mercoledì 1 giugno 2011

31

Capitan Power e i combattenti del futuro (anteriore)

Un serial fantascienzo in cui un gruppo di soldati postapocalittici combatte contro le macchine, con tante scene realizzate in computer graphic e addirittura la possibilità di poter interagire da casa con un semplice giocattolo? Quando su Odeon è arrivata, con qualche anno di ritardo, questa serie canadese dell'87, Capitan Power e i combattenti del futuro (Captain Power and the Soldiers of the Future), a voialtri giovani selvaggi teledipendenti sembrava troppo bello per essere vero. E infatti non lo era […]

Perché alla fine di interattivo c'era solo che dovevi sparare al televisore con un jet/pistoletta giocattolo XT-7 in certe scene, durante le quali i cattivi sparavano a loro volta verso di te, e alla fine tutto questo scambio di tenerezze laser, tutto questo sforzo tecnologico per abbattere le frontiere tra spettatore e prodotto televisivo produceva un unico risultato:
Far saltare per aria il pilota del jet/pistoletta giocattolo XT-7. Sì, tutto qui
Ma pur nella lunga serie di pezzenterie proposte, pur facendo a cazzotti con una premessa da Terminator degli scappati di casa, pur nel suo destino ingrato di produzione con le stesse probabilità di successo commerciale di un temperaminchie, in Capitan Power c'era anche qualcosa di buono. Ché nei 24 episodi della sua unica stagione di vita era addirittura rinvenibile qua e là una vaga traccia di temi adulti e soluzioni dignitose, per via del fatto che se guardavi bene dietro c'era gente come J. Michael Straczynski (autore di almeno metà degli episodi) e, soprattutto, una valigetta con UN MILIONE DI DOLLARI di budget a puntata. In banconote di piccolo taglio e monetine. Sarà questo, sarà quello, sarà che ti sei ritrovato tra le mani l'altra sera un albo americano del tie-in a fumetti ufficiale,
scritto (santo cielo) e disegnato da Neal Adams! 
sarà svegliati è primaverà, ti è venuta ieri sera una gran voglia di rivedertela qualche puntata di Capitan Power. E beh, sapete cosa? L'hai fatto.
Capitan Power episodio 1, "Shattered" 
(diretto dal celebre regista maltese Mario Azzopardi. Prima TV: 20 ottobre 1987. In Italia su Odeon, tipo un annetto e mezzo più tardi)
Riassuntone illustrato dell'episodio:
La sigla ce la ricordiamo tutti: Terra, anno 2147, le macchine hanno vinto le Guerre del Metallo e delle mostruose creature chiamate Bio-Dread danno la caccia ai superstiti umani per DIGITALIZZARLI!
"Minchia, ma'! Mi digitalizzano! Aite!" 
E poi c'è Volcania, dove vive il ras del quartiere Lord Dread,
il frato-cugggino del Dottor DestinoMa un gruppo di umani, una nuova stirpe di guerrieri lotta contro le macchine. Sono i Combattenti del futuro: Capitan Power, che è il capo della squadra perché il telefilm si chiama per l'appunto Capitan Power, Matthew "Hawk" Masterson con la sua armatura volante, l'esperto di combattimenti terrestri Michael "Tank" Ellis, il perito elettrotecnico addetto alle comunicazioni e allo spionaggio Robert "Scout" Baker, e Jennifer "Pilota" Chase, con il ruolo di generic pheega che guida. 
Tutti con le loro corazze lucenti tipo cavalieri dello zodiaco, ma meno sessualmente ambigui.
All'inizio dell'episodio, Power sorveglia dall'alto una base dei Bio-Dread assieme agli altri Combattenti, mentre Scout stende con una carocchia elettrica sulla nuca uno dei nemici con le lucine zingare sul petto e il casco tipo Dead Space, ne assume l'aspetto e si infiltra nella struttura.
Ma Scout, che intelligentemente decide di tornare al suo aspetto normale UN SECONDO dopo esser entrato, viene sorpreso dalle guardie mentre piazza delle cariche. Ed è tutto un Bzìn! Bzìn! di raggi laser fatti con l'evidenziatore.
Capitan Power e gli altri si accorgono che qualcosa sta andando per il verso storto, col fatto che laggiù è tutto un casino di raffiche di evidenziatore e sirene d'allarme, e decidono d'intervenire. Bzìn! Bzìn! I quattro fanno esplodere quindi la base con un botto piuttosto A-Team e poi chiamano Pilota, che scende a prenderli.
con la solita aria scoglionata
Lord Dread sta guardando una partita della Jubentus, retrocessa nel 2141 in Lega Pro Divisione 2, quando viene informato di quanto successo alla stazione energetica, l'ennesima colpita a quanto pare dagli uomini di Power. 
Una minaccia, promette Lord Dread, che dev'essere fermata immediatamente! Zàn-zàn-zàn-zààààn!
Nel frattempo, alla base dei Combattenti del futuro, arriva il messaggio di una misteriosa Athena. E' CHIARAMENTE una di quelle robe di spam russo sulle donne in cerca di pismo, e i suoi compagni cercano di spiegarglielo, ma Power, sotto il suo mullet scolpito con la gommina simmons line, è irremovibile.
Qui l'unica donna è Pilota, dice, ed è pure una pheega di legno, me lo fate un cazzo di piacere. Perciò, il tempo di consultare l'IA del suo supercomputer
(cioè l'ologramma di un tizio con la barba da Bee Gees racchiuso in un tubo lilla) e Power e Pilota sono pronti a partire per quella che una volta era San Francisco. Mentre sono in viaggio sull'XT-7, il Capitano racconta a Pilota che questa Athena era un'assistente del padre, una tizia brillante, sveglia e pure con un bel culo, con cui lui si incontrava ogni venerdì in libreria per giocare a scacchi e altre robe da nerd.
Pilota (che non indossa un casco o niente: guida il velivolo così, col capello permanentato e la camicetta un po' sbottonata) sembra accusare il colpo e gli chiede se lui e Athena fossero solo amici: dai, che forse ce n'è. 
San Francisco è solo un set dei Muppet abbandonato e preso di mira dai vandali, una Sucate del 2014, tutta distruzione e sporcizia buttata in terra. Power va avanti in perlustrazione chiedendo a Pilota di rimanere a guardia del jet, ma lei se ne fotte, si allontana e finisce per essere stordita da un temibile nemico misterioso
ARMATO DI VAPORELLA POLTI
Colpita dal potente getto di vapore igienizzante, Pilota è a terra, con il naso e le vie aeree finalmente liberi ma priva di sensi. 
Sempre alla ricerca del pilu, Power ha raggiunto intanto la vecchia libreria. Ma qualcosa non lo convince, e così si mette una mano sul petto e una sulla coscienza, grida Power On! (in italiano com'è che era? "Potere assoluto!"? No, quelli erano i Centurions)
e si ritrova ricoperto dalla sua power tuta lana-lana / cotone-cotone. Il posto è un macello, i libri sono tutti distrutti, ma c'è una musichina allegra che sale dal seminterrato. Power va a controllare e trova un registratore ancora funzionante e, soprattutto, una scacchiera. Il tempo di muovere una pedina e parte il flashback spiegone che ci mostra Athena. Solo a questo punto si capisce che:
a) Athena era un cofano, e b) Pheega di legno e tutto, Pilota tutta la vita. Ma, incredibile a dirsi, Athena è ancora viva.
Era il nemico armato di vaporella, la signora delle pulizie! Solo che ora si è anche tagliata i capelli, sembra una schizzata ed è ancora più cessa.
Power lì per lì non la prende benissimo. E la prende ancora meno bene quando Athena gli SPARA a bruciapelo. Ché sì, effettivamente era una trappola, e sì, lui effettivamente è un coglione.
La cessa è infatti controllata da Peppino Von Doom, che lesto chiama uno dei suoi Bio-dread per finire Capitan Power una volta per tutte.
Si tratta chiaramente dell'ubiquo Soaron, lo sgherro volante che parla con la voce da transformer, realizzato con una computer graphic che allora sembrava il futuro, oggi roba sputata da una scheda 3dfx di prima generazione. Power, che non ne ha avute abbastanza, torna dalla donna, la quale gli spara nuovamente. Ma il Capitano scansa i laser e colpisce Athena.
Con una shuriken blu luminosa ridicola. Lei risponde con, uh, del tritolo, e ci sono altre esplosioni piuttosto A-Team, che travolgono Power spegnendogli l'armatura. Pilota viene svegliata nel frattempo da una comunicazione via radio di Hawk, Soaron sta arrivando, ma prima c'è ancora il tempo per una scena da lacrime napulitante.
La cessa spiega al Capitano perché lo vuole morto. Era nella resistenza umana, quando i Bio-Dread sono arrivati e l'hanno digitalizzata. Esatto, è lei quella della scena di digitalizzazione della sigla, vista una ventina di catture fa. Il siparietto mariomerolo viene interrotto dall'attacco di Soaron: colpita a una gamba, Athena è disperata. Non vuole tornare nella macchina, dice. Non sai cosa si prova là dentro, dice. Si è così soli laggiù, dice. Ma no, non sei sola!, la conforta Power
(prima di limonarsela)
Soaron sta a quel punto per digitalizzarli entrambi e ciao,
quando dall'alto piomba Hawk. Lo scontro tra i due, al quale si uniscono presto anche gli altri Combattenti del futuro a bordo di moto volanti, è tutto un Bzìn! Bzìn! di raggi laser fatti con l'evidenziatore e di luci sparaflesciate violente per far vendere quel cazzo di jet/pistoletta giocattolo XT-7. Mentre milioni di giovani spettatori precipitano nel dramma dell'epilessia, le stesse riprese vengono ripetute per due minuti buoni. Finché Soaron non si rompe i coglioni e si dice Sai che c'è?, e decide di tagliare la corda. La squadra torna alla base assieme ad Athena, e Pilota si offre di condurre degli esami su di lei, estraendole un rilevatore Bio-Dread dal collo
CON UNA SIRINGA DA QUARANTA CENTIMETRI. La stronza gelosa. Tutto è bene quel che finisce bene. Cioè, il mondo è ancora tutto distrutto e in mano alle macchine sterminatrici, ma c'è sempre tempo per i due ex piccioncini per darci finalmente un po' dentro
con un'altra bella partita a scacchi al computer
Fine dell'episodio. Dice: sì, ma come continua? Poi Power alla fine se la bomba Pilota? E c'è un po' più d'azione per Tank, che ha l'unica corazza interessante là in mezzo? E non ci stava pure un tizio anfibio nel gruppo? 
Beh, continua in altre 23 puntate di cui magari parliamo un'altra volta. O magari anche no. Power off!

31 commenti:

  1. NattyDoctor01 giugno, 2011

    Insomma, una roba indimenticabile. Dai, interessanti alcuni temi classici della fantascienza... tipo i Cybermen e la loro smania di convertire tutti.

    E... boh, ma che cazzata era? E io che alle sette meno tre sto a commentare?

    No, dai, ora me lo scarico.

    Ma anche no.

    RispondiElimina
  2. 'cci tua m'hai fatto morire dalle risate!:D all'epoca c'avevo 13 anni e odeon era l'alternativa allo strapotere rai e canale5/rete4/italia1 (perché mi pare che ancora on fosse mediaset ma forse mediolanum). vabbè ... contro la rai le reti private vincevano 6-0, 6-0. all'epoca manco facevano i soliti remì,haidi e ape maya. al massimo il fiuto di sherlock holmes come tappabuchi nei tristissimi palinsesti estivi.

    RispondiElimina
  3. OT: vorrei un altro post sul sopracciglio di Cersei

    RispondiElimina
  4. Altre tre puntate e GoT finisce: segue post riepilogone pieno di Cersei che imita Earl di My Name is Earl che imita a sua volta The Rock. Intanto mi sto portando avanti con i romanzi.

    RispondiElimina
  5. ok, devo ancora leggermi il post ma già ho la lacrimuccia... aspettavo che parlassi di Captain Power dalla prima volta che ho aperto questo blog :)

    RispondiElimina
  6. Ma che schifo cacchio...e pensare che quelle pubblicità del bimbo che spara alla TV avevano spalancato la mia immaginazione a livelli rari. Fortunatamente il portafoglio dei miei genitori non era così propenso ad essere spalancato.

    Doc, mi aggiungo agli apprezzamenti per la Vaporella!!!

    p.s. finisce di già la prima serie di GoT?

    RispondiElimina
  7. yepa. Sono dieci episodi, e domenica va in onda l'ottavo. (il settimo scalcia culi e prende nomi)

    RispondiElimina
  8. Come ha scritto il doc, nel corso della serie c'erano anche delle idee buone. O almeno le ricordo tali, ma non ho il coraggio di approfondire.
    Dimenticavo: "power tuta lana-lana / cotone-cotone"
    :D

    RispondiElimina
  9. A 11 anni CPeicdf (CPatSotF per gli anglofoni) era spettaculess, se non altro per le armature, che chi fa entertainment sa, insieme alla sci-fai in generale, tirano un casino i proto-trentenni-nerd. Ora solo trentenni-nerd. Ok, trentatre-enni-nerd. Quasi trentaquattrenni. Stai li a sottilizzare... bastardo!

    Nonostante l'armatura di Tank sia la più caz... membrutissima del gruppo, non potevo non farmi ammaliare dal mito di Icaro e sbavare dietro al ridicolo jet-pack di Hawk.

    E, Doc, mi aggiungo al coro: la storia della vaporella e della donna delle pulizie mi ha piegato prima in due, e poi in quattro :D

    Io mi aspettavo un post spiegone che riassumesse tutto il, ehm, capolavoro, ma qui mi sa che ti sei incastrato da solo... mo ti tocca fare il fotoromanzo di tutte e 24 le puntate! E se chiedi in giro per l'antro mi sa che sarà un plebiscito... :D

    RispondiElimina
  10. Capitan Power! Che paura! Ne parlavo proprio ieri con amici. Non ci ricordavamo come funzionava la pistola davanti alla TV. Fortunatamente non ce l'aveva nessuno di noi.

    Doc!!! Ho scoperto ieri il tuo blog, ma giuro che non mi perdo più un post che sia uno. C'hai la forza dentro di te :)

    RispondiElimina
  11. @Doc: Azzo...allora attenderemo la seconda serie e intanto ci ciucciamo il romanzo!

    RispondiElimina
  12. Io invece fui coinvolto dalla CP mania e ancora possiedo: Cap, Tank, Hawk, Scout, Tizio anfibio, Dottore cattivo, robot aquilotto, robot-tank (che era il più figo), robot anfibio.
    E come chicca una TERRIBILE base larga 20cm con l'unica gimmick di avere il radar rotante. 0_0

    RispondiElimina
  13. Ma solo a me scout ricorda Master Chief? :-O

    RispondiElimina
  14. :)) :)) :)) e ancora :))
    Mo' però almeno un best of delle altre 23 puntate è d'obbligo!

    RispondiElimina
  15. a me ripensandoci le armature che si formavano a comando mandavano in fissa da ragazzino... eppure già all'epoca dopo tutto l'hype creato dalle pubblicità e dai trailer televisivi la visione del primo episodio mi lasciò un pò perplesso.. insomma idea figherrima ma realizzazione un pò "esile". Cmq Doc stavolta con i commenti mi hai fatto davvero piegare in due :D

    RispondiElimina
  16. Doc ma te lo ricordi il giocattolo interattivo di Captain Power? La navicella con cui potevi sparare ai nemici mentre mandavano in onda gli episodi?

    Mi sono sempre chiesto se avrebbe funzionato davvero...

    RispondiElimina
  17. "Te lo ricordi" nel senso di "l'hai mai avuto per le mani"...

    RispondiElimina
  18. Io avevo la pistola. E se ben ricordo, oltre a videoregistrare gli episodi in televisione, c'era anche la possibilità di cattarsi delle vhs con degli episodi inediti nei negozi di giocattoli. Roba molto più metareferenziale, dove il capitano di guardava dritto negli occhi e ti diceva "Sei pronto per combattere?" o ti impartiva insegnamenti di vario tipo del genere: "Tutti commettiamo degli sbagli. Anche io ad esempio ho dovuto pagare a caro prezzo Giorgio Armani per avergli contraffatto il marchio con l'aquila sulle mie divise, ma ora sono pulito!"...

    RispondiElimina
  19. Un amico della banda aveva in casa la pistola jet. Funzionava esattamente come scritto: nelle scene sparaflashanti un sensore si beccava la luce, e quando ne accumulavi troppa, per così dire, il cockpit saltava in aria. La fregatura è che potevi solo prenderle.

    Questo amico aveva anche delle VHS, come quelle citate da Ale qui sopra, e se non erro una era saltata fuori proprio dalla confezione del jet/pistola. Boh.

    Quanto alle altre puntate della serie: magari più in là, quando smaltisco le tossine di questa.

    RispondiElimina
  20. Mi ricordo che al tempo l'idea mi acchiappava parecchio.

    Mai avuta la pistola, ma ad ogni modo lo spottone per venderla era una roba geniale allo stato brado! :)

    http://www.youtube.com/watch?v=BQapMkdIuSs

    RispondiElimina
  21. Che serie meravigliosamente spelacchiata :) Ricordo avevo i pupazzetti snodabili di Soaron e Capitan Power (anzi, sepolti da qualche parte dentro uno scatolo di cartone in garage ce li dovrei avere ancora), e giuro erano fighissimi!!! Fiero comunque di appartenere al club dei "graziati" per non aver mai posseduto la navicella sparalaser tarocca, chiaramente una delle piú atroci e crudeli incoolate mai rifilate ai poveri genitori-ostaggio...

    RispondiElimina
  22. No ma ora tu mi devi dire dove hai recuperato questo episodio!!!
    Sono anni che cerco la serie intera, per ridere di quello che mi piaceva nell'infanzia... ora me lo devi proprio dire :D

    RispondiElimina
  23. La più spettacolare cialtronata televisiva di fine anni 80! :) Doc, ma 'sta sorpresa? Eddai, su :)

    RispondiElimina
  24. Domani. Però domani sera, ché domani mattina abbiamo su la tanto discussa intervista atomica a...

    (stasera, comunque, HINT della sorpresa su faccialibro. Chi c'è c'è)

    RispondiElimina
  25. Più che Destino, a me ha ricordato un pò il leader dei Cobra di G.I.Joe :)

    RispondiElimina
  26. Ma anche il cattivo dei Centurions, in effetti. Soprattutto lui.

    RispondiElimina
  27. Per chi ha nostalgia della serie, questo dovrebbe essere il secondo episodio di Capitan Power: http://www.youtube.com/watch?v=jccG3DF01I0
    Io me la facevo sempre sotto quando c'erano i Bio Dread. XD Mi ricordo che ce n'era anche uno cingolato che era bellissimo ed infatti avevo l'action figure di plastica. Anche se oggi come telefilm di fantascienza risulta ridicolo a quei tempi era proprio bello.

    RispondiElimina
  28. Scusate la pirlaggine, ma quello che ho linkato non è il telefilm, bensì il cartone animato "interattivo". La serie tv in italiano mi sa che non c'è. :(

    RispondiElimina
  29. Detto della bruttezza dei giocattoli, visti ovviamente da bambino su Topolino, non avevo mai visto il telefilm. Non mi sembra così male però :D

    RispondiElimina
  30. Visto che per metà lo sono, mi permetto di dire ciò: che terronata.

    RispondiElimina

I COMMENTI ANONIMI VENGONO ELIMINATI IN AUTOMATICO DAI FILTRI ANTISPAM. QUELLI SUPERSTITI, IRRISI ED ELIMINATI UGUALE. NON. USATELI.

-

Related Posts with Thumbnails