martedì 6 novembre 2012

48

Kentozzi in "Non 3 punti: 11, coglionazza!"

Barbie Cornuta è in vendita dal tuo giocattolaio
Uno magari pensa che il downgrade da fidanzato di Barbie a suo sciacquino senza diritto alla parola, da compagno di vita a scendiletto moquettato, burattino senza fichi, amico senza benefit che non ce n'è e non ce ne sarà mai, sia frutto di un banale edulcoramento del mondo dell'Algida Stronza operato negli anni da parte della Mattel. Ma NON è così. Perché un giorno lontano, per quanto possa sembrare incredibile, anche Kentozzi ha vissuto il suo momento di gloria. C'è una pagina oscura nella storia del Barbieverso, il giorno in cui Ken si ribella, se ne va in vacanza per i cattsee propri, a suonare la tromba senza portarsi lo strumento. È il momento a lungo taciuto della grande rivalsa uacciuuaniuani, della rivincita su una scala da zero a Per me la corazzata Kotiomkin è una cagata pazzesca e Colpo partita: triplo filotto reale ritornato con pallino. È Kentozzi che scop… scopre l'universo femminile, e Barbie zitta a casa a rosicare. E non è un sogno o una fantasia: è una storia vera, ed è giunto il momento di riportarla finalmente alla luce […]

Il Giornale di Barbie, gennaio 1983: giusto qualche mese prima del duello tra l'imperatrice del regno e Beast Man dei Masters e della nascita dei cloni Mirkos. La copertina parla di un "Travolgente amore al mare" e, nei cuoricini lì sotto, augura un buon San Valentino a Barbie. Quelli nella foto, pronti a lasciarsi trascinare via dal travolgente amore, però, sono il suo fidanzato Ken e una tizia mora. Ok, ferma un attimo. Vi chiederete a questo punto se sia mai possibile una roba del genere. E, beh, lo è.
Perché quello era un Ken diverso, risoluto, indipendente, lontano anni lucecaponegro dalla pallida, zerbinata imitazione di se stesso in cui sarebbe stato plasmato a frustate dalla Malvagia. Per dire: qui te lo piazzano al posto di Fonzie, nelle storie di dieci anni dopo al massimo gli avrebbero fatto fare Joanie. La risposta al quiz, per la cronaca, è Michele Placido.
Ed eccolo, libero e felice, che sta lì a ustionarsi sotto il sole delle Maldive. Da solo. Senza padrona, cani mostro, Skipper in mezzo alle palle, pentole da lavare, trappole egiziane da innescare. Solo. Almeno fino a quando qualcuno per farci lo scherzone non gli versa della sabbia negli occhi. "MA CHI CAZZ...?", sta per urlare rialzandosi, quando le parole gli muoiono in gola. Davanti a lui c'è una gran topa. Ma talmente topa, che quando lei gli spiega che voleva solo dargli "il benvenuto nella mia isola", lui riesce a rispondere solo "Grazie... grazie di cuore!". Ho perso un occhio e anche l'altro è gravemente compromesso, ma grazie di cuore, gran bella gnoccolona.
La ragazza, che non va molto forte con le preposizioni, si chiama ovviamente Rio e balla sulla sabbia (ma questa la capiscono solo gli antristi vecchietti). E insomma tra i due nasce subito un feeling speciale, e la loro conversazione decolla: lui le dice che l'isola dev'essere meravigliosa, lei risponde che è fatta di cose meravigliose. Poi lui dice che è splendida, lei risponde che è fatta di cose splendide. E vanno avanti così per mezz'ora. Fino a quando Rio non si rompe le scatole e al primo paguro dimmerda che trova sulla spiaggia ci tira fuori la classica meenchiata da bagnino rimorchione della conchiglia dell'amore. "Quanta poesia...", le risponde Ken, fissandole intensamente le zinne.
"Qualche ora più tardi, nella magica luce del tramonto", Ken e Rio si incontrano di nuovo sulla spiaggia: lui con il pantalone da carabiniere beduino, i mocassini da tamarro e la sua maglietta più elegante su una scala da zero a King dei Gipsy King (quella gialla e marrone con il papillon nero incorporato), lei col vestitino lorellocuccarino e il tacco alto (di una comodità in spiaggia che levati). La piega presa dagli eventi (la tizia gnocca che compare dal nulla e va subito occhiolino al sodo) vi ricorda tipo la trama di un p0rnacho vintaggio anni 80? Bene. Perché la scena è ESATTAMENTE quella. "Da quella sera Ken e Rio trascorrono MOLTE ORE FELICI INSIEME", leggiamo. E le carte napoletane lì sull'isola non le vendevano mica. Guardatelo, Ken, che limona giorni dopo con la panterona dell'isola, tutti e due vestiti come la prima sera e sempre davanti alle stesse due palme, ché l'isola dev'essere tipo di quattro metri quadrati. "Non ti dimenticherò tanto facilmente Rio", le dice, piazzandole deciso una mano sul coolo.
Tornato in città, Ken riprende il suo lavoro di tutti i giorni nell'Ufficio Sinistri della Megaditta. I colleghi Mughini e Calboni vanno subito a chiederci come sono le ragazze di quell'isola, accompagnando la domanda con eloquenti gesti di polso. "Devo assolutamente rientrare nei ranghi", risponde Ken, ricordandosi il suo corso accelerato di lingua maldiviana. "Appare evidente che Ken è cambiato da quando è stato in vacanza, e Barbie non può fare a meno di notarlo". Non fosse altro, per quel palco di corna che le sono spuntate in testa, costringendola a tirar fuori quell'inguardabile acconciatura a turbante per coprirle. Una volta a cena, l'Algida Stronza gli chiede se abbia sentito la sua mancanza. "No!", le risponde Ken, diretto, dopodiché non se la incoola di pezza e torna a pensare a Rio. La maledetta copia personale della maledetta Corazzata Kotiomkin brucia in un braciere, qualche metro più in là.
E finalmente la perfida è in difficoltà. Non è lì a vincere una gara dei mondiali di vattelapesca da sola, ad abbaiare ordini, ad aprire business del malaffare: è sola e disperata. "Sento che qualcosa è cambiato tra noi", confida grattandosi la testa a una di quelle amiche di colore di cui non ricorda mai il nome, di quelle che ogni tanto chiama così, per far vedere. Ken intanto sogna "i tempi felici con Rio" e... Ken! La mano! Sei un uomo adulto, e su! Ma il sorpresone è dietro l'angolo: vendendo i reni di tutti i maschi della sua famiglia, Rio ha comprato un biglietto per New York, per raggiungere il suo amore. "Magari possiamo vederci!", domanda al telefono. "E me lo chiedi?", risponde Ken, che sta già ravanando nel comodino per scegliere i preservativi delle grandi occasioni. Il tempo di infilare una giacchetta di plastica da pervertito, e il Nostro si precipita in aeroporto. Con la Golf di Barbie. A spregio, proprio. Tiè, sooca. 
Fine primo tempo, pubblicità. "Dal frigo al forno, per realizzare splendidi sogni gastronomici". Che se gli togli il marketing, restano pur sempre quattro sofficini dimmerda.

Barbie Eskimo, la più algida delle algide, "una guida incantevole per conoscere l'affascinante regione degli orsi, delle foche e degli igloo". L'igloo è quel coso tutto storto là dietro, orsi e foche sono diventati il cappottino e gli stivaloni da zoccola.
Secondo tempo. Ken porta Rio a vedere la sua New York, partendo da una Little Italy che ricorda un po' troppo il centro di Roma, ma oh, stai a guardare il capello di plastica. "E dopo aver girato in LUNGO e in largo, un po' a piedi, un po' in macchina", i due salgono a casa di Ken, dove vengono raggiunti da Barbie. Intenzionata a chiarire il suo rapporto con Ken, l'imperatrice del Regno ha sventrato un grizzly, ne ha indossato la pelliccia e si è precipitata a casa del fidanzato. Trovandolo sbracato sul divanetto, con la maldiviana che ha già, uh, preso in mano la situazione. Ora, pensate che Ken abbia tentato di tirar fuori una qualche scusa posticcia? Un "Barbie! Non è come pensi!" urlato inciampando nelle braghe calate come in una puntata di Centrovetrine? Ma manco per niente. "Ma figurati, cara! Entra... prego!", le dice, già prefigurandosi il threesome acrobatico alla Rocco.  
E l'Algida? Lo uccide lì sul posto? Lo fa scuoiare dalla sua polizia privata? No, fugge via. Disperata. "PIANGENDO". Fermi tutti. Rileggiamolo: "piangendo". Ancora un'altra volta, dai. È un momento di ENORME soddisfazione per i Kendignados di tutta Italia, che nel vedere questa scena si scambiano cinque alti e si abbracciano felici, commossi. È il male moggiano in ginocchio, il trionfo del pen... del bene, il primo, vero RoccoKentozzi che disintegra il direttore conte Catellani un colpo di stecca alla volta. E la storia del Barbieverso avrebbe avuto un corso ben diverso da quello che conosciamo se Rio si fosse fatta i cattsee suoi, letteralmente, e non avesse inseguito Barbie nel corridoio per fare la crocerossina Candy Candy della fungia.
Per una qualche ragione poco chiara, probabilmente intuendo le ritorsioni mafiose che la bionda le avrebbe ordito contro in un attimo, la povera Rio organizza addirittura un incontro a sopresa tra i due fidanzati e fa consegnare loro la conchiglia dell'amore, che si era portata apposta dietro dalle Maldive. Violando la legge che vieta l'esportazione di questa roba. Al suo rientro verrà arrestata e sbattuta in una cella umida per il resto dei suoi giorni. E tutto è bene quel che finisce bene: sparite le corna, fatta arrestare la rivale, Barbie può sciogliersi i tortani e dichiararsi innamorata di Ken, con la testa circondata da cuoricini rossi. Anche Kentozzi ha dei cuoricini attorno al capo. Ma sono neri. Di lì a poco, l'implacabile VENDETTA dell'Algida lo priverà di tutto, lasciandolo per l'eternità a soffrire come un cane dietro a quel sorriso da pistola.
Un mese dopo, i capelli tinti da sette litri di Grecian 2000, sarà costretto a indossare il vestitino da Village People e trasformarsi in Ken Western. "Skipper Western", leggiamo, "esegue acrobazie col lazo e riesce a spegnere con un colpo preciso la sigaretta di Ken Western". Questo dopo averci preso la mano: le prime volte gli ha portato via un orecchio, mezzo naso e la dignità. E al ritorno dietro nel rimorchio, col cavallo: ché nella jeep non c'è posto per i viscidi porci traditori.
Due mesi dopo, eccolo già vestito tutto di fucsia, con i pantaloncini in satin a giro testicoli, risibile burattino diversamente etero, che al confronto Andromeda dei Cavalieri è Bruce Willis in Die Hard. Cosa non ti fanno quelle trecento frustate al giorno belle forti.
Si ringrazia Elisabetta per le scan!


LE ALTRE PUNTATE AAAH! TI PREGO NON LO FACCIO PIÙ! AHIA! DI KENTOZZI
 

48 commenti:

  1. Hai ragione, Doc,questa storia spiega bene l'origine dello zerbinaggio del povero Cristo..
    Quando si dice la vendetta dell'Algida..

    RispondiElimina
  2. dopo questa storia i Kendignados devono essere ancora più uniti!
    #FreeKentozzi

    RispondiElimina
  3. Per tutto il primo tempo è stata semplicemente la migliore storia su Kentozzi che abbia mai letto. Ma poi sono arrivate inesorabili le solite forzature bimbominkiose da scrittore di romanzetti harmony.
    Però è vero, le ragazze isolane la danno via come il pane.
    Ed ora mi defilo elegantemente, prima che a qualche tenera e dolce antrista sarda o sicula venga pure a lei voglia di rifilar frustate.

    RispondiElimina
  4. ...capolavoro assoluto...soprattutto i geometri Mughini e Calboni....mancano giusto Colsi e Filini...

    RispondiElimina
  5. Er neim is Rio, end sci denses on de seeeeenddd ...
    Ca**o, il 1982.
    TRENTA. ANNI. FA.

    RispondiElimina
  6. il carabiniere beduino, semplicemente fantastica!

    RispondiElimina
  7. INCREDIBBILE!!
    Threesome dalla distanza ...
    Non va!!

    Pubblicità per noi.

    (Piccinini docet)

    RispondiElimina
  8. Con Ken nei panni di Jane Fonda la Mattel ha raggiunto l'apice dell'umiliazione e ci ha messo una ciliegina ROSA sopra!!!!

    RispondiElimina
  9. Altro che Roccoken qui abbiamo un Kenlebon.

    RispondiElimina
  10. Ecco la storia anticipata al raduno! Davvero allucinante, una Barbie così umiliata non la rivedremo mai.

    P.S.
    Cuori rosa: Alfa
    Cuori neri: Disperato

    Tokio Jungle docet u.u

    RispondiElimina
  11. Interdetto. Ecco come sono rimasto.

    Ed è per questo che odio i prequel: che arrivi al punto che ci credici, quasi. Ma già sai come andrà a finire: dimmérda.

    Da oggi ci voglio un po' più bene a Ken.

    PS: mamma ma Doc, i Dureràn Dureràn... Oh, con un groove di basso che levati! :D

    RispondiElimina
  12. Paolo Pugliese6 novembre 2012 10:19

    Puntata assolutamente memorabile. Mi hai fatto scompisciare.

    RispondiElimina
  13. E si spiega anche come fa il poverello a sopportare tutte le angherie dell'algida, della sorellina e delle amiche... una buona memoria, un attimo di intimità e Kentozzi diventa Ken Manosvelta :)

    RispondiElimina
  14. Allora l'atteggiamento da padrona di Barbie ha una sua motivazione, se lo lascia libero, se lasciato solo il fedifrago si lancia sulla prima bambola di passaggio! E non pensa neppure un secondo di stare facendo qualcosa di sbagliato (tipo, se ti piace un'altra molla Barbie!). Il viscido mollusco tiene con nonchalance il piede in due staffe! A uno così un po' di pentole da lavare e un po' di canimostro da pettinare fanno anche bene!

    Poi lei che fugge in lacrime è veramente OOC, mi sarei aspettata che perlomeno cercasse ci castrare Ken con un coltello rosa arrugginito (magari l'ha fatto dopo, il che spiegherebbe molte cose sul suo comportamento XD) o che cavasse gli occhi a Rio con un colpo solo (e di nuovo magari l'ha fatto dopo, visto che lei sparisce per sempre).

    RispondiElimina
  15. I 15 minuti di gloria dei Kendignados!

    Miglior storia di tipo sempre! Grandissimo Doc! Ho ancora le lacrime... :_D

    RispondiElimina
  16. che dire? con la coppia Ken-Le Bon e Rio-Kate Bush ti sei superato. comunque la cosa migliore è l'igloo di ricotta

    RispondiElimina
  17. No, Doc stavolta a rischio di farmi uccidere da un'orda di Kendignados inferociti devo dare ragione a Barbie.
    Ma non comprendete che la poveraccia è diventata Algida dopo che il Ken fedifrago l'ha cornificata in questo modo così spavaldo?
    La conquista del mondo è il suo modo di superare l'enorme delusione, è un trauma con relative conseguenze da manuale!!
    (e Ken il pistola s'è creato da sé il suo infelice destino, bisogna dirlo u__u)

    RispondiElimina
  18. @Dr.Manhattan: Probabilmente nel Barbieverso la parola Rio è diventata vietata come la parola Voldemort nel mondo di Harry Potter. Quando qualcuno ne parla lo fa bisbigliando Colei-che-non-deve-essere-nominata o Tu-sai-chi XD

    @Babol: Approvo e sottoscrivo! Ken è stato decisamente il fautore del suo destino. Se deve biasimare qualcuno può cominciare da se stesso ^^

    RispondiElimina
  19. Storia spettacolare, anche se deve vedersela con l'assurda meraviglia di Barbie vs Beast-Man

    Nonostante lo shock del travolgente amore di Ken senza Barbie, mi cade l'occhio su "Quest'- a capo - isola"... Per essere sicuri che lo leggessero tutti, hanno messo l'immagine anche in copertina.

    La moda è sempre alla Barbie. Certo.

    E il bianco latte è il tipico colore di carnagione dei Maldiviani (wiki dice: La popolazione maldiviana è
    ritenuta di origine indiana o araba, in seguito mescolatasi con ondate migratorie provenienti dall'Africa del Nord e dallo Sri Lanka).

    La più algida delle algide :-)

    RispondiElimina
  20. Cmq è allucinate che un tempo scrivessero storie simili... Poi le donne si chiedono perché è un mondo d'infedeli!!!

    RispondiElimina
  21. Questi tuoi post sono poesia pura!

    RispondiElimina
  22. Ok la penitenza per averle messo un bel cesto di corna, ma così si esagera. (Comunque, che goduria 'sta storia :D)

    RispondiElimina
  23. Continua il degradimento minorile nelle storie dell' Algida: nell' ultima pagina, la minorenne Skipper indossa un body sgambato mentre la maggiorenne Barbie uno più casto e coperto.
    Ma non dovrebbe essere il contrario ?

    RispondiElimina
  24. Sam:
    Mi chiedevo giusto dove foste finiti.
    Tu e il tuo Goldrake, dico :D

    RispondiElimina
  25. Rise of Kentozzi..un prequel che spiega come tutto è nato..

    RispondiElimina
  26. sono ancora più curiosa di leggere storie antecedenti. Cioé RoccoKen la tradiva molte volte? Non è che questa è stata l'unica volta nella quale è stato sgamato? c'è qualche antrista degli anni anni '70 che mi può rispondere?

    RispondiElimina
  27. Secondo me l'algida aveva capito tutto dall'inizio ed ha aspettato il momento opportuno solo per poter passare per l'innocente vittima di turno e attirare a sè le simpatie di legioni di bambine e aumentare le fila dell'impero del male

    RispondiElimina
  28. "Her name is Rio and she dances on the sand"!
    Dopo questa possiamo davvero buttare tutti via il pc, basta, non c'è più nulla che valga la pena leggere o vedere.

    RispondiElimina
  29. Ahhh! Lo scheletro nell'armadio di Kentozzi!!!

    RispondiElimina
  30. In effetti la vendetta di Barbie è LIEVEMENTE sproporzionata al torto subito. Ma lei è pur sempre la campionessa di qualsiasi esagerazione.

    RispondiElimina
  31. *implosione*
    Non posso crederci, Doc. Non posso crederci.

    RispondiElimina
  32. Mi state pian piano convincendo che una storia dove Ken cornifica Barbie e fa il doppio gioco può incredibilmente rivaleggiare con "Una storia incredibile" (AKA "Extraterrestre portamela via"). Dove, vi ricordo:
    - Barbie scopre che il professor Zak Mc Cracken è solo un manichino
    - viene rapita da Beast man dei Masters in miniatura
    - si sveglia nello spazio vestita da Barbierella
    - viene salvata e riportata sulla terra dall'uomo termocamino, pronta a diventare la vera Algida

    RispondiElimina
  33. povera povera povera Barbie... tradita così, alla prima nerocrinita che passa sotto al naso (per non dire altro) di Ken... direi che il fedifrago si è meritato tutto il suo plumbeo destino da lì in avanti...

    RispondiElimina
  34. Puntata memorabile.
    Non scompisciante come la precedente, ma con un tasso da filmino svedese/exotico italiano epocale.
    La vignetta di Ken a letto con il sorriso ebete stampato in faccia è d'antologia.

    Ma questi fotoromanzi con Barbie quando hanno iniziato a farli?
    No perché queste storie "vintage" sono dei primi anni 80, che non erano ancora tempi di politicamente corretto imperante, ma già si era su quella strada... quindi, se già di producevano, non oso immaginare cosa poteva accadere nelle storie scritte degli ancora più "liberi" anni 70.

    RispondiElimina
  35. In realtà quello che si evince da questa storia è che, in potenza e lasciato libero, Ken sarebbe in infame proprio quanto Barbie... il che spiega 1) perché Barbie se lo tenga appresso; 2) perché Barbie gli tarpa le ali (e anche qualcos'altro) prima che diventi una minaccia.

    RispondiElimina
  36. Per Kentozzi, almeno fino alla penultima pagina della storia prima di perdere la dignità, 92 minuti di applausi!!

    RispondiElimina
  37. NOOO, non ci posso crederci.
    Kentozzi, il nostro Kentozzi biondo, proprio lui, nemmeno il Roccoken moro e piacione, ha avuto il coraggio di fare QUESTO? Allora è proprio come dicevo io: il Ken delle storie vintage è l'Adamo dei Ken, il Ken originale, che dopo la cacciata dall'Eden (con relativa condanna a partorire con dolore, al posto dell'Algida) a causa di questa brutta storia, si è scisso nei due pupazzi che amiamo tanto, Kentozzi e RoccoKen.
    Ed ora conosciamo le vere origini dell'Impero del Male, altro che alieni...
    Complimentoni per il bellissimo episodio, Doc: risate a non finire! <3

    RispondiElimina
  38. Però alla fine la povera morettina pietr..ehm, conchiglia dello scandalo dichiara di ammirare Barbie e di desiderare in cuor suo di essere come lei. Il dispotismo dell'Algida ha finalmente inizio: eccelle in tutto, dalle olimpiadi alle piroette sulla superficie lunare; elimina le rivali stesse evitandone la partecipazione anche alla scampagnata di Pasquetta(!); reprime gli impulsi del povero Kentozzi costretto in calzoncini antierezione. Vendetta, tremenda vendetta (pure il lettino rosa con lenzuola a tema hawaiano mi turbano..e non poco!).

    RispondiElimina
  39. @Doc, non mi parlare di Goldrake.
    Che dopo la vittoria delle forze di Vega sulla Terra , mi è caduto in coma: non parla, non si muove, rimane imbambolato sul suo scaffale come fosse senza vita.

    RispondiElimina
  40. Ehi, ma qui ci sono i nomi degli autori!
    Doc, se piazzi una delle tue interviste impossibili penso che l'internet tutto sarà tuo di diritto...

    RispondiElimina
  41. Quest'ultima avventura del servo della gleba (ma non a questo giro. Tiè Algida) Ken mi ha ucciso xD

    RispondiElimina
  42. la citazione dei Duran Duran è spettacolare :')

    Comunque finalmente il buon Kentozzi tira fuori le palle! Dai così! I tifosi scendono in strada ad esultare!

    RispondiElimina
  43. Doc, non so se questo te lo hanno già suggerito, ma Barbie che se la fa con il pupazzo anni '80 di He-man, secondo me merita di essere visto

    http://youtu.be/xNsW4Sza4bs

    E poi il corto è dannatamente auto-ironico, mi ha schiantato :D

    RispondiElimina

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.

Related Posts with Thumbnails