Stai cominciando a diventare costoso.

    RispondiElimina
  5. PS: sento più caldo solo a leggere questa recensione!

    RispondiElimina
  6. Cazzo!
    Mi sta venendo una voglia di andarlo a vedere...
    Doc, la prossima volta dai un coppino anche da parte mia :D

    RispondiElimina
  7. Bella Doc. tu dai il LA e noi partiamo a razzo!! Drakkan se sei i ascolto domani o al massimo sabato lo si va a vedere!! Che ci usciamo il sole in quel di Rozzano!!! :)

    RispondiElimina
  8. Perchè ho come il sospetto che il titolo del brano misterioso del finale, tu lo abbia ampiamente spoilerato nelle prime righe? ^^

    RispondiElimina
  9. Aaaaaaaargh DEVO VEDERLOOOO

    RispondiElimina
  10. Ma vogliamo parlare di quanto Samuel L. Jackson si divora il film da quando entra in scena? Che meraviglia. Un Tarantino regista così, non lo si vedeva da proprio tanti anni! Meraviglia!

    RispondiElimina
  11. La scimmiaaaaaaaaaaaaaaaaaaa!!! Basta, prima i 400 calci, adesso tu, non leggerò più altre recensioni finchè non sarò riuscito a vederlo. Maledetti...

    RispondiElimina
  12. "quando vi parte a tradimento IL BRANO. Non c'è bisogno che vi si dica di cosa si tratta: ve ne accorgerete da soli, perché starete sorridendo così forte da far spuntare il sole"

    Sorridendo? SORRIDENDO? Mio fraello ha dovuto piantarmi uno schiaffone sulla bocca per impedirmi di urlare (fallendo tra l'altro, si è girata mezza sala. Sticatsi.)

    Comunque, capolavoro. Dalle trovate vintagge alle tarantinate più becere (l'accelerazione di massa di un proiettile sparato dal protagonista è tripla rispetto a quella sui proiettili sparati da altre comparse: la fisica secondo Quentin), è tutta una roba da applausi a scena aperta. Da rivedere il prima possibile.

    RispondiElimina
  13. A sentire Mereghetti il film è una mezza caccola.
    Considerando che Mereghetti non ci capisce una coppola di film(s), questa recensione mi ha fatto passare da "voglio" vederlo a "devo" vederlo.

    (Mereghetti potrebbe spicciare l'Antro)

    RispondiElimina
  14. Minchia appena tornato.
    Sul finale mi si è aperto il sorriso, oltre che per la musica, anche per l'altra mega citazione :D

    Questo è il mio stato attuale: http://www.youtube.com/watch?v=0-dquW5sj_s

    RispondiElimina
  15. Quanto è vero, quanto è vero! Poche cose esaltano tanto come i film di Quentin, bisogna riconoscerlo. E come c'era bisogno di un film del genere? Brividi! Un film bomba che fa passare quasi 3 ore che vorresti fossero 6, tanto mai minuti scivolarono più lisci. Tantissima roba per tutti, momenti da esaltazione pazzesca e un Samuel L. Jackson che non ci credi. Wow, davvero! Ora subito a scimmiarsi con la colonna sonora.

    RispondiElimina
  16. ...e a 'sto punto domani sera si raccattano quelle 4 ossa della mia ragazza (che è in debito con me per avermi SEQUESTRATO precedentemente a vedere TUTTI i film della saga di Twilight,nonostante io mi sia aggrappato a porte,cose,persone....) e lo si va a vedere belli convinti!!!!

    RispondiElimina
  17. Idol Master18 gennaio, 2013

    ci si va in questi giorni a vederlo, troppa scimmia, troppa...

    RispondiElimina
  18. EEeeehEhehehehehehehehehehehehehehehehehheehehehehehehhehehehehehhehehehehehehehehehehehehhhEheeeeee.

    RispondiElimina
  19. Juri:
    Dai, coi soldi che risparmiate quando vi si fanno evitare sòle e porcherie andate in pari, su. ;)

    RispondiElimina
  20. Oh io lo dico.. poi saro' preso a sputi per anni: a me i kill bill (sia 1 che 2) han fatto cagare che piu' cagare non si puo'.

    Quindi non credo che andro' a vedermi questo...

    RispondiElimina
  21. Ranmaz, pure a me KB non è che abbia fatto impazzire, eppure sono qui che mi organizzo per la seconda visione di Django.
    Io lo reputo assolutamente superiore.

    RispondiElimina
  22. Tarantino è una pippa di regista, che sembra bravo solo perché paragonato alla fuffa commercialissima e senza cervello che ci rifila Hollywood, CHIUNQUE sembra bravo.

    Quindi: i suoi film sono sicuramente più che vedibili paragonati al blockbuster medio. Ma poi vedi gli altri registri, quelli bravi davvero, e vedi come Tarantino ha basato il suo cinema sul copiare UGUALE UGUALE certe scene da film molto ma molto più belli ma molto ma molto meno famosi.

    RispondiElimina
  23. Ranmaz, non ti sputo ma resto basito :-)
    Ma gli altri di Tarantino ti erano piaciuti? Perchè secondo me KB 1 e 2 sono film di alto livello, se ti piace il suo stile

    RispondiElimina
  24. I film d'autore sono un'altra cosa. Ma Tarantino riesce a fare film godibili dalla massa (direi da tutti, ma per molti è troppo truculento/volgare), girati bene, disseminati di citazioni. Entrano prepotentemente nell'immaginario collettivo (es. il ballo di Uma Thurman in Pulp Fiction) e vengono a loro volta stracitati.
    Non sono un esperto e non mi avventuro molto nel cinema d'autore e "non occidentale", ma Kubrik è morto e dei "grandi registi" di oggi non so quanti ce ne siano che facciano film belli ma non pesanti. Ho trovato un po' scadenti alcuini degli ultimi film dei Coen, che pure mi piacciono molto...

    RispondiElimina
  25. Film "caciarone e uber-ammiccante" vuol dire film "caciarone e uber-ammiccante". Nessuno ha parlato di Kieslowski, ma non ci vuole necessariamente Kieslowski per divertirsi sulla poltroncina di un cinema. Poi ognuno, i gusti, eccetera.

    RispondiElimina
  26. Filmone.Un Christoph Waltz che tiene su tutta l'impalcatura per metà film abbondante,fino a che entrano in scena di Caprio e S.L.Jackson.Jamie Foxx,nonostante dovesse essere il protagonista,è quello che sta sempre un pò in disparte,ma il finale giustamente è tutto suo.Finale fracassone,in tutti i sensi.

    RispondiElimina
  27. @Massimo
    Sono gli unici due di tarantino che abbia visto. Se *quello* e' il suo stile non sono interessato :)

    RispondiElimina
  28. Non avrei mai dovuto leggere quest'articolo, non credevo che la mia giuro già insopportabile attesa per Django potesse crescere ancora di più (che già il fatto che sarebbe dovuto uscire a Dicembre, non un mese dopo non aiuta) e dire che ho cercato il più possibile di non pensarci.

    Ora aspetto che qui sotto, nella più oscura Calabria Saudita i cinemI smettano i panni di Natale e vestano quelli più seri, di film che ti fanno sorridere e allo stesso tempo sentire in imbarazzo, quando una testa esplode ed il solito anziano-che-si-sente-De-Sica grida "Meenchia!" e scoppia a ridere guardando a torno cercando sguardi d'approvazione.

    RispondiElimina
  29. Boh, per me Tarantino e' un figo.
    Per quanto sia una capra (capra!!capra!!) di cinematografia, trovo che abbia quel modo di fare film che diverte sempre.
    Cioe' sa fare quei film con quelle bizzarrie,particolarita',frasi che ti fanno proprio godere la pellicola che scorre.
    Giusto Jackie Brown l'ho trovato un po' indigesto,ma perche' non e' certamente un film fatto per il mercato europeo. Sarebbe come far sentire a gruppo di redneck un disco di musica neomelodica napoletana.
    Non c'entra una mazza.

    RispondiElimina
  30. Dunque dunque: sarà la trentesima recensione positiva che leggo in meno di ventiquattro ore. Non che non me lo aspettassi, eh. Ora sono anch'io curiosa di vederlo...e speriamo venga anche a me il sorriso a cinquanta denti! :)

    RispondiElimina
  31. Ranmaz:
    Lo dico con il tono più neutroroberts possibile: non hai visto Pulp Fiction e Le Iene?

    RispondiElimina
  32. Doc, purtroppo mai avuto l'occasione perché quando li passavano in tv me li sono sempre persi. Mi riprometto sempre di vederli ma per un motivo o per l'altro non mi e' ancora capitato. Temo di partire prevenuto purtroppo. Prima o poi rimedierò.
    Del resto e' risaputo che in tema di cinema non ci capisca nulla. Mi e' capitato per esempio di vedere l'acclamatissimo "Driver" e l'ho trovato orribile.

    RispondiElimina
  33. @Ranmaz

    Doc, una persona a cui non piace Tarantino è sicuramente una persona che capisce di cinema. Non dire che non ne capisci nulla, non sottovalutarti. :P

    Il problema è che ben poche persone hanno visto gli autori che Tarantino scopiazza a piene mani. Non so tipo Miike Takashi e Tsukamoto Shinya.

    RispondiElimina
  34. Ranmaz:
    No, niente, mi faceva strano che non avessi visto due film tanto famosi. Tutto qui.

    lun-sei:
    Mi sembra un pelo esagerato dire che chi NON ha visto due film (non li ha giudicati brutti, non li ha proprio visti) ne capisca di cinema. Anche mia nonna non ha mai visto un film di Tarantino - che io sappia - ma questo non ne fa un'esperta di cinema :D

    RispondiElimina
  35. oh intendiamoci, non e' che mi atteggi a supremo giudicante :D Piu' che altro il primo film che ho visto di tarantino e' stato kill bill e il secondo e' stato kill bill 2... (piu' per sapere come andava a finire la storia...) e' ovvio che non essendomi piaciuti entrambi non abbia 'sta gran voglia di vedere gli altri (tanto meno l'ultimo).

    Inoltre MIO CUGGGGGGINO (no, sul serio) espertone di cinema mi ha sempre tessuto le lodi di tarantino citando proprio i due kill bill a suo dire meravigliosi esempi di citazioni e di "tributi" al cinema orientale bla bla bla con pippe mentali che giacobbo in confronto e' uno che ha pensieri normali.
    Mi ha traumatizzato.

    RispondiElimina
  36. (Mi sono reso conto adesso di aver inviato il commento come anonimo, giuro che prima o poi ci associo il profilo google per bene)

    Ho letto talmente tante cagate in quanti? venti commenti? cose da pazzi.

    Tipo "l'acclamatissimo Driver", io prego che tu ti sia confuso e abbia visto quella roba con Nicholas Cage (mi pare si chiami così) perché altrimenti sì, Ranmaz, hai ragione, non ci capisci nulla di cinema.

    Per quanto riguarda lun-sei, è meglio che la smetti per direttissima, Takashi Miike ha praticamente iniziato la sua carriera nello stesso periodo di Tarantino, i due si conoscono e hanno anche lavorato insieme (Sukiyaki western DJANGO anyone?), ma di lì a dire che Tarantino copia da lui ce ne passa. Mi puoi dire, ad esempio, Leone. Che è un'influenza comune ai due e spiega molte somiglianze che sono prettamente citazionistiche. Da Leone passiamo direttamente a Kurosawa, perché praticamente Leone gli ha copiato intere sezioni di film.
    In ogni caso LORO sono influenze. E non mi dilungo neanche su tutte le altre perché non voglio scrivere un inutile wot visto che tanto non ti interessa, ma se vuoi fare il figo parlando di cinema tocca che ti informi prima.

    RispondiElimina
  37. Art:
    Così non va proprio bene.
    Questo non è un forum dell'internet: non si arriva e si bolla come "cagate" il pensiero degli altri, o li si invita a starsene zitti. Perché sono cose che NON sopporto in Rete, figuriamoci se le tollero qui. Puoi essere d'accordo, puoi non esserlo, ma NON puoi assumere un atteggiamento del genere.

    RispondiElimina
  38. @art
    no no intendo l'acclamatissimo driver di una nioa mortale e di un inutile splatter con una trama idiota piena di buchi, due personaggi con una profondita' di una pozzanghera e dialoghi inesistenti (per loro stessa ammisione, cosa voluta.. uao).
    Non capisco nulla di cinema, ok. Ma se capire di cinema significa farsi piacere 'sti film, lietissimo di non capirne nulla.

    RispondiElimina
  39. A me tocca stasera, i precedenti mi sono piaciuti tutti, spero che questo sia una conferma

    RispondiElimina
  40. @Ranmaz

    Guarda, personalmente credo che dei film di Tarantino i due Kill Bill siano quelli meno interessanti tutto sommato... Se hai modo di recuperare gli altri dagli una possibilita'.

    @Lun-sei

    Beh, considera che Miike e Tarantino sono pappa e ciccia tra di loro e si citano l'uno con l'altro, vedi anche Sukiyaki Western Django... Poi ok, certamente Tarantino non e' IL regista, ma da li' a considerarlo l'ultima delle merde ce ne vuole, specie considerando certe altre capre-cinematografare...

    @Doc: se ce la faccio vado a vederlo lunedi', ho una scimmia sulla spalla da un bel po' e adesso che sta iniziando a tirare le sue feci ai passanti ha iniziato ad essere un po' problematica...

    RispondiElimina
  41. Vedrò di fare in modo di vedermene qualcun altro dei film di tarantino. Promesso

    RispondiElimina
  42. Ma come?! Non è un forum?! :D

    "Lo chiamavano Trinità iperviolento" e "caciarone e uber-ammiccante in pieno stile Tarantino", per me, possono già valere il prezzo del biglietto.
    Nel fine settimana me lo vado a vedere, sperando di evitare la scimmia da spalla di Akuro! :)

    RispondiElimina
  43. Al BRANO sono rimasto di merda. Ieri sono andato al cinema verginissimo, senza aver letto nulla se non la trama.

    Sono uscito che ho smesso di sorridere stamattina. E l'ho già rivisto in inglese.

    RispondiElimina
  44. UtghardaLoki18 gennaio, 2013

    boh...a me Tarantino non piace,troppo.
    gli elementi che hai descritto come caratteristici dei suoi film in apertura mi sono sempre stati un po' di traverso (soprattutto i personaggi eccessivamente verbosi,gli scoppi di violenza improvvisi e le litrate di sangue a muzzo: i primi perchè rompono il cazzo,non possono essere tutti filosofi ciarlieri,anche e soprattutto quei personaggi delineati per essere dei bruti privi di un barlume d'intelletto,il resto perchè spesso spezza l'incanto di una scena o l'intera sospensione di credibilità buttando tutto in vacca.) ma devo dire che Kill Bill l'ho apprezzato,così come Pulp Fiction.il resto no.
    Boh,magari Django lo andrò a vedere, con sospetto ma ci andrò.

    RispondiElimina
  45. Vabbé, insomma.

    Comunque io personalmente Tarantino non riesco proprio a farmelo piacere, semplicemente perché continuo ad avere quella sensazione di "scopiazzatura". Come dire, è bravo a mescolare stili ed idee di altri autori in modo molto piacevole e vedibile, ma di suo non ci mette proprio nulla. Poi io non li ho nemmeno visti tutti i film di Tarantino, eh, quindi non è che sia esperta su di lui.


    @Akuzo

    Bhe, se è per questo nella mia edizione lusso bellissimissima a mollo nel sangue artificiale di "Ichi the killer" ci hanno messo un'anteprima di Eli Roth (sigh)... Miike è un genio, ma ama frequentare gli autori più trash possibili. XD

    RispondiElimina
  46. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  47. Io non vado al cinema dal 2007 per ragioni mie (e sì, non sopporto assolutamente i cafoni vocianti, i telefonini e tutto quanto). Detto questo, se, accompagnato in sala dal mio amico Totore, partisse QUEL pezzo di cui non possiamo far nome... beh, oltre al sorriso totale in grado di farmi cadere la calotta cranica, la cosa più sensata che mi premerebbe fare sarebbe una e una sola.
    Sigillare le porte del cinema come in Bastardi senza gloria e soffocare tutti i presenti col risultato gassoso dell'indigestione di fagioli.

    RispondiElimina
  48. Emanuele:
    Ti ci metti pure tu? Non riusciamo ad evitarli tutti 'sti francesismi? Ognuno dica quello che vuole sul film, ma NON commentate i giudizi degli altri se non riuscite a farlo in modo civile. Eghe.

    RispondiElimina
  49. Io sono per molti versi d'accordo con lun sei. Che Tarantino abbia personalità è indubbio. Altrettanto indubbio è che non abbia una vera identità. Lui è più un pop artist che gioca con le immagini secondo me che non un vero e proprio regista. Forse non è nemmeno tanto interessato ad esserlo. Ognuno ha i suoi gusti e ovviamente vanno rispettati, ma è anche innegabile che Tarantino spesso venga incensato a prescindere...

    RispondiElimina
  50. L'ho visto anch'io ieri sera. Non sono cosi' esperto di Tarantino o di cinema in generale da cogliere tutte le citazioni, ma mi sono fatto delle belle risate.
    Certo ragazzi cercate di tenere a freno il primate, pensate anche agli altri spettatori in sala, nel mio caso c'erano un gruppo di ragazzi che non facevano che dare voce alla scimmia!

    P.S. Ma "Driver" sarebbe "Drive", quello con Ryan Gosling del 2011? Come "splatter inutile"? Lo splatter ci sta sempre bene, e' come i boss nei videogiochi o la panna montata sul gelato!

    RispondiElimina
  51. dovrò aspettare una settimana :( l'unico film che mi è piaciuto meno e sottolineo meno è stato grindhouse

    RispondiElimina
  52. la mia scimmia è felice felice della fornitura di banane che le ho appena recapitato leggendo la tua recensione. baci, abbracci, omaggi e stima, Doc.

    RispondiElimina
  53. Doc, qua nella profonda Arabia ti si segue con attenzione morbosa (così ti svelo i numerosi contatti da questa zona che - forse - ti preoccupavano) ma non avevo mai commentato fino a stasera. Volevo solo dirti che sono appena uscita dallo Shatti Cinema pieno di arabi e indiani che un film western non l'hanno mai visto. Io, invece, ho ancora IL SORRISO.

    RispondiElimina
  54. Magari Trinità...il solito film di tarantino, ci si puó gasare per il sangue e/o le citazioni e/o altro, ma cambiando il contesto il film è sempre quello sia che i protagonisti abbiano un abito scuro o una spada o una svastica o un cinturone... (Infinito amore e rispetto per chi comunque la pensa diversamente).

    RispondiElimina
  55. @doc perdonami i toni del messaggio precedente, ci tengo a precisare che quel cagate era generalizzato e non riferito ai due a cui ho risposto successivamente, forse ho usato un termine colorito, ma sul serio, certe cose non si riescono proprio a leggere.
    E che in ogni caso non intendevo invitare nessuno a fare silenzio, ma semplicemente ad argomentare con cognizione di causa.

    Una volta un mio compagno di classe disse al mio professore di italiano che Dante non era poi sta gran cosa.
    Il mio professore, invece di arrabbiarsi, gli chiese di argomentare, e il mio amico se ne uscì con non mi ricordo quale critica di cui gli aveva parlato suocugggino una volta di sfuggita. Il mio professore allora, che conosceva l'argomento della critica, cercò di cominciare una discussione con lui, ma siccome il fesso non sapeva assolutamente nulla, se non le quattro parole che gli erano rimaste impresse della critica, non riuscì a rispondere.
    Il professore soddisfatto ci spiegò una cosa che reputo fondamentale, sempre. Ci spiegò che se vogliamo discutere del Grande Fratello, possiamo permetterci di utilizzare la argomentazioni che preferiamo. Se vogliamo discutere dei film di, che ne so, Vanzina, possiamo utilizzare le argomentazioni che preferiamo. Ma quando si parla di Dante, se vogliamo giocare con le argomentazioni serie, dobbiamo avere quantomeno un'idea della portata di quello che stiamo dicendo.
    Avere la libertà di esprimere la propria opinione non significa che la propria opinione sia giustificata a priori solo perché libera. Posso dire che la terra è piatta, ma non posso rispondere a chi mi dice che è rotonda che, beh, ognuno ha le sue opinioni.

    Poi, capisco già di più ranmaz che ammette di non sapere, ci sta, piuttosto che lun-sei che tira fuori un "se non ti piace Tarantino ne capisci di cinema" senza tirare fuori neanche uno straccio di argomentazione, al punto che sembra quasi abbia ascoltato per sbaglio una critica al buon Quentin e se ne sia convinto per approssimazione.

    @ranmaz
    Premesso che il titolo è Drive, io speravo ti fossi sbagliato. Pazienza.

    RispondiElimina
  56. è una bomba.

    Per la precisione di quelle nucleari che sperimentavani i sovietici quando dovevano far vedere di essere più forti degli americani e tiravano insieme cose con un megatonnaggio ridicolo.

    Uno può dire il de gustibus quanto gli piace, ma dire che Tarantino non sia un bravo regista, che non abbia idee sue... Mettiamola così, è un po' come dire che Umberto Eco è uno scrittore di merda perchè i suoi libri sono pieni di citazioni e sfruttano questo o quel genere per ricicciare sempre attorno ad un paio di argomenti. Poi vabbè, entrambi hanno fatto cose da lacrime agli occhi e cose che se ce le risparmiavano era anche meglio.

    Poi, anche per saper tenere insieme tutta la girandola di citazioni in un film che sta in piedi per quasi tre ore non è mica una roba che chiunque sa fare. Altrimenti staremmo scrivendo film ogni volta che al bar passiamo la serata a citare questo o quel film.

    Infine, mi sembra una visione un po' tanto ingenua della creatività. Nessuno inventa nulla. Lo si dice chiaramente anche nel film (MINI SPOILER), in fondo si sta raccontando all'infinito la storia di Brunhilde e Sigfried, hanno inventato tutto gli antichi, noi si riciccia attorno a certi concetti.

    RispondiElimina
  57. Belin che casino, dopo un film del genere non puoi che essere in pace con il mondo (per almeno un paio di giorni).

    SPOILER

    Solo la scena dei cappucci alla Ku Klux Klan valeva ogni film scrauso che vedrò da qui alla fine del 2013, punto e basta.

    FINE SPOILER

    Tarantino è sempre Tarantino, cinematograficamente si vuole sempre un gran bene (chi ha visto il film capisce), ma cavolate a parte Django è stupendo.

    RispondiElimina
  58. L'ho visto ieri sera ed è scorso via così velocemente che mi è sembrato durare 10 minuti...semplicemente spettacolare, truzzo, violento, galvanizzante, divertente, ripieno di citazione e momenti da pelle d'oca, momenti da risata irresistibile, momenti che dici "ALEEE addirittura!", personaggi memorabili... direi meglio di Bastardi senza Gloria, MOLTO meglio di Kill Bill.

    RispondiElimina
  59. AZ:
    Che diavolo ci fai laggiù? :)

    RispondiElimina
  60. Ok, ho visto ieri sera il film e a mente fredda posso dire... No, niente, al massimo è menta fredda, sono ancora esaltato come un moccioso armato di pistole giocattolo. Il finale poi è stato un colpo basso, ho tutta la colonna sonora che mi risuona nella testa adesso, fermatemi.

    RispondiElimina
  61. C è solo una cosa peggio di chi critica i film di Tarantino...
    chi tifa juve...:)
    magari poi chi critica i suoi film è anche tifoso della juve.

    RispondiElimina
  62. Film meraviglioso, una vera goduria!

    RispondiElimina
  63. É andato in pensione con il botto!

    RispondiElimina
  64. Mi associo a Edo e al suo spoiler. E Waltz è ENORME

    RispondiElimina
  65. Faccio l'esule e vivo in riva al mare arricchendomi di petrolsoldi esentasse.

    RispondiElimina
  66. Porc... amici tirapacchi mi portano a posticiparne la visione ad un altro giorno della settimana... ora le scimmie tira-feci sono diventate due.
    Che qualcuno mi procuri un Ace Ventura.

    RispondiElimina
  67. Un mix così azzeccato di generi, e una narrazione così efficacemente varia credo di non averli mai visti.

    Se continuo, finisce che parlo di tutto il film, quindi mi limito a segnalare la mia prolungata immobilità con annesso sorriso ebete quando è partito IL BRANO all'epilogo: il film termina, la gente esce, gli amici pure, i pop corn finiscono, io rimango.

    RispondiElimina
  68. POsso anche essere d'accordo che Tarantino non sia un grande autore, nel senso classico del termine, ma è di sicuro un grande regista anche solo perchè fa qualcosa che riesce unicamente a lui, cambiando sempre film e reinventando un genere alla volta. Non proprio pochissimo.
    Ha i suoi estremismi che devi accettar e possono risultare indigesti.
    I suoi film sono Le Iene, Pulp Fiction e Bastardi Senza Gloria. Il resto della sua cinematografia sono i suoi giocattoli.

    RispondiElimina
  69. Visto. Secondo me non è un film per la massa, chi lo vede come un film splatter e violento (e lo è) lo sminuisce. Chi non sa almeno l'ABC del cinema western non può, a mio parere, cogliere le citazioni che permeano e costituiscono l 'ossatura del film. Dal titolo al brano finale è un susseguirsi di "AH! Guarda te...".
    Il problema grosso, a mio dire, è che sono andato a vederlo dopo averti letto DOC... E in testa avevo la frase "il nuovo Trinità e Bambino." e posso dirti che ne è ben al di sotto e non è neanche il miglior tarantino. Forse tutto sta in un'aspettativa troppo alta. 7/10

    RispondiElimina
  70. Emergo dal mio consueto status di unseen lurker per un'accorata domanda: ma solo per me dopo la "stretta di mano" il film è rimasto mortalmente azzoppato, trascinandosi con lentezza verso in finale prevedibile? Peccato, fino a quel punto era da artigliare i braccioli!
    Ps: suvvia, Quentin, il dressage no...

    RispondiElimina
  71. Ho adorato il film ma non posso non essere d'accordo con Gnam. la parte finale è stata epica ma troppo prevedibile.. un piccolo colpo di scena tarantiniano avrebbe reso superiore il lineare crescendo di violenza vendicativa.

    RispondiElimina
  72. evviva, siamo almeno in due xD

    (sì, sarei sempre "Gnam"... la prima volta è uscito un nick errato per battezzare adeguatamente il mio esordio sul blog D: )

    RispondiElimina
  73. Mah...
    A me non ha fatto impazzire.
    Samuel L. Jackson straordinario come al solito, Di Caprio sempre forte (ma fa una morte da fesso)... ma per il resto non uno di quei dialoghi eccezzionali da impararsi a memoria, non una di quelle scene memorabili (che c'erano comunque in Bastardi, che cmq non mi ha fatto impazzire)...
    Direi un film poco tarantiniano in defintiva.
    E la cosa che mi fa più storcere il naso è inserire dei cattivi "polticamente corretti" (prima i nazisti, ora gli schiavisti) che si possono ammazzare a piacere (perchè pure la povera sorella di Di Caprio, poretta?) senza che il Moige di turno si scandalizzi. Di questo passo chi saranno in cattivi nel prossimo film? Bracconieri di foche? Pedofili?

    RispondiElimina
  74. @Imp y Celin o Gnam che dir si voglia.

    il tuo commento volevo farlo io.
    Se il film fosse finito alla stretta di mano sarebbe stato un capolavoro. Il mediocre finale ne fa "solo" un bel film. Sogno un edizione "director's cut" priva dell'ultima mezz'ora, ma non credo che sarò accontentato.

    ### Spoiler on: ###

    - la scena dei cappucci rimane comunque fenomenale.
    - nel finale, il cavallo ballerino è inguardabile, ma il manichino della morta tirato via col filo raggiunge delle vette di trash che neanche "Toro Seduto contro Godzilla"
    - io però avrei portato alle estreme conseguenze la scena di Django appeso; la vendetta l'avrebbe fatta parlando come Alpha di Up! ma il finale sarebbe stato *molto* più divertente :-)

    RispondiElimina
  75. Domandona: cosa dice alla fine il nero?
    Sì, quello che parla dopo tutti i titoli di coda????
    Ho sentito, ma non ho compreso le parole
    Qualcuno lo sa?

    RispondiElimina

I COMMENTI ANONIMI VENGONO ELIMINATI IN AUTOMATICO DAI FILTRI ANTISPAM. QUELLI SUPERSTITI, IRRISI ED ELIMINATI UGUALE. NON. USATELI.

-

Related Posts with Thumbnails