martedì 10 luglio 2012

66

Tutti i cartoni animati di Hanna & Barbera, parte I (1959-1966)

La mettiamo in cantiere un'altra di quelle carrellate infinite? Di quelle che poi ti scocci e le lasci a metà, tipo i nemici di Mazinga Z? Sì? Lo facciamo? L'altra sera ti sei chiesto Ma quante serie a cartoni avranno mai tirato fuori l'azzimato Hanna e l'avvinazzato Barbera? E allora sei andato a controllare e sei stato travolto da un listone della morte rotante. Ta, ta, ta, ta. Un elenco infinito di personaggi che gli antristi più anziani ricordano benissimo, quelli medi ricordano e non ricordano, i giovani magari ricordano benissimo uguale. Ché minimo c'hanno da anni una magliettina da hipster di Magilla Gorilla o Hong Kong Phooey comprata in America da Urban Outfitters e si sono sfondati di repliche sui canali satellitari. Mai, mai sottovalutare la potenza dei giovini. E di PlayStation, ma quella era una minaccia per Sega, ed è un'altra storia. Dov'eri rimasto? Ah, sì, certo: a Yoghi con i suoi cestini da pic-nic, Svicolone con il suo accento bolognese e gli altri millemila personaggi a cartoni di Hanna & Barbera. Listone giordano della morte? Listone giordano della morte […]
RUFF & REDDY
(THE RUFF & REDDY SHOW, 1957)
Dopo aver lavorato per oltre vent'anni alla MGM, dove hanno creato nel '40 la serie di Tom & Jerry, William Hanna e Joseph Barbera rimangono a spasso nel '57 per la chiusura della linea cartoons dello studio. Fondano così una loro casa di produzione, la Hanna-Barbera Productions, e la loro prima serie ha come protagonisti il gattino sveglio Ruff e il cane tontolone Reddy. Trasmessa in bianco e nero fino al '58 (anche se tutti gli episodi erano stati realizzati a colori sin dal principio), The Ruff & Reddy Show va avanti fino al '60. 
Trent'anni più tardi, ti affissi senza una ragione ben precisa sul loro giochino per Amiga, Ruff and Reddy in the Space Adventure.
BRACCOBALDO SHOW
(THE HUCKLEBERRY HOUND SHOW, 1958)
"Siamo tutti qui e insieme vogliam vedere Braccobaldo Bau!": che no, niente, è una roba per chi era bambino troppissimi anni fa, roba da zii che oggi vanno per i cinquanta. Programma contenitore, il Braccobaldo Show ospitava le storie dell'eponimo cane dal sangue blu BRACCOBALDO (HUCKLEBERRY HOUND), doppiato dallo stesso Renzo Palmer di Svicolone, ma anche quelle dell'ORSO YOGHI (YOGI BEAR)
che, siccome Hanna e Barbera erano in fissa con i romanzi di Mark Twain, si sarebbe dovuto chiamare Huckleberry Bear. Delle avventure a caccia di cestini da pic-nic nel parco di Jellystone, con Bubu e il ranger Smith, se non avete vissuto sotto un sasso, sapete già tutto. Quello che magari non sapete è che Yoghi aveva un colletto per rendere il personaggio più statico e sparagnare sulle animazioni, che scendevano così per un episodio di sette minuti da 14.000 a 2.000. Ora avete capito perché a Seiya c'hanno rifilato uno sciarpone da visagista in Omega. Andiamo avanti: sempre nel Braccobaldo Show c'erano anche PIXIE E DIXIE (PIXIE AND DIXIE AND MR. JINKS)
cioè una versione più buonista di Tom & Jerry (il gatto Jinks non finiva con le mani schiacciate giganti o il corpo a sottiletta o la lingua da arrotolare come Fantozzi ad ogni episodio) e UGO LUPO (HOKEY WOLF)
che nell'ultimo anno del Braccobaldo Show (tra il '61 e il '62) ha sostituito Yoghi e Bubu, migrati a furor di popolo verso una propria serie personale. Nel palazzo accanto al tuo c'è un qualche professionista che si chiama Ugo Lupo. Parola. C'è la targa fuori al portone.
ERNESTO SPARALESTO
(THE QUICK DRAW McGRAW SHOW, 1959)
Un cartone rimasto impresso in modo indelebile in una generazione. Una generazione di poveri cristi che di nome facevano Ernesto e avevano già pronto un nomignolo feroce in caso di problemi nell'intimità. ERNESTO SPARALESTO (QUICK DRAW MCGRAW AND BABA LOOEY) raccontava di questo cavallo sceriffo, affiancato nel Far West dall'asinello messicano Babalui. Le altre due serie impiegate per tirare la mezz'ora di puntata erano TATINO E PAPINO (AUGIE DOGGIE AND DOGGIE DADDY)
noti anche come Tatino e Tatone, un cagnolino arancione e suo padre, e SNOOPER E BLA-BLA (SNOOPER AND BLABBER)
un'altra coppia gatto-topo, ma questa volta alle prese con le indagini da detective anziché con trappole e umiliazioni. In queste storie appaiono peraltro le prime versioni di Svicolone e de I Due Masnadieri (vedi sotto).
LUPO DE' LUPIS (LOOPY DE LOOP, 1959)
La storia di un lupo buono, doppiato da Roberto Del Giudice (ma solo dalla terza edizione italiana), che cerca di aiutare gli altri ma è vittima dei pregiudizi. A volte è affiancato dal nipote Giacomino. Il nome originale era un elaborato gioco di parole tra loup (il termine francese per lupo: nella versione originale il personaggio parla con un accento francocanadese), loopy (pazzo) e loop the loop, un giro della morte eseguito ai comandi di un aereo.
GLI ANTENATI
(THE FLINTSTONES, 1960)
Yabadabadoo, gli antenati con radio e tivù, eccetera. Non pensi ci sia bisogno di aggiungere nulla sui Flintstones, se non che in questi cinquant'anni di stegosauri utilizzati a Bedrock come autobus, lavatrici ultra-ecologiche e gare di bowling hanno prodotto alcune cose notevolmente notevoli,
come la Halle Berry tutta tigrata da professionista del ribaltabile nel film del '94, e altre molto, molto, molto, meno
come un certo super-eroe pezzente che ne canta ubriaco la sigla assieme ai suoi amici barboni.
L'ORSO YOGHI
(YOGI BEAR SHOW, 1961)
Dicevamo. E' il '61 e la gente, oltre a volere il gol, vuole anche molto più Bubu nelle proprie, infelici esistenze. Nasce così uno show per Yoghi, andato avanti addiritturamente a più riprese fino al 1988. Oltre alle storie dell'orso con la cravatta della lega e del suo amico Bubu
il programma ospita anche SVICOLONE (SNAGGLEPUSS)
un leone di montagna rosa che nella versione italiana acquisisce un indimenticabile accento bolognese. "Svicolo tutto a mancina!", "Sorbole!", "Sochm...". Nel linguaggio del primo-internetto, un bel po' di decenni più tardi, "Svicolone" diventa sinonimo di troll detesticolato che lancia il sasso e va a nascondere mano, faccia e tutto il resto da qualche parte. Quanto all'idea di un felino elegante tutto rosa, due anni più tardi Blake Edwards sta cercando un personaggio animato da inserire nei titoli del suo film e...
trovato!
L'altro comprimario di Yoghi è YAKKY DOODLE (YAKKY DOODLE)
un anatraccolo insidiato da un alligatore e da una volpe, e protetto dal suo amico bulldog Chopper. Che a quanto pare non si scoccia mai di questo piccolo rompiballe capace di cacciarsi in ogni tipo di pericolo possibile e immaginabile. E vabbè.
TOP CAT
(TOP CAT, 1961)
Top Cat ti piaceva un casino. Ma proprio tipo, sai quanto? Un casino. Questa banda di gatti malandrini capeggiata da Top Cat e formata da Benny la Palla (il gatto bassino blu, con la voce strana), Choo-Choo (quello rosa con il dolcevita bianco, secondo in comando), Spook (cravatta nera), Fancy-Fancy (sciarpone di Pegasus), Brain (maglietta viola, perennemente sotto l'influsso di potenti cannabinoidi). Tutti insieme appassionatamente intenti a prendere per il coolo il povero Agente Dibble H24.
THE HANNA-BARBERA NEW CARTOON SERIES (1962)
Che non sai se un nome in italiano ce l'ha mai avuto oppure no, anche perché hai letto che le sue serie venivano per lo più presentate separatamente da noi, ma comunque. Altro contenitore-merendero con l'alligatore WALLY GATOR, pure lui coi polsini di Svicolone, LUCA TORTUGA (TOUCHÉ TURTLE AND DUM DUM)
tartaruga avventuriera affiancata dal cane Dum Dum e con telefono per ricevere gli incarichi incorporato nel carapace, e I DUE MASNADIERI (LIPPY THE LION & HARDY HAR HAR)
Il leone Lippy, con i suoi piani per arricchirsi e guidare la nazionale, e la iena Hardy. Una iena depressa e pessimista. Un'idea talmente fantastica che fa il giro.
I PRONIPOTI
(THE JETSONS, 1962)
Mai. Potuti. Sopportare. Le loro avventure da Flintstones del futuro (trasmesse fino all'87) sono ambientate nel 2062: un secolo avanti rispetto alla messa in onda dello show. Per comportamenti e modo di parlare, il cane Astro è a tutti gli effetti un prototipo di Scooby-Doo, che farà la sua comparsa solo sette anni più tardi. O 93 anni prima, dipende dai punti di vista.
THE MAGILLA GORILLA SHOW (1964)
Altra serie fantastica. Perché più magico di una iena depressa c'è solo un Gorilla con il papillon, i pantaloncini corti da tirolese, il cappellino e le bretelle di Ferrara. In realtà le storie apparentemente innocue di Magilla sono una feroce metafora dello sfruttamento degli animali e del traffico di specie in via di estinzione. Un gorilla tenuto nella vetrina di un negozio di animali? Scaricato ogni volta da acquirenti privi di scrupoli, che non lo mollano sul raccordo giusto perché è troppo grosso e vestito a quel modo si nota? Vogliamo fare due chiacchiere con la protezione animali, signor Peeble? Eh? Gli altri segmenti del Magilla Gorilla Show ospitavano GATTO BERNARDO E TOPO DIDÌ (‬PUNKIN' PUSS & MUSHMOUSE)
e TORNADO KID E SONNACCHIA‬ (RICOCHET RABBIT & DROOP-A-LONG)
altra serie western, con lo sceriffo coniglio Tornado Kid e il suo vice, il coyote Sonnacchia 
JOHNNY QUEST (1964)
Serie avventurosa con protagonisti umani, andata in onda per due stagioni nel 64-65 e 87-88. E' la principale ma non unica fonte di ispirazione della delirante serie The Venture Bros.
Se non lo avete mai fatto, provate a guardarne qualche episodio. Se non amate L'uomo da sei milioni di dollari. Altrimenti non fatelo. MAI.
PIPPOPOTAMO
(THE PETER POTAMUS SHOW, 1964)
Ennesimo contenitore zeppo di animali antropomorfi come PIPPOPOTAMO (PETER POTAMUS)
in viaggio con la sua mongolfiera assieme alla scimmietta So-So, VLADIMIRO E PLACIDO (BREEZLY AND SNEEZLY)
storia di un orso polare e di una, uh, foca radioattiva esposta ai raggi gamma che vogliono a tutti i costi entrare in una base dell'esercito giusto per rompere i cabbasisi al povero colonnello Fuzzby (in linea di massima, l'idea nei cartoni di H e B è che sei sei un umano e indossi una divisa, te la prendi in saccoccia). A chiudere il trittico, TIPPETE, TAPPETE, TOPPETE (YIPPEE, YAPPEE AND YAHOOEY)
Tre cani moschettieri? Nel 1964?
Soocare, D'Artacan!
THE ATOM ANT/SECRET SQUIRREL SHOW (1965)
Come prima, solo che qui i personaggi ospitati sono un godzillione. C'è LA FORMICA ATOMICA (ATOM ANT), la formica super-eroe juventina, e c'è SUPER SEGRETISSIMO (SECRET SQUIRREL)
non il giallo mondadori pezzente da edicola, ma uno scoiattolo investigatore accompagnato dalla talpa nordafricana Morocco Mole. E ancora: la piovra viola SQUIDDLY DIDDLY
 Il viscido cagnolone di PRECIOUS PUPP
(che si comporta da stronzo ma la nonnina non lo sa), GLI ORSI HIPPY (THE HILLBILLY BEARS)
(che minimo c'avevano una distilleria clandestina o coltivavano la canapa indiana. Oh, ma quella non è Cindy, la fidanzata di Yoghi?), e infine LA STREGA WINSOME (WINSOME WITCH)
La strega buona e pasticciona che rapisce i bambini ancora in fasce e poi ci chiede il riscatto. O qualcosa del genere. Boh, mai vista.
LE AVVENTURE DI SINBAD JUNIOR
(SINBAD JR. AND HIS MAGIC BELT, 1965)
Le avventure del figlio di Sinbad e del pappagallo Salty, in realtà cartone di una pentita e genuflessa MGM appaltato (in parte ma, sembra, non tutto) alla Hanna e Barbera Productions. Sì, la foto fa schifo ma in giro non si trova di meglio.
STANLIO E OLLIO
(LAUREL AND HARDY, 1965)
156 miniepisodi. Ollio se n'era già andato da otto anni ma Stan Laurel, che sarebbe morto di lì a poco, avrebbe fatto a tempo a vedere la sua versione animata e a darle il suo beneplacito. Pare. Si dice. Un cartone su Franco e Ciccio, invece, non l'hanno mai fatto, e hai sempre trovato la cosa estremamente ingiusta.
FRANKENSTEIN JR. E GLI IMPOSSIBILI
(FRANKENSTEIN JR. AND THE IMPOSSIBLES, 1966)
Frenate il mulo: del robottone Frankenstein Jr. e dei rockettari Impossibili
(quello che, senza esagerare, potremmo definire il più grande gruppo di super-eroi di tutti i tempi), si è già detto in quel post sulle serie avventurose di Hanna e Barbera. Dei conti se ne occupa lo ziu Antunellu, fiiit.
THE SPACE KIDETTES (1966)
E qui il grande dubbio. Si trova poco in giro, degli Space Kidettes. Non sai se un nome italiano ce l'hanno mai avuto, eppure questi ragazzini dello spazio, questi tizi con le antennine te li ricordi. Giravano sulle reti private pre-berlusconia anche da noi? A qualcuno dicono qualcosa (qualcosa di diverso da "Boh, mai coperti")?
SPACE GHOST E DINO BOY
(SPACE GHOST AND DINO BOY, 1966)
Chiudiamo questa prima parte, questi primi dieci chilometri di post, questi primi dieci anni di Hanna & Barbera Productions, con SPACE GHOST
il super-eroe fantasma dello spazio creato dal fumettista Alex Toth, affiancato dai gemelli Jan e Jace e dalla scimmia fastidiosa Blip, e sempre alle prese con mostrilli volanti colorati. Azionista di minoranza della serie (un episodio in mezzo a due di Space Ghost) era DINO BOY NELLA VALLE PERDUTA (DINO BOY IN THE LOST VALLEY)
storia di un rEgazzino costretto a paracadutarsi, uh, nella Terra Selvaggia e lì ad affrontare pericolosi nemici
(UGUALI ai mostrilli volanti colorati di Space Ghost), aiutato dal cucciolo di brontosauro Bronty e dal cavernicolo Ugh. Che impara l'inglese più in fretta di molti italiani del 2012 e diventa amico del giovane protagonista. Molto amico
pure troppo

 [CONTINUA. GIURI.]

66 commenti:

  1. "Nel palazzo accanto al tuo c'è un qualche professionista che si chiama Ugo Lupo. Parola. C'è la targa fuori al portone."

    PICS OR IT NEVER HAPPENED ;)

    RispondiElimina
  2. e sui Jetsons sono con te. Tutta la vita.
    Appena ho visto Dino Boy mi sono chiesto se fosse più pezzente questo cartone o certi sottoprodotti (Bravestarr) della Filmation quando era rimasta a corto (?) di idee (?) (tipo Bravestarr).
    Mamma mia.

    RispondiElimina
  3. Non li conosco proprio tutti, alcuni mi piacevano veramente tanto mentre la maggiorparte non mi ha mai entusiasmato.
    Forse il mio preferito era Super Segretissimo.
    Il problema grosso di queste serie era che fadendoli sulle Tv locali la programmazione locale era randomica e tante volte venivano usati al pomeriggio come tappa buchi.
    Doc a quando un post su Alvaro del Fantazoo.

    PS: i Pronipoti mi hanno sempre fatto senzadubbiamente schifo, veramente inguardabili.

    RispondiElimina
  4. "Ernesto sparalesto, fa nu pireto e ppo's'arresta".
    Ernesto sparalesto, fa un peto e poi si ferma: da noi era anche peggio, chiamarsi Ernesto.

    RispondiElimina
  5. Nei primi numeri della JSA ultima serie pre reboot 2011 ( Johns/Eglesham ) Wildcat scopre di esser papà di...un gatto mannaro.
    Quando il pupo decide di seguire le orme ( ahahah ) del padre, è in dubbio su quale codename adottare. Una cosa sola sa: NON sarà mai Top Cat. Ecco perchè.

    RispondiElimina
  6. Supersegretissimo era bellissimo e di topcat, che adoravo, dovrebbe uscire quest'anno un film che dal trailer giá si evince sia terribile :(

    http://www.youtube.com/watch?v=1xaoG2yjP4E&feature=youtube_gdata_player

    RispondiElimina
  7. più che altro i pronipoti avevano il problema oltre che dell'antipatia di george e del figlio genio, della moglie e figlia zoccole che irrimediabilmente stavano sulle balle a chiunque...se sarvava giusto il cane e la tata robot :D

    Di molti ho vaghi ricordi e penso di averne visto pochissime puntate, anche perchè andavano a random sulle reti locali, ma li ho visti praticamente tutti a parte ruff e reddy e gli space kiddets (mai coperti).
    per gli altri genuina emozione, almeno una puntata vista sicuramente, moltissimi ricordo i tormentoni inseriti nelle serie (tipo el kabong, il super eroe mascherato alter ego di ernesto sparalesto, che pigliava a chitarrate, rinforzate in metallo ovviamente,in testa i vari antagonisti urlando KABONG), momento di emozione pure per Bubu Evani via(anche se forse dai si meritava la maglia della samp invece che quella li :D).
    Super segretissimo con "Morrocco" era fighissimo, di top cat mi rocrdo ancora tutte le voci dei doppiatori (top cat era anche bugs bunny, orco di he man e altri pg di eternia, kimba etc etc etc etc etc, benny era Mr.X dell'uomo tigre e altri venti personaggi pure lui in giro per eternia :D)

    Comunque di Fr.Jr e gli impossibili ricordo che davano SEMPRE pochissime puntate a dispetto di roba clone scoobydosa tipo jebber jaw, luni e simili...MALEDETTI :D!

    RispondiElimina
  8. QUANTI. RICORDI. Sono cresciuto, da piccolino, a casa della nonna, con un bicchiere di tè solubile e il Cartoon Network degli anni d' oro, quando girava sul defunto Tele+ e di vaccate Disney con cartoni imbecilli e serie tv per rEgazzine dodicenni infoiate non ce n'era traccia.

    Il Cartoon Network quello bello, con il logo a scacchiera e i jingle animati fra i vari cartoni, a mi di mtv.
    Ed era tutto fantasticamente fantastico, perchè giravano cartoni di ogni era, da Braccobaldo, Ernesto sparalesto, crazy races, dustardley & muttley e top cat fino a roba più moderna, epica e terribilmente fusa di testa come Dexter's lab, gli amici della giustizia, le superchicche, mucca e pollo, matteo babbeo e donato fidato e tanto, tanto altro.

    Erano bei tempi davvero.

    RispondiElimina
  9. Arrivato agli Impossibili è partita mentalmente la sigla roccheggiante con la voce del narratore. Impossibili !

    RispondiElimina
  10. mi son sempre chiesto:perchè fanno uscire i dvd per le peggio serie giapponesi e mai per questi cartoni?
    Che vista la programmazione randomica penso non si trovino neppure nei circuiti p2p....

    Del lotto gli impossibili è di sicuro la serie migliore,a rjpta super segretissimo,formica atomica e top cat.
    I flinstones alternano cose belle a puttanate clamorose peggio dei simpson,i jetson scarsi in quanto brutta copia dei primi come futurama

    RispondiElimina
  11. babbabia ma quanto era figa halle berry nei flintstones...

    svicolone personaggio da antologia. per non parlare di alberigo evani con addosso il mitico sponsor dell'anno in b...

    RispondiElimina
  12. dimenticavo...straquoto drakkan per il post su alvaro e camilla!

    RispondiElimina
  13. Visto che siamo in vena di richieste e amarcord, propongo, se non è già stata fatta, anche una raccolta di tutti quei cartoni animati misti ai telefilm (ne ricordo uno con un gatto che faceva la corte a una gattina, e quando il bulldog lo incastrava sognava di diventare un supereroe e partiva il cartone animato).

    RispondiElimina
  14. gli impossibili.. impossibili...IMPOSSIBILI!

    RispondiElimina
  15. @Zand, quello era Waldo Kitty... grande ;-)

    @Doc, la talpa di SuperSegretissimo in italiano era semplicemente... Marocco!

    Bel post, urge sempre far memoria ;-))

    RispondiElimina
  16. Alcuni li ho visti, altri meno, ma io di Hanna & Barbera (che da piccolo pensavo fossero due donne e non due cognomi) ricordo con nostalgia Tom & Jerry (quelli belli degli anni 40), Scooby-Doo, i Flinstones super fighi e PIxie, Dixie e mr Jinx. Erano dei gran cartoni animati, fatti con criterio. Poi è andato tutto a zoccole così velocemente che non ce ne siamo accorti :(

    RispondiElimina
  17. "Su con la vita... con l'atomica formica!"
    Il grido di battaglia di Atom è incastonato nel mio cuore.

    RispondiElimina
  18. Quanto odiavo (e odio tutt'ora) Yoghi......secondo me questa dovrebbe essere la fine che merita
    http://www.youtube.com/watch?v=m6w0r-ScEG4&feature=player_embedded

    RispondiElimina
  19. io avevo la cartellina di Ernesto Sparalesto per andare a catechismo :) però mi piacevano più i classici Disney...

    RispondiElimina
  20. Mi incuriosì come questo costume di Magilla Gorilla versione supereroe della TV fosse simile a Tom Strong (e famiglia Strong) di Moore ^^

    Ma Tornado Kid dallo scatto afentaminico?! DIN-DIN-DIN! E poi partiva, mentre ENORME Sonnacchia, così rallentato che aveva le pallottole molle che scivolavano giù, addirittura quando versava il caffè, colava denso e rallentato! :DD

    "Sono Lupo de Lupi, e sono un luo Taaannto buonino"

    @wargarv
    Il nome italiano classico, di Ernesto Sparalesto in versione mascherata e "zorroneggiante", era solo uno: ZOTTO CHITARRA!

    Amavo questo nome cacofonico e ridicolissimo! :D

    RispondiElimina
  21. Ohhhhh
    Adesso aspettiamo il prossimo post!

    RispondiElimina
  22. Mi, con me , quando si parla di Hanna e Barbera, è come offrivere alcolici ad un alcolizzato!
    Innazitutto Doc, mi sembra strano che non ti ricordi della strega Winsome ( Winnie in Italia), visto che la facevano all' interno di del cartone di Super Segretissimo, insieme ad Atom la formica atomica.
    Certo, il listone Giordano è per forze di cose succinto: il catalogo di Hanna e Barbera è vastissimo e solo i Flinstone, con i loro crossover ( con i Jetson, che odiavo pure io ), spin off, seguiti e compagnia brutta, riempirebbero un post a parte.
    Io ne amavo molte delle serie, alcune poco ricordate, come quella de "il Re" con protagonista un leone che si credeva un incrocio tra il John Travolta di Grease e Fonzie ( e c'era anche la leoncina vestita da ragazza pon pon che si vede nella testata del post), e un mucchio di altre che mi riservo per le prossima parti del post.
    Curioso che mi citi Franco e Ciccio: proprio avevano presentato H & B in uno speciale Rai , dove intervennero in studio con i due comici.
    Ricordo ancora lo sketch dei due nel presentare gli artisti americani, che più o meno faceva così:
    Ciccio dice a Franco " oggi abbiamo due ospiti importanti , Hanna e Barbera"
    E Franco, che ha frainteso:
    " Bene, io mi prendo Anna e tu Barbera, che già dal nome , BARBera..."
    Ma che hai capito, cretino, Hanna e Barbera sono due uomini!!"
    "Ihhhhhh" ( tipico verso strozzato in gola di Franco). :D

    RispondiElimina
  23. Roba veramente di altri tempi...non mi piaceva tutto, ma i Flintstones non me li perdevo mai.

    RispondiElimina
  24. "Bubu Evani! BOTTA! Non va!"

    RispondiElimina
  25. Sam:
    Spinoffi e seguiti dei Flintstones ce li spariamo tutti in ordine cronologico nel (nei?) prossimo (prossimi?) post. Ché la storia della H&B Productions continua fino agli anni 90, finché non se l'è magnata la Warner.

    RispondiElimina
  26. Paolo Pugliese10 luglio 2012 13:31

    Nostalgia canaglia.
    Ai tempi del liceo ricordo che facevamo il coro ERNESTO SPARALESTO al vicepreside con sindrome dello sceriffo carismatico. Anch'io, poi, DETESTAVO i Jetsons, ma anche l'Orso Yogi e il nano narcolettico Bubi.

    RispondiElimina
  27. si sono fuori tema,ma vorrei chiedere: qualcuno qua si interessa di TranSurfing???

    RispondiElimina
  28. Ricordo anche la versione "Arca di Noè" dove tutti i menzionati personaggi viaggiavano assieme su una nave volante. Il propulsore della nave era Magilla Gorilla che inseguiva un casco di banane correndo su un tapis roulant. Quella era, peraltro, la serie dove finalmente Babalui era doppiato come Dio comanda (ossia con un verace accento messicano e non con la voce da minorato che gli avevano messo nella serie classica). Mi associo, inoltre, all'odio per i Jetsons , anche perchè erano il cartone che Odeon soleva mandare una volta arrivati alla casa del Leone....

    RispondiElimina
  29. Madoo che ricordi! Avevo le videocassette da bambino, avrò avuto si e no 5 anni...
    Magilla Gorilla, Ernesto Sparalesto, Braccobaldo! Lacrime Doc, lacrime!

    RispondiElimina
  30. Il vero, genuino momento emozione© mariomerolo da lacrime napulitante e nostalgiaCanalis, ovviamente, arriva però nella seconda parte.

    "So stop the pigeon
    stop the pigeon
    stop the pigeon
    stop the pigeon
    stop the pigeon
    stop the pigeon
    stop the pigeon
    Howww?"

    RispondiElimina
  31. Il loop della casa del leone è stato traumatico per il 90% degli adolescenti italiani dell'epoca :D

    RispondiElimina
  32. supersegretissimo spaccava di brutto!

    RispondiElimina
  33. Io gli Space Kidettes me li ricordo. Classe '88, probabilmente su Cartoon Network quando ancora esisteva Tele+ o come si chiamava. Non so quanto l'informazione possa essere affidabile, però.

    RispondiElimina
  34. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  35. Mi è venuto in mente il migliore in assoluto: The Mumbly Cartoon Show.

    Mi ricordo che era una figata incommensurabile!

    http://www.youtube.com/watch?v=M97wPpRZDts

    RispondiElimina
  36. Mai potuto sopportare nessuno di questi personaggi della "prima tornata", incredibile.
    Da piccola ero più un tipo da Tom & Jerry e Looney Tunes, che rivedo con piacere ancora adesso.

    RispondiElimina
  37. OT:

    Ma tutti voi conoscente, vero, questa sanguinosa animazione di Capitan America Lego? Una delle migliori di sempre! :DDD

    RispondiElimina
  38. Grande idea, esimio siòr Doc.

    sono in trepidante attesa di "Mutleyyyy...fà qualcosaaaaaa!"
    e di Napo orso Capo.

    RispondiElimina
  39. Che ricordi doc... Yoghi, i Flinstones, la Pantera Rosa, Braccobaldo, Frankentein Jr. (da non confondersi con quello vero, Young Frankenstein :-)) gli impossibili ("sono proprio impossibili" - poi scopiazzati per fare i "Super Globetrotter" http://www.youtube.com/watch?v=_Pch_77AX08&feature=player_embedded#!)
    Stop the pidgeon ("Mutley, fa qualcosa!" "Hihihihihi" "dammi una medaglia"). Mia moglie, che è nata a Mundial finiti e non a metà anni '70, non si ricorda Svicolone e dice che me lo sono inventato io...

    RispondiElimina
  40. Mi dispiace Doc. , ma questo volta ti ho fregato, anche se in maniera più goffa qualitativamente minore magari, l'articolo sui cartoni dimenticati di Hanna&Barbera l'ho fatto prima io sul mio blog! ;-P


    Vedere per credere: http://tizianoscricciolo.blogspot.it/2012/04/wally-gator-magilla-gorilla-tatino.html


    Che poi mi pareva pure di avertelo spammato in bacheca, boh! Comunque che onore arrivare precedere il Doc. ;)

    RispondiElimina
  41. Il fatto di averli vividi in memoria quasi tutti (tranne un paio di paia: RUFF & REDDY, I DUE MASNADIERI, SINBAD JUNIOR e THE SPACE KIDETTES) mi riempie nel contempo di orgoglio, vergogna e riflessioni sulla vecchiaia che avanza...

    Top Cat era un gran fico (@Frost ho visto il trailer... tristezza infinita, che porcheria!) e quoto la parentesi su Gli Impossibili.

    Ovviamente l'attuale listone giordano ha fatto riemergere alla memoria una quantità di serie che sicuramente cicceranno nel/nei prossimi post, quindi per tua fortuna Doc per ora non mi metto a fare il precisino della fungia dicendo "hai scordato questo", "hai scordato quest'altro" :D

    PS: Stop the pigeon... NOOOOOOOOOOOW! :')

    RispondiElimina
  42. Complimenti Doc, sei davvero un'autorità in materia!
    Grazie

    RispondiElimina
  43. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  44. Però Doc, da quello che ricordo ( e Wikipedia conferma), la Warner assorbì la H&B nel 96.
    La H&B era però già dal 91 proprietà di Ted Turner, il Berlusconi americano , che aveva anche fondato il primo canale monotematico dedicato ai cartoni, cartoon network.
    Poi come detto, dal 96 ci fu la fusione con Time Warner, che permise finalmente di vedere molti corti dei Loney Toons e Tom e Jerry sotto un unico marchio, permettendo l'uscita di serie complete in dvd e vhs.

    Johnny Quest a me ricorda molto la 3a serie di Jojo.
    C'è un bull terrier brutto, un tizio con la cresta argentata e un indiano.
    Se poi guardi bene, il dott. Quest con il cappello da Indiana Jones è uguale a Joseph...
    Top Cat lo adoravo pure io, specie nella sigla finale, dove TC usava il bidone della spazzatura come casa, con tanto di televisore interno ( e mi faceva volare con la fantasia!).
    Non parliamo di quando, sempre a TC imparai che in francese cosciòn significa maiale.... cmq i momenti nostalgia canalis sono destinati ad aumentare esponenzialemnte, con gente come le Pussycat, Butch Cassidy, Capitan Cavey, Cattanoga cats, i Banana Splint, la Cosa e un mucchio di altre serie meravigliosamente meravigliose.

    RispondiElimina
  45. Odio Hanna e Barbera dal giorno zero.
    Ho seguito per qualche tempo con grande noia gli Antenati,Yoghi e Scooby-doo, ma in generale mi nausea proprio lo stile dei cartoni che facevano.

    Girella Lover: si vede che sei jubentino, confondere cacca fumante come i Jetson con quella stupenda serie che e' Futurama e' da bianconeri :)

    RispondiElimina
  46. La proporzione è flinstones:jetson=simpson:futurama
    in quanto simpson>flinstones se ne evince che
    futurama>jetson
    ma resta comunque scarsa come serie.
    Ho visto le nuove puntate su italia 1 mesi fa e mi sono sembrate delle chiaviche,mi ha fatto più ridere l'inter lo scorso campionato :P

    RispondiElimina
  47. Come grandissimo estimatore di HB e tutte le loro creazioni approvo la lista, ma Doc meriti di essere redarguito su una cosa.

    Hai confuso il plot di Lupo de Lupis con quello del successivo Al Lupo, Al Lupo!
    Lupo de Lupis è il celebre lupo "buonino" (come si definiva) lui che cercava costantemente di fare del bene al prossimo, venendo spesso frainteso e preso a mazzate da chiunque, dato che il mito del "lupo cattivo" era ancora vivo e vegeto.

    RispondiElimina
  48. Stati sempre un po' tutti sulle palle questi qua citati, Tom & Jerry erano tutt'altra pasta!

    Salvo i Flintstones e l'immenso Top Cat! Sono in attesa della seconda parte dove lì sì che c'è da nostalgizzarsi... Accidenti, doppio e triplo accidenti!

    PS. Nella versione live dei Flintstones mi sarei aspettato una Wilma e una Betty "notevoli"... per fortuna poi hanno recuperato con Halle Berry!

    RispondiElimina
  49. So Di Essere Un Precisino della Fungia Ma...

    Non Fu Renzo Palmer Ma Francesco Mule'

    La Voce Di Yoghi

    Comunque Complimenti Doc

    RispondiElimina
  50. mai potuti vedere sia I Flinstones che i Jetson... erano di una noia pazzesca!
    Però ho adorato Atom, SuperSegretissimo Frankstein Jr e soprattutto gli Impossibili (di Johnny Quest non hanno fatto anche un videogioco per Amiga???)

    RispondiElimina
  51. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  52. Dopo aver letto il teaser del Doc su "Stop the pidgeon!" improvvisamente tutti i cartoon qui listati (me ne mancano 3 o 4 all'appello) sbiadiscono. Non c'è confronto, non c'è affatto confronto. La spiegazione me la serbo per il prossimoventuro post, se mai ci sarà in questo o in uno dei multiversi.

    I Jetsons per me hanno il deficit fondamentale in simpatia per quanto riguarda le gag sul periodo dov'è ambientata la storia: il collare per far parlare il cane, la navicella che diventa valigia e il computer da lavoro di George sono sì carini, ma non potranno MAI soppiantare gli animali preistorici ridotti ad elettrodomestici, con l'immancabile siparietto con l'animale di turno che esclama "Beh, è pur sempre un lavoro!".

    RispondiElimina
  53. Genuino momento emozione!
    Ovviamente, essendo classe '76, me li ricordo TUTTI! Persino i bambini cadetti spaziali rompiballe!

    La mia classifica personale:

    1) gli Impossibili (una spanna sopra tutti)

    2) Top Cat (voci meravigliose e humor azzeccato)

    3) Ernesto Sparalesto

    3) Svicolone (socc'mel!)

    Gli ultimi due a parimerito...

    RispondiElimina
  54. Sapete che a me stava sulle balotas Ernesto Sparlalesto ?
    Mi stava già più simpatico quando si mascherava da Zocco Chitarra ( nel ridopiaggio è diventato un più banale El Cabòn )però non mi convinceva del tutto.
    Ma lo guardavo sempre perchè a un certo punto, appariva un cane aiutante( Snuffle), che non alzava il culo se priva non gli dava uno speciale biscottino per cani.
    Le espressioni di gioia e gaudio ( mosse da un trasporto quasi sessuale) che il cagnaccio faceva ogni volta che assaporava il biscotto offertogli da Ernesto ( erh...) erano impagabili.
    Se non ci credete o non ve lo ricordate, guardatelo e ditemi se non dico il vero
    http://www.youtube.com/watch?v=YohXc9x6cUU&feature=results_main&playnext=1&list=PL728B1B74907F2EFF

    RispondiElimina
  55. Paolo Pugliese11 luglio 2012 00:48

    Per inciso, il vicepreside della scuola al quale facevamo il coro ERNESTO SPARALESTO (e il seguito è meglio che non ve lo dico) non poteva non chiamarsi appunto Ernesto.
    Ci credete, poi, che io Topcat, la Formica Atomica e Supersegretissimo non li ho mai visti? Tutti gli altri si, ma questi proprio me li sono persi. Norat mi ha ricordato L'ARCA DI NOE' (ma si chiamava proprio così?), con la stragrande maggioranza di personaggi citati concentrati in un unico cartone, che la Rai trasmetteva verso la metà degli anni '70. Quanti ricordi mi sono affiorati (i pomeriggi a guardare i cartoni a casa dei nonni, la merenda, il vecchio televisore in bianco e nero con le manopole di mio nonno), era da tanto che non ci pensavo, eh già!

    RispondiElimina
  56. Paolo Pugliese11 luglio 2012 00:49

    Per inciso, il vicepreside della scuola al quale facevamo il coro ERNESTO SPARALESTO (e il seguito è meglio che non ve lo dico) non poteva non chiamarsi appunto Ernesto.
    Ci credete, poi, che io Topcat, la Formica Atomica e Supersegretissimo non li ho mai visti? Tutti gli altri si, ma questi proprio me li sono persi. Norat mi ha ricordato L'ARCA DI NOE' (ma si chiamava proprio così?), con la stragrande maggioranza di personaggi citati concentrati in un unico cartone, che la Rai trasmetteva verso la metà degli anni '70. Quanti ricordi mi sono affiorati (i pomeriggi a guardare i cartoni a casa dei nonni, la merenda, il vecchio televisore in bianco e nero con le manopole di mio nonno), era da tanto che non ci pensavo, eh già!

    RispondiElimina
  57. Ma il megacrossover in cui Yogi al comando (precisino della fungia, la cravatta è un po' il suo visore alla Summers) e buona parte della cricca H&B qui elencata facevano ripartire questo aereo gigantesco portando magia in giro per il mondo me lo sono sognato?
    Pare de no.

    http://en.wikipedia.org/wiki/Yogi_Bear_and_the_Magical_Flight_of_the_Spruce_Goose

    RispondiElimina
  58. Naoto Date:
    un precisino della fungia fuori strada: si parlava della voce di Svicolone e Braccobaldo, non di Yoghi :)

    Marko
    Mi sa che hai ragione. Ma è la pagina wiki italiana del cartone ad essere sbagliata. Correggo.

    RispondiElimina
  59. Sbrigati a fare il seguito che c'è da sentire questa all'infinito!

    http://www.youtube.com/watch?v=YvM8qKK4amM

    RispondiElimina
  60. sarà ma per me wacky races>>>>>stop the pidgeon ;)

    RispondiElimina
  61. Simone De Marinis:
    Il genuino momento emozione© a questo giro me lo son puppato io. Mentre scrivevo questo post ho passato metà del tempo a chiedermi come si chiamasse quel contenitore dalla sigla meravigliosa. :D

    RispondiElimina
  62. Doc non ci credo che non te la ricordavi!!

    RispondiElimina
  63. Altre considerazioni sparse su questa tranche di cartoons HB:

    Ruff & Reddy aveva la particolarità di non essere composto da corti autoconclusivi di taglio comico, bensì erano episodi di genere avventuroso in cui il gatto e il cane erano alle prese con scienziati pazzi e alieni, suddiviso in varie puntate che si concludevano col cliffhanger.

    I vari funny animals di HB erano ispirati a celebri comici dell' epoca (radio, cinema e vaudeville) e Daws Butler, Don Mesick e gli altri attori che davano loro la voce imitavano questi comici (come se qui in Italia li avessero doppiati imitando Villaggio in Fantozzi o Abatantuono).

    In Jonny Quest, primo cartone realistico di HB, i nemici morivano.

    Precious Pupp è il precursore di Muttley, dato che la risatina strozzata l'ha introdotta lui.

    Frankenstein, Jr. (che rispetto agli Impossibili sembra essere sempre stato più in ombra)ha tutta l'aria di essere stata la risposta a stelle & strisce del nipponico e più celebre Tetsujin 28/Super Robot 28, che durante i 60s era trasmesso con successo in USA col nome di Gigantor.

    Space Ghost recentemente ha avuto l'onore di essere co-protagonista di uno dei teaser di quel capolavoro di serie che era Batman: The Brave and the Bold che, ricordiamolo, è stata cancellata per fare spazio a quella porcata in 3D con Alfred pistolero.

    RispondiElimina
  64. Ma vogliamo anche dire che H&B sfruttarono l'idea di Marvel e DC nel creare un universo narrativo dove tutti i loro personaggi potevano intergire ?
    Penso ad esempio alla serie delle Olimpiadi dove partecipavano tutti i loro eroi più famosi.
    O gli ultimi episodi di Space Ghost prima serie , dove incontrava Sheezam e Mightor .
    O Captain Cavey e il Flinstone.
    Li dovrebbero rispolverare fuori tutti e fare una serie dove si menano fino a che ne sopravvive uno solo.
    Ti farebbe un miliardo di ascolti in tv , altro che Superman contro L'Uomo Ragno. :P

    RispondiElimina
  65. Sono uno di quei famosi zii citati all'inizio, e ricordo bene una buona parte di questi cartoni H&B.
    Certo, non raggiungevano l'orrore di quelli dell'Europa dell'Est, ma insomma...non andavo matto per queste serie dall'animazione striminzita e dai personaggi logorroici.
    Preferivo di gran lunga i cinematografici Looney Tunes/Merry Melodies, o Mr. Magoo ( animazione televisiva un po' schematica anche qui, ma più vicino allo spirito Warner Bros, più movimentato, più imprevedibile ), oltre ovviamente ai cartoni Disney ( ma quelli li davano davvero col contagocce, all'epoca, giusto qualche antologia a Natale-Capodanno-Befana ).

    RispondiElimina
  66. THE SPACE KIDETTES (1966) Sì, l'hanno avuto un nome in Italiano: i Monelli dello Spazio.

    RispondiElimina

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.

Related Posts with Thumbnails